Arte-Cultura

Dove lei è ancora ai margini

Dove lei è ancora ai margini
0

di Beatrice Rocca
Nelle «periferie della storia» si coglie la realtà nella sua nudità, sfrondata dalle reboanti dichiarazioni d’intenti, promesse e belle parole dei politici; chi opera nel Terzo Mondo tocca con mano sofferenze, ingiustizie, violenze che continuano a colpire l’umanità più diseredata e in particolare la sua componente femminile; e sa bene che, malgrado la Banca Mondiale abbia da tempo stanziato notevoli fondi per i prestiti a donne riconoscendo così quanto sia fondamentale l’apporto dato dalla donna allo sviluppo, investimenti e impegno sono ancora insufficienti per permetterle di raggiungere la parità di diritti con l’uomo. 
 Il tasto più dolente è quello della formazione: chi studia ha maggiori possibilità di conquistare un’autonomia, dunque di farsi rispettare; ma su 130 milioni di bambini che nei Paesi più poveri non vanno a scuola - scrive Daniele Sipione, fondatore quarant'anni fa e presidente dell’associazione «I nostri amici lebbrosi», nella prefazione al volume «La vita a passo di donna» (EMI, Editrice Missionaria Italiana, 256 pagine, 14,00 euro) che egli stesso ha promosso - quasi due terzi sono femmine, così come i 100 milioni annuali di abbandoni scolastici prima della licenza elementare riguardano soprattutto le bambine (due su tre), dati che spiegano perché tuttora nel Terzo Mondo il 60 per cento delle ragazze sia analfabeta. Secondo la Banca Mondiale, «un anno in più di istruzione per 1000 donne (...) preverrebbe la morte di 60 bambini e garantirebbe 3 morti materne in meno».   Le tre autrici del saggio, Mara Borsi, Rosa Angiola Giorgi e Bernadette Sangma, in quanto suore delle Figlie di Maria Ausiliatrice (ramo femminile dei Salesiani, Ordine specializzato nell’educazione dei giovani) impegnate la prima nel giornalismo e nella comunicazione sociale e le altre due in progetti di microcredito e di promozione della donna, hanno potuto usufruire di un osservatorio privilegiato grazie alla presenza della loro comunità (dal 1996 accreditata presso l’Onu) in tutti i continenti e alle iniziative integrate di microcredito e formazione che essa promuove, specialmente per le bambine e le giovani, nelle «periferie della storia». Parliamo con Mara Borsi.  
Suor Mara, il vostro libro, ragionando su dati e statistiche, conferenze internazionali e risoluzioni dell’Onu, raccontando storie di donne insignite del Nobel ma anche di donne qualsiasi dalle doti ammirevoli, ricordando le diffuse violenze e disuguaglianze di genere, i drammi della tratta, dell’AIDS, dell’emigrazione femminile, e indicando vie e difficoltà per cambiare le cose, offre un quadro approfondito della condizione femminile. Qual è il ruolo della donna oggi?
«Le figure femminili da noi ricordate hanno tutte dimostrato grandi capacità di cura per la vita. La donna è per definizione promotrice di vita. Sa cosa vuol dire far crescere la vita perché lo sperimenta nel suo stesso corpo; e dove c'è vita c'è anche attività per la pace. Le donne oggi sono essenziali per costruire un mondo diverso, di pace. Per questo è necessario dare alle ragazze un’educazione critica che le aiuti a prendere coscienza delle loro potenzialità, ad avere una visione positiva dell’esistenza».
Nel vostro saggio citate numerose «reti femminili», movimenti di donne che da un capo all’altro del pianeta operano «positivamente».
«Sì, le Ong femminili sono molte. Dallo ''Jerusalem link'', nel quale dal 1993 palestinesi e israeliane lavorano insieme per la pace e la giustizia sociale, alle ''Donne in nero'' che da Gerusalemme si sono espanse in tutto il mondo e manifestano in silenzio per una soluzione pacifica del conflitto israelo-palestinese, dalle ''Donne irlandesi per la pace'' alle ''Donne sudanesi'', dalle ''Donne del paese delle mille colline'' che in Rwanda si battono per la riconciliazione fra hutu e tutsi alle ''Donne colombiane per la pace'' e alle ''Madri di Plaza de Mayo'' in Argentina. In Perù ci sono le reti femminili dei ''pueblos jovenes'', le disperate baraccopoli intorno alle città. Ecco, la donna ha la capacità di organizzarsi anche in situazioni estreme come queste».
Di questa sua forza spesso misconosciuta parla il bel brano di Gandhi da voi citato: «Chiamare la donna il sesso debole è una calunnia (...). Non ha maggiore intuizione, abnegazione, forza di sopportazione, coraggio? Senza di lei l’uomo non potrebbe essere. Se la non-violenza è la legge della nostra esistenza, il futuro è con la donna».  Il futuro auspicato da Gandhi è ancora lontano?
«C'è ancora molto da fare perché esso si realizzi. Dalla Conferenza di Pechino del 1995 si sono fatti parecchi passi, ma la condizione femminile è ancora molto precaria, e non solo nei luoghi di più forte cultura maschilista. Sono aumentate le bambine che vanno a scuola, ma violenza e sfruttamento persistono anche nei Paesi sviluppati, e così la discriminazione in famiglia, sul lavoro, in politica e nell’accesso alle risorse è trasversale a tutti i continenti. E’ difficile creare una mentalità nuova sui diritti delle donne, anche perché molti strumenti esistenti per la promozione femminile, stabiliti dall’Onu, non sono conosciuti. Si ha anzi l’impressione che l’attenzione per la questione femminile si sia affievolita».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

3commenti

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

CRIMINALITA'

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

OMICIDIO

Elisa accoltellata alle spalle

GASTRONOMIA

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

A SALSO

Quella «Bisbetica» di Nancy Brilli

Traversetolo

Falso incaricato del Comune cerca di carpire dati ai residenti

Salsomaggiore

Greta, promessa del karate

ROGO

Fidenza, scoppia un incendio:

Via D'Azeglio

Il nuovo supermercato? No del Comune a causa dei camion

via d'azeglio

Un coro di no per la chiusura del supermercato Videoinchiesta

In arrivo una sala slot? (Leggi)

1commento

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

1commento

raccolta firme

La Cittadella si illumina con l'albero di Natale Video

Per ribadire il "no" alla chiusura del chiosco

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

1commento

Traffico

Pericolo nebbia: visibilità 80 metri fino a Bologna in A1 Tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

ospedale

Day hospital oncologico: nuova organizzazione

convegno

Migranti, Pizzarotti in Vaticano: "Comuni lasciati soli" Video

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

cremona

Presepe negato, la diocesi: "E' tutto un malinteso"

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

4commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti