Buone Notizie

I bambini malati e il Pianeta del Gioco

I bambini malati e il Pianeta del Gioco
0

«Vuoi giocare?». Gli occhi grandi, vivaci, del bambino ricoverato si illuminano a quella domanda, ed un «sí» entusiasta conduce il volontario nella cameretta, pronto a trasportarsi sul Pianeta del Gioco. A quel punto flebo, mascherine e fasciature perdono quel loro legame con la malattia, diventando accessori trascurabili, mentre si aprono le porte a quel mondo di fantasia e innocenza, di speranza e magia, in cui i letti ospedalieri diventano astronavi e le medicine pozioni magiche.
Questo succede quotidianamente nei reparti di Oncoematologia pediatrica, Chirurgia infantile, Clinica pediatrica ed Astanteria pediatrica dell’ospedale Maggiore di Parma grazie al progetto dell’associazione Onlus Giocamico. Educatrici ed educatori sono affiancati da circa duecento volontari presenti tutti i giorni, sia al mattino che al pomeriggio. Lo scopo del progetto è di offrire ai giovani pazienti l’opportunità di colorare il più possibile il cammino spesso grigio del ricovero ospedaliero attraverso attività espressive ludico-relazionali, mettendosi a loro disposizione per attenuare la sofferenza che inevitabilmente ne deriva. L’associazione lavora infatti sulla base della convinzione che sia diritto di ogni bambino che si trova a dover vivere tali esperienze avere la possibilità di giocare ed esprimere la propria emotività, poiché «non tutto del bambino malato è malato».
L’azione dei volontari non viene tuttavia mai imposta: i momenti di gioco e condivisione vengono introdotti nel rispetto dei tempi di accettazione sia dei degenti che dei genitori.
Il gioco è uno strumento di fondamentale importanza in quanto è uno dei modi in cui il bambino si esprime. E’ proprio tramite esso che il volontario è in grado di entrare nel mondo infantile, mettendosi allo stesso livello del paziente. La sofferenza fisica e psicologica viene in qualche modo alleviata dalle attività ludiche, attraverso le quali i bambini accettano più volentieri sia le terapie che il processo del ricovero.
L’azione dei volontari costituisce anche un appoggio per i genitori, i quali vengono tranquillizzati nel vedere il proprio bambino più sereno; inoltre, tale attività rappresenta un momento di tregua per loro che, non dimentichiamo, non solo sono sottoposti alla dolorosa visione del proprio figlio malato, ma sono anche chiamati ad apparire sempre positivi e sdrammatizzanti ai suoi occhi, il che può essere estremamente difficoltoso in certi casi.
Diventare volontari di Giocamico richiede la partecipazione ad un corso di formazione costituito da tre incontri teorici ed uno pratico all’interno dei reparti. Viene richiesta la disponibilità di un giorno alla settimana, che è davvero poco se sull’altro piatto della bilancia mettiamo i sorrisi che ne derivano.
Le attività di volontariato sono spesso viste come azioni unidirezionali in cui il bene fluisce dal volontario al paziente. L’esperienza di Giocamico dimostra quanto questa concezione sia errata. A tale proposito mi tornano in mente le parole di un bimbo di tre anni malato di leucemia. Stavamo giocando con la sua ruspa e i suoi animali di plastica; la flebo era diventata, in quel piccolo mondo di fantasia, un passaggio che conduceva alla farmacia quando gli animali si facevano male. Ad un certo punto si è fermato, ha alzato gli occhi e mi ha detto: «Sai dove vado domani?». «No, dimmi!». «Vado al cinema». La nonna, che ha sentito la conversazione, gli ha detto «Ma no Amore, domani devi venire qui in ospedale». Lui allora si è girato verso di me, mi ha guardato e mi ha detto: «Beh sí… al cinema ci vado quando guarisco». Quegli occhi, cosí indifesi di fronte alla forza della malattia, erano tuttavia strabordanti di voglia di crescere, di imparare, di scoprire. Essi sono stati la dimostrazione che quei bambini hanno tanto da insegnare, poiché sanno apprezzare la vita molto più di noi adulti, che abbiamo tutto ma lo chiamiamo ‘niente’. E mentre in tv i vari Superman, i Capitan America e le innumerevoli bambole dalle mille qualità sfoderano i loro poteri, gli sguardi di quei bambini, colmi di un’irrefrenabile voglia di sconfiggere il mostro della malattia, ci fanno capire che, in realtà, i veri eroi sono loro.
Angelica Belli

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Bertolucci, Maria sapeva tutto tranne uso del burro

Il...giallo "Ultimo tango"

Bertolucci: "Maria sapeva tutto tranne uso del burro"

Bob Dylan: suo discorso sarà letto a cerimonia Nobel

10 dicembre

Nobel, sarà letto il discorso di Dylan. E canterà Patty Smith

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Ilaria Bandini

Ilaria Bandini

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Incidente

Scontro auto-camion in tangenziale a Collecchio: ferita un'anziana

Referendum

Il No vince con il 59,11% in Italia, nel Parmense ottiene il 52,63%

5commenti

salso

L'ultimo, commovente, saluto al giovane Lorenzo

I funerali del 15enne prematuramente scomparso

Analogie

Il Parma sulle orme del "miracolo" Fiorentina 2002?

Cambio d'allenatore, innesti di mercato: da metà classifica alla B. Era il 2002. E c'era Evacuo

secondo allenamento

D'Aversa, subito alle prese con le assenze in difesa Video

Il nuovo allenatore del Parma, questa sera a Bar Sport (Tv Parma 20.30)

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

Duri esami in inglese e tedesco e tecniche innovative in Svizzera: ecco l'esperienza di una 28enne di Roccabianca

Curiosità

Al seggio col colbacco del «no»

tg parma

Pizzarotti: "Referendum, a Parma debole il movimento per il No" Video

2commenti

POLFER

Bimba smarrita, poliziotta le fa da mamma

tg parma

Ventenne travolto a Lemignano: è in Rianimazione Video

QUESTURA

Bici rubate trovate al parco Falcone e Borsellino: qualcuno le riconosce? Foto

1commento

Omicidio Della Pia

La madre di Alessia: «Mia figlia? E' stata dimenticata»

1commento

tg parma

Università e impresa: 52 premi agli studenti meritevoli Video

LA STORIA

Suor Assunta, una vocazione nata sulla spiaggia

comune

Il parco ex Eridania sarà "Parco della Musica"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Referendum

Anziano vota e muore al seggio a Marina di Carrara

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

pazzo mondo

Venezia: si lancia con il surf da Ponte Scalzi

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

SPORT

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

lega pro

La Reggiana (con Pordenone e Venezia) prende il largo. Parma a 7 punti dalla vetta

4commenti

MOTORI

BOLOGNA

Le ragazze
del Motor Show Fotogallery

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)