21°

35°

Doping

L'accusa di Armstrong: "I vertici Uci mi coprivano"

Le ultime rivelazioni dell’ex campione di ciclismo: "Verbruggen sapeva tutto"

Lance Armstrong

Lance Armstrong

Ricevi gratis le news
0

 

 Lorenzo Amuso)
LONDRA, 18 NOV – Giura di non volere più mentire, nè coprire chi per anni lo ha aiutato a farla franca: con le sue ultime rivelazioni Lance Armstrong alza il tiro e accusa l’ex presidente dell’Uci Hein Verbruggen di complicità.
In cerca di una difficile riabilitazione che gli garantisca uno sconto della pena, il ciclista texano sembra intenzionato a voler rivelare ogni dettaglio delle sue pratiche dopanti, elencando nomi, date e circostanze. Come richiesto d’altronde dalla federazione internazionale di ciclismo, che ha istituito una commissione indipendente proprio per fare luce su quegli anni. Una nuova inchiesta che dovrà accertare le responsabilità dei vertici del ciclismo mondiale, dai dirigenti ai team manager. A cominciare da Verbruggen, che – nell’accusa di Armstrong – risulta aver accettato il doping senza combatterlo. Non solo. Forse anche incoraggiandolo. Come in una specifica occasione, durante il Tour de France 1999, quando lo stesso Verbruggen sarebbe intervenuto per coprire la positività del texano, consentendogli così di trionfare per la prima volta a Parigi. Il primo dei sette successi di Armstrong alla Grande Boucle. Tutti cancellati dagli annali dopo la condanna per doping che gli è costata la squalifica a vita.
"Verbruggen sapeva che facevo uso di sostanze dopanti e mi aiutava a nasconderlo – ha raccontato Armstrong in un’intervista esclusiva al britannico Daily Mail -. Durante il Tour del 1999
risultai positivo ad un test e lui era tra le persone che mi permisero di portare a termine la corsa". Il nuovo presidente dell’Uci, Brian Cookson, ha lasciato intendere che di fronte ad una piena confessione Armstrong potrebbe vedere la sua squalifica ridotta a otto anni. Un’occasione che l’americano sembra voler sfruttare. Come dimostrato nell’intervista, nella quale ha anche spiegato il meccanismo delle prescrizioni retrodatate che gli permettevano di sfuggire alle eventuali sanzioni.
"E' ridicolo pensare che io voglia proteggere queste persone dopo tutto quello che mi hanno fatto – le parole di Armstrong -. Io non sto proteggendo proprio nessuno. Non provo nessun senso di lealtà verso di loro. Anzi li odio proprio. Mi hanno gettato sotto un bus in corsa. Con me hanno chiuso". Contattato dal Daily Mail, Verbruggen non ha voluto rilasciare commenti. 
Lorenzo Amuso
LONDRA – Giura di non volere più mentire, nè coprire chi per anni lo ha aiutato a farla franca: con le sue ultime rivelazioni Lance Armstrong alza il tiro e accusa l’ex presidente dell’Uci Hein Verbruggen di complicità.
In cerca di una difficile riabilitazione che gli garantisca uno sconto della pena, il ciclista texano sembra intenzionato a voler rivelare ogni dettaglio delle sue pratiche dopanti, elencando nomi, date e circostanze. Come richiesto d’altronde dalla federazione internazionale di ciclismo, che ha istituito una commissione indipendente proprio per fare luce su quegli anni. Una nuova inchiesta che dovrà accertare le responsabilità dei vertici del ciclismo mondiale, dai dirigenti ai team manager. A cominciare da Verbruggen, che – nell’accusa di Armstrong – risulta aver accettato il doping senza combatterlo. Non solo.
Forse anche incoraggiandolo. Come in una specifica occasione, durante il Tour de France 1999, quando lo stesso Verbruggen sarebbe intervenuto per coprire la positività del texano, consentendogli così di trionfare per la prima volta a Parigi. Il primo dei sette successi di Armstrong alla Grande Boucle. Tutti cancellati dagli annali dopo la condanna per doping che gli è costata la squalifica a vita.
"Verbruggen sapeva che facevo uso di sostanze dopanti e mi aiutava a nasconderlo – ha raccontato Armstrong in un’intervista esclusiva al britannico Daily Mail -. Durante il Tour del 1999risultai positivo ad un test e lui era tra le persone che mi permisero di portare a termine la corsa". Il nuovo presidente dell’Uci, Brian Cookson, ha lasciato intendere che di fronte ad una piena confessione Armstrong potrebbe vedere la sua squalifica ridotta a otto anni. Un’occasione che l’americano sembra voler sfruttare. Come dimostrato nell’intervista, nella quale ha anche spiegato il meccanismo delle prescrizioni retrodatate che gli permettevano di sfuggire alle eventuali sanzioni.
"E' ridicolo pensare che io voglia proteggere queste persone dopo tutto quello che mi hanno fatto – le parole di Armstrong -. Io non sto proteggendo proprio nessuno. Non provo nessun senso di lealtà verso di loro. Anzi li odio proprio. Mi hanno gettato sotto un bus in corsa. Con me hanno chiuso". Contattato dal Daily Mail, Verbruggen non ha voluto rilasciare commenti. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Si suicida Chester Bennington, cantante dei Linkin Park

NEW YORK

Si suicida Chester Bennington, cantante dei Linkin Park

Barbara Weldens

Barbara Weldens

FRANCIA

La cantante Barbara Weldens muore folgorata durante un concerto

Truffa allo chef Bruno Barbieri: arrestata 33enne

Torino

Truffa allo chef Bruno Barbieri: arrestata 33enne

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ecco la Summer Promo: la Gazzatta a soli 45cent al giorno!

ABBONAMENTO DIGITALE

Ecco la Summer Promo: la Gazzetta a soli 45 cent al giorno!

Lealtrenotizie

Abbraccio tra il padre e Solomon

Delitto San Leonardo

Abbraccio tra il padre e Solomon

Accoglienza

Ecco la giornata dei profughi

Varsi

Colto da malore, grave il sindaco Aramini

CAMPIONI

Emanuele, Filippo e Matteo, i ragazzini d'oro

Personaggi

Dal Crazy Horse alla laurea

Felino

Soldi nelle slot invece che ai figli: condannato

Scurano

Il camionista: «Così ho evitato una tragedia»

Lesignano

Migranti nell'ex caseificio a Mulazzano: il sindaco minaccia le dimissioni

Giorgio Cavatorta ha scritto al ministro dell'Interno

Tg Parma

Delitto di via San Leonardo: Solomon a Parma incontra il padre Video

Delitto

Papà Fred si racconta: tra il dolore infinito e la forza dell'amore

6commenti

IL CASO

Ramiola, taglia i cavi per far tacere le campane

ANTEPRIMA GAZZETTA

Fred Nyantakyi resterà a vivere in città: "Parma non lo lasci solo" Video

COMUNE

Un caso di dengue a Parma: disinfestazione in via Imbriani e al Barilla Center

Tecnici in azione per tre notti

ParmENSE

In arrivo il caldo record, fiume Po sempre più in basso Video

Guardia di Finanza

Fa sparire 135mila euro destinati ai creditori: nei guai imprenditore parmense

1commento

cantiere

Via Mazzini, parte la riqualificazione dei portici Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La lezione di papà Fred Video-editoriale

1commento

EDITORIALE

Borsellino e la giustizia che dobbiamo ai giovani

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

GIALLO

Molotov contro centro migranti a Modena

VENEZIA

L'incendio di Londra: mille persone al funerale di Marco, morto assieme a Gloria

SPORT

PARMA CALCIO

Luca Siligardi, nuovo bomber: "Bel gruppo. La serie B? Imprevedibile" Video

TOUR

Sull'Izoard vince Barguil, Aru in difficoltà: scivola al quinto posto

SOCIETA'

l'emendamento

Cellulare alla guida: ritiro immediato della patente fino a 6 mesi

10commenti

telefono azzurro

Telefono e social, i bambini "inchiodano" gli adulti Video

MOTORI

TOYOTA

Yaris GRMN, dal Nurburgring la Yaris più potente di sempre

DAIMLER

Mercedes, "richiamo" volontario per 3 milioni di motori diesel