20°

36°

Polizia

La merce sparisce: due cassieri denunciati

La merce sparisce: due cassieri denunciati
Ricevi gratis le news
0

Nei giorni scorsi il direttore di un supermercato in città, si è recato negli Uffici della Squadra Mobile ove ha presentato denuncia di furto in quanto, da alcune verifiche, erano emersi vari ammanchi di prodotti.
I successivi controlli effettuati con cadenza pressoché giornaliera, avevano consentito di appurare che le quantità di articoli asportati erano minime e costituite da articoli alimentari come pane, salumi affettati, latte ecc. che, comunque, nel tempo avevano arrecato un danno economico di circa 1.500 euro.
Gli investigatori della Sezione Antirapine hanno quindi effettuato alcune verifiche constatando che gli ammanchi si concentravano in alcuni giorni ove era sempre la solita cassiera ad effettuare la chiusura del locale.
A quel punto gli investigatori dell’antirapina hanno individuato l’autovettura della cassiera sospettata nel parcheggio del supermercato e l’hanno attesa alla fine del turno di lavoro serale.
La donna, che giungeva alla propria autovettura con una cesta d’acqua in mano, veniva fermata ed alla richiesta di esibire il contenuto della propria borsetta, estraeva da essa due confezioni di prosciutto affettato ed una di pane.
Alla richiesta di esibire lo scontrino fiscale della merce in argomento, la donna subito riferiva di averli regolarmente pagati dopo averli acquistati al termine del turno di lavoro.
Effettuata la verifica nel registratore di cassa è emerso che nessuno scontrino corrispondeva, per importo e tipologia di merce, agli articoli in possesso della cassiera la quale, in seguito, ammetteva le proprie responsabilità cercando di minimizzare l’accaduto.
R.C. veniva accompagnata presso gli Uffici della Squadra Mobile ed indagata in stato di libertà per il reato di furto aggravato continuato. Gli articoli alimentari rubati son stati restituiti al direttore del supermercato.

Dopo alcuni giorni il direttore di un altro supermercato si è presentato sempre presso la Questura ove ha sporto denuncia in quanto, il personale di vigilanza della COOPSERVICE aveva notato alcune situazioni sospette riguardanti una cassiera del supermercato. In particolare era stato notato che alcuni clienti sudamericani, dopo aver prelevato i prodotti in esposizione, si dirigevano sempre dalla stessa cassiera assumendo un atteggiamento sospetto.
Il personale di vigilanza aveva in seguito effettuato una verifica constatando che vi era una notevole discrepanza tra il numero di articoli notati all’interno del carrello dei clienti sudamericani e quelli presenti sulla copia dello scontrino fiscale presente presso la cassa in argomento.
Gli investigatori della Sezione Antirapine, informati al riguardo, prendevano contatti con il personale di vigilanza ed il direttore del supermercato per essere informati in tempo reale di eventuali situazioni analoghe.
Infatti, dopo pochi giorni, si è ripresentata la medesima scena dei giorni precedenti.
Un cliente sudamericano col carrello pieno di merce si è recato alla cassa ove era in servizio la stessa cassiera e dopo aver pagato col bancomat si è diretto verso il parcheggio ove è stato poi fermato dalla guardia Giurata della COOPSERVICE e dagli investigatori dell’Antirapina.
A richiesta di esibire lo scontrino fiscale della merce che aveva nel carrello, il sudamericano dichiarava che lo aveva la moglie che si era già allontanata.
La perquisizione effettuata in seguito ha permesso di rinvenire in tasca dello stesso lo scontrino fiscale per un importo di circa 22 euro, rilasciato poco prima dalla cassiera che, guarda caso, non contemplava il pagamento di un televisore e di vari articoli presenti nel carrello.  Infatti dei 28 articoli presenti nel carrello solo 6 erano stati fatti pagare e, pertanto a fronte di una spesa di 303 euro ne erano stati pagati solamente 22.
Alla contestazione, lo straniero riferiva di aver pagato col bancomat e, pertanto, di non aver fatto caso all’importo richiesto dalla cassiera. A richiesta, il cliente dichiarava di non conoscere la cassiera in argomento.
Le indagini effettuate dagli investigatori dell’Antirapina hanno documentato un rapporto di parentela tra il cliente e la cassiera che non aveva fatto pagare la maggior parte degli articoli acquistati.
Sono emerse altresì numerose contraddizioni tra quanto dichiarato dalla cassiera e quanto dichiarato dal cliente sudamericano.
Il personale del servizio di sicurezza del supermercato ha poi fornito le registrazioni delle telecamere di sorveglianza.
Incrociando l’analisi delle registrazioni video e le successive verifiche contabili hanno permesso di evidenziare le responsabilità della cassiera anche in altre due occasioni.
Infatti, una prima volta lo stesso cliente sudamericano ed in un’altra occasione un suo connazionale, avevano usufruito delle “distrazioni della cassiera”. Per quanto emerso la cassiera S.M è stata indagata in stato di libertà per furto aggravato continuato come anche il cliente sudamericano A.A.J.A.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana

tg parma

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana Video

AMICHEVOLE

Stasera il Parma affronta l'Empoli al Tardini

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

10commenti

METEO

Temporali, vento e caldo domani in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

PASIMAFI

Scandalo sanità, no alla libertà per Fanelli

1commento

fontevivo

Nuovo guasto e allagamenti, il sindaco Fiazza: "Chiederemo risarcimento" Video

bassa reggiana

Violenza sessuale su un minorenne disabile: revocati i domiciliari al 21enne

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

tg parma

Ricordato il sacrificio di Charlie Alfa Video

BORGOTARO

Diawara forse ucciso da un malore?

MONCHIO

«Mi vuoi sposare»? Sorpresa alla sagra

Università

Preso lo scassinatore seriale dell'ateneo

1commento

Sissa

Moto, i centauri disabili tornano in sella grazie a Pattini

viabilità

Tangenziale sud: partono i lavori (e i possibili disagi)

Lavori in corso

Tutti i cantieri nelle strade della città

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

barcellona

Due italiani tra le vittime. Bruno ucciso per proteggere i figli. Caccia a Moussa

Turku

Attacco in Finlandia: un morto e 8 feriti

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

gazzareporter

Limiti di velocità... al Parco Ducale Foto

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti