19°

criminalità: 163 arresti

"Aemilia": maxi operazione anti 'ndrangheta in regione. Arresti anche nel Parmense

Giovanni Bernini indagato. A Reggio, arrestati consigliere di Forza Italia e il padre del calciatore Iaquinta. Indagato ex autista del questore reggiano

"Aemilia": maxi operazione anti 'ndrangheta in regione. Arresti anche nel Parmense
Ricevi gratis le news
40

Raffica di arresti in tutta la regione e altrove per associazione mafiosa: 117 le ordinanze di custodia cautelare firmate dal gip e richieste dalla Dda di Bologna, più altri 46 provvedimenti emessi dalle Procure di Catanzaro e Brescia. Tra gli arrestati anche diverse persone residenti o con contatti nel Parmense. In tarda mattinata a Bologna la conferenza stampa degli inquirenti. Quello che già si sa, è che l'inchiesta ruoterebbe ancora una volta attorno al clan Grande Aracri, di origine cutrese e installato in particolare nel Reggiano. 

BERNINI INDAGATO. ARRESTATO IL BOSS BOLOGNINO Nella maxi operazione contro la 'ndrangheta, Giovanni Bernini risulta indagato per concorso esterno in associazione mafiosa. Indagato anche l'imprenditore edile Francesco Falbo. 
Arrestato il boss Michele Bolognino: è considerato il referente della 'ndrangheta per il Parmense. Sequestrato un immobile a Sorbolo. Secondo gli inquirenti, la criminalità organizzata aveva allungato le sue ombre anche sulle urne elettorali in diversi paesi fra Parmense e Reggiano.

Video TgParma - Gli arresti nel Parmense
 

REGGIO EMILIA: IN MANETTE ANCHE UN POLITICO DI FORZA ITALIA E IL PADRE DEL CALCIATORE IAQUINTA. Tra le persone coinvolte nell’inchiesta della Dda di Bologna ci sono imprenditori, professionisti, amministratori pubblici, rappresentanti delle forze dell’ordine e anche un giornalista. Lo ha spiegato in conferenza stampa il procuratore di Bologna, Roberto Alfonso. 

Il giornalista è Marco Gibertini, raggiunto da misura di custodia cautelare per concorso esterno in associazione mafiosa, il quale «metteva a disposizione del sodalizio i suoi rapporti con i politici - ha spiegato Alfonso - con l’imprenditoria e con il mondo della stampa», con interviste in tv e su un quotidiano. 

Fra gli arrestati c'è il capogruppo di Forza Italia in Consiglio comunale a Reggio Emilia, Giuseppe Pagliani: i carabinieri lo hanno da poco prelevato dalla sua abitazione di Arceto, frazione di Scandiano. Pagliani è accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. 
Ci sono anche importanti imprenditori del settore edile coinvolti nell'indagine "Aemilia", fra cui Giuseppe Iaquinta, padre del calciatore Vincenzo, arrestato nel Reggiano, e Augusto Bianchini che ha partecipato agli appalti per la ricostruzione post terremoto in Emilia, residente nel Modenese. 

FRA GLI INDAGATI, UN EX AUTISTA DEL QUESTORE DI REGGIO EMILIA. Tra gli indagati nell'inchiesta Aemilia della Dda di Bologna c'è anche Domenico Mesiano, già autista del Questore di Reggio Emilia. Mesiano risponde di associazione mafiosa e minacce. E’ lui che avrebbe fatto pressioni sulla giornalista Sabrina Pignedoli, della redazione reggiana del Resto del Carlino, per non pubblicare notizie sulla famiglia di Antonio Muto, il cui nome emerge nell'inchiesta. 

NICOLINO SARCONE FRA GLI ARRESTATI. La maggior parte degli arresti, eseguiti su misura cautelare richiesta dal sostituto procuratore della Dda di Bologna Marco Mescolini e firmata dal gip Alberto Ziroldi, sono stati eseguiti nella provincia di Reggio Emilia, dove è presente la cosca Grande Aracri, della 'ndrangheta di Cutro (Catanzaro).
Tra le persone finite in manette figurano diversi imprenditori calabresi, alcuni già noti alle forze dell’ordine, tra cui Nicolino Sarcone, considerato anche da indagini precedenti il reggente della cosca su Reggio Emilia. Sarcone, già condannato in primo grado per associazione mafiosa, è stato recentemente destinatario di una misura di prevenzione patrimoniale che gli aveva bloccato beni per 5 milioni di euro.
Il comandante provinciale di Reggio Emilia, colonnello Paolo Zito, presente durante il blitz, ha detto che l’operazione è ancora in corso, rimandando i dettagli alla conferenza stampa a Bologna. 

CUTRO PUNTO DI RIFERIMENTO DELLE COSCHE. Il «locale» di 'ndrangheta di Cutro (Crotone) stava diventando il punto di riferimento delle cosche del crotonese ed il suo presunto capo, Nicolino Grande Aracri, aveva intenzione di costituire una grande provincia in autonomia a quella reggina. E’ quanto emerge dall’inchiesta coordinata dalla Dda di Catanzaro che ha portato all’esecuzione di 37 fermi in varie regioni e che si inserisce nella più vasta operazione dei carabinieri, coordinata anche dalle Procure distrettuali di Bologna e Brescia, sulle infiltrazioni delle cosche in Emilia-Romagna, dove era operativa una cellula della 'ndrina crotonese.
«Si tratta - ha spiegato il procuratore di Catanzaro Vincenzo Antonio Lombardo - di una operazione importante perché evidenzia il ruolo che stava assumendo Cutro e che non aveva mai avuto».
A parlare delle intenzioni di Grande Aracri di costituire una grande provincia di 'ndrangheta è un collaboratore di giustizia, Giuseppe Giampà, ritenuto un boss della 'ndrangheta del lametino.
Dalle indagini è emerso anche come la cosca di Nicolino Grande Aracri, almeno sino al momento del suo arresto, avvenuto nel 2013 per una tentata estorsione ad un villaggio turistico, stesse assumendo il ruolo, essenzialmente, di punto di riferimento delle cosche di tutto il distretto giudiziario di Catanzaro - che comprende anche le province di Crotone, Cosenza e Vibo Valentia - ma con contatti anche con cosche del reggino. "Grande Aracri - ha detto Lombardo - si atteggia a capo di una struttura al di sopra dei singoli locali. E’ sostanzialmente il punto di riferimento anche delle cosche calabresi saldamente insediate in Emilia Romagna dove c'era una cellula dotata di autonomia operativa nei reati fine. I collegamenti tra Emilia-Romagna e Calabria erano comunque continui e costanti e non si faceva niente senza che Grande Aracri lo sapesse e desse il consenso».
Nel suo ruolo di «direzione», secondo quanto emerso dalle indagini, Nicolino Grande Aracri avrebbe avuto la collaborazione dei suoi fratelli, Domenico ed Ernesto, di fatto suoi emissari.

..............................................

Il comunicato della Legione Carabinieri Emilia Romagna - Dalle prime ore della mattinata, i Carabinieri del Comando Provinciale di Modena, unitamente a quelli di Parma, Piacenza e Reggio Emilia, stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Bologna, su richiesta della locale DDA, nei confronti di 117 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso, estorsione, reimpiego di capitali di illecita provenienza, riciclaggio, usura, emissione di fatture per operazioni inesistenti, trasferimento fraudolento di valori, porto e detenzione illegali di armi da fuoco, danneggiamento e altri reati, aggravati dal metodo mafioso e - in taluni casi - della transnazionalità del reato per aver agito in più di uno Stato e precisamente in Italia, Austria, Repubblica di San Marino e Germania, territori di espressione dell’attività dell’associazione stessa.

