12°

Arte-Cultura

Esotismo e nostalgia di purezza

Esotismo e nostalgia di purezza
0

di Gianni Cavazzini
L'artista viaggiatore. Da Gauguin a Klee, da Matisse a Ontani». E' il titolo della mostra promossa dal Museo d'Arte della città di Ravenna, a cura di Claudio Spadoni e Tullio la Sparagni, aperta sino al 21 giugno, catalogo di Silvana Editoriale. Il viaggio, dunque, inteso come avventura, visiva e intellettiva insieme, dagli artisti dell'epoca moderna, rivolti a scoprire e a tradurre in felicità di forma e di colore i mondi più lontani, raggiunti fra mille difficoltà sui quattro continenti extraeuropei. Il modello è quello di Ulisse: del mitico ritorno a casa cantato in epoca remota da Omero, ma anche del tragitto spezzato, «le cui peregrinazioni non prendono più di diciotto ore» dell'uomo di Joyce. Se si aggiunge che proprio agli inizi del percorso, in una saletta umbratile, viene esposta, semiaperta in una teca trasparente, la «Boite-en-valise» di Marcel Duchamp, si capisce che la mostra non potrà offrire visioni di paradisi turistici, ma le testimonianze vissute dagli artisti della modernità con la sensibilità dei loro incontri personali. Nostalgia, desiderio, paura: sono i sentimenti che s'incrociano sui luoghi tradotti in immagine e riportati, quasi sempre, a casa, nella protezione delle rispettive culture. Tutto il contrario di quel che propone Duchamp, radicale «distruttore» di ogni poetica, quando mette nella sua «boite» le immagini miniaturizzate delle opere di una vita: un'operazione chiaramente concettuale, proiettata verso un «altrove» che non ha confini fisici ma che risulta del tutto interno alla dimensione dell'arte. Ed ecco che il visitatore può individuare, parzialmente fuoriuscite dalla «scatola» di Duchamp, le sagome iconiche, in dimensione ridotta, delle ironiche creazioni che l'artista francese ha consegnato alla storia. Per ricordare  qualche esempio famoso: «Breoyeuse de chocolat», ideata nel 1913, nel periodo in cui Duchamp pareva aderire alla tradizione alchemica ed ermetica. Una linea che appariva contraddetta nel 1919 con l'invenzione più clamorosa,  così potente da mettere in subbuglio il mondo internazionale dell'arte: la «Gioconda» leonardesca deturpata dai baffi contrassegnata da un titolo di allusiva scrittura erotica. E si può concludere la citazione con «Coeurs volants» (1936), in cui Marcel Duchamp prefigura luoghi del tutto mentali, tendenti ad un vero e proprio «azzeramento estetico» di ogni oggetto artistico con la celebre frase: «sont le regardeur qui font le tableaux». E dunque sono quelli che guardano a «fare» i dipinti: una regola a chi Spadoni e Sparagni, i curatori della mostra di Ravenna, si sono attenuti, nella scelta sia degli autori che delle opere. Ed ecco il viaggio che ha il suo protagonista centrale in Paul Gauguin, l'artista che il 3 luglio 1895, a Marsiglia, sale a bordo del piroscafo «L'Australien» e lascia per sempre l'Europa. A Tahiti, in verità, il pittore c'era già stato quattro anni prima, quasi per esorcizzare il tragico dissidio vissuto con van Gogh ad Arles nel dicembre 1888 e concluso da Vincent nello storico accesso di delirio del taglio dell'orecchio. Per il suo primo viaggio a Papeete Gauguin aveva ricevuto il brindisi augurale di Mallarmé e della cerchia simbolista di Odilon Redon: per dire che il pittore era l'avamposto di tutta una cultura, come si può capire anche da una lettera scritta da van Gogh al fratello Theo nei già citati «giorni di Arles». Si può capire così che dopo il ritorno a Parigi e il soggiorno in Bretagna l'imbarco del luglio 1895 porti il segno di una scelta definitiva: a Tahiti Gauguin ritrova le ragioni prime della sua pittura e della sua vita. La Francia guarda con viva partecipazione all'esperienza «totalizzante» del suo grande artista. E quando, nel luglio del 1913, Victor Segalen, giovane medico di bordo del piroscafo «L'Océanien», sbarca a Tahiti per cercare un contatto con Gauguin viene a sapere che l'incontro non potrà avvenire, dal momento che il pittore è morto tre mesi prima, divorato da una serie di mali dolorosissimi. Ed eccole le testimonianze di una inimitabile vita d'artista nelle straordinarie silografie allineate e nel magico dipinto «Donna tahitiana», 1898, venuto dal Narodni Muzej di Belgrado. Si conferma, anche da queste scelte, l'intento dei curatori: quello di offrire al visitatore i «brani di verità» che possono portarlo a costruire una nuova lettura dell'opera. La ripartizione in quattro sezioni, corrispondenti ai quattro continenti del «Viaggio», serve a guidare il pubblico nell'orientamento fra i luoghi e gli artisti con i loro percorsi individui.  C'è Paul Klee che s'entusiasma per le sere tunisine di una «bellezza indescrivibile» e c'è un altro grande, Henri Matisse, che aspetterà tredici anni prima di svelare in serigrafia le emozioni per i «grigi verde giada» delle lagune polinesiane. Un grande «orientalista» è Alberto Pasini, nativo di Busseto e preparato dagli studi al «Toschi» a Parma prima del trasferimento a Parigi. Un suo quadro, «Fontana turca», 1873, è un capolavoro per sorpresa cromatica e sapienza luministica. Un altro parmigiano, Roberto Guastalla, ha seguito le orme di Pasini nel suo documentare scene di vita in posa di un Oriente che si fa domestico di gesti e di colore. Un terzo parmigiano è presente in mostra: Deogratias Lasagna, attento nella documentazione pittorica di scene dal Brasile. Come si può vedere l'«artista viaggiatore» è una presenza costante dell'epoca moderna: dal realismo ottocentesco di Ippolito Caffi all'«arte primitiva» di Jean Dubuffet, prima di passare ai protagonisti dell'Informale come Tobey e Mathieu, per finire con le esperienze esistenziali ed estetiche dei contemporanei: come Mondino, Boetti, Ontani.
Sono lì a testimoniare il fascino del «viaggio», inteso, talvolta, come un tragitto mentale, quello che voleva Duchamp con la sua «scatola», racchiuso dentro la dimensione dell'arte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Arriva il Tapiro d'oro, Renzi: "Un Tapiro cumulativo lo merito..."

Roma

Arriva il Tapiro d'oro, Renzi: "Un Tapiro cumulativo lo merito..." Foto

Jessica allena i glutei

GOSSIP

Il sexy allenamento ai glutei di Jessica Immobile fa il boom di clic Video

Aurora Ramazzotti canta la canzone di papà Eros e lo imita: «Mi ucciderà»

radio

Aurora Ramazzotti imita papà Eros: «Mi ucciderà» Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Mattinata di incidenti: diversi feriti in città e in provincia

Parma

Mattinata di incidenti: diversi feriti in città e in provincia Foto

Via Mazzini

I commercianti: «Minacciati dalle baby gang»

La storia

Silvia, convertita all'ebraismo: mollo tutto e mi trasferisco in Israele

BASSA

I truffatori arrestati risarciscono i negozianti raggirati

Il fenomeno dilaga

Bocconi al veleno, allarme anche a San Leonardo

Salsomaggiore

Addio a Iolanda Campanini, una vita fra libri e giornali

Fidenza

Malore in piazza, l'esercitazione diventa soccorso reale

Cocaina

Preso il pusher dei ragazzini

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Lega Pro

Parma: splendida rimonta, Samb ko

Polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco la mappa dei controlli a Parma

Il personaggio

Il bussetano Laurini debutterà in F3 al volante di una Dallara: «Che emozione»

Parma-Samb

D'Aversa: "Nel primo tempo non eravamo aggressivi. Importante l'atteggiamento" Video

2commenti

lega pro

La Reggiana vince 2-0 con il Lumezzane

il caso

Bocconi avvelenati al Parco Martini: e Otto muore in poche ore

7commenti

L'INCHIESTA

Telefonini in classe? A Parma per lo più spenti

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La risposta che occorre per placare la rabbia

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

1commento

ITALIA/MONDO

vercelli

Voleva salvare il cane: travolto dal trattore di papà

auto

Addio al libretto di circolazione: il documento sarà unico

COSTUME

L'INDISCRETO

I belli delle donne

1commento

il disco

45 ANNI FA - Mu, il mito secondo Cocciante

SPORT

Parma-Samb

Il Parma tira fuori il carattere: l'analisi di Sandro Piovani Video

Parma-Samb

Lucarelli: "Partenza lenta, pericolo scampato" Video

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

300 CV

Leon Cupra, la Seat più potente di sempre Gallery