20°

36°

caos calcio

Boys: "Sistema marcio, Tavecchio fantoccio, bamboccioni megalomani"

Boys: "Sistema marcio, Tavecchio fantoccio, bamboccioni megalomani"
Ricevi gratis le news
8
I Boys Parma sul loro sito hanno pubblicato un comunicato sulla situazione drammatica del club emiliano, indicando chi sono, a loro parere, i principali responsabili del disastro crociato.
 
"Un’altra settimana di passione, dove ancora una volta è successo di tutto e il contrario di tutto.
 
Tra promesse, bugie, pignoramenti e i silenzi di Lega e Figc si è consumata l’ennesima settimana disastrosa per la nostra squadra e la città intera.
 
Ma come sappiamo bene, è proprio in questi momenti che viene fuori il meglio delle persone, e ci si trova ad organizzare iniziative magari mai pensate prima.
 
Giovedì sono venuti nella nostra sede una delegazione dei giocatori del Parma, assieme al Mister Donadoni, ragazzi che ci hanno sospeso per la loro maturità e il senso della realtà in una situazione paradossale come questa, lontani anni luce dai riflettori della ribalta, che l'industria dei media vuole ancora farci credere.
 
Noi per domenica avevamo in programma la trasferta di Genova, il clou della settimana per un ultras, in questa occasione ancor più sentita visto che avevamo programmato ad una trasferta in massa, coinvolgendo tutte le generazioni di Boys che in questi quasi quarant'anni si sono succedute in Curva Nord.
 
C'è un però: l’ultima partita in casa non l'avevamo giocata, e in questa settimana la situazione economico-finanziaria del club è peggiorata, per cui domenica scorsa avevamo già pensato ad un piano B, un’iniziativa che avrebbe coinvolto tutta la comunità crociata, la trasferta a Carpendolo per dire in faccia al ladro che ci ha rubato tutto, cosa pensiamo di lui e di tutta la faccenda.
 
Quindi, a giovedì pomeriggio, le opzioni per domenica erano o Genova o, in alternativa, Carpenedolo.
 
Poi giovedì sera abbiamo incontrato la squadra, ci siamo parlati in modo schietto, da uomini, cercando di fare fronte comune per non venire spazzati via dai millantatori dell’opinione pubblica, che di una cittadina come Parma, per di più in grave crisi, non fotte a nessuno.
 
E ci siamo subito trovati negli stessi discorsi, il dubbio atroce che i “Poteri Forti” del calcio mettano a tacere questa situazione, per un mero interesse economico, cercando di portare al termine questa stagione-farsa, per dare all’esterno una finta idea di normalità da vendere alle tv.
 
Un nascondere la sabbia sotto il tappeto fino a giugno, per salvare la faccia con le pay tv e le agenzie di scommesse, e poi il Parma sarebbe sparito nell’indifferenza generale.
 
Ma con Noi, i giocatori hanno detto no, non hanno voglia di prendersela solo con Ghirardi e Leonardi, ma mirano a dare una risposta forte ad un Sistema che ha portato a questo, un Sistema fatto di poltrone, nel quale quattro/cinque società, proprio quei Poteri Forti, campano sulle spalle delle restanti tredici/quattordici.
 
Un Sistema dove i veri attori del calcio, ovvero giocatori, allenatori e arbitri non contano niente, sempre in nome dello “show must go on”.
 
Un Sistema nel quale il Presidente Federale è un fantoccio,ed in realtà chi comanda è il presidente di uno dei club, che in una telefonata si permette bellamente di chiarire quali sono le squadre a lui liete in seie A e quelle che non vuole.
 
Cioè, capiamoci, qui non esiste più il concetto di sport.
 
Perché qui non si tratta più di sport, ma solamente di business, il business delle tv e delle scommesse.
 
Relegando in un angolino i veri attori che dovrebbero “fare sport” e di conseguenza le loro famiglie.
 
Oggi più che mai i giocatori sono consci del potere che hanno, ricattare il per portare ad un cambiamento grande, per un calcio trasparente ed equo, forzando la mano proprio dove il Sistema è più sensibile e si regge, i soldi.
 
Ogni partita annullata sono 3 milioni di pensale che la Lega deve pagare a Sky, alla quarta rinuncia la squadra viene radiata e le partite annullate portano a 45 milioni che la Lega dovrebbe restituire alle varie tv, oltre alla ridefinizione dei contratti.
 
In poche parole, questo Sistema dei padroni e dei corrotti, salterebbe in aria.
 
Chiediamo a tutti: avrebbe senso un intervento esterno della Lega, che pagherebbe gli stipendi di tre mesi, per poi ricacciare tutti sul marciapiede?
 
Perché la realtà è questa, se non si trova un compratore in grado di dare continuità aziendale, si partecipa al teatrino televisivo fino a giugno, poi magari non si riparte nemmeno dalla serie D e si sarà l’addio al calcio giocato a Parma.
 
Vogliamo permettere tutto ciò
 
Bene, allora è giunto il tempo che i Poteri Forti si espongano, e non ci riferiamo certo all’intervento economico.
 
Che innanzitutto si impegnino concretamente nel cambiare le regole, quelle stesse regole che hanno permesso ad un “bamboccione megalomane” di poter bellamente portare a 200 milioni di passivo (e tanti ancora ne dovranno venire fuori, temiamo), quelle regole che hanno permesso a dei “cialtroni nullatenenti” di acquistare per un solo misero euro una società che rappresenta un’intera città, quelle regole nelle quali l’organo federale della Covisoc dovrebbe vigilare, ma non lo fa o non lo vuole fare.
 
E giusto che ora il Sistema veda di porre rimedio a tutto questo marciume e dia una risposta vera, serie a concreta, per non finire nelle scene tragicomiche della politica nostrana.
 
I giocatori chiedono regole nuove, trasparenti e che la Lega in primis si impegni a trovare un acquirente credibile e soprattutto solvibile, condizioni indispensabili per continuare a fare calcio a Parma quest’anno, altrimenti salta il Parma con tutto il calcio italiano, per poter ripartire tutti con un calcio sano e pulito.
 
Per questo andremo a Genova sabato, a vedere la Primavera, partita alla volta del capoluogo ligure a proprie spese, senza organizzazione, ma volendo onorare sul campo ancora il nome del Parma Calcio.
 
Saremo a Sestri sabato per dare un segnale forte, che Noi stiamo con la squadra, che Noi siamo parte di una comunità che non vuole farsi mettere i piedi in testa dai quattro malfattori di turno.
 
Ci saranno anche gli Ultras Tito, sarà tifo vero e gemellaggio, ancora una volta dimostreremo che il calcio appartiene ai tifosi e non agli speculatori che ci vogliono trasformare in clienti da mungere.
 
E domenica, per suggellare il tutto, andremo alle 15.15 a fare il nostro tifo all’allenamento, nel quale i giocatori faranno una partitella di allenamento.
 
Così, mentre tutta la serie A proverà a “vendere” all’esterno una parvenza di normalità, Noi saremo a Collecchio, anziché a Genova nel sottore ospiti, sempre con le nostre bandiere, i nostri striscioni e i nostri fumogeni, per dimostrare che il vero calcio, quello della passione vera, non morirà mai, mentre gli sciacalli del pallone saranno sempre più soli, abbandonati alle loro malefatte.
 
SE SEI UN VERO PARMIGIANO, SABATO TUTTI A SESTRI E DOMENICA TUTTI ALL’ALLENAMENTO".
 

Ultras Parma:

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • gigiprimo

    01 Marzo @ 10.22

    vignolipierluigi@alice.it

    Relativamente al 'presidente' che si preoccupava delle squadre che potevano arrivare in serie 'a' è logico, non sarà la 'vecchia signora' a preoccuparsi, pensa già ad un campionato europeo e ha tanti soldi (ricavati come?)! ma le squadre che 'campano' sui ricavi televisivi e ai 'bacini d'utenza'. Quanti del Carpi (senza togliere nulla al valore sportivo che può essere superiore a quello juventino) possono andare a Roma o Torino ad assistere alle partite? che poi possono essere di poco inferiori a quelli del Parma! Ho scritto serie 'a' in minuscolo volutamente, se non vengono applicate le tecnologie moderne non sarà più 'A'! ad majora cari 'puristi'. Vedi rugby!

    Rispondi

  • VELENOSO

    01 Marzo @ 09.41

    Giusto Carlone73.Io infatti pacificamente sarei andato oggi a Carpenedolo a manifestare civilmente davanti alla casa di colui che ha rovinato e "distratto"lil Parma.Avrei solo gridato quello che penso di lui.

    Rispondi

  • carlone1973

    28 Febbraio @ 23.44

    ...qui stiamo perdendo di vista il problema principale...non si può accusare la federazione del fatto che il parma ha avuto un presidente incapace...anzi...capace di riempirsi le tasche e di svuotare quelle del società... che il sistema vada controllato maggiormente mi sta bene, ma forse non avremmo nemmeno iniziato il campionato 2013/2014..... la colpa è di Ghiradi..punto e basta...!!!

    Rispondi

  • VELENOSO

    28 Febbraio @ 20.08

    Ma senza panchine nell'interno dello spogliatoio, senza gas per l'acqua calda delle docce, senza stuart, se si vuole giocare Parma -Atalanta, della prossima settimana, se si vuole giocare ad ogni costo, non è che per questi fattori saremo costretti ad andare giocare a Modena, a Reggio o a Piacenza?

    Rispondi

  • ottapatti

    28 Febbraio @ 18.27

    Oggi a Sestri a vedere la Primavera e domani all'allenamento della prima squadra ma, a Carpenedolo, quando? E' possibile sapere? Teniamoci sempre bene a mente che, la causa fondamentale di questa triste ed incredibile vicenda, sta nell'uomo che abita là e nel suo braccio destro! E bisogna andargli a fare visita non solo per rinfacciargli le sue gravi responsabilità ma anche, e soprattutto, per contestargli il modo ingannevole con cui si è permesso di trattare tutta la città per anni!

    Rispondi

    • Mary

      28 Febbraio @ 19.15

      Otto se vuoi ti do l'indirizzo e ci vai , la penso come te ma non e il momento di fare cose per qui giornalai ci ricamano sopra (non parlo dei nostri), lui continua a fare la bella vita e continua ad essere consigliere di lega ..... non gli faceva schifo il calcio , ipocrita falso , come tutto il sistema calcio e politico

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana

tg parma

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana Video

AMICHEVOLE

Stasera il Parma affronta l'Empoli al Tardini

METEO

Temporali, vento e caldo domani in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

10commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Barcellona, i testimoni parmigiani raccontano l'orrore

Il vicecaporedattore Stefano Pileri anticipa i servizi della Gazzetta di domani

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

PASIMAFI

Scandalo sanità, no alla libertà per Fanelli

1commento

fontevivo

Nuovo guasto e allagamenti, il sindaco Fiazza: "Chiederemo risarcimento" Video

bassa reggiana

Violenza sessuale su un minorenne disabile: revocati i domiciliari al 21enne

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

tg parma

Ricordato il sacrificio di Charlie Alfa Video

BORGOTARO

Diawara forse ucciso da un malore?

MONCHIO

«Mi vuoi sposare»? Sorpresa alla sagra

Università

Preso lo scassinatore seriale dell'ateneo

1commento

Sissa

Moto, i centauri disabili tornano in sella grazie a Pattini

viabilità

Tangenziale sud: partono i lavori (e i possibili disagi)

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

barcellona

Due italiani tra le vittime. Bruno ucciso per proteggere i figli. Caccia a Moussa

Turku

Attacco in Finlandia: un morto e 8 feriti

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

gazzareporter

Limiti di velocità... al Parco Ducale Foto

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti