-2°

sicurezza

Piazza della Pace: la nuova maxi rissa riaccende le polemiche

Calci, pugni e lanci di bottiglie fra una ventina di stranieri. I lettori: più controlli

Piazza della Pace: bottiglie sul prato dopo la maxi rissa
Ricevi gratis le news
62

 «Prima o poi tutti ci siamo trovasti davanti ad una brutta situazione. Ma stavolta, non scherzo, ho avuto davvero tanta paura. Perchè sarebbe bastato pochissimo perchè qualcuno si facesse molto male».

Qualcuno: ovvero un incolpevole passante, un turista di ritorno in albergo, magari un ragazzo diretto a festeggiare la sera di festa. O, appunto, la parmigiana che parla, una delle tante
testimoni di questo sabato di straordinaria violenza. Che ha trasformato piazza della Pace, e le strade vicine, in un ring.

E oltre ai pugni volavano pure le bottiglie........................Tutti i particolari sulla Gazzetta di Parma

I Nostri Borghi - Appello a prefetto, questore e sindaco

Ennesimo caso di brutalità in Piazzale della Pace nel perimetro del monumento a Verdi.
Continua la sequenza quasi infinita di violenze nelle strade che contornano questa piazza .

Luoghi un tempo di nobiltà in cui erano i Farnese a scandire il ritmo del tempo.
Oggi invece i tempi sono quelli dei pusher, dei consumatori di droghe, di violenti più o meno pericolosi, e il regno è loro incontrastato.

Nel mentre sta terminando la raccolta di firme per la petizione promossa dalla nostra associazione per fermare degrado e violenza in piazzale della Pace e via Garibaldi ,un ulteriore grave fatto di violenza, ha sconvolto, e per l’ennesima volta, la tranquillità della zona.
Sabato intorno alle 21 e 45 , una tranquilla serata di fine aprile , si è trasformato in un incubo, un ring insanguinato dove arbitri inconsapevoli alcuni inermi cittadini che si trovavano casualmente a passare sul prato verde che contorna il monumento a Verdi. Attimi di paura e di terrore per i presenti: urla, grida, pugni,calci, botte e lancio di bottiglie. I contendenti magrebini ed extracomunitari di colore.Le loro violenze sono partite dal monumento dedicato al cigno di Busseto scatenando il finimondo fino a piazzale Bodoni e via Verdi, davanti allo Stendal . Cassonetti divelti e buttati sulle autovetture parcheggiate nella zona, bottiglie scagliate contro tutto e tutti , non curanti degli innocenti passanti che terribilmente spaventati si davano alla fuga per non essere coinvolti.
Dopo minuti che sono sembrati interminabili per i presenti ,all’arrivo di due pattuglie delle forze dell’ordine, c’è stato il fuggi fuggi generale.
Solo la casualità ha voluto che non succedesse nulla di irreparabile per gli ignari presenti.

Il nostro saluto al nuovo questore era stato un saluto di grande speranza ed attenzione , ma anche di avvertimento. Ora c’è invece incredulità e delusione per quello che ancora non si è fatto per porre fine a queste continue ed insensate violenze.
Alla luce di questi fatti ci corre l’obbligo di lanciare un nuovo grido di allarme e di dolore nei confronti dei responsabili delle forze dell’ordine che hanno il dovere di tutelare la sicurezza dei cittadini .
Lo scenario sta diventando quello di una città metropolitana degradata, abbandonata al suo buio perenne, con le ombre a recitare la parte dei protagonisti..
Il centro storico che dovrebbe essere il cuore pulsante ed il punto di riferimento di vita per tutta la città ,sta diventando un terreno privilegiato per delinquenti , persone senza scrupolo e spacciatori. Uno spazio sottratto ai parmigiani e alla vita pubblica di Parma.

Arrendersi ora sarebbe facile,ma dopo anni di lotte in questo campo non possiamo certamente abdicare alla violenza, al sopruso e alla delinquenza in genere.

Chiediamo con forza al questore al prefetto e al sindaco, di mettere alla prima pagina della loro agenda di lavoro, i giusti correttivi e i doverosi interventi per zone così calde e delicate della città.

Il campanello di allarme dell’Associazione I Nostri Borghi suona ormai da anni ininterrottamente.
Il suo lamento deve far pensare, far riflettere e soprattutto agire.

Questa violenza i cittadini di Parma non la possono davvero più accettare !

Fabrizio Pallini Presidente Associazione I Nostri Borghi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Igor

    01 Maggio @ 21.26

    soliani, pizzarotti, vignali, maestri e pagliari, i politici di ieri e di oggi responsabili di questo degrado. Voi avete la colpa se le nostre strade non sono più sicure perché in mano a clandestini, baby gang di stranieri violente, centri sociali che deturpano il nostro patrimonio culturale. Fate schifo!