I provvedimenti scaturiscono da un’articolata attività investigativa, coordinata dal Procuratore Capo Roberto Alfonso e dal Sostituto Marco Mescolini, sviluppata su più fronti dai predetti Reparti dell’Arma emiliana e successivamente collegata, d’intesa con le rispettive Autorità Giudiziarie, a convergenti inchieste condotte in Calabria e in Lombardia. Gli esiti dell’indagine hanno consentito di delineare il quadro complessivo degli assetti organizzativi della cosca “GRANDE ARACRI”, radicata a Cutro (KR) e con estese propaggini extraregionali in Emilia Romagna e in Lombardia, tutte subordinate al boss detenuto Nicolino GRANDE ARACRI e dotate di ampia autonomia nel perseguimento dei diversificati interessi illeciti.
Le indagini hanno comprovato la capacità della consorteria di attuare una pervasiva infiltrazione del tessuto economico e imprenditoriale nei settori dell’edilizia, dei trasporti, del movimento terra e dello smaltimento dei rifiuti, tanto nel territorio d’origine, quanto nelle aree di proiezione, mediante una sistematica pressione estorsiva esercitata nei confronti di imprenditori locali e finalizzata a imporre, nella fase di esecuzione delle opere, la scelta di subappaltatori e fornitori fra quelli di riferimento dell’organizzazione criminale.
In particolare, le investigazioni hanno messo in luce gli interessi del sodalizio nei lavori collegati alla realizzazione di rilevanti interventi di riedificazione a seguito del terremoto che ha interessato l’Emilia Romagna nel 2012, ai quali le ditte mafiose hanno avuto accesso anche grazie alle cointeressenze mantenute con i titolari di un’importante azienda edile modenese assegnataria di appalti pubblici per lo smaltimento delle macerie.
Dall’inchiesta è emerso, inoltre, come i proventi illeciti delle articolazioni emiliane venivano in parte trasferiti alla cosca crotonese, mediante il metodico ricorso alla falsa fatturazione per operazioni inesistenti attuata dalle società calabresi riconducibili ai “GRANDE ARACRI”, e in parte reimpiegati in loco nell’erogazione di prestiti a tassi usurari in pregiudizio di imprenditori e nell’avvio di considerevoli iniziative immobiliari intestate a prestanome nelle province di Mantova e Parma.
Tra le attività criminali svolte dall’organizzazione, anche la ricettazione di imbarcazioni di lusso del valore di svariati milioni di euro, oggetto di appropriazione indebita commessa in Italia e reimmesse nei mercati nautici di Turchia e Croazia.
Le indagini hanno altresì appurato il tentativo dell’organizzazione di evitare le verifiche antimafia della Prefettura di Reggio Emilia e di influenzarne gli orientamenti, anche attraverso una serie di iniziative mediatiche promosse da un Consigliere di minoranza della Provincia reggiana, destinatario dell’ordinanza in esame con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa.
Contemporaneamente, i militari dei Comandi Provinciali di Crotone e Mantova stanno eseguendo, nelle rispettive province e in quelle di Cremona e Verona, decreti di fermo di indiziato di delitto emessi dalle Direzioni Distrettuali Antimafia di Catanzaro e Brescia nei confronti di 46 soggetti ritenuti responsabili, a vario titolo, dei medesimi reati, mentre ulteriori 4 ordinanze di custodia cautelare sono in corso di esecuzione dal personale della Guardia di Finanza di Cremona nei confronti di altrettanti soggetti.
E’ inoltre in corso di esecuzione un’imponente sequestro beni disposto dal GIP presso il Tribunale di Bologna su richiesta della locale DDA per un valore complessivo di oltre 100 milioni di euro.

...........................

 

I contorni dell'operazione nazionale (Ansa) - Maxi operazione dei carabinieri all'alba contro la 'ndrangheta in Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte, Veneto, Calabria e Sicilia. Migliaia i carabinieri impiegati. Centodiciassette gli arresti disposti dalla magistratura di Bologna. Altri 46 provvedimenti sono stati emessi dalle procure di Catanzaro e Brescia, per un totale di oltre 160 arresti.

A coordinare l'inchiesta, denominata 'Aemilia', la procura distrettuale antimafia di Bologna, che ha ottenuto dal gip un'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 117 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso, estorsione, usura, porto e detenzione illegali di armi, intestazione fittizia di beni, reimpiego di capitali di illecita provenienza, emissione di fatture per operazioni inesistenti ed altro. Tutti reati commessi con l'aggravante di aver favorito l'attività dell'associazione mafiosa. Contestualmente, le procure di Catanzaro e Brescia - in inchieste collegate - hanno emesso altri 46 provvedimenti di fermo per gli stessi reati. Imponente lo schieramento dei carabinieri impiegati, anche con l'ausilio di elicotteri, in arresti e perquisizioni. In Emilia, sottolineano gli investigatori, la 'ndrangheta ha assunto una nuova veste, colloquiando con gli imprenditori locali. I dettagli dell'operazione saranno resi noti in una conferenza stampa in programma alle 10:45 presso la procura di Bologna, alla presenza del procuratore nazionale antimafia, Franco Roberti. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • lol

    01 Febbraio @ 12.00

    michele anche il ladro che ti ruba i soldi in casa ci paga le tasse, cosa cambia? almeno vivi tranquillo durante la giornata, il ladro esce dopo poco tempo dal carcere, il mafioso ci sta un po di più. O dico fesserie? e tranquillo che i tuoi commenti son degni di complimenti quanto i miei, non ti preoccupare. Appigliati a qualcos'altro, e cita anche che lo stato i soldi pubblici se li riprende, a te se ti rubano 1000 euro ti resta solo la denuncia, e lo stato se ne frega. Punti di vista diversi. A te invece alle elementari non hanno insegnato che non si fa di tutta l'erba un fascio? facciamo solo una guerra tra poveri, scaricando colpe. "Maurizio 30 January @ 19.24 Ci sono parmigiani che negano negano negano e non sono diversi da quelli del sud che negano oppure che danno la colpa ad altri, quello potresti essere tu". È veramente tempo perso con te Michele.

    Rispondi

    • Michele E

      01 Febbraio @ 21.33

      Siamo d'accordo, tra noi è veramente tempo perso. Speravo mi dicessi "sì, sono un mafioso", ma se tu rappresenti la società civile siamo (SIAMO!) veramente spacciati, i tuoi ragionamenti - "fesserie" è sminuente - sono davanti agli occhi di tutti, sei fortunato che ben pochi andranno indietro a cercarli.

