11°

Medici parmigiani in missione

Bangladesh: la nuova «tigre» ha le zanne ma non il bisturi

«L'economia del Paese è cresciuta ma i poveri sono tantissimi e senza cure»

Bangladesh: la nuova «tigre» ha le zanne ma non il bisturi

Del Rossi con il suo gruppo a Khulna

Ricevi gratis le news
0

Se ne parla quando un traghetto sovraccarico di gente fa naufragio o quando un monsone più violento degli altri lo devasta come uno tsunami. Che venga da qui il 70 per cento delle camicie vendute nel mondo, è poco più che un dettaglio: il Bangladesh resta uno dei paesi nei quali è più difficile nascere con la camicia. Poveri erano i bengladesi nel 1991 e poveri restano.
«Il cellulare ormai ce l'hanno tutti, ma non significa nulla, così come la Nutella sugli scaffali: non sono in molti a potersela permettere. Questa nazione è ora annoverata tra le tigri asiatiche - spiega Carmine Del Rossi, che 23 anni e 2.460 interventi fa organizzò qui la sua prima missione -. Dacca è diventata invivibile per il traffico: il sole non lo si vede mai, oscurato dalla perenne cappa di smog. Effetti collaterali dei soldi che girano». Per restare nelle tasche di pochi.

Le cure per i privilegiati
Sarà pure una tigre, il Paese delle tigri del Bengala. Peccato però che a ruggire sia un'esigua minoranza della sua popolazione. «Ho la sensazione che per le persone delle quali ci occupiamo non sia cambiato gran che in tutto questo tempo» commenta il direttore di Chirurgia pediatrica del Maggiore. I più continuano a stentare la vita: le paghe sono così striminzite che negli ultimi anni perfino i cinesi hanno delocalizzato da queste parti. «I soldi girano tra il 5-10 per cento della popolazione». Solo questi bengladesi possono concedersi le cure di altissima qualità nelle cliniche sorte in questi anni nella capitale. E una ristretta minoranza può affrontare il costo di operazioni complicate per rimediare a malformazioni congenite qui piuttosto diffuse. Ma nemmeno il conto salato dà garanzie sull'esito. Come per le atresie vaginali (le malformazioni che consistono nell'assenza anche totale della vagina).

Interventi d'eccezione
In Bangladesh solo Del Rossi è in grado di compiere i complessi interventi di ricostruzione, che in media durano dalle tre alle quattro ore e comportano un paio di settimane di ricovero. Il direttore di Chirurgia pediatrica del Maggiore ha effettuato 62 operazioni di questo tipo, da quando ha cominciato a venire in missione nel Paese dei fiumi sacri: e il suo è uno dei numeri più alti al mondo. Quest'anno è intervenuto su sette ragazze afflitte da atresia vaginale: due di loro s'erano già affidate ai bisturi delle cliniche private. Per poi essere costrette a chiedere aiuto agli specialisti italiani («Operare per», con gli anni, ha sempre più allargato i propri confini, pur mantenendo essenzialmente un marchio parmigiano). «Sono gli stessi medici locali a indirizzare a noi i casi più gravi: dal punto di vista professionale, oltre che umano, le soddisfazioni sono notevoli». Così, nelle corsie della solidarietà del Santa Maria Sick Assistance, dove nessun compenso è richiesto ai pazienti, sono state ricoverate anche figlie di famiglie benestanti. «Sono rimasto impressionato - racconta il direttore di Chirurgia pediatrica - dalla spontanea generosità di queste persone, che avendo le possibilità lasciavano offerte per l'ospedale, dicendo: “Questi soldi sono per i poveri che aiutate”». Pazienti poveri sempre numerosi, come si è detto: quest'anno sono stati 165 gli interventi effettuati dalle due missioni a Khulna, la prima, guidata dal chirurgo Emilio Casolari e l'altra da Del Rossi. Una terza missione, con a capo il chirurgo Giovanni Casadio, ha operato a Meimensyngh, in un ospedale a 120 chilometri a nord di Dacca, portando a termine 50 interventi.

La vita ritrovata
«Tra le operazioni - prosegue Del Rossi - 40 hanno riguardato estrofie vescicali, che provocano l'incontinenza urinaria. Passo dopo passo, anno dopo anno, si può arrivare alla continenza tramite una cateterizzazione intermittente». Ai pazienti viene restituita qualcosa di più della semplice speranza. Come racconta la storia di Shadu. «La prima volta, lo abbiamo operato nel 2007, l'ultima tre anni fa - racconta il chirurgo -. L'anno dopo si è sposato, l'anno dopo ancora è venuto a salutarci con la moglie incinta e ora ci ha mostrato il bimbo di sette mesi». Uno dei pochi casi al mondo di paziente affetto da estrofia che potrà sentirsi chiamare papà. Grazie a fratelli di bisturi venuti da lontano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Un talento parmigiano in finale al Tour Music Fest: The European Music Contest

Palcoscenico

Un talento parmigiano in finale al "Tour Music Fest"

Shakira

Shakira

musica

Shakira sta male: "Emorragia alle corde vocali". Concerti rimandati

 Mangiamusica, gran finale  con le Sorelle Marinetti

Fidenza

Mangiamusica, gran finale con le Sorelle Marinetti Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La casa in classe energetica A o B? Va acquistata subito

L'ESPERTO

La casa in classe energetica A o B? Meglio acquistarla subito

di Arturo Dalla Tana*

1commento

Lealtrenotizie

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»

L'ESPERTO

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»

TERREMOTO

A Fornovo tra la gente: «Mi tremavano le gambe»

Vicino al Regio

Ubriaco cerca di rapinare tre ragazzi

TUTTAPARMA

La storia dei carabinieri a Parma

QUARTIERI

Sport e solidarietà , i 50 anni del circolo «Frontiera '70»

Tornolo

Lisa, nonna coraggiosa. Ha detto addio a 101 anni

FIDENZA

Tangenziale Sud, oggi via a nuovi lavori

TERREMOTO

Sciame sismico in Appennino, 17 scosse. Le più forti avvertite in tutta la provincia

A Fornovo la più forte (4.4). Non segnalati danni

5commenti

ULTIM'ORA

Uno dei terremoti più profondi in Emilia Romagna

La scossa più forte su un basamento roccioso

2commenti

Le reazioni

La sindaca di Fornovo: "Tanta paura, ma niente danni"

Il sindaco Pizzarotti "La scossa è stata sentita a Parma, ma non è di particolare rilievo"

Gattatico

«Mi hanno derubato». Ma è una truffa

VIA MILANO

Bocconi avvelenati nel parco dei Vetrai, animali a rischio

La polizia municipale ha circoscritto l'area e sta effettuando rilievi

2commenti

Incidente

Scontro su strada Pilastro, un ferito

2commenti

PARMA

Riina: l'addio senza lacrime (e lite con i cronisti) della vedova e dei figli

Maria Concetta Riina se la prende con i giornalisti. L'avvocato: "Andatevene, è scandalismo". Conclusa l'autopsia sul corpo del boss (Ipotesi tecnica di "omicidio colposo" contro ignoti) : i risultati tra 60 giorni

15commenti

FUNERALE

La lettera della mamma di Mattia

IN PENSIONE

Roncoroni, chirurgo a tutto campo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La figlia di Totò Riina e una rabbia che offende

di Georgia Azzali

4commenti

TRAFFICO

La mappa degli autovelox dal 20 al 24 novembre

ITALIA/MONDO

Ris di Parma

Scomparse due mogli di un allevatore: trovate ossa nella stalla

3commenti

Il caso

Cerca la madre naturale. Lei la gela: "Sei il simbolo della violenza subita"

2commenti

SPORT

SERIE A

Crolla la Juve, l'Inter batte l'Atalanta ed è seconda

SERIE B

Pari fra Salernitana e Cremonese: Parma sempre in testa

SOCIETA'

GENOVA

Uomo aggredito da un cinghiale nei boschi del genovese

LA PEPPA

Pollo e peperoni ripieni

1commento

MOTORI

IL NOSTRO TEST

Meglio ibrida o plug-in? La risposta è Hyundai Ioniq

LA PROVA

Hyundai Kona, il nuovo B-Suv in 5 mosse Le foto