21°

35°

Arte-Cultura

«Guerra e pace», capolavoro contro la vanità della gloria

Ricevi gratis le news
0

Sergio Caroli


«Voglio scoprire cos’è la felicità e che cosa valga invece la sofferenza. E voglio scoprire perché gli uomini vanno in guerra e che cosa provano davvero in fondo al cuore quando essi pregano Dio. E voglio scoprire cosa uomini e donne sentano quando dicono di amare e quanti peccati facciamo e quanta gente inganniamo e perché tutto finisce nella morte».
L’essenza umana e poetica di «Guerra e pace» - la più grande opera della narrativa russa e una delle più alte della letteratura d’ogni epoca - pare raccogliersi in questi enigmi che Tolstoj affida alla gaia tenera appassionata Natasha Rostova, la creatura più delicata e forte del romanzo. Accanto a lei centinaia di personaggi, prigionieri di eventi che sfuggono al controllo del singolo. Ma se la grande Storia trascende ogni individualità - mai prima di Napoleone la guerra aveva conosciuto dimensioni tanto vaste e sanguinose, la coscrizione obbligatoria avendo trascinato nella carneficina interi popoli - nel cataclisma che travolge l’Europa tra il 1805 e il 1812 sono i singoli destini a conferire valore all’esistenza come alle sventure: ogni presenza umana è centro di cristallizzazione di senso e di sacralità.
Vano è cercare in «Guerra e pace» personaggi principali e secondari, come pure una gerarchia di ambienti sociali e di valori: Natasha il giorno del suo primo ballo merita la stessa considerazione di Napoleone all’alba di Austerlitz. La natura fortemente unitaria del romanzo non consente personaggi avulsi dal contesto storico della narrazione. Dipingendo i caratteri con balzante scultoreità e dotandoli di pulsante nervatura interiore, Tolstoj, che tra il 1863 e il 1869 riscrisse – per ben sette volte! – il romanzo, bandisce qualsiasi forma di compiacimento psicologistico di ritrattista. E’ stato scritto che «Guerra e pace» rappresenta solo il mondo dell’aristocrazia. Ma forse che contadini e soldati senza nome vi sono assenti? Forse che soldati russi non si mettono a chiacchierare con i soldati francesi dall’altra parte della trincea, scambiandosi insolenze e saluti? Certo, famiglie nobili sono al centro dell’immenso affresco, ma nell’impero degli zar solo l’aristocratico, godendo di libertà, poteva influire sul proprio destino. Ne consegue che a rappresentare la redenzione umana potevano essere solo personaggi che avessero la possibilità di determinare in qualche modo la propria sorte.
Se i contadini poveri, come lo stesso Tolstoj li rappresenta, erano coscienze incatenate a un dispotismo che affondava le proprie radici nel buio dei secoli, a finire in macerie è, per contrasto, il mito del «Grande uomo», rappresentato da Napoleone. Di contro «la figura semplice, modesta e perciò grandiosa di un Kutuzov – scrive Tolstoj – non poteva entrare in quella forma menzognera dell’eroe europeo che, apparentemente, comanda agli avvenimenti, e che non è altro che un’invenzione della storiografia».
Alla concezione hegeliana della storia, fondata sulla fiducia nelle sorti progressive dell’umanità, e a quella volontaristica, lo scrittore russo oppone un fatalismo vitalistico che nelle pulsioni impenetrabili del popolo individua la ragione ultima della storia e conseguentemente attribuisce al popolo stesso un ruolo decisivo sul palcoscenico delle vicende umane. L’anima dello scrittore si riflette in parte in due figure maschili di alta moralità: il principe Andrej Bolonskij e Pierre Besuchov. Se il primo, uomo d’azione energico e volitivo, ferito ad Austerlitz, legge nel cielo che sovrasta il campo di battaglia - «un alto cielo, non chiaro, ma tuttavia immensamente alto, con nuvole grigie che salivano in silenzio, strisciando» -  la vanità della gloria terrena e l’inconsistenza del suo mito, Napoleone, e attinge con la morte alla purificazione spirituale nella fede cristiana, il secondo, debole e tormentato, dapprima sedotto dai valori fatui rappresentati dalla bella e vanitosa Hélène Kuragina, porta in cuore un incoercibile anelito di ricerca spirituale, che giunge all’apoteosi nell’incontro con Platonov Karatev, il soldato-contadino. Da lui Pierre riceve il messaggio di accettazione della vita, l’amore per gli altri, la non resistenza al male.  In «Guerra e pace» un misterioso panteismo percorre l’universo della campagna:  un’omerica serenità contempla uomini ed eventi mentre la prosa fluisce in ritmo lento e solenne come le acque di un immenso  fiume. «Tolstoj – ha scritto Leone Trotskij – non toccherà mai un bocciolo per dispiegarne con forza i petali, lascia che si aprano lentamente al calore del sole». Neppure per un istante gli sfugge dalle mani la trama che lega esistenze senza numero. Vi troviamo anche Napoleone, rappresentato come essere umano: il poeta ne penetra i pensieri, analizza quanto il suo mal di stomaco abbia influenzato le sue strategie belliche, ne dipinge la grandezza e ne irride la meschinità, mostrandolo davanti a migliaia di cadaveri sparsi sul campo di battaglia posseduto solo dalla sua brama di gloria. 
La guerra è la fase in cui il barbarismo latente sotto la scorza della società civilizzata irrompe con l’impeto di un uragano, mostrandoci che procediamo ancora a quattro zampe.  Ma quando una cieca violenza possiede il mondo, il singolo può rivelarvi la dolente vicinanza con la propria nuda essenza. Ecco perché in qualsiasi temperie storica – di pace o di guerra non importa – «Guerra e pace» è assai più di un romanzo. E’ una sinfonia di voci che anelano a rintracciare senso e verità in quella caotica congerie di realizzazioni materiali, di costumi, di abitudini e di pregiudizi che prende nome di civilizzazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

D'Alessio-Tatangelo, "siamo in crisi"

gossip

D'Alessio-Tatangelo ammettono: "Siamo in crisi"

Usa, morto John Heard

STATI UNITI

Trovato morto l'attore John Heard ("Mamma ho perso l'aereo") Video

Enrica Merlo, libero della Savino Del Bene Scandicci

SPORT

Enrica Merlo fra pallavolo e beach volley: "Gioco perché mi diverto" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzareporter: premiata lettrice "cronista di strada"

CONCORSI

Gazzareporter: manda le tue foto e "cartoline" e vinci

Lealtrenotizie

Schiacciato dal muletto: muore un 74enne

gaione

Schiacciato dal muletto: muore l'imprenditore Alberto Greci

Aveva 74 anni

1commento

Incidente

Carro attrezzi e furgone si scontrano sull'Asolana

polizia

Trova online passaggio in auto fino a Parma: studentessa molestata

5commenti

carabinieri

Con la scusa di un selfie rapina studente in via D'Azeglio: arrestato

8commenti

BASSA

Un uomo scompare nel Po: ricerche in corso

Disperso un uomo originario del Parmense

MASSACRO

Solomon, decine di colpi sui corpi anche dopo la morte

PARMA CALCIO

Lucarelli "interrogato" dai tifosi: "Quando scegli con il cuore non sbagli mai" Video

Il capitano conferma: ultimo anno nel calcio giocato ma "l'importante è esserci, l'ho voluto per mille motivi"

VARANO

Mangiano pollo avariato, studenti intossicati

polizia municipale

Autovelox, speedcheck e autodetector: i controlli della settimana

1commento

autostrada

Frana tra il casello di Parma e il bivio A1-A15

Testimonianze

Notte di paura per i parmigiani a Kos

tg parma

Identificato l'aggressore che ha colpito un 47enne a forbiciate Video

1commento

Siccità

Vietato lavare le auto e innaffiare i giardini attingendo dall'acquedotto nel Bercetese

Ordinanza del Comune per limitare l'uso di acqua

Inchiesta bollette

Luce, acqua e gas: storie di ordinaria vessazione

Fortuna

Fidentino gratta e vince 100 mila euro

traversetolo

«Insieme abbiamo salvato il nostro condominio»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La lezione di papà Fred Video-editoriale

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Podere Lavinia», tutto il buono della carne

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

San Teodoro

Donna uccisa durante una vacanza in Sardegna: il fidanzato confessa

METEO

Ancora caldo africano ma da lunedì temperature in calo

SPORT

Auguri capitano

Parma, il Parma, la famiglia: i 40 di Lucarelli

1commento

PARMA

I nuovi acquisti crociati: il portiere Michele Nardi e l'attaccante Marco Frediani Video

SOCIETA'

IL DISCO

Deep Purple, dal Giappone con furore

CINEMA

A Firenze la "temutissima" Coppa Cobram per ricordare Paolo Villaggio

MOTORI

NOVITA'

Opel Insignia GSi, berlina per veri intenditori

MERCEDES

Classe X, la Stella attacca il segmento dei pick-up