12°

Jonah Lomu

Una «leggenda» fra i ragazzi di Colorno

Una «leggenda» fra i ragazzi di  Colorno

Jonah Lomu circondato dai ragazzi di Colorno in occasione della sua visita nel 2011

0
 

Un velo di tristezza ha avvolto il mondo intero alla notizia della morte, a soli 40 anni, di Jonah Lomu, il gigante buono della palla ovale.

A maggior ragione la sua scomparsa, avvenuta ieri, ha colpito chi ha avuto l’opportunità di vederlo, conoscerlo, parlargli. Come avvenne a Colorno, dove il fuoriclasse degli All Blacks onorò la nostra provincia con la sua presenza, nel giugno del 2011.

Il 22 di quel mese la sua presenza fu infatti occasione di grande emozione, per centinaia di persone, soprattutto giovani rugbysti che ebbero l’occasione di poter giocare, scherzare, parlare, farsi foto con lui, e farsi fare l’autografo, sul terreno del «Maini».

«Ci fece molto piacere averlo fra noi, fu un grande onore. Si è dimostrato una grande persona. Al rugby mancherà tanto» ricorda l’allora presidente colornese Mario Padovani.

Con famiglia al seguito, Lomu stava girando il mondo in veste di testimonial per la campagna solidale «Friends for Japan» sorta in seguito ai tragici eventi di Fukushima, e Lomu si dimostrò interprete di uno dei principi base del rugby: il sostegno, che si dà e si riceve in campo così come fuori.

Lu ne è stato interprete a tutto tondo: «Era una persona molto affabile, solidale, ha sempre dato spazio e amicizia alle persone e trovato tempo per loro» conferma un «tutto nero» d’eccezione come l’estremo delle Zebre, Mils Muliaina. Che ricorda anche un momento particolare: «La prima volta che l’ho incontrato è stato nel 1999 o 2000 a un Torneo Seven: mi ha preso sotto la sua ala e mi ha dato l’ispirazione per essere un vero All Black. da giocatore ha veramente cambiato il rugby, con la sua potenza e velocità».

Gli altri due neozelandesi delle Zebre, Dion Berryman e Kelly Haimona, sono concordi nell’affermare che «Lomu è un’icona, una leggenda e per quelli della nostra generazione era un idolo: tutti volevano diventare, giocare come Jonah Lomu».

Un pizzico di emozione in più la mostra Haimona nel ricordare un aneddoto che lo riguarda: «Avevo 10 o 12 anni: gli All Blacks vennero a Rotorua, la mia città e io feci una foto assieme questo gigante».

Un gigante dai numeri fisici e tecnici impressionanti, difficilissimo da placcare (come sa bene il nazionale inglese Mike Catt, sul quale Lomu «passeggiò» letteralmente in occasione della sua prima meta all’Inghilterra nel corso dei mondiali del 1995, una delle più famose della storia ovale).

«Bisognava essere in due o tre per fermarlo. Potevi provare a placcarlo da dietro, ma dovevi essere almeno veloce quanto lui... - ricorda l'ex azzurro Massimo Giovanelli -. Personalmente ho il ricordo di un giocatore fortissimo in campo quanto estremamente leale e sempre molto disponibile; quando giocammo contro gli All Blacks a Bologna, nel ‘95, venne a sedersi al nostro tavolo al terzo tempo». «Nonostante la fama è sempre rimasto se stesso, e questa era la sua grande forza» chiosa l’ex capitano azzurro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Arriva il Tapiro d'oro, Renzi: "Un Tapiro cumulativo lo merito..."

Roma

Arriva il Tapiro d'oro, Renzi: "Un Tapiro cumulativo lo merito..." Foto

Jessica allena i glutei

GOSSIP

Sexy allenamento di Jessica Immobile: boom di clic 

Aurora Ramazzotti canta la canzone di papà Eros e lo imita: «Mi ucciderà»

radio

Aurora Ramazzotti imita papà Eros: «Mi ucciderà» Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Aggiudicazione provvisoria⁩

Parma

Trasporto pubblico, gara a Busitalia. Tep all'attacco: "Verificheremo se l'assegnazione è legittima"

Offerte eccessivamente al ribasso - dice la Tep - possono poi avere pesantissime ripercussioni sul servizio, sugli utenti e sui lavoratori

2commenti

Sant'Ilario d'Enza

Rissa a colpi di sedie e tavolini: quattro stranieri in manette

Due indiani e due pakistani si sono affrontati fuori da un kebab di via Roma, nel paese della Val d'Enza

Parma

Mattinata di incidenti: diversi feriti in città e in provincia Foto

Via Mazzini

I commercianti: «Minacciati dalle baby gang»

4commenti

La storia

Silvia, convertita all'ebraismo: mollo tutto e mi trasferisco in Israele

Cocaina

Preso il pusher dei ragazzini

BASSA

I truffatori arrestati risarciscono i negozianti raggirati

1commento

Salsomaggiore

Addio a Iolanda Campanini, una vita fra libri e giornali

Il fenomeno dilaga

Bocconi al veleno, allarme anche a San Leonardo

2commenti

Polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco la mappa dei controlli a Parma

Fidenza

Malore in piazza, l'esercitazione diventa soccorso reale

Lega Pro

Parma: splendida rimonta, Samb ko

Guastalla

Vendevano materassi con minacce: denunciati tre truffatori, in azione anche a Parma

Il personaggio

Il bussetano Laurini debutterà in F3 al volante di una Dallara: «Che emozione»

Parma-Samb

D'Aversa: "Nel primo tempo non eravamo aggressivi. Importante l'atteggiamento" Video

2commenti

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La risposta che occorre per placare la rabbia

di Michele Brambilla

1commento

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

1commento

ITALIA/MONDO

vercelli

Voleva salvare il cane: travolto dal trattore di papà

auto

Addio al libretto di circolazione: il documento sarà unico

1commento

COSTUME

L'INDISCRETO

I belli delle donne

1commento

il disco

45 ANNI FA - Mu, il mito secondo Cocciante

SPORT

Stadio Tardini

Parma-Samb 4-2: ecco il gol di Munari

lega pro

La Reggiana vince 2-0 con il Lumezzane

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

300 CV

Leon Cupra, la Seat più potente di sempre Gallery