16°

Arte-Cultura

Gesù visto due volte

Gesù visto due volte
0

di Pier Paolo Mendogni

La Pinacoteca di Brera a Milano celebra i suoi duecento anni di vita con una serie di iniziative legate alla storia dell’istituzione. E’ stata inaugurata il 15 agosto 1809, giorno del compleanno di Napoleone, in quattro sale dell’Accademia di Belle Arti con un patrimonio di 139 dipinti, che sono rapidamente aumentati. Fra le varie vicende legate alle acquisizioni un particolare significato ha avuto l’acquisto tra il 1939 e il '40 ad opera degli Amici di Brera della «Cena di Emmaus» del Caravaggio di proprietà del marchese Patrizi di Roma, avvenuto grazie al provvidenziale intervento dell’ex soprintendente di Milano Ettore Modigliani che, pur allontanato in seguito alle leggi razziali, ha scritto in privato una lettera al ministro dell’Educazione nazionale Giuseppe Bottai, col quale aveva un buon rapporto di reciproca stima, per sostenere l’importanza che il dipinto aveva per la Pinacoteca e la cultura italiana.

Oggi la «Cena di Emmaus», eseguita da Michelangelo Merisi nel 1606, inaugura le manifestazioni del bicentenario con un significativo confronto con la prima «Cena di Emmaus» dipinta dal Caravaggio nel 1601 e custodita nella National Gallery di Londra. Una piccola ma illuminante rassegna (fino al 29 marzo) che comprende pure altre due tele giovanili e si intitola «Caravaggio ospita Caravaggio»; è stata curata da Mina Gregori e Amalia Pacia: a quest’ultima e a Valentina Maderna si deve il catalogo Electa.Il «Ragazzo con il canestro di frutta» è stato realizzato nei primissimi anni romani. Nell’Urbe Michelangelo Merisi è giunto nel 1592, ventunenne, e non si conosce il motivo per cui abbia abbandonato Milano anche perché si ignora come abbia trascorso gli anni tra la fine del 1588, allorché ha concluso il suo apprendistato presso Simone Peterzano, e il suo trasferimento romano. A Roma è entrato subito nella bottega del Cavalier d’Arpino rimanendovi per un anno e verso la fine del 1593 ha cominciato a produrre in proprio. A questo periodo si collega il «Fruttarolo» che stupisce per la fresca bellezza naturalistica della rigogliosa frutta, collocata per la prima volta in un canestro di vimini. Il tema costituiva una novità per l’ambiente romano così come l’ambigua espressione sensuale del giovane.

Una sensualità omoerotica che si accentua nel «Concerto», ritenuto il primo quadro eseguito per il cardinal Del Monte, nella cui dimora di Palazzo Madama si era accasato l’artista nel 1595. Commovente il confronto fra le due «Cene». Quella londinese risuona ancora di accenti giovanili nella bellissima cesta di frutta in bilico sul bordo del tavolo e ricca di significati allegorici, nella brillante vivacità dei cibi, dei bicchieri, della bottiglia col vino bianco e del vasellame scanditi nel candore della tovaglia, nella luce che dà sostanza ai volti, ai gesti calamitati dalla mano benedicente del Cristo giovane e imberbe perché risorto nella nuova vita d’eterna incorruttibilità. La «Cena» di Brera, di cinque anni dopo, è pervasa da un’atmosfera più raccolta, interiormente più intensa. Sulla tavola disadorna spiccano due rustiche pagnotte e la brocca del vino rosso. La luce rossastra squarcia l’oscurità mettendo a nudo i tribolati volti dei presenti e l’umanità del barbato Cristo maturo, compreso nella solennità del gesto che sta per compiere: la donazione di se stesso per la redenzione dell’umanità. Caravaggio è già incamminato sulla strada di quelle dolenti, magiche tensioni che caratterizzeranno tante sue opere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

calestano

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Alberi, sequestrata una struttura per anziani

INCHIESTA

Alberi, sequestrata una struttura per anziani

L'ALLARME

Droga, a Parma ogni anno 400 segnalati alla Prefettura

Scomparso

«Benito, come un padre per tanti di noi»

La traversata

Quei velisti con Parma nella cambusa

Amarcord

Prati Bocchi, 67 anni di amicizia

Mercati esteri

Sicim, tris di commesse per 200 milioni di dollari

Langhirano

E' morto Pierino Barbieri

La pagella

Monticelli? Mancano spazi per i giovani

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

svariati casi a Parma

Ed ecco servita la truffa degli estintori (per i negozi)

1commento

il fatto del giorno

Droga, i numeri dell'emergenza Video

L'anteprima sulla Gazzetta di domani

1commento

in mattinata

Scippa in bici l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

6commenti

Parma

Altri due incidenti questa mattina: quattro schianti in poche ore

1commento

INCHIESTA

Strada del Traglione: un viaggio nel degrado

8commenti

ieri sera

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita Foto

3commenti

crisi

Copador, settimana decisiva

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

MILANO

L'Italia della moda si ferma per Franca Sozzani Video

AREZZO

18enne uccide il padre: "Era quello che dovevo fare"

SOCIETA'

IL CASO

Cappato (che rischia 12 anni di carcere): "Dj Fabo è morto"

6commenti

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

SPORT

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia