21°

pilastro

Sfondano la vetrina con un'auto e rubano vestiti per 50 mila euro

Il "colpo" nella notte tra domenica e ieri al negozio di abbigliamento Doglia. I ladri sono fuggiti lungo la provinciale per Felino. Indagano i carabinieri.

Il negozio di abbigliamento a Pilastro dove è avvenuta la rapina

Il negozio di abbigliamento a Pilastro dove è avvenuta la rapina

1

 

Samuele Dallasta
Ancora un furto a Pilastro, ancora preso di mira il negozio di abbigliamento Doglia. I ladri questa volta, pare parecchio organizzati, sono riusciti a rubare numerosi capi d’abbigliamento maschili firmati e qualche cappotto da donna per un totale, dalle prime stime eseguite dalle titolari, di circa 50 mila euro di danni.
Il tutto è accaduto tra le 2.30 e le 3.30 della notte tra domenica e ieri. Ad agire questa volta, secondo le riprese eseguite dalle telecamere dell’attività commerciale, sarebbero stati in 6. Gli esecutori del furto erano tutti a volto coperto. 
Sempre dalle telecamere di sicurezza del negozio, attorno alle 2.30 si vedono delle auto, tre per la precisione, che a distanza di pochi minuti l’una dall’altra passano davanti all’attività commerciale a bassa velocità per controllare la zona attorno al negozio.
Dopo questa fase i ladri sono passati in azione. Non curanti del fatto che l’attività commerciale sorge proprio su una via che è spesso trafficata e che il rischio di essere scoperti è alto, per riuscire a sfondare la vetrina, che poggia su un muretto alto circa mezzo metro, i ladri hanno utilizzato una delle tre vetture che le telecamere di sicurezza avevano filmato in precedenza. 
Per capire quanto il colpo fosse studiato nei minimi dettagli basta dire che, per raggiungere la vetrina, davanti al negozio i malviventi hanno letteralmente creato, dal nulla e con delle barre di metallo, una piccola rampa. Successivamente, i ladri hanno fatto salire una vettura sulla rampa facendola poi impattare contro la vetrina e riuscendo di conseguenza a sfondarla.
Una volta fatto questo hanno avuto via libera all’interno del negozio ed in pochi minuti hanno rubato tutto quello che hanno potuto caricando la refurtiva sulla vettura utilizzata per sfondare la vetrina. Tutti i capi rubati erano ovviamente firmati e di valore. 
La sequenza del furto è stata filmata dalle telecamere di sicurezza ed è stata anche vista dalle persone che risiedono dinnanzi all’attività commerciale svegliati dal forte rumore.
Una volta rubato tutto quello che potevano i ladri sono scappati utilizzando la vettura usata per sfondare la vetrina e, probabilmente, anche le altre due automobili filmate dalle telecamere di sicurezza. 
Per far perdere le loro tracce immediatamente i malviventi non si sono dati alla fuga lungo la provinciale che porta a Langhirano ma si sono dileguati verso via Menconi, strada situata a lato dell’attività commerciale e che si collega con la provinciale che unisce Pilastro a Felino. La strada però, dopo pochi metri che la si imbocca, è chiusa da una serie di dissuasori in calcestruzzo. Quest’ultimi però, non fissati a terra, sono stati facilmente spostati dai malviventi che così facendo si sono aperti un varco per imboccare la provinciale che collega Pilastro a Felino e dileguarsi di conseguenza nel nulla.
Sul furto stanno indagando i Carabinieri di Langhirano che stanno esaminando le immagini filmate dalle telecamere di sicurezza.
Samuele Dallasta
Ancora un furto a Pilastro, ancora preso di mira il negozio di abbigliamento Doglia. I ladri questa volta, pare parecchio organizzati, sono riusciti a rubare numerosi capi d’abbigliamento maschili firmati e qualche cappotto da donna per un totale, dalle prime stime eseguite dalle titolari, di circa 50 mila euro di danni.Il tutto è accaduto tra le 2.30 e le 3.30 della notte tra domenica e ieri. Ad agire questa volta, secondo le riprese eseguite dalle telecamere dell’attività commerciale, sarebbero stati in 6. Gli esecutori del furto erano tutti a volto coperto. Sempre dalle telecamere di sicurezza del negozio, attorno alle 2.30 si vedono delle auto, tre per la precisione, che a distanza di pochi minuti l’una dall’altra passano davanti all’attività commerciale a bassa velocità per controllare la zona attorno al negozio.Dopo questa fase i ladri sono passati in azione. Non curanti del fatto che l’attività commerciale sorge proprio su una via che è spesso trafficata e che il rischio di essere scoperti è alto, per riuscire a sfondare la vetrina, che poggia su un muretto alto circa mezzo metro, i ladri hanno utilizzato una delle tre vetture che le telecamere di sicurezza avevano filmato in precedenza. Per capire quanto il colpo fosse studiato nei minimi dettagli basta dire che, per raggiungere la vetrina, davanti al negozio i malviventi hanno letteralmente creato, dal nulla e con delle barre di metallo, una piccola rampa. Successivamente, i ladri hanno fatto salire una vettura sulla rampa facendola poi impattare contro la vetrina e riuscendo di conseguenza a sfondarla.Una volta fatto questo hanno avuto via libera all’interno del negozio ed in pochi minuti hanno rubato tutto quello che hanno potuto caricando la refurtiva sulla vettura utilizzata per sfondare la vetrina. Tutti i capi rubati erano ovviamente firmati e di valore. La sequenza del furto è stata filmata dalle telecamere di sicurezza ed è stata anche vista dalle persone che risiedono dinnanzi all’attività commerciale svegliati dal forte rumore.Una volta rubato tutto quello che potevano i ladri sono scappati utilizzando la vettura usata per sfondare la vetrina e, probabilmente, anche le altre due automobili filmate dalle telecamere di sicurezza. Per far perdere le loro tracce immediatamente i malviventi non si sono dati alla fuga lungo la provinciale che porta a Langhirano ma si sono dileguati verso via Menconi, strada situata a lato dell’attività commerciale e che si collega con la provinciale che unisce Pilastro a Felino. La strada però, dopo pochi metri che la si imbocca, è chiusa da una serie di dissuasori in calcestruzzo. Quest’ultimi però, non fissati a terra, sono stati facilmente spostati dai malviventi che così facendo si sono aperti un varco per imboccare la provinciale che collega Pilastro a Felino e dileguarsi di conseguenza nel nulla.Sul furto stanno indagando i Carabinieri di Langhirano che stanno esaminando le immagini filmate dalle telecamere di sicurezza.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • la camola

    04 Dicembre @ 13.35

    Carcere duro e lavori forzati, anche a quelli che parlano di amnistia!!

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bar Refaeli  è di nuovo incinta

gossip

Bar Refaeli è di nuovo incinta

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Settimana di grandi classici. Con grandi sorprese Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Tenuta del Buonamico: c'è un bel Fortino,speziato ed elegante

IL VINO

Tenuta del Buonamico: c'è un bel Fortino, speziato ed elegante

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Cade per un malore: 42enne muore il giorno dopo il matrimonio

Luzzara

Cade per un malore: 42enne muore il giorno dopo il matrimonio

Delicato intervento al cervello al Maggiore di Parma: Barbara Cocconi, barista, ha lavorato a Montecchio, Boretto, Brescello

Consiglio comunale

In arrivo riduzioni per Cosap, dehor e tassa sui rifiuti

Spaccatura Pd, Torreggiani contro Dall'Olio

10commenti

Londra

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

1commento

assemblea

Zebre rugby: Pagliarini si dimette, la Falavigna presidente

polizia municipale

Incidente tra tre auto a Chiozzola: due feriti

anteprima gazzetta

Arsenale in casa per la banda che voleva rubare la salma di Ferrari

carabinieri

Maxi-sequestro di armi da guerra nel Parmense: volevano rubare anche la salma di Enzo Ferrari

I nomi dei sette parmigiani della banda

6commenti

Personaggi

Francesco Canali: "Il mio messaggio di speranza ai malati di Sla"

Il “maratoneta in carrozzina”, ha scritto un articolo per la Gazzetta, per la “sua” Gazzetta

5commenti

32a giornata

Parma-Maceratese anticipata alle 18.30 (domenica 2 aprile)

piazzale dalla chiesa

Al bar con la droga pronta per lo spaccio: fermato il pusher richiedente asilo

12commenti

saranno famosi

Langhirano: Ettore, 7 anni e la sua super batteria Video

1commento

politica

Elezioni 2017, un gruppo solo in corsa per il simbolo M5S

Solo gli "Amici di Beppe Grillo" hanno presentato richiesta entro i termini

3commenti

Incidente

Ubriaco travolge tre ciclisti

2commenti

corte dei conti

Interviste a pagamento, assolto Villani. Condannati 6 ex consiglieri regionali

2commenti

Crisi

Copador, si apre la strada del risanamento

2commenti

sos animali

Bocconi avvelenati: nuovo allarme in via Capelluti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

5commenti

EDITORIALE

L'ora della Brexit. Non sarà indolore

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

traffico

Scontro pullman-tir sul raccordo tra l'A1 e l'A14: 40 feriti

Bode

Furto del secolo a Berlino? Rubata moneta d'oro da guinness dei primati

1commento

SOCIETA'

studio

Cucina: i libri di ricette sono pieni di errori sulla temperatura di cottura

manchester

"Ingombri la strada", il ciclista s'infuria e reagisce Video

SPORT

argentina

Pesanti insulti al guardalinee(Video): 4 turni di squalifica a Messi

Il personaggio

Bassi: «Il Parma a Gubbio finalmente ha fatto il Parma»

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso si può noleggiare su Amazon

Motori

Il lusso? Oggi veste il made in Italy di Alcantara