-2°

Arte-Cultura

Giulio Signori: «Vi racconto la sua rivoluzione»

Ricevi gratis le news
0

 Giulio Signori, lei ha scritto con Paola Mo «Abbasso Brera, Viva Brera. Una vita contro». Perché «contro»?
«Perché la sua vita è stata così. Ha cominciato a essere “contro” quando è stato costretto – dal suo desiderio di indipendenza e di autonomia – a lasciare la direzione della “Gazzetta dello Sport”. Il direttore amministrativo lo aveva accusato di essere un agente al servizio dell'Urss perché aveva fatto un titolo a quattro colonne per una grande vittoria di Vladimir Kuts. Lui ha sbattuto la porta e se n'è andato. Questo era Brera. Io avrei voluto aggiungere, come sottotitolo, “come si diventa ciò che si è”: mi sembrava perfetta per Giovanni. Ma non era possibile, dato che era già stata usata da Nietzsche per “Ecce homo”. Una frase degna di quel genio che era».

Come ha conosciuto Gianni Brera?
«Un giorno che è venuto nella redazione di “Sport informazione”, l'agenzia dove io lavoravo. Era il '55. Aveva in mano l'originale di un pezzo su Rocky Marciano: l'ultimo che aveva scritto dopo il suo lungo viaggio negli Stati Uniti, quando se n'era andato dalla “Gazzetta”. Doveva dettarlo al “Messaggero” e ha affidato a me l'incarico. Voleva darmi mille lire, che corrispondevano a una mia giornata di lavoro in agenzia: io gli ho detto che mi bastava aver letto per primo quel pezzo e che ero più che compensato da questo».

Poi è diventato quasi un fratello, per lei.
«Abbiamo lavorato tanti anni insieme, ho passato con lui non so quante serate. Non abbiamo mai e poi mai avuto uno screzio, un diverbio: non dico occasioni di litigare. Aveva una grande generosità d'animo, non dimenticherò mai i valori umani che aveva dentro di sé».
 

Quando aveva cominciato a leggerlo?
«Quando era alla Gazzetta dello Sport. Puntualmente, ne ero rimasto affascinato: per la sua capacità di portare nuove idee attorno allo sport. I suoi pezzi non erano il solito “compitino” degli altri: avevano qualcosa di diverso, di nuovo. Anche se non aveva ancora raggiunto quella felicità di linguaggio, che sarebbe arrivata qualche anno più tardi».
Ma aveva già cominciato la sua rivoluzione nel giornalismo sportivo. La tecnica prima di tutto.
«Certo. Giulî, mi raccomando la tecnica, mi diceva sempre. Qualunque sport, ci ha insegnato, può essere interessante, se descritto con competenza. Offrire in modo piacevole una spiegazione tecnica a fatti che all'osservatore superficiale potevano sfuggire: questo era l'imperativo».

E faceva scrivere i grandi campioni. 
«Altra sua invenzione. Peppin Meazza che scriveva di calcio, Edoardo Mangiarotti di scherma, Learco Guerra e Alfredo Binda di ciclismo, Annibale Frossi di calcio».

Oggi «contro» cosa si batterebbe, il Gioânn?
«Due cose soprattutto: la moviola e quella finta religione inventata di recente che è l'ecologia».

Perché la moviola?
«Semplice, perché esime quelli che una volta erano i critici del calcio dall'interpretare i fatti in senso tecnico, riducendoli ad attribuire l'esito della partita a un errore di un arbitro. E' una cosa assurda, che va contro lo spirito stesso del gioco: il calcio non può fare a meno di avere un giudice con un potere discrezionale inappellabile».

E l'ecologia?
«Perché sfrutta le paure per imporre un punto di vista. Come quando Sant'Ambrogio aveva terrorizzato l'imperatore Teodosio, minacciandolo delle pene infernali più orrende se non avesse abolito le Olimpiadi. La paura è sempre stata sfruttata per assumere un potere. Del resto, Freud lo ha scritto: per un briciolo di sicurezza in più l'uomo è disposto a rinunciare alla sua libertà e ai suoi diritti».

Sarebbe «contro» anche il giornalismo sportivo di oggi?
«Sicuro. Brera ha inventato la critica calcistica. Oggi chi la fa? Nessuno. Tutti restano in superficie».c.r.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

1commento

Chef Gino

LO STRAJE'

Chef Gino: "Così invoglio le famiglie a stare insieme in cucina" Video

2commenti

Luca Tommassini nuovo direttore artistico di Amici

tv

Luca Tommassini nuovo direttore artistico di "Amici"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Domani speciale su cani, gatti & Co.

Lealtrenotizie

Rubano alcune lanterne dai tavolini di un ristorante di via Mameli

Via MAMELI

Rubano alcolici per rivenderli ai ragazzi in centro: arrestato 27enne marocchino, fuggito il complice

Il malvivente è stato fermato da un carabiniere libero dal servizio

1commento

PARMA

In stazione con un motorino rubato: denunciati un 20enne e un 17enne

I ragazzi abitano a Solignano

CULTURA

Parma capitale 2020: «Evviva! E ora tutti al lavoro senza perdere tempo»

I giudizi del comitato scientifico

1commento

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

Cambio vita

Andrea, da Bogolese al giro del mondo

Calcio

Quanti problemi dietro la disfatta

PARMA

Eramo, Lavagetto e Pezzuto: "Niente sala civica per Forza Nuova, bastava modificare il Regolamento"

FIDENZA

Addio a Graziella, per 40 anni impiegata all'Aci

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

Scuola

Diritto alla disconnessione per i docenti: opinioni a confronto

2commenti

Addio

Leo Landolfi, il medico napoletano che amava Parma

VIABILITA'

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

PARMA

L’anteprima di “Benvenuti a casa mia”: al cinema gratis con la Gazzetta

Il nostro giornale mette a disposizione 25 inviti per due persone

politica

Agenda elettorale: oggi Renzi a Parma, domani Salvini a Busseto e Traversetolo

INTERVISTA

Da Parma alla Norvegia: "Alle isole Lofoten, alci a passeggio fra le case..." Video Foto

Giovanni Garani spiega le emozioni del suo viaggio in Norvegia assieme a Fabio Fornasari

BABY GANG

Poliziotti e vigili: ragazzi sotto stretta sorveglianza in via Cavour

20commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Riuscire a lamentarsi anche quando si vince

di Michele Brambilla

7commenti

LA PEPPA

La ricetta - Ciambelline ricotta e arance

ITALIA/MONDO

scienza

Creato negli Stati Uniti un embrione ibrido pecora-uomo

PALERMO

Facevano prostituire la figlia di 9 anni: arrestati i genitori e due clienti

1commento

SPORT

calcio

Galliani: "Li insolvente? No, ha presentato le credenziali"

olimpiadi

L'atleta russo di curling Krushelnitckii è positivo al doping: aperta una procedura

SOCIETA'

youtube

Otto ore di volo col bimbo che urla «indemoniato»

1commento

social

Tenta di speronarlo in autostrada (come nei film) ma... Video

MOTORI

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto

PROVA SU STRADA

Giulia, al volante di una vera Alfa