21°

Guerra legale

Eredità di Verdi: ora la villa rischia di andare all'asta

Ribaltata in appello la sentenza di primo grado. Per i giudici non c'è il testamento, quindi il tesoro va diviso in parti uguali tra i quattro fratelli litiganti

Eredità di Verdi: ora la villa rischia di andare all'asta

La villa di Verdi andrà all'asta?

Ricevi gratis le news
0

 

Il fraseggio è quello grigio dei tribunali, senza gorgheggi e senza acuti. Ma il contesto intorno è puro melodramma: con un tesoro conteso, quattro fratelli gli uni contro gli altri armati, accuse strillate come do di petto e documenti svaniti. E, sopra tutto, il volto corrucciato del Cigno di Busseto. Perplesso per un libretto che probabilmente non avrebbe voluto musicare.
Il sipario è tornato ad aprirsi in questi giorni sulla lunga battaglia per l'eredità di Giuseppe Verdi. E il palcoscenico è di nuovo il tribunale.
E' arrivata infatti la sentenza della Corte di appello di Bologna che ha deciso sulla causa promossa da Ludovica e Emanuela Carrara Verdi, due delle eredi del Maestro, contro gli altri due fratelli, Angiolo e Maria Mercedes. E tra di loro, da tempo, più che il «Libiam» risuona un accorato «All'armi».
La prima sezione del tribunale bolognese ha di fatto ribaltato la sentenza di primo grado che aveva in pratica dato ragione a Angiolo Carrara Verdi, l'unico maschio, che sostiene di essere il vero erede secondo quanto indicato dal testamento del padre Alberto. Di cui, però, primo colpo di scena, non si trova traccia.
Il tribunale di Parma, tuttavia, nel 2007 aveva accolto come prova la testimonianza di Gabriella Carrara Verdi, un'anziana zia, che sosteneva di ricordare perfettamente quanto stabilito dal documento. Che, secondo lei, salvo la parte legittima fissata per legge, destinava al nipote Angiolo il grosso del tesoro. Questo il finale del primo atto. Ora siamo al secondo: e la scena è cambiata di nuovo.
La corte bolognese infatti ha recisamente fissato che «manca la prova che un testamento sia mai esistito». Non solo: con tono fermo il collegio giudicante ha ritenuto di «dubbia attendibilità» anche la testimonianza della zia Gabriella. E per questi motivi ha azzerato tutto. Stabilendo che l'eredità sia divisa in parti uguali. In pratica, senza un vincitore.
Un giudizio salomonico? Per la legge sì. Ma nel teatro, si sa, vince l'emozione. E il colpo di scena è la norma. E' infatti probabile che Angiolo Carrara Verdi ricorra in Cassazione contro quanto deciso in appello e, di conseguenza, i tempi sono destinati a dilatarsi per chissà quanti altri atti. E più che il lieto fine a trionfare potrebbe essere la forza di un destino oscuro.
La villa, con i suoi mille cimeli e le tante testimonianze del Maestro, è un patrimonio di inestimabile valore, tutelato dallo Stato, e definito «unitario e indivisibile». E visto che tra gli eredi non regna l'armonia, l'unica via d'uscita sarebbe che solo uno l'acquisisse. Liquidando il controvalore agli altri tre fratelli.
Ma, è ovvio, qui si parla di un museo zeppo di musica e tesori, il cui valore è difficile persino da quantificare. Ad aprile i periti dovrebbero presentare una stima: ma anche a voler essere cauti le cifre sono da capogiro. E per quanto il melodramma non ami le mezze misure è quasi impossibile che qualcuno trovi la somma necessaria. Il finale più verosimile, allora, è quello più amaro: ovvero che si arrivi ad un'asta per villa Sant'Agata. Gli eredi smetterebbero di guerreggiare, ma la casa del Maestro, con la collezione di carrozze, i piatti regalo dello zar e i pentagrammi manoscritti, potrebbe finire nelle mani di uno sconosciuto magnate straniero. E per l'autore italiano più amato al mondo, simbolo del Risorgimento tricolore, sembra una ultima beffa a meno che lo Stato faccia valere il proprio diritto di prelazione. Anche se, in tempi di economie in rosso, spartiti e lettere, anche se firmati Verdi, forse non bastano a scatenare l'applauso.
Ma questo è il futuro. Nel presente resta da capire anche come questa sentenza influenzerà l'accordo che concedeva ad Angiolo Carrara Verdi di usufruire della villa «in comodato gratuito facendosi carico delle spese ordinarie e adibendola a abitazione familiare». Il documento del tribunale di Bologna a questo non fa riferimenti ma le sorelle Ludovica e Emanuela sembrano pronte ad una nuova bordata legale contro il fratello.
E a questo punto persino gli intrecci del Trovatore paiono nulla di fronte a questo groviglio di contrasti che dopo due sentenze e più di dieci anni di scaramucce giudiziarie non hanno portato ancora i protagonisti all'ultima romanza.
Il sipario resta aperto, l'ultima riga del libretto è ancora da scrivere. Giuseppe Verdi nei ritratti dell'epoca non sorride mai. Forse, già allora, immaginava perché. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Il CineFilo per domenica 22 ottobre - La battaglia dei sessi - Nico 1988 - It - Blade runner 2049 -

IL CINEFILO

It, il nuovo Blade Runner, La battaglia dei sessi: i film della settimana

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

incidente mortale

sorbolo

Pedone investito nella notte in via Mantova: muore un 60enne

La vittima è Asani Memedali, macedone, da anni residente in paese

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

parma

D’Aversa: "Foggia campo difficile. Cambierò qualcosa" Video

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

12commenti

Parma

Evade dai domiciliari per lavorare nel negozio dei genitori: 50enne arrestato

L'uomo è stato arrestato dai carabinieri per evasione

Via D'Azeglio

Offre droga ai carabinieri in borghese e ne colpisce uno durante la fuga

Arrestato uno studente marocchino 23enne nei guai dopo un controllo dei carabinieri

CALCIO

Domani si gioca Foggia-Parma, oggi le visite per Ceravolo Video

E' già tempo di nuove sfide per i crociati

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

36commenti

REPORTAGE

I sentieri del nostro Appennino: 400 km di infinito

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

NOVITA'

D'inverno al cinema: ora a Fidenza si può

TUTTAPARMA

«Al sóri caplón'ni», angeli in corsia

Lubiana

Il nuovo polo sociosanitario? Dopo 12 anni resta un miraggio

Se ne parla dal 2005, ma l'unica traccia è una recinzione malmessa. Storia di una struttura mai nata

AUTOSTRADA

Incidente in A1: coda tra Parma e Fidenza questa mattina

Progetto

La biblioteca a San Leonardo? Tutti la vogliono

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi contro tutti. Pd lacerato verso il voto

di Stefano Pileri

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

INCIDENTE

Tragedia nel Savonese: vuole sparare a un cinghiale ma uccide un fungaiolo

RICCIONE

La vittima dell'incidente è a terra, 29enne filma l'agonia in diretta Facebook

SPORT

Moto

Guido Meda svela un aneddoto su Simoncelli

FORMULA 1

Hamilton, le mani sul Mondiale. Vettel 2°. Colpo di scena, Raikkonen 3°

SOCIETA'

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

GAZZAREPORTER

"Parcheggio inadeguato in via Jacchia"

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro