10°

Solidarietà

"Parma per gli altri" torna in Etiopia per aiutare le mamme

In missione anche Barbara Ferretti, Nicoletta Piazza e Marella Zatelli, raccolta fondi per acquistare il sale. Paola Salvini: "Ampliato il progetto sanitario con lo screening alla mammella"

"Parma per gli altri" torna in Etiopia per aiutare le mamme

Le volontarie nel poliambulatorio in Etiopia

0

Sono tornate e più determinate che mai: l'obiettivo ora è raccogliere i fondi per comprare il sale iodato, indispensabile nell'alimentazione delle future mamme. Una mission che si aggiunge a un progetto sanitario e sociale che guarda su più fronti.
Donne che aiutano donne, in una terra lontana, dove nulla è dato per scontato e quando qualcosa arriva è manna dal cielo. Sono le donne di «Parma per gli altri» che ancora una volta, così come accade da 25 anni, hanno raggiunto la terra africana per assistere chi in Etiopia ha un doppio ruolo: quello di madre e di forza lavoro. Come Anaya, chiamiamola così, che dopo ore di cammino è arrivata al poliambulatorio di Shelallà per una grossa ciste nel collo, che non le permetteva di respirare bene. Le donne di «Parma per gli altri» l'hanno operata e il suo collo da sformato è tornato normale: ora Anaya respira bene e suo marito ha creduto in un miracolo. In sette giorni nel poliambulatorio di miracoli ne sono capitati tanti, grazie alla radiologa Nicoletta Piazza, all'igienista Marella Zatelli, a Barbara Ferretti e alla ginecologa Paola Salvini, rispettivamente consigliera e vice presidente di Parma per gli altri.
«Un altro viaggio per allargare le attività nella comunità di Shelallà: prima di tutto in supporto allo sviluppo del lavoro per le donne e del progetto miele. Un progetto agroalimentare - spiega Paola Salvini - realizzato con altre associazioni al fine di promuovere l'apicultura. E il nostro è un supporto tecnico per una produzione più moderna e di qualità, nonchè per un reddito maggiore: un lavoro per le donne che non ostacola il loro ruolo di mogli e madri. In secondo luogo, Parma per gli altri sostiene ben 5 distretti scolastici ciascuno frequentato da 1.200 ragazzi. Ci occupiamo della ristrutturazione, sempre in collaborazione con la popolazione locale, della pavimentazione che è necessaria per la prevenzione di malattie, delle finestre e dei banchi. Investimenti che devono essere mantenuti». Senza dimenticare la salute, grazie anche al patrocinio dell'Azienda Usl di Parma. L'anno scorso è stato avviato un progetto per curare le malattie degli occhi, quest'anno l'intervento si è focalizzato sulle problematiche materno-infantili: «Il tema della salute è stato ampliato, con uno screening per le patologie maligne e benigne dell'apparato genitale femminile in vista di ulteriori accertamenti in strutture ospedaliere vicine. Abbiamo acquistato una sonda ecografica lineare per la mammella - continua la Salvini -. Chiaramente, prima di partire abbiamo dato precise indicazioni alle suore della Provvidenza che gestiscono il poliambulatorio per reclutare le possibili pazienti. E sono state centinaia le donne che si sono presentate al nostro arrivo, grazie anche alla collaborazione del personale in loco e del medico Houdinè, che ha fatto proprio uno stage nella nostra città». «In una settimana - sottolinea la Piazza - abbiamo fatto 160 ecografie e abbiamo insegnato al medico come utilizzare in modo autonomo l'ecografo. Un esame fondamentale per proseguire con gli accertamenti nell'ospedale di riferimento di Osanna, che dista 18 chilometri». Un salto significativo nell'assistenza sanitaria in Etiopia dal punto di vista specialistico. Ecco perchè «l'accoglienza di Parma per gli altri - ricorda con il sorriso la Salvini - è sempre grandissima. Il poliambulatorio è diventato un punto di riferimento per migliaia di persone e progressivamente cercheremo di allargare gli interventi ad altri professionisti. Un poliambulatorio che ha raggiunto un livello molto alto per l'organizzazione e per le competenze, a partire dalle vaccinazioni dei bambini».
«Quello che mi ha colpito è il senso di gratitudine nei nostri confronti - confessa la Piazza -. E quello che doveva essere un viaggio esplorativo è diventato di super lavoro: un'esperienza che regala davvero tanto». «Sì - prosegue la Zatelli - è stata una esperienza stimolante e positiva, anche perchè ti trovi a dover tirare fuori competenze che magari non utilizzavi da tempo e che pensavi di aver dimenticato. E il ritorno personale è importante: è più quello che si riceve di quello che si dà, cercando di collaborare, capire senza voler insegnare nulla». E' come se le donne di «Parma per gli altri» fossero ancora là. Mica hanno smesso di lavorare per Shelallà: ora c'è il sale iodato da raccogliere. «Vorremmo fornire tutte le gravide che arrivano nel poliambulatorio del nostro sale - conclude la Salvini - e a questo scopo abbiamo promosso una raccolta fondi sul conto corrente Parma per gli altri Cari Parma iban: IT 71 F 0623012700 000019189309, causale progetto sale iodato. In Etiopia il sale è costoso e un'alimentazione priva di iodio crea il rischio di un deficit intellettivo nel nascituro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Josè Carrerascompie 70 anni

IL GRANDE TENORE

Josè Carreras compie 70 anni

 Musica sotto l'albero: arrivano Ferro, Liga, Vasco, Biondi e Pausini

NATALE

Musica sotto l'albero: arrivano Ferro, Liga, Vasco, Biondi e Pausini Foto

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nidi di rondine di nonna Ida

GUSTO

La ricetta della Peppa- Nidi di rondine di nonna Ida

Lealtrenotizie

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

seggi

Referendum, alle 12 al voto il 24,46% dei parmigiani. Istruzioni per l'uso

Questa sera dalle 23 sul sito exit poll, spoglio e proiezioni

lega pro

La Reggiana (Pordenone e Venezia) prende il largo

Granata, friulani e veneti: successi importanti

polfer

Nel reggiseno 17 dosi di cocaina: arrestata

4commenti

l'agenda

Atmosfere natalizie e sapori della tradizione: cosa fare oggi

Carabinieri

Quando la vendita dell'iPhone è una truffa

3commenti

Salsomaggiore

"Lorenzo, un ragazzo speciale"

Domani alle 15 il funerale

RICERCA

Prevedere i terremoti: a che punto siamo

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

7commenti

via chiavari

Santa Barbara: i vigili del fuoco festeggiano con i bambini Foto

3737 interventi in un anno

Calcio

Brodino per il Parma. E intanto parte l'era D'Aversa

MISSIONARI

Saveriani, da sempre tra gli ultimi

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

12commenti

di corsa

I protagonisti del 2°Cross Country Montanari & Gruzza Foto

PERSONAGGI

Gandini, il pistard d'oro eroe di Melbourne

Intervista

Virginia Raffaele: «Ecco perché i miei personaggi fanno ridere»

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

6commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

3commenti

gran bretagna

Gli automobilisti killer al telefonino rischieranno l'ergastolo

WEEKEND

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

Calciomercato

Cinque curiosità su Roberto D'Aversa

formula uno

Mercedes, Rossi: "Io al posto di Rosberg? Bello, non potrei dire no"

SOCIETA'

Cinema

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente"

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

9commenti