10°

20°

Buone Notizie

I bambini malati e il Pianeta del Gioco

I bambini malati e il Pianeta del Gioco
Ricevi gratis le news
0

«Vuoi giocare?». Gli occhi grandi, vivaci, del bambino ricoverato si illuminano a quella domanda, ed un «sí» entusiasta conduce il volontario nella cameretta, pronto a trasportarsi sul Pianeta del Gioco. A quel punto flebo, mascherine e fasciature perdono quel loro legame con la malattia, diventando accessori trascurabili, mentre si aprono le porte a quel mondo di fantasia e innocenza, di speranza e magia, in cui i letti ospedalieri diventano astronavi e le medicine pozioni magiche.
Questo succede quotidianamente nei reparti di Oncoematologia pediatrica, Chirurgia infantile, Clinica pediatrica ed Astanteria pediatrica dell’ospedale Maggiore di Parma grazie al progetto dell’associazione Onlus Giocamico. Educatrici ed educatori sono affiancati da circa duecento volontari presenti tutti i giorni, sia al mattino che al pomeriggio. Lo scopo del progetto è di offrire ai giovani pazienti l’opportunità di colorare il più possibile il cammino spesso grigio del ricovero ospedaliero attraverso attività espressive ludico-relazionali, mettendosi a loro disposizione per attenuare la sofferenza che inevitabilmente ne deriva. L’associazione lavora infatti sulla base della convinzione che sia diritto di ogni bambino che si trova a dover vivere tali esperienze avere la possibilità di giocare ed esprimere la propria emotività, poiché «non tutto del bambino malato è malato».
L’azione dei volontari non viene tuttavia mai imposta: i momenti di gioco e condivisione vengono introdotti nel rispetto dei tempi di accettazione sia dei degenti che dei genitori.
Il gioco è uno strumento di fondamentale importanza in quanto è uno dei modi in cui il bambino si esprime. E’ proprio tramite esso che il volontario è in grado di entrare nel mondo infantile, mettendosi allo stesso livello del paziente. La sofferenza fisica e psicologica viene in qualche modo alleviata dalle attività ludiche, attraverso le quali i bambini accettano più volentieri sia le terapie che il processo del ricovero.
L’azione dei volontari costituisce anche un appoggio per i genitori, i quali vengono tranquillizzati nel vedere il proprio bambino più sereno; inoltre, tale attività rappresenta un momento di tregua per loro che, non dimentichiamo, non solo sono sottoposti alla dolorosa visione del proprio figlio malato, ma sono anche chiamati ad apparire sempre positivi e sdrammatizzanti ai suoi occhi, il che può essere estremamente difficoltoso in certi casi.
Diventare volontari di Giocamico richiede la partecipazione ad un corso di formazione costituito da tre incontri teorici ed uno pratico all’interno dei reparti. Viene richiesta la disponibilità di un giorno alla settimana, che è davvero poco se sull’altro piatto della bilancia mettiamo i sorrisi che ne derivano.
Le attività di volontariato sono spesso viste come azioni unidirezionali in cui il bene fluisce dal volontario al paziente. L’esperienza di Giocamico dimostra quanto questa concezione sia errata. A tale proposito mi tornano in mente le parole di un bimbo di tre anni malato di leucemia. Stavamo giocando con la sua ruspa e i suoi animali di plastica; la flebo era diventata, in quel piccolo mondo di fantasia, un passaggio che conduceva alla farmacia quando gli animali si facevano male. Ad un certo punto si è fermato, ha alzato gli occhi e mi ha detto: «Sai dove vado domani?». «No, dimmi!». «Vado al cinema». La nonna, che ha sentito la conversazione, gli ha detto «Ma no Amore, domani devi venire qui in ospedale». Lui allora si è girato verso di me, mi ha guardato e mi ha detto: «Beh sí… al cinema ci vado quando guarisco». Quegli occhi, cosí indifesi di fronte alla forza della malattia, erano tuttavia strabordanti di voglia di crescere, di imparare, di scoprire. Essi sono stati la dimostrazione che quei bambini hanno tanto da insegnare, poiché sanno apprezzare la vita molto più di noi adulti, che abbiamo tutto ma lo chiamiamo ‘niente’. E mentre in tv i vari Superman, i Capitan America e le innumerevoli bambole dalle mille qualità sfoderano i loro poteri, gli sguardi di quei bambini, colmi di un’irrefrenabile voglia di sconfiggere il mostro della malattia, ci fanno capire che, in realtà, i veri eroi sono loro.
Angelica Belli

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pallavolo

Volley Usa

Salvataggio alla Mila e Shiro: Autumn diventa una star Video

 Il rapper parmense Chrysma in radio con il nuovo singolo "La prima volta"

musica

Il rapper parmense Chrysma in radio con "La prima volta" Video

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Piove ma a Parma le Pm 10 restano alte: misure d'emergenza fino a giovedì

ambiente

Piove ma a Parma le Pm 10 restano alte: misure d'emergenza fino a giovedì

4commenti

tegola parma

Ceravolo, lesione dell'adduttore: sarà operato?

1commento

Appello

La mamma di Tommy: "Alessi deve rimanere dentro, devono pagare" Video

1commento

sorbolo

Pedone investito nella notte in via Mantova: muore un 60enne

La vittima è Asani Memedali, macedone, da anni residente in paese

Soccorso Alpino

L'addio a Davide Tronconi: camera ardente a Castelnovo Monti, funerale a Cerreto Alpi

La famiglia chiede di non donare fiori ma offerte per il Saer

anteprima gazzetta

Evasione e soldi all'estero: ancora Parma nel mirino Video

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

1commento

parma

D’Aversa: "Foggia campo difficile. Cambierò qualcosa" Video

RUGBY

Rugbista colpito in faccia: sviene e va all'ospedale

Il terza linea Belli è rimasto svenuto per 15 minuti. Ora la società presenterà ricorso

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

16commenti

Via D'Azeglio

Offre droga ai carabinieri in borghese e ne colpisce uno durante la fuga

Arrestato uno studente marocchino 23enne nei guai dopo un controllo dei carabinieri

Parma

Evade dai domiciliari per lavorare nel negozio dei genitori: 50enne arrestato

L'uomo è stato arrestato dai carabinieri per evasione

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

44commenti

REPORTAGE

I sentieri del nostro Appennino: 400 km di infinito

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi contro tutti. Pd lacerato verso il voto

di Stefano Pileri

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

lazio-roma

Vergogna nel mondo ultrà: insulti razzisti con Anna Frank Gallery

INCIDENTE

Tragedia nel Savonese: vuole sparare a un cinghiale ma uccide un fungaiolo

2commenti

SPORT

serie b

Le pagelle in dialetto

calcio

Modificato lo statuto di serie B: cambia l'elezione del presidente

SOCIETA'

social

Ecco come rubano una bici (in 40 secondi) Video

1commento

VAL D'ENZA

San Simone: tre giorni di fiera a Montecchio Il programma

MOTORI

CITYCAR

Toyota Aygo, la limited edition X-Cite

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro