Corniglio

L'Italia a piedi: una tappa anche nel Parmense

Egidio Culos, 71 anni, camminatore solitario, è partito il 14 marzo scorso dalla Sardegna

L'Italia a piedi: una tappa anche nel Parmense
0

Alla certo non verde età di 71 anni, il friulano Egidio Culos, originario di San Giovanni di Casarsa e runner dell’Atletica Coop Casarsa San Martino al Tagliamento, ha coronato venerdì scorso uno dei suoi sogni: percorrere a piedi, e in solitaria, parte del Sentiero Italia, itinerario escursionistico che attraversa l’intero territorio nazionale e ideato da un gruppo di escursionisti con la collaborazione del Cai e dell’Associazione nazionale alpini. Culos non è nuovo a questo tipo di imprese: già nell’estate 2011 aveva infatti percorso l’intero arco alpino, da Montecarlo a Trieste: 69 giorni, 1700 chilometri, 80 mila metri di dislivello complessivo. L’avventura di quest’anno è iniziata il 14 marzo scorso da Santa Teresa di Gallura in Sardegna e si concluderà al luglio in Piemonte, sul valico alpino del Col di Tenda dopo aver attraversato la Sardegna, la Sicilia e l’intera catena appenninica. Lungo il cammino, Culos ha incontrato tantissime persone: tanti erano desiderosi di aiutarlo, altri si sono entusiasmati al racconto dell’iniziativa, altri ancora, con la stessa passione per il trekking, hanno percorso al suo fianco alcune delle tappe. Una di queste, dal Passo della Colla al Rifugio Mariotti, ha visto Culos affiancato da Fabrizio Russo, presidente del Cai di Parma e originario del medesimo paese: San Giovanni di Casarsa. «Quando abbiamo saputo che Egidio Culos stava per raggiungere la nostra provincia - ha detto Russo - non mi sono lasciato sfuggire l’occasione per accompagnarlo sulle nostre montagne e scambiare qualche impressione su questo cammino». Il presidente del Cai Russo ha rivolto a Culos qualche domanda..

Egidio, dal Friuli lungo tutta la penisola: cosa ti ha spinto a compiere questa impresa?
Questo cammino risponde ad una serie di esigenze, l’amore per la montagna e il senso di avventura che mi porta a scoprire cose nuove e diverse. Questa è un’idea fissa nata 30 anni fa e ora si avvera dopo aver percorso in solitaria nel 2011 la Via Alpina.

Che Italia hai trovato, almeno nei monti?
Un’Italia certamente splendida, con un verde intenso e, ovunque, una ospitalità incredibile da parte di tutti. La cosa più positiva è stata vedere che molti ti vengono incontro ad aiutarti.

Perché affrontare questa esperienza da solo?
Il camminare da solo ti trasporta l’anima e ti porta ad affrontare una dimensione più profonda e intima. E’ certamente un momento dove poter riflettere della propria vita e sui rapporti con gli altri. Un'idea del genere è difficilmente condivisibile con altri. In questi mesi non ho mai rifiutato di essere accompagnato da amici o altri.

Qui al Rifugio Mariotti venne un paio d’anni fa Teresio Valsesia, in occasione della Settimana dell’Escursionismo del Cai. Fu lui ideatore e realizzatore del Sentiero Italia. Secondo te è ancora attuale?
Purtroppo il Sentiero Italia non esiste più ed è un vero peccato in quanto, specie al Sud, potrebbe rappresentare un elemento di traino e sviluppo per il movimento turistico legato all’escursionismo e all’andare in montagna. Lungo il mio itinerario ho visto decine di paesi che si stanno spopolando e rilanciare questo tracciato segnato e pubblicizzato può contrastare la crisi di aree decisamente in profonda crisi. Questo percorso, seppur frammentario e indefinito, è attualmente frequentato da temerari escursionisti stranieri che sono gli unici che apprezzano questi percorsi.

Hai trovato differenze nell’approccio al cammino?
Purtroppo al Sud, non si conosce affatto il senso del cammino: una persona solitaria su un sentiero viene vista come un extraterrestre. Senza parlare dei bastoncini che sono così frequenti fra i camminatori. Ho dovuto spiegare che sono una specie di scacciacani. In Sardegna, se venisse percorso, tracciato e mappato il Sentiero Italia, permetterebbe l'attraversamento della parte centrale garantendo un notevole sviluppo turistico.

Ci racconti un aneddoto su qualche fatto strano che ti è capitato?
Oltre alla domanda sul vero uso che si può fare dei bastoncini, in Abruzzo mi sono fermato per ripararmi in un capannone. Un meccanico che vi lavorava mi avvicina chiedendomi perché stessi camminando a piedi per tutta l’Italia, cercando di convincermi che fosse molto più comodo percorrerla con l’auto. A Sarno, passando davanti ad un gruppo di giovani, mi sento salutare in inglese e tedesco come se un italiano non potesse camminare. Dopo uno scambio di battute, interviene un ragazzo sostenendo che stavo raccontando frottole e che non è possibile fare un cammino del genere.

Il cammino è diverso fra Alpi e Appennino?
Certamente, seppur con dislivelli più importanti, le Alpi ti garantiscono itinerari certi, ben segnati, appoggi con rifugi e altra ospitalità. Sull’Appennino in alcune zone sei costretto a percorrere dei tratti di strada anche a rischio della tua incolumità. Non esistono sentieri tracciati. Solo dall’Abruzzo riparte una rete di sentieri facilmente individuabile e percorribile. Anche percorrere itinerari come il sentiero di Francesco, ti dà emozioni importanti e coinvolgenti.

Quali pericoli hai affrontato?
Di veri e propri pericoli non ve ne sono stati. Solo piccoli imprevisti con qualche caduta o infortuni. Al Sud purtroppo il randagismo è un fenomeno marcato, che può minare la sicurezza di un camminatore solitario. Dopo una caduta, ho vacillato nella mia determinazione pensando di lasciar perdere, ma la mia forza d’animo mi ha fatto andare avanti. In Aspromonte, dopo un forte temporale mi ero letteralmente smarrito a causa della scarsa segnaletica. Dopo ore di cammino fino a notte inoltrata, sono riuscito a contattare il rifugista, che prontamente mi è venuto incontro. Il vedere i suoi fari nella notte mi ha dato un senso di liberazione.

Ti senti appagato o pensi già a qualche altra impresa?
Non mi sento appagato, ma proprio il camminare in solitudine ti permette anche di programmare e fantasticare su prossimi cammini da intraprendere. Solo l’anagrafe può in qualche modo influenzare questa mia voglia e tenacia. Devo comunque ringraziare i miei familiari (moglie e tre figli) che mi hanno capito e permesso di realizzare questo progetto, privo di qualsiasi sponsor o appoggio esterno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Bertolucci, Maria sapeva tutto tranne uso del burro

giallo "Ultimo tango"

Bertolucci: "Maria sapeva tutto tranne del burro"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito

Dramma

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito

PARTITI

La resa dei conti nel Pd e le elezioni

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

ACCADEMIA

Maria Luigia e la fucina delle arti

Io parlo parmigiano

Un calendario tutto da ridere

Lutto

Borgotaro piange il maresciallo Bernardi

Cassazione

Omicidio Guarino, le motivazioni dell'ergastolo

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

il fatto del giorno

Referendum e dimissioni: "Non è la fine politica di Renzi"

parma calcio

Vagnati Ds: lo "accoglie" D'Aversa: "Felice di averlo al mio fianco"

AL REGIO

Virginia Raffaele «ladra di facce»

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

Galà e premiazioni

Cus: parata di campioni e di sorrisi Fotogallery

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Analogie

Il Parma sulle orme del "miracolo" Fiorentina 2002?

Cambio d'allenatore, innesti di mercato: da metà classifica alla B. Era il 2002. E c'era Evacuo

Incidente

Scontro auto-camion in tangenziale a Collecchio: ferita un'anziana

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Governo

Mattarella chiede a Renzi di congelare le dimissioni: "Bilancio da approvare"

cagliari

Uccise i genitori adottivi, 28enne si impicca in carcere

SOCIETA'

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

musica

La canzone di Natale di Radio Dj. Torna Elio e...c'è Valentino Video

SPORT

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

secondo allenamento

D'Aversa, subito alle prese con le assenze in difesa Video

MOTORI

GRUGLIASCO

Prodotta la Maserati numero centomila

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)