19°

Arte-Cultura

Genealogia degli affetti nel romanzo familiare di Daria Bignardi

Genealogia degli affetti nel romanzo familiare di Daria Bignardi
Ricevi gratis le news
0

Isabella Spagnoli


«A Donatella. A Luca, a Ludovico e a Emilia». Una dedica asciutta, all’apparenza simile ad altre, rivela in realtà tanto, delle pagine che verranno dopo. Pagine che parlano di sentimenti forti, di legami viscerali che tengono unite le persone le une alle altre, e  di scorci di vita mai dimenticati. Solo dopo aver letto fino in fondo il romanzo, quando si giungerà alla fine del «viaggio», però, quella dedica assumerà un vero significato, commuovendo chi ha letto e chi si è immedesimato in questa storia vera, indimenticabile. Daria Bignardi scava nella memoria, recupera i ricordi legati alla sua famiglia e decide di scrivere un libro intitolato: «Non vi lascerò orfani» (Mondadori editore. euro 17,50) dedicandolo alla sorella, al marito e ai due figli. Agli affetti rimasti, a ciò che la vita (o la morte) non si è portata via. Scrive della gioia, Daria, ma anche dell’angoscia provata accanto a luoghi e persone che hanno segnato la sua infanzia e l’età adulta.
Commenta con appassionata nostalgia le vicende dei genitori, dei nonni, dei cugini, della sorella e perfino degli animali che l’hanno circondata. Ricorda ogni minimo particolare di situazioni che sembravano essere state sepolte dal tempo, regalando ai lettori un libro che è la fotografia di una famiglia come tante altre, basata sull'amore, sui conflitti, sulla pazienza e la quotidianità. Scrive della sua famiglia, forse caotica e bizzarra, ma all’interno della quale non si è mai respirato assenza e abbandono. La Bignardi, famosa giornalista e autrice di programmi televisivi, esce di scena lasciando il ruolo di protagonista alla madre Giannarosa, donna bellissima, vulcanica e  affetta da una perenne ansia incontrollata. Una madre genuina, impulsiva, irrazionale, dall’indole tipicamente romagnola; una madre da proteggere dal dolore e allo stesso tempo da «esorcizzare» con stili di vita differenti. La sua morte, che lascerà Daria Bignardi orfana adulta, sarà pretesto per tornare indietro nel tempo e ricordare, attraverso un particolare lessico familiare, le vicende dei nonni repubblicani, i parenti fascisti, la casa di campagna a Castel San Pietro e poi ancora gli scenari di Ferrara, Bologna, Cingoli. Città che hanno segnato le tappe della famiglia Bignardi, capitanata dall’avvenente e galante Ludovico (chiamato dai parenti Vico), uomo d’altri tempi, rappresentante di mangimi per animali, appassionato di «...ricerche araldiche e ordini cavallereschi, ma anche associazioni di ex combattenti, reduci di guerra e monarchici che una volta all’anno andavano a Roma a fare la guardia d’onore alle tombe dei re». Nel 1944 Vico incontra, sotto ai bombardamenti, un’«insuperabile latinista» di nome Giannarosa: è subito amore travolgente. E’ l'inizio della storia.
«Mi chiamo Daria Maria Atala Oliviera e sono nata il giorno di San Valentino alla clinica Quisisana di Ferrara. La mamma mi ha partorito velocemente, senza guardare, e come tutte le cose che faceva senza guardare - di fretta e imprecisamente, come il suo arrosto cucinato senza guardare lanciando a caso nel tegame olio, aglio e rosmarino - le sono venuta bene». Daria Bignardi si racconta e descrive in maniera colorita non solo una genealogia, ma anche un periodo storico e un luogo: la Pianura Padana, con la sua nebbia e le sue contraddizioni, i suoi personaggi «fuori le righe», i suoi amori e i suoi umori, ma soprattutto dipinge il rapporto madre e figlia fatto di bisogni e urgenze, di allontanamenti e riavvicinamenti. Lacrime e risate si alternano in questo libro che la Bignardi regala ai lettori e ai propr figli. Perché non rimangano mai orfani , grazie alla memoria che continua a vivere nel tempo.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

2commenti

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

TUTTAPARMA

Le «sóri caplón'ni», angeli in corsia

Progetto

La biblioteca a San Leonardo? Tutti la vogliono

NOVITA'

D'inverno al cinema: ora a Fidenza si può

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

COMUNE

Guerra: «Capitale della cultura, ecco perché possiamo farcela»

POLITICA

Pd, Nicola Cesari è il nuovo segretario provinciale.

Batte Moroni con il 59% dei voti. Michele Vanolli nuovo segretario cittadino. Le congratulazioni di Pagliari

2commenti

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

SALSOMAGGIORE

Ubriaco alla guida, si schianta e aggredisce i carabinieri: arrestato dominicano

L'uomo, pregiudicato, aveva un tasso alcolemico di 1,90 g/l

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

2commenti

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

4commenti

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

FOTOGRAFIA

IgersParma compie 4 anni: ecco le novità e i consigli per usare Instagram Video

ECONOMIA

Domani l'inserto di 8 pagine. Focus sulla manovra

La parola all'esperto: inviateci i vostri quesiti

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il caso Asia Argento: le vittime e i colpevoli

di Filiberto Molossi

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Autonomia

Referendum: il Veneto supera il quorum

REGGIO EMILIA

Quattro Castella: 26enne muore schiacciata dal suo trattore

SPORT

PARMA CALCIO

Insigne e un gol con dedica speciale Video

rugby

Italia in raduno a Parma. Iniziata la stagione 2017/18

SOCIETA'

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

GAZZAREPORTER

Impariamo l'inglese...

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro