-5°

cinema

I 70 anni di "Sly", da Hell's Kitchen a Rocky & Rambo

I 70 anni di "Sly", da Hell's Kitchen a Rocky & Rambo
0

Ne ha fatta di strada il ragazzino rachitico di Hell's Kitchen, quartiere malfamato di New York. Eppure, giunto alla soglia dei settant'anni, che compirà il 6 luglio, Sylvester Stallone non ha forse ottenuto nella sua carriera tutti i riconoscimenti che avrebbe meritato. Spesso criticato per i suoi film più commerciali e schernito con ben dieci Razzie Awards, i premi americani alle peggiori performance dell’anno, l’attore italo-americano ha saputo regalare al cinema personaggi iconici come Rocky Balboa o John Rambo, fino all’apice del Golden Globe come miglior attore non protagonista e alla candidatura nella stessa categoria agli Oscar 2016 per la sua interpretazione del vecchio e stanco Rocky in "Creed - Nato per combattere". E pensare che l’inizio della sua carriera, dopo studi poco brillanti, era stato davvero in salita, anche per una lieve paresi del lato sinistro del volto che di certo non contribuiva al suo fascino. I primi passi nel mondo del cinema di Sylvester Gardenzio Stallone, detto Sly, nato dal barbiere Frank, figlio di immigrati italiani di Gioia del Colle in provincia di Bari, e dall’astrologa Jacqueline Labofish, figlia di un ebreo ucraino e una francese cattolica, sono assai stentati. Stallone inizia a studiare Arte Drammatica all’Università di Miami, poi torna a New York in cerca di fortuna ma si ritrova con pochi dollari sul conto in banca e una moglie incinta. Da segnalare soltanto le particine in "Il dittatore dello stato libero di Bananas" di Woody Allen e "Una squillo per l’ispettore Klute" di Alan J. Pakula. La svolta arriva nel 1975: dopo aver assistito all’incontro di boxe tra Muhammad Ali e Chuck Wepner, Stallone scrive di suo pugno la storia di Rocky (che uscirà l’anno dopo) e la sottopone ai produttori Irwin Winkler e Robert Chartoff. E’ un successo clamoroso: tre Oscar (ma non a lui) e l’ingresso nel mondo dorato di Hollywood. 
Mentre cavalca l’onda della saga di Rocky (il secondo episodio esce già nel 1979, seguito da "Rocky III", "Rocky IV", "Rocky V", "Rocky Balboa" e, appunto, lo spin off "Creed - Nato per combattere"), Stallone modella l’altro suo personaggio immortale, il veterano della guerra in Vietnam John Rambo, che sarà protagonista in quattro pellicole (l'ultima nel 2008). Anche in questo caso il riscontro della critica è positivo, almeno per il primo "Rambo" (molto meno per gli altri), che nel 2008 la rivista "Empire" ha inserito nella classifica dei 500 migliori film della storia. Nel 1981 un altro ruolo cult: quello del portiere nella partita di calcio tra i prigionieri alleati e i nazisti in "Fuga per la vittoria", diretto da John Huston, uno dei lungometraggi sportivi più amati di sempre, che nel cast annoverava calciatori del calibro di Pelè, Bobby Moore e Osvaldo Ardiles. Seguiranno anni decisamente meno brillanti, con ruoli in film maltrattati dalla critica, come gli action muscoli e pistole "Cobra", "Over the Top", "Sorvegliato speciale"; Cash" o le commedie "Oscar - Un fidanzato per due figlie" e "Fermati, o mamma spara". La rivalità sul grande schermo a colpi di bicipiti con Arnold Schwarzenegger prosegue per tutti gli anni Novanta con "Cliffhanger", "Demolition Man", "Lo specialista" e "Dredd - La legge sono io". Il rilancio, almeno agli occhi della critica, sembra arrivare nel 1997 con il ruolo dello sceriffo Freddy Heflin in Cop Land. Ma è un’illusione: inizia un decennio di crisi con titoli poco memorabili ("La vendetta di Carter", "Driven"), da cui Stallone esce affidandosi alle sue icone (il ritorno, appunto, di Rocky & Rambo) e mettendo insieme le vecchie glorie dei film d’azione nella saga "The Expendables - I mercenari", in cui troveranno spazio Mickey Rourke, Dolph Lundgren, Antonio Banderas, Jean-Claude Van Damme, Chuck Norris, Wesley Snipes, Jet Li, Arnold Schwarzenegger, Bruce Willis, Mel Gibson, Harrison Ford e Jason Statham. E il futuro? Forse un "Mercenari 4" e il doppiaggio di due film di animazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Intervista

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

«Preso a calci e pugni per divertimento»

Weekend

Una domenica tra musica e fuoristrada: l'agenda

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

PEDEMONTANA

Polizia municipale, multe in aumento

GRANDE FIUME

Il Po in secca? Attrazione per i turisti

Protezione civile

I volontari parmigiani al lavoro nelle Marche

Lega Pro

Parma tra novità e cerotti

Cinema

Caschi made in Parma per «Alien»

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

commozione

Langhiranese: un minuto di silenzio per Filippo Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

13commenti

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

EDITORIALE

Trump, il presidente del «Prima l'America»

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Stati Uniti

Una marea rosa contro Trump invade le città americane Video

Libia

Tripoli: autobomba vicino all'ambasciata italiana

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato e una copertina leggendaria

1commento

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto