18°

IL CASO

Colorno, prosegue la battaglia sul museo dell'Aranciaia

Gli ex curatori: «I cimeli sono sopravvissuti alle guerre, non alla Canova»

Colorno, prosegue la battaglia sul museo dell'Aranciaia
0

«Nella sezione stampa del museo dell’Aranciaia ci sono cimeli dei primi dell’Ottocento. Cimeli che hanno resistito ai moti rivoluzionari del 1848, a due guerre mondiali, al nazifascismo ed ora rischiano di essere soppressi dal sindaco Michela Canova?». Usano l’arma dell’ironia gli storici curatori dell’Aranciaia Franco Piccoli e Luigi Simeone per difendere la sezione stampa del precedente museo dell’Aranciaia che non ha trovato spazio – secondo quando dichiarato dal sindaco nell’ultimo consiglio comunale - nei progetti del nuovo Mupac, il museo dei paesaggi di terra e di fiume fortemente voluto dall’amministrazione comunale Canova. Ma Piccoli e Simeone lanciano anche un allarme per lo stato in cui si trovano gli oggetti non esposti nel Mupac parlando di «forte degrado con pericolo di furti e incendi».
«Quella dell’Aranciaia non è stata una riorganizzazione – attaccano Piccoli e Simeone - ma una totale forzata trasformazione che ha distrutto tutti gli allestimenti didattici, perduto le memorie e la storia dei vari cimeli, cancellato intere sezioni e condannato al degrado tanti oggetti ora ammassati al piano terreno senza custodia e protezione da furti o incendi. Questo non era mai avvenuto con noi precedenti curatori».
«Paventando una fine ingloriosa del vecchio museo, era stata attivata una petizione popolare che ha raggiunto oltre 300 firme. Nella petizione, regolarmente ignorata dalla Canova - proeguono Piccoli e Simeone - si chiedeva che tutte le sezioni fossero mantenute e che per il progetto fosse creato un comitato locale per individuare assieme le linee della riorganizzazione museale. A Colorno non mancano risorse culturalmente preparate, sensibili che avrebbero prestato la loro opera a titolo completamente gratuito».
Nel loro intervento Piccoli e Simeone analizzano ogni parola pronunciata dal sindaco in consiglio: «l’affermazione della Canova “Gli oggetti che costituivano le raccolte del museo etnografico sono stati acquisiti allo stato in cui i “curatori” li hanno lasciati e custoditi nello stesso luogo” è falsa e priva di ogni fondamento. Con grande spesa gli oggetti sono stati più e più volte spostati in modo ingiustificato da un’impresa di traslochi tra un piano e l’altro dell’Aranciaia. Gli ultimi traslochi sono avvenuti solo pochi mesi fa perché i “nuovi curatori” si sono accorti che erano stati ammassati in un’area molto ristretta del piano superiore e potevano dare luogo a crolli».
Poi la denuncia: «Attualmente il piano terreno, con gli ultimi spostamenti effettuati, versa in uno stato di profondo degrado come non si era mai visto con oggetti, anche di valore, ammassati in un disordine infernale. Alcune preziose lanterne magiche stanno arrugginendo. Basta effettuare un confronto tra una foto scattata nel 2010 ed un’attuale, con la stessa angolazione, per rendersene conto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47 Fotogallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

Falcone-Borsellino

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

3commenti

lega pro

Parma, alle 16.30 in campo pensando solo a vincere Diretta

gazzareporter

Barriera Repubblica, l'orologio non si è aggiornato con l'ora legale

2commenti

l'agenda

Domenica tra mercatini golosi, castelli e... la Coppa di Fantozzi

commemorazione

Un anno senza Mario il clochard: il quartiere lo ricorda pensando agli "ultimi" Foto

Viale Barilla

Lite tra giovani, ma chi ha la peggio è un vigile

5commenti

esclusiva

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

15commenti

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno

ospedale

Radioterapia, arrivano nuove tecnologie

Le testimonianze dei pazienti: "Così sconfiggiamo la paura"

Collecchio

Suona l'allarme, ladri messi in fuga dai vicini

1commento

collecchio

Razziava gli armadietti di una piscina, arrestato un 33enne Video

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

Volontariato

Le cento donazioni di Cherubino

L'INTERVISTA

Andrea Pucci: «La mia vita tutta da ridere»

Il 31 marzo il comico sarà al Paganini

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

2commenti

ITALIA/MONDO

Incidente sulla A10

Tir si ribalta e travolge cantiere con operai: due morti Video

STATI UNITI

Stretta sui visti, controlli anche sui social Video

WEEKEND

la peppa

La ricetta della domenica - Tartine fiorite

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

formula 1

Trionfo rosso: Vettel domina il Gp d'Australia. Hamilton secondo

motomondiale

Speciale Vecchi “leoni” e giovanotti rampanti iniziata la caccia al titolo di Marquez

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa