12°

Donazione

Il cordone ombelicale? Un "tesoro"

Nuove prospettive di cura per leucemie e tumori dal sangue estratto. Per bambini e adulti

Cordone ombelicale un bene prezioso per la ricerca

Cordone ombelicale un bene prezioso per la ricerca

1

 

Nella lotta alla leucemia gioca oggi un ruolo importante anche l'uso di cellule staminali estratte dal cordone ombelicale. Impegnate nella donazione e nella raccolta del sangue cordonale sono le volontarie dell'Adisco (Associazione donatrici italiane sangue cordone ombelicale), una onlus nata in campo nazionale nel 1995, a Parma nel 2000 quale sede regionale dell’Emilia Romagna.
Professore, quali sono i vantaggi del trapianto di cellule staminali emopoietiche e particolarmente quelle del cordone ombelicale?
Fino ad alcuni decenni fa la speranza di sopravvivenza di molti pazienti affetti da gravi malattie ematologiche e da particolari tumori dipendeva unicamente dalla possibilità di un trapianto di cellule staminali emopoietiche, quelle cioè che generano gli elementi del sangue – globuli rossi, bianchi e piastrine – e ripristinano il controllo immunitario contro le infezioni e i tumori. Le cellule staminali sono presenti nel midollo osseo, nel sangue periferico e nel sangue del cordone ombelicale. Il trapianto di cellule staminali è stato per anni riservato a pazienti con un donatore identico reperito nell’ambito dei propri famigliari (in genere fratelli e sorelle) o nei Registri internazionali di donatori di midollo osseo. Questa ricerca può richiedere tempi lunghi per completare le indagini di compatibilità e di idoneità a donare che a volte sono incompatibili con la gravità della malattia che, durante le lunghe ricerche, peggiora e può portare a morte il paziente. Le cellule nel cordone ombelicale rappresentano un’altra sorgente di cellule staminali che possono essere identificate e utilizzate in tempi brevi in quanto già disponibili, congelate in Banche dedicate. A motivo dell’immaturità delle cellule immunitarie del cordone è possibili utilizzare con successo anche sacche con un certo grado di incompatibilità con il ricevente.
A quando risale la prima testimonianza dell’impiego delle cellule staminali del cordone ombelicale?
Risale alla prima metà degli anni Ottanta del secolo scorso la dimostrazione che il sangue del cordone ombelicale (SCO) – che allora veniva eliminato dopo il parto come «rifiuto ospedaliero» – è ricchissimo di cellule staminali emopoietiche, le stesse presenti nel midollo osseo. Ed è datato 1989 il primo utilizzo del sangue cordonale per il trapianto su di un bambino affetto da una grave malattia del sangue: oggi a oltre vent’anni di distanza, quel bambino è diventato un adulto sano. Da allora il trapianto di SCO è stato sempre più frequentemente utilizzato non solo nel campo pediatrico ma, negli ultimi anni, anche in adulti.
Quali sono i potenziali candidati ad un trapianto di sangue cordonale?
«Attualmente ogni paziente per il quale si ravvisi la necessità di un trapianto allogenico è un potenziale candidato a ricevere un trapianto di sangue cordonale. La scelta tra un donatore volontario da registro, un sangue cordonale o un famigliare incompatibile, dipende dal tipo di paziente, dal tipo di malattia e dal tempo a disposizione per trovare il donatore. La scelta, quindi, può essere di tipo pratico (tempo minore per cordone e famigliare incompatibile), di tipo immunologico (maggiore disponibilità ad accettare sangue cordonale con un certo grado di incompatibilità rispetto al donatore volontario che deve essere perfettamente compatibile) o di tipo biologico (una madre incompatibile è la migliore donatrice con la più potente attività antileucemica); il cordone è inoltre indicato nelle malattie non tumorali del bambino.
Quali sono oggi le prospettive nella cura di malattie in età adulta?
«I pazienti che possono trarre maggior giovamento dal trapianto di cellule staminali da sangue cordonale sono principalmente quelli in età pediatrica per un vantaggioso rapporto tra il peso del ricevente e il limitato numero di cellule contenute in un cordone. Del tutto recentemente sono state attivate nuove procedure (infusione intraossea, espansione in vitro delle cellule cordonali, doppio cordone) per superare anche questo limite e poter disporre quindi di un vasto pannello di donatori e offrire in tempo reale a tutti gli utenti che ne avessero necessità, l’opzione trapiantologia.
Come si dona il cordone ombelicale e quanto è importante lo sviluppo della cultura della donazione?
«La raccolta del sangue del cordone ombelicale è una procedura semplice e rapida che non comporta alcun rischio per la madre e il bambino in quanto avviene quando il cordone ombelicale è già stato reciso. Dopo aver valutato l’idoneità alla donazione, sia della mamma che del neonato, viene chiesto alla madre il consenso a prelevare il sangue del cordone ombelicale e di sottoporsi ad un semplice prelievo che garantisca l’assenza delle principali malattie infettive al momento della donazione e dopo sei mesi. A cordone ombelicale reciso un operatore preleva in apposita sacca il sangue cordonale. La sacca viene affidata alla banca del sangue dove, previa conferma dell’idoneità, viene congelata e conservata in azoto liquido a –196°. Su ogni unità di sangue cordonale vengono eseguiti alcuni test di laboratorio per definire la tipicizzazione HLA e garantire la sicurezza del prodotto fornito per trapianto. E' quindi importante la diffusione della cultura della donazione del cordone ombelicale, un compito nel quale le volontarie dell’Adisco si dedicano con efficacia e dedizione. Le volontarie si rivolgono soprattutto ai giovani che saranno i genitori di domani e, al presente, alle neo mamme affinché colgano la possibilità di donare due volte la vita: la prima al loro bambino, la seconda a quei piccoli pazienti che, non disponendo di donatori compatibili o non potendo attendere i lunghi tempi tecnici necessari alla ricerca nel registro internazionale dei donatori di midollo osseo, grazie al loro dono si apriranno ad una nuova e reale speranza di vita.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Gaia

    29 Gennaio @ 09.21

    Purtroppo la conservazione non é ancora una pratica diffusa. L'elenco delle sale parto é qui http://www.cordone-ombelicale.it/la-donazione-eterologa/

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Arriva il Tapiro d'oro, Renzi: "Un Tapiro cumulativo lo merito..."

Roma

Arriva il Tapiro d'oro, Renzi: "Un Tapiro cumulativo lo merito..." Foto

Jessica allena i glutei

GOSSIP

Sexy allenamento di Jessica Immobile: boom di clic 

Aurora Ramazzotti canta la canzone di papà Eros e lo imita: «Mi ucciderà»

radio

Aurora Ramazzotti imita papà Eros: «Mi ucciderà» Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Aggiudicazione provvisoria⁩

Parma

Trasporto pubblico, gara a Busitalia. Tep all'attacco: "Verificheremo se l'assegnazione è legittima"

Offerte eccessivamente al ribasso - dice la Tep - possono poi avere pesantissime ripercussioni sul servizio, sugli utenti e sui lavoratori

4commenti

Parma

Ancora animali avvelenati: un caso in zona Montanara Foto

La polizia municipale, su Twitter, invita a fare attenzione in via Torrente Manubiola

Parma

Mattinata di incidenti: quattro feriti in poche ore Foto

Via Mazzini

I commercianti: «Minacciati dalle baby gang»

5commenti

La storia

Silvia, convertita all'ebraismo: mollo tutto e mi trasferisco in Israele

Cocaina

Preso il pusher dei ragazzini

1commento

Polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco la mappa dei controlli a Parma

Lega Pro

Parma: splendida rimonta, Samb ko

tg parma

Il pugile Fragomeni dona 25mila euro all'Ospedale dei Bambini Video

BASSA

I truffatori arrestati risarciscono i negozianti raggirati

1commento

Gazzareporter

Parcheggio "selvaggio" in via Marchesi

Sant'Ilario d'Enza

Rissa a colpi di sedie e tavolini: quattro stranieri in manette

Due indiani e due pakistani si sono affrontati fuori da un kebab di via Roma, nel paese della Val d'Enza

5commenti

Rugby

Al Molino Grassi un super-derby Foto

Al fotofinish grazie alla mischia i gialloblù trovano la meta e superano i «cugini» dell'Amatori

Fidenza

Malore in piazza, l'esercitazione diventa soccorso reale

Salsomaggiore

Addio a Iolanda Campanini, una vita fra libri e giornali

Il personaggio

Il bussetano Laurini debutterà in F3 al volante di una Dallara: «Che emozione»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La risposta che occorre per placare la rabbia

di Michele Brambilla

1commento

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

2commenti

ITALIA/MONDO

vercelli

Voleva salvare il cane: travolto dal trattore di papà

auto

Addio al libretto di circolazione: il documento sarà unico

1commento

COSTUME

L'INDISCRETO

I belli delle donne

1commento

LA PEPPA

La ricetta: Whoopies arlecchino per il carnevale dei piccoli

SPORT

ATLETICA

«Ayo» Folorunso campionessa italiana nei 400

Stadio Tardini

Parma-Samb 4-2: ecco il gol di Munari

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

300 CV

Leon Cupra, la Seat più potente di sempre Gallery