-2°

Arte-Cultura

Zanzotto - Un disumano, volgare presente

Zanzotto - Un disumano, volgare presente
0

di Giuseppe Marchetti
Mentre, nelle scorse settimane, l'Italia si divideva tra coloro che guardavano il Festival della canzone e chi lo rifiutava, usciva da Garzanti un piccolo libro azzurro della collana «Le forme» intitolato «In questo progresso scorsoio».
L'hanno composto Andrea Zanzotto e Marzio Breda che in lunghe conversazioni con il poeta «uomo di complicata semplicità», ha affrontato molti temi del vivere odierno, della cultura, della poesia, della filosofia, della politica e della religione, visti dall'angolo apparentemente remoto di Pieve di Soligo dove Zanzotto vive, mai separato, mai nascosto, mai rinunciatario.
 E' un libro che fa onore al suo titolo, che nell'aggettivo «scorsoio» denuncia la cruda realtà del momento, la ferocia divertita della nostra società disumana, la tragica stupidità