15°

Buone Notizie

"I miei giorni di ferie in Calabria per aiutare chi lotta per la legalità"

"I miei giorni di ferie in Calabria per aiutare chi lotta per la legalità"
0

Giovane e impegnata. Chi l'ha detto che i ragazzi di oggi sono tutti «bamboccioni»? Oggi pubblichiamo la storia di Chiara Ceresini, parmigiana che ha trascorso le sue ferie come volontaria di «Libera», associazione contro le mafie.

 
Vorrei condividere l'esperienza di cui sono stata partecipe questa estate. Quest'anno ho deciso di trascorrere le mie vacanze in Calabria, ma non da semplice turista, bensì ho deciso di trascorrere 10 giorni nella Piana di Gioia Tauro, precisamente nel paese di Polistena, per dare una mano alla cooperativa «Valle del Marro-Libera Terra», che dal 2004 si adopera per il recupero e la coltivazione di terreni confiscati alla mafia.
 Come mai scegliere di trascorrere i propri (pochi) giorni di ferie impegnandosi in un lavoro fisico e faticoso, senza contare la delicatezza della situazione sociale e culturale nella quale ci si va a inserire, per dirla in una parola, il «rischio» di approcciarsi a una realtà di criminalità tanto radicata e profonda? La risposta a questa domanda non l'avevo prima di partire, la curiosità e la voglia di fare qualcosa di concreto in prima persona mi hanno portato là. Col passare dei giorni si è delineato sempre più chiaramente che avevo trovato l'esperienza forte che stavo cercando, fatta di scoperte, incontri, talvolta incontri-scontri. 
Innanzitutto partecipare ai campi di volontariato dell'associazione «Libera» presuppone l'entrare in contatto con tanti altri volontari, provenienti da tutta Italia, la condivisione quotidiana di cose materiali, come spazi, cibo, acqua, ma soprattutto la condivisione di esperienze, idee, bagagli culturali diversi tra loro, ma proprio per questo unici e irripetibili.
 Il secondo grande incontro lo si fa con questa terra, la Calabria, tanto bella quanto sottovalutata, tanto ricca di bellezze, di paesaggi mozzafiato, mare cristallino e paesini arroccati sulle pendici dell'Aspromonte, quanto fatta di città in cui ci si incammina nel degrado di edifici abbandonati a se stessi, nel lassismo e nell'incuria di strade e servizi. Una terra popolata tanto da gente ospitale e calorosa, quanto da persone guardinghe e diffidenti. 
Dove ricercare la causa di queste contraddizioni, dove nascono, come si sviluppano, come arrivare ad amare tutto questo? La domanda non ha risposte semplici e univoche, ma relazionarsi con le persone che quotidianamente vivono e lottano per questa terra, che la abitano e scelgono di non abbandonarla,  aiuta certamente a capire e ad apprezzare di più quanto tutto questo abbia da offrire. I soci che hanno dato vita alla cooperativa della Valle del Marro hanno messo in campo il loro coraggio contro la prepotenza e i soprusi di quei pochi sostenuti da troppi, perché hanno creduto e credono che i problemi e la realtà marcia che rovinano questi luoghi non siano immutabili.
 Questo ha richiesto grandi sforzi e sacrifici, grandi rischi e rinunce, ma ha visto anche il conseguimento di soddisfazioni e riconoscimenti, in un processo che deve andare avanti e vincere sempre nuove battaglie. 
Gli stessi abitanti della zona, parroci, artigiani, ragazzi che siamo venuti a conoscere attraverso le loro testimonianze dirette, per schierarsi dalla parte della legalità compiono una coraggiosa scelta di campo, di cui pagano prezzi a volte molto alti, ma senza mai abbassare la testa e senza mollare. Molto spesso è capitato di incontrare persone che ci hanno ringraziato per il nostro contributo, un grazie vero e sentito e a noi non poteva che sorgere una riflessione: «Qui tutti ci ringraziano, ma noi stiamo qua 10 giorni dopodiché  torneremo a casa, ognuno alla propria vita e routine, chi resta qua è da ringraziare, noi non stiamo facendo niente di che». 
Ma la risposta, sorprendente quanto tutta l'intera permanenza a Polistena, ci è arrivata da Antonio e Domenico, soci della cooperativa: «Se voi ragazzi siete qua è perché purtroppo il problema esiste, altrimenti la vostra presenza non sarebbe necessaria. Voi ci date tanto coraggio. Quello che potete fare concretamente, anche una volta tornati a casa, è continuare a portare avanti sempre questa scelta, la scelta della legalità, contro ogni forma di abuso, contro ogni tipo di sopraffazione». 
Penso che sia giunto il mio turno stavolta, per tutti gli insegnamenti di queste persone ammirevoli, per la crescita e l'arricchimento che devo a tutti quelli che hanno partecipato, per tutto quanto ho vissuto in questi dieci giorni, dal profondo del mio cuore, grazie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

Falcone-Borsellino

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

Viale Barilla

Lite tra giovani, contuso un vigile

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

l'agenda

Domenica tra mercatini golosi, castelli e... la Coppa di Fantozzi

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno

Spettacoli

Andrea Pucci: «La mia vita tutta da ridere»

Radioterapia

Novità in arrivo e testimonianze dei pazienti

Volontariato

Le cento donazioni di Cherubino

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

Collecchio

Suona l'allarme, ladri messi in fuga dai vicini

LANGHIRANO

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

CULTURA

Porte aperte all'Ospedale vecchio: tutti in coda con il FAI Fotogallery

Giornate di primavera: domenica si visita l'Università

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

14commenti

Tg Parma

Tariffa rifiuti in aumento? Federconsumatori: "Una beffa" Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

1commento

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

TREVISO

Si rovescia il pedalò: annega 18enne. Salva la fidanzata

WEEKEND

FOODBLOGGER

Video-ricetta: la tartare di tonno e stracciatella secondo Eleonora Rubaltelli

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

Motogp

Qualifiche annullate, griglia basata sulle libere: Vinales in pole, Rossi lontano

Rugby

Il Munster passa al "Lanfranchi", Zebre battute

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa