22°

Arte-Cultura

Emancipate, libere, realizzate: ritratti per un felice 8 Marzo

Emancipate, libere, realizzate: ritratti per un felice 8 Marzo
0

di Marzio Dall'Acqua
Le modelle ed il pittore    «Only women's», solo donne o donne soltanto, con quella sfumatura linguistica e di senso, che tradisce l’ironia, che si intrufola con aria di folletto irriverente, nell’opera di Tiziano Marcheselli, da sempre.
 E sono volti di donna che si affacciano su spazi precari, bidimensionali, sghembi, casuali ritagli di nascoste pareti, come fossero in angolo, talora emergendo da dense oscurità che corrodono l’intera immagine, o campeggiano su improbabili colori di cieli irreali eppure solari.
 Ma quello che conta è la figura, il volto, la testa e talora poco più del busto, per cui ogni ritratta domina la tela, si impone in un colloquio diretto con lo spettatore o meglio all’ammirazione, alla contemplazione, ad un guardare con fissità, con attenzione critica, a scrutare attraverso il volto o gli occhi nell’anima, come in uno specchio.
 Queste donne si affacciano sole, proprio come se si specchiassero, come se la tela fosse il riflesso di una immagine, l’eco che persiste, che risuona, che si rimodula al d là ed oltre il tempo.
  La quotidianità, la stagione e l’ora, spesso sottolineate da particolari talora minimi del vestito, ripresi con maniacale cura fiamminga, diventano eterno presente e annullano ogni coordinata temporale nell’intensità di una espressione, di una segreta passione, di una privata emozione.
  Tutte infatti hanno il distacco del momento esclusivo, particolare, del guardarsi nello specchio, dello scoprire se stesse con quel coinvolgimento e con quel distacco che è tipico delle donne che rende il momento ineguagliabile, anch’esso eterno nel suo fluire di luci, di riflessioni, di sfumature.
Marcheselli è per l’essenziale, ma questo non gli fa rinunciare a fare delle ombre e delle luci la necessaria ambiguità figurativa alla quale ciascuna donna si affida per valorizzarsi, al chiaroscuro della scena sulla quale recita la sua parte, al suo sapersi annidare, da regina però, negli spazi anche minimi del quotidiano, del domestico.
 Sono donne che si avverte subito libere, padrone di sé, dominatrici del proprio destino. Il pittore le coglie in un momento intimo con pudore, empatia, partecipazione e non senza un certo tremore. La sensazione dello specchio ritorna perché nessuna guarda davanti a sé, ma gli sguardi sono tutti obliqui, sognanti, interrogativi, scrutatori ed interrogativi. Si volgono alle spalle, all’interno di sé, ad un interlocutore fuori dal quadro: mai al pittore che definisce la posizione di chi guarda la tela.
 Il pittore è ignorato dalle sue modelle, che sono tali però proprio perché non si collocano in una posa che possa far ricordare questo ruolo, ma ne hanno il distacco, la pretesa di racchiudere e sintetizzare tutta la femminilità, di divenirne un prototipo. E sono donne aggressive, dominanti, irruenti dalle forti personalità e Marcheselli ammirato ne è come intimorito ed, in qualche caso, con riferimenti criptici, comprensibili a lui e alla ritratta, cerca di annodare un rapporto, una relazione, quasi una intimità con svagata ironia e complice affetto.  
  Sono però donne senza ruolo, apparizioni di una ideale galleria che mescola attrici famose con parmigiane, in un percorso questo sì personale di Marcheselli, dal mito, dal sogno, dalle apparizioni che hanno formato la sua personale percezione della femminilità alle «amiche», perché con tutte ha intrecciato legame di frequentazione, di complicità e solidarietà.
L’immagine della modella ancor più si dovrebbe annullare ed invece persiste proprio perché la sequenza diventa una confessione dell’artista sulla sua concezione dell’«eterno femminino».  
 L’elaborazione da una sequenza fotografica iniziale dissolta e dissimulata in forme pittoriche, colori irrituali, con la forte mediazione del linguaggio pop nel gigantismo della figura non completa, nel mantenere l’irrealtà della figurazione come rifacimento artistico, nell’atemporalità senza profondità di spazio, mantiene il carattere artificiale e artificioso dell’immagine in uno specchio, per cui la sintesi non a caso è un’opera di Roy Lichtenstein che manipola e assolutezza un fumetto di una «ragazza che si guarda allo specchio», mentre la conclusione è una vecchia anonima dei borghi di Parma, una figura come non ci sono più, nella fierezza della sua storia raccontata dalle rughe sul viso, che non ha più necessità di rimirarsi e definirsi, giocata com'è nella vita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Atterraggio

olanda

Che atterraggio! Il cargo rimbalza sulla pista Video

Ligabue, necessario ricordare. Su Fb e Twitter, video della canzone 'I Campi in Aprile'

Liberazione

25 Aprile: Ligabue dal tour fa gli auguri cantando "I Campi in Aprile" Video

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

'SEMBRA IERI'

Piazza Garibaldi: il posto pubblico Sip (1994)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

CHICHIBIO

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

Lealtrenotizie

Corteo in centro: Parma celebra la Liberazione. Pizzarotti: "Avanzano le paure ma dall'antifascismo sono nati gli anticorpi della civiltà"

25 Aprile

Parma celebra la Liberazione. Pizzarotti ricorda il partigiano Annibale Foto Video 

Il sindaco: "Avanzano le paure ma dall'antifascismo vengono gli anticorpi"

Autostrade

Autocisa: 4 chilometri di coda. Traffico intenso in A1 fra Campegine e Fidenza

EVENTI

Concerti, bancarelle e street food: l'agenda del 25 aprile

Monticelli

Tragica caduta in bici: muore 65enne

GIALLO

Trovato un cadavere in Po: si pensa che sia Bebe Brown, scomparsa a Pasqua a Boretto

La testimonianza: "Sua sorella l'aveva chiamata qui per darle un futuro migliore..."

Aveva 81 anni

Se n'è andato Franco Ferretti, re del packaging

Bassa

Castle Street Food: una giornata ricca di eventi a Fontanellato Foto

Salso

Bruciata l'auto di un salsese

Calcio

Figuraccia Parma, ko con il Sudtirol: pioggia di fischi Foto D'Aversa: "Così la B è difficile" Video

Davanti al Tardini, il ds Faggiano incontra i tifosi La foto -   Il commento di Pacciani: "Partita sconcertante" Video - Il Pordenone raggiunge il Parma. La squadra esce senza "salutare" la curva, poi torna indietro

11commenti

LA BACHECA

20 annunci per chi cerca lavoro

Denunciato

Falsi certificati per avere la patente

IL CASO

Violenza sessuale, nuovo processo per il chirurgo

Crédit Agricole

Cariparma avvia la discussione per acquisire tre casse di risparmio

Possibile operazione su Cassa di Risparmio di Cesena, Cassa di Risparmio di Rimini e Cassa di Risparmio di San Miniato

Scuola

Mancano 51 aule alle superiori

2commenti

LETTERE

"Un ponte di barche o traghetti durante i lavori sul ponte"

Rugby

Michela, campionessa d'Inghilterra

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

EDITORIALE

Eliseo: sarà una sfida tra due outsider

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

LIVORNO

Sale sul tetto di un treno: 18enne muore folgorato

Ferrovie

Una persona investita da un treno: circolazione bloccata per due ore e mezza sulla Piacenza-Bologna

SOCIETA'

gossip

Giovedi' nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

SPORT

calcio e veleni

Lite Spalletti-Panucci sulla sostituzione di Dzeko Video

parma in crisi

Marco Ferrari: "Tutti abbiamo voglia di svegliarci da un incubo" Video

2commenti

MOTORI

TOP10

Auto: il lusso delle limited edition

ANTEPRIMA

Audi e-tron Sportback Concept, nel 2019 il Suv-coupé "digitale"