    Rispondi

  • Margot

    29 Aprile @ 11.56

    Meno male si chiama Piazza della Pace.

    Rispondi

  • PEPOMAN

    29 Aprile @ 08.48

    NON SE NE PUO' PIU'....BASTA CHI DICE CHE CI SONO ANCHE I BRAVI FRA GLI EXTRACOMUNITARI...MA SICURO CHE CI SONO...E INFATTI LAVORANO E NON STANNO TUTTO IL GIORNO CON BIRRA IN MANO A BIGHELLONARE....PRENDERLI E BASTONARLI. AT SALUT

    Rispondi

  • Claudio

    28 Aprile @ 22.34

    Concordo appieno con Giuliano. Basta fandonie, i cittadini vogliono fatti! E una vita cittadina degna di essere vissuta.

    Rispondi

  • giuliano

    28 Aprile @ 18.44

    Proprio per il fatto che anche alcuni dementi italiani si comportano da delinquenti non vedo il motivo per cui dobbiamo sopportare quelli di importazione. Benvenuti coloro che lavorano e rispettano le regole, le leggi e le consuetudini del paese che li ospita. Per gli altri, mi dispiace, ma non ci dovrebbe essere spazio, nè tolleranza. Capisco che il controllo non sia facile, ma si ha l'impressione che non lo si voglia applicare fino in fondo. Un esempio? Il famoso parcheggio di via Volturno. Ogni tanto appare un'auto dei vigili, o della polizia, o dei carabinieri, dall'ingresso del parcheggio; conseguenza: fuggi fuggi generale verso le altre 5 uscite fino alla scomparsa delle forze dell'ordine e l'immediato ritorno nelle postazioni appena abbandonate. Se si volesse veramente reprimere il fenomeno occorre bloccare ogni possibile via di fuga e identificare queste persone. Identica cosa in Piazzale della Pace. Serve fare capire a questi delinquenti, che Parma è per tutti, ma non è di tutti. Chi la rispetta, e con lei chi ci abita e lavora, è ben accetto, ma per chi la violenta non ci può essere posto. Giuliano.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Filippo Nardi

TELEVISIONE

Isola dei famosi: Filippo Nardi si spoglia davanti a Bianca Atzei Video

Rebel Circle al Be Movie

FESTE PGN

Rebel Circle al Be Movie Foto

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

"incidente"

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Biotestamento

L'ESPERTO

Biotestamento: come si fa a depositare le disposizioni

di Arturo Dalla Tana, notaio

Lealtrenotizie

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori

tg parma

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori. Come sarà Video

noceto

Provano con due "copioni" a truffare una 76enne: lei li fa arrestare

Montanara

Spettatore diplomato in primo soccorso salva calciatore durante la partita

1commento

Parma

Carabiniere blocca un ladro: «In divisa o no, prima viene il dovere»

1commento

FIDENZA

Non arrivava alla sua festa di compleanno: era morto d'infarto

elezioni

Salvini a Parma: "La flat tax per rimettere soldi nelle tasche degli italiani"

libri

Mago Gigo racconta Capitan Braghetta, "il supereroe che è dentro di noi" Video

parma calcio

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

Malmesi a Bar Sport: "Abbiamo fatto la nostra offerta per il Centro sportivo di Collecchio".

3commenti

BASSA REGGIANA

Brescello: trovato un furgone rubato e "depredato"

BEDONIA

Furto all'agriturismo La Tempestosa

1commento

Lutto

Addio a padre Simoncini, ultimo gesuita di Parma

incidente

Pedone investito a Ramiola

60 anni di legge Merlin

Le ragazze salvate dalla tratta

elezioni

Scuole seggio, chiuse dal 3 al 6 marzo. Per universitari fuorisede trasporti con tariffe agevolate

BORGOTARO

Addio ad Arnaldo Acquistapace

1commento

TERREMOTO

Una struttura polivalente per Accumoli con l'aiuto di Cariparma 

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Tajani l'europeista incubo di Salvini

di Vittorio Testa

1commento

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

ITALIA/MONDO

LIGURIA

Terremoto di magnitudo 2.2 a Genova: evacuate alcune scuole

San Polo d’Enza

Il “Grande fratello” incastra la banda dei salumi: denunciati in sei

1commento

SPORT

FORMULA 1

Il ritorno del "Biscione": ecco l'Alfa Romeo C37

Calciomercato

Pirlo lascia il calcio e annuncia il suo match di addio

SOCIETA'

musica

Dopo quasi 30 anni tornano i primi dischi in vinile della Sony

Altri sport

Il mondo della pallanuoto piange Roberto Gandolfi

MOTORI

NOVITA'

Mercedes Classe B Tech, quando la tecnologia è alla portata

PROVA SU STRADA

Il test: Mazda CX-5, feeling immediato