Arte-Cultura

Mario Soldati: la gioia del narrare

Mario Soldati: la gioia del narrare
0

Giuseppe Marchetti

Il secondo Meridiano Mondadori riservato a Mario Soldati, a cura di Bruno Falcetto, comprende «Romanzi brevi e racconti», certamente la parte più viva della sua produzione narrativa, una parte, inoltre, che non approfonditamente valutata nei decenni passati, si rivela, invece, adesso di tenacissima modernità, anzi classicità. Nel primo Meridiano che uscì nel 2006 erano raccolti i «Romanzi», cioè i cinque più ampi affreschi ai quali Soldati affidava la dimensione della «lettura» del proprio tempo sullo sfondo di una fresca e motivatissima tramatura autobiografica.
Ora, lo spettro di luce si sposta in una trasposizione frantumata di mille segmenti diversi a proiettare e a definire il mondo soldatiano, il mondo di questo nostro stendhaliano del Novecento che cerca di afferrare e di possedere la realtà da molti punti di vista: il giornalismo, il racconto, la testimonianza di viaggio. il cinema e il teatro documentario. Soldati è stato narratore dalla produzione sterminata, ha scritto per decenni instancabilmente annotando ora la più trita e quotidiana realtà, ora immergendosi - da «Salmace» del '29 a «Rami secchi» dell'89 - in quella di una sovrana ispirazione drammatica con il gusto della «mescolanza» (Falcetto) e della misteriosa ambiguità che affligge cose e persone, sentimenti, idee, decisioni e vizi dentro «L' idea elastica» (Falcetto) dell'esistenza . «Romanzi brevi e racconti» è, forse, lo zoccolo centrale, il torsolo attivo dell' opera soldatiana, il motore centrale di un corredo emblematico dei sensi cui lo scrittore guarda dalla specola di racconti indimenticabili, «La verità sul caso Motta», «A cena col commendatore», «Storie di spettri», «I racconti del maresciallo», «55 novelle per l'inverno», «44 novelle per l'estate», « La casa dei perché», «Rami secchi». Per Soldati, raccontare è un  piacere che nasce dall'osservazione più scrupolosa e disincantata, pare che non inventi nulla,  ma la sua è, invece, in gran parte proprio una invenzione delicata e travolgente del dato fisico che la vita gli offre, la seduzione e la tentazione del presente in continuo confronto con il passato, anzi col ricordo di un passato ineliminabile. E senza cadere «mai in quel conformismo neorealista in cui si sono aperte o vanno spegnendosi tante belle speranze» - scriveva Emilio Cecchi.
Confessava, lo scrittore, di aver amato «sempre troppo la vita», e gli si deve credere perché tutta la sua opera è qui ancora a dimostrarlo chiaramente. Specialmente questi «Romanzi brevi e racconti» che possiedono il fascino di una scrittura aderentissima ai fenomeni e alle esperienze di mille ambienti e atmosfere ricalcolando senza sosta lo sperimentalismo soldatiano nella sua forma più scanzonata e avvincente: ma - si badi bene - uno sperimentalismo che muove dal grottesco e dal patetico con identica capacità da stupire e quasi di trascinare il lettore verso considerazioni morali di meditata attualità. «Le due città» (1964) è in questo senso un lampante esempio e un libro diverso molto da tutti quelli che l'avevano preceduto e che lo seguirono.
 Sta di fatto che l'eclettismo di Soldati, il suo sorprendersi e il nostro compiaciuto sorprenderci s'incontrano mettendoci a nostro agio anche nelle situazioni più scabrose e dentro «quella geografia del racconto», come scrive Falcetto, che fa emergere trasgressione e normalità, conformismo e anticonformismo con identica spontaneità e sicuro fascino: la sua grande lezione da vero scrittore italiano.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente"

Maria Schneider e Marlon Brando in "Ultimo tango a Parigi"

Cinema

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente" Video

2commenti

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

Sorbolo

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

Referendum

I dati definitivi: il No vince con il 59,11% in Italia, nel Parmense ottiene il 52,63%

1commento

referendum

Renzi si è dimesso. Oggi da Mattarella

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro prima giù poi recupera - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

3commenti

Salsomaggiore

Squilli di tromba al funerale di Lorenzo, ucciso da una malattia a 15 anni

POLFER

Bimba smarrita, poliziotta le fa da mamma

Collecchio

Pedone investito nella notte a Lemignano: è in Rianimazione

Omicidio Della Pia

La madre di Alessia: «Mia figlia? E' stata dimenticata»

1commento

comune

Il parco ex Eridania sarà "Parco della Musica"

Lega Pro

Come sarà il primo Parma di D'Aversa

Pellegrino

E' morto Fortini, il presidente della corale

Lutto

Addio a Ronchini, al «pisonär»

LA STORIA

Suor Assunta, una vocazione nata sulla spiaggia

RICERCA

I terremoti si possono prevedere? Ecco a che punto siamo

Parla l'esperto. La nuova frontiera? Imparare a leggere i segnali prima delle scosse

Collecchio

Il parcheggio del cimitero è una discarica

referendum PARMA

In provincia vince (di poco) il No. In città il Sì Risultati comune per comune

463 sezioni su 470: 52.54 il No. In città Si al 50.33%. No, record a Albareto, il Si bene a Bore

5commenti

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Referendum

Anziano vota e muore al seggio a Marina di Carrara

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

11commenti

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

lega pro

La Reggiana (con Pordenone e Venezia) prende il largo. Parma a 7 punti dalla vetta

4commenti

rally

Monza, quinto successo di Rossi!

MOTORI

BOLOGNA

Esplora il Motor Show in meno di un minuto Video

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)