      Rispondi

  • Michele E

    01 Febbraio @ 08.31

    lol 31 January @ 12.37 "Tra il mafioso che ruba soldi pubblici che poi lo Stato si riprende, ed il ladro che ti può dare una coltellata e ti stupra la casa prendendo i tuoi averi di una vita, scelgo quello che per me è il male minore.", cioè il mafioso, che notoriamente ruba i soldi pubblici perchè non vede l'ora di pagarci le tasse, neanche Robin Hood arrivava a tanto. Che dire: complimenti!

    Rispondi

  • marirhugo

    29 Gennaio @ 23.37

    ci sono tante brutte notizie, o conseguenze in queste vicende; se io da queste notizie vengo a sapere, perche' lo sento dire e lo leggo che pezzi interi dell'economia sono nella mani della criminalita organizzata, devo dire che e' una bella notizia? se la casa va a fuoco vengono i pompieri e provano a spegnerlo, ma intanto la casa sta bruciando.

    Rispondi

  • marirhugo

    28 Gennaio @ 23.17

    Intanto questo articolone sul sito, invece delle solite 3 righe che rimandano al giornale. Sembra che la notizia sia importante ma che allo stesso tempo non lo sia. Ma ho un problema: il fatto che abbiano arrestato 160 persone di una mattina e' una bella notizia o una brutta notizia? se io in una mattina dovessi ammazzare 160 piattole a ciabattate devo essere contento o infelice?

    Rispondi

    • Michele E

      29 Gennaio @ 10.41

      Se tu sei abituato a vivere tra le piattole e ti va bene così questi arresti sono solo un fastidio inutile, per me che mi lavo un po' di più sono un buon inizio di disinfestazione. Peccato che molte nostre leggi siano fatte a favore di delinquenti e mafiosi (in parlamento ci sono arrivati ben prima che in consiglio a reggio emilia) e molti di questi fra 10 anni saranno ancora liberi per questo, questo e quest'altro motivo.

      Rispondi

    • filippo

      29 Gennaio @ 08.46

      Per me è una bella notizia, per te. che in questo sito difendi da sempre i delinquenti ( e li difendi 2 volte se sono africani) forse non lo è

      Rispondi

      • marirhugo

        29 Gennaio @ 23.09

        se io gli do del ......, spero che non la censuriate dopo che gli avete permesso di scrivere che uno "difende da sempre i delinquenti". soprattutto un squallida canaglia.

        Rispondi

  • gian luca

    28 Gennaio @ 19.39

    Speriamo in processi celeri e condanne esemplari, un plauso alle forze dell' ordine, estirpiamo la mala pianta con ogni mezzo possibile.... chiedo aiuto alla redazione ma bernini non era già finito sotto inchiesta per contatti con i casalesi?

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Parma - Entella 3 - 1: fai le tue pagelle

10' GIORNATA

Parma-Entella 3-1: fai le tue pagelle

Lealtrenotizie

incidente mortale

sorbolo

Pedone investito nella notte in via Mantova: muore un 60enne

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

6commenti

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

TUTTAPARMA

Le «sóri caplón'ni», angeli in corsia

NOVITA'

D'inverno al cinema: ora a Fidenza si può

Progetto

La biblioteca a San Leonardo? Tutti la vogliono

COMUNE

Guerra: «Capitale della cultura, ecco perché possiamo farcela»

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

30commenti

POLITICA

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale

Batte Moroni con il 59% dei voti. Michele Vanolli nuovo segretario cittadino. Le congratulazioni di Pagliari

2commenti

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

GAZZAREPORTER

"Parcheggio inadeguato in via Jacchia"

Foto del lettore Andrea

SALSOMAGGIORE

Ubriaco alla guida, si schianta e aggredisce i carabinieri: arrestato dominicano

L'uomo, pregiudicato, aveva un tasso alcolemico di 1,90 g/l

1commento

FOTOGRAFIA

IgersParma compie 4 anni: ecco le novità e i consigli per usare Instagram Video

PARMA CALCIO

Insigne e un gol con dedica speciale Video

L'autore del terzo gol dei crociati nella partita con l'Entella dedica la sua rete alla figlia

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il caso Asia Argento: le vittime e i colpevoli

di Filiberto Molossi

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Autonomia

Referendum: il Veneto supera il quorum

REGGIO EMILIA

Quattro Castella: 26enne muore schiacciata dal suo trattore

SPORT

FORMULA 1

Hamilton trionfa: le mani sul Mondiale. Vettel 2°. Colpo di scena, Raikkonen sul podio

rugby

Italia in raduno a Parma. Iniziata la stagione 2017/18

SOCIETA'

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro