-5°

COLLECCHIO

Strage del 904: ricordati Susanna e Francesco

Commemorati la ragazza di Gaiano e il fidanzato uccisi dalla bomba sul treno

Susanna Cavalli e Pier Francesco Leoni

Susanna Cavalli e Pier Francesco Leoni

0

«Facciamo dolce memoria di coloro che ci hanno lasciato in modo traumatico»: queste le prime parole pronunciate dal parroco di Gaiano, monsignor Sergio Sacchi, all’inizio della messa celebrata per ricordare la strage del rapido 904 avvenuta il 23 dicembre 1984 nella galleria di San Benedetto Val di Sambro, che ha vista la giovane gaianese, Susanna Cavalli, e il suo fidanzato, Pier Francesco Leoni, tra le vittime. Monsignor Sacchi ha poi aggiunto: «Oggi siamo qui per pregare per questi nostri cari giovani sacrificati alla malvagità degli uomini».
La comunità di Gaiano, e non solo, ha ricordato l’evento, «un ricordo - come ha detto il sindaco Paolo Bianchi al termine della messa - ancora presente nonostante siano passati trent’anni. Un progetto di vita è stato strappato alla famiglia e alla nostra comunità dal terrorismo mafioso lasciando una ferita che non si rimarginerà mai. Noi dobbiamo impegnarci a non dimenticare mai questa strage che ha portato tanto dolore nelle famiglie di Susanna e Pier Francesco».
Quindi, la visita al cimitero di Gaiano davanti al famedio che raccoglie le spoglie dei due giovani: monsignor Sacchi ha officiato la benedizione alla presenza delle autorità cittadine, attorniate dai labari del comune di Collecchio e dai vessilli del gruppo alpini di Gaiano e di Collecchio, dell’Anpi e della sezione Avis di Collecchio. Dopo la deposizione di una corona, il presidente dell’Anpi collecchiese, Paola Bergonzi, ha sottolineato: «Da anni ci ritroviamo qui per ricordare questo fatto doloroso per tutti noi, ma è un ricordo che noi non possiamo non fare, è un dovere per questi due giovani e per i loro familiari. Non dobbiamo mai dimenticare quello che è successo».
Il trentesimo anniversario della strage sul treno rapido 904 è stato rivissuto anche durante la rappresentazione teatrale «Panni sporchi, case da fimmini», prodotta dall’associazione di promozione sociale «Zonafranca Parma», in collaborazione con il coordinamento di Parma dell’associazione «Libera» e con adattamento drammaturgico e regia di Franca Tragni. Lo spettacolo è stato messo in scena al teatro Crystal due volte: in mattinata per gli alunni della scuola media Domenico Galaverna e in serata aperto a tutti. Come in un'aula di tribunale, voci di donne coinvolte in fatti di mafia (Angela Russo, Serafina Battaglia, Giusy Vitale, Ninetta Cagarella, Rita Atria) gridano dalla platea le loro verità.
Quindi, due quadri sulle tematiche più attuali dell’ecomafia e della contraffazione degli alimenti attraverso due metafore: la discarica di Palermo (una montagna di rifiuti sulla quale due gabbiani sembrano trovare più cibo che nel mare) e la tavola imbandita. A presentare l'iniziativa, l’assessore alla Cultura Elisa Amadasi, che ha fatto presente che si tratta di «uno spettacolo di donne di mafia che hanno fatto scelte: alcune hanno tenuto la propria strada per tutta la vita, altre hanno cambiato strada». Presente anche il referente di Parma di «Libera», Carlo Cantini, che ha annunciato che si sta realizzando un video sulla strage del rapido 904 e che prossimamente sarà aperto a Salsomaggiore un presidio di «Libera» intestato a Susanna Cavalli e Pier Francesco Leoni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

2commenti

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

«Preso a calci e pugni per divertimento»

5commenti

LEGA PRO

Parma-Santarcangelo: Frattali debutta nella porta crociata

Weekend

Una domenica tra musica e fuoristrada: l'agenda

Protezione civile

I volontari parmigiani al lavoro nelle Marche

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

23commenti

graffiti

Il sottopasso dello Stradone? Galleria di street art Foto

GRANDE FIUME

Il Po in secca? Attrazione per i turisti

1commento

PEDEMONTANA

Polizia municipale, multe in aumento

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

IL CASO

Vigili, la Fabbri si scusa con Bonsu e lo risarcisce

Lettera al giovane ghanese, che riceverà 20mila euro

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

commozione

Langhiranese: un minuto di silenzio per Filippo Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

tragedia

Rigopiano: soccorsi senza sosta, ma le speranze sono deboli

incidente

Bus ungherese, il console: "I due figli del prof 'eroe' sono morti"

WEEKEND

LA PEPPA CONSIGLIA

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto