12°

Arte-Cultura

Emancipate, libere, realizzate: ritratti per un felice 8 Marzo

Emancipate, libere, realizzate: ritratti per un felice 8 Marzo
0

di Marzio Dall'Acqua
Le modelle ed il pittore    «Only women's», solo donne o donne soltanto, con quella sfumatura linguistica e di senso, che tradisce l’ironia, che si intrufola con aria di folletto irriverente, nell’opera di Tiziano Marcheselli, da sempre.
 E sono volti di donna che si affacciano su spazi precari, bidimensionali, sghembi, casuali ritagli di nascoste pareti, come fossero in angolo, talora emergendo da dense oscurità che corrodono l’intera immagine, o campeggiano su improbabili colori di cieli irreali eppure solari.
 Ma quello che conta è la figura, il volto, la testa e talora poco più del busto, per cui ogni ritratta domina la tela, si impone in un colloquio diretto con lo spettatore o meglio all’ammirazione, alla contemplazione, ad un guardare con fissità, con attenzione critica, a scrutare attraverso il volto o gli occhi nell’anima, come in uno specchio.
 Queste donne si affacciano sole, proprio come se si specchiassero, come se la tela fosse il riflesso di una immagine, l’eco che persiste, che risuona, che si rimodula al d là ed oltre il tempo.
  La quotidianità, la stagione e l’ora, spesso sottolineate da particolari talora minimi del vestito, ripresi con maniacale cura fiamminga, diventano eterno presente e annullano ogni coordinata temporale nell’intensità di una espressione, di una segreta passione, di una privata emozione.
  Tutte infatti hanno il distacco del momento esclusivo, particolare, del guardarsi nello specchio, dello scoprire se stesse con quel coinvolgimento e con quel distacco che è tipico delle donne che rende il momento ineguagliabile, anch’esso eterno nel suo fluire di luci, di riflessioni, di sfumature.
Marcheselli è per l’essenziale, ma questo non gli fa rinunciare a fare delle ombre e delle luci la necessaria ambiguità figurativa alla quale ciascuna donna si affida per valorizzarsi, al chiaroscuro della scena sulla quale recita la sua parte, al suo sapersi annidare, da regina però, negli spazi anche minimi del quotidiano, del domestico.
 Sono donne che si avverte subito libere, padrone di sé, dominatrici del proprio destino. Il pittore le coglie in un momento intimo con pudore, empatia, partecipazione e non senza un certo tremore. La sensazione dello specchio ritorna perché nessuna guarda davanti a sé, ma gli sguardi sono tutti obliqui, sognanti, interrogativi, scrutatori ed interrogativi. Si volgono alle spalle, all’interno di sé, ad un interlocutore fuori dal quadro: mai al pittore che definisce la posizione di chi guarda la tela.
 Il pittore è ignorato dalle sue modelle, che sono tali però proprio perché non si collocano in una posa che possa far ricordare questo ruolo, ma ne hanno il distacco, la pretesa di racchiudere e sintetizzare tutta la femminilità, di divenirne un prototipo. E sono donne aggressive, dominanti, irruenti dalle forti personalità e Marcheselli ammirato ne è come intimorito ed, in qualche caso, con riferimenti criptici, comprensibili a lui e alla ritratta, cerca di annodare un rapporto, una relazione, quasi una intimità con svagata ironia e complice affetto.  
  Sono però donne senza ruolo, apparizioni di una ideale galleria che mescola attrici famose con parmigiane, in un percorso questo sì personale di Marcheselli, dal mito, dal sogno, dalle apparizioni che hanno formato la sua personale percezione della femminilità alle «amiche», perché con tutte ha intrecciato legame di frequentazione, di complicità e solidarietà.
L’immagine della modella ancor più si dovrebbe annullare ed invece persiste proprio perché la sequenza diventa una confessione dell’artista sulla sua concezione dell’«eterno femminino».  
 L’elaborazione da una sequenza fotografica iniziale dissolta e dissimulata in forme pittoriche, colori irrituali, con la forte mediazione del linguaggio pop nel gigantismo della figura non completa, nel mantenere l’irrealtà della figurazione come rifacimento artistico, nell’atemporalità senza profondità di spazio, mantiene il carattere artificiale e artificioso dell’immagine in uno specchio, per cui la sintesi non a caso è un’opera di Roy Lichtenstein che manipola e assolutezza un fumetto di una «ragazza che si guarda allo specchio», mentre la conclusione è una vecchia anonima dei borghi di Parma, una figura come non ci sono più, nella fierezza della sua storia raccontata dalle rughe sul viso, che non ha più necessità di rimirarsi e definirsi, giocata com'è nella vita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

CONCORSO

GAZZAREPORTER

Racconta l'inverno e vinci: le foto dei lettori Video

Video Gigi Pacifico Fidenza

fidenza

"Io non so" l'ultimo video di Gigi Pacifico

Canale 5, Ceccherini abbandona l'Isola dei Famosi

Foto Ansa

isola dei famosi

Ceccherini litiga con Raz Degan e se ne va. Televoto: sms risarciti

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Tutto quello che c'è da sapere sui nuovi antifurto per auto

consigli

Antifurti: come mettere al sicuro la proprio auto

Lealtrenotizie

Duc

viale fratti

Duc, cinque piani allagati: uffici chiusi per due giorni Video 1-2 Foto

Attivati due sportelli per le emergenze. Ed è corsa a salvare più documenti possibili

2commenti

tg parma

Legionella, Comune e Ausl varano un protocollo di intervento Video

3commenti

arresti

Trafficanti seguiti da Fidenza a Parma: avevano in auto un kg di eroina

Vandalismi

Si sveglia e trova l'auto devastata

foto dei lettori

Borgo Giacomo: cadono le decorazioni Gallery

1commento

tg parma

Parma, rinnovi per Baraye e Nocciolini. Scaglia in attacco a Salò?

Ospedale Maggiore

La nuova vita di Denis inizia a Parma

scuola

Contro le bufale dei social, educare a informarsi bene

Incontro all'Ipsia Primo Levi con gli studenti di sei medie superiori di Parma e provincia

CRIMINALITA'

Via Venezia, pensionata scippata

4commenti

Finto tecnico

Truffa del termosifone: un'altra anziana raggirata

1commento

CARABINIERI

Sid, il cane antidroga a caccia di dosi nel greto della Parma

1commento

Salsomaggiore

Gli ambulanti protestano: «Troppo sacrificati»

Traversetolo

Cazzola, i ladri tornano per la terza volta

Parma

La Corte dei Conti contesta a Pizzarotti la nomina del Dg del Comune

Lo ha annunciato il sindaco su Facebook: "Esposto di un esponente dei Pd. Sono tranquillo"

10commenti

Associazioni

Arci Golese, la casa comune di Baganzola

Inchiesta

Multe, Parma fra le città che incassano di più: è terza in Italia Dati 

Quattroruote pubblica la top ten 2016 delle città dove gli automobilisti sono più "tartassati"

25commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

EDITORIALE

Anche i robot dovranno fare il 730?

di Paolo Ferrandi

1commento

ITALIA/MONDO

uno bianca

Alberto Savi dopo 23 anni esce in permesso premio. L'amarezza dei parenti delle vittime

1commento

roma

Raggi ha un malore, in ospedale per accertamenti

1commento

SOCIETA'

EDITORIALE

L'avventura di un giorno senza telefonino

3commenti

libri

Esce in Giappone il nuovo libro di Murakami, un successo

SPORT

motori

Formula 1, svelata la nuova Ferrari SF70H Foto

Calcio

Il Leicester ha esonerato Ranieri

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

SALONE

A Ginevra 126 novità La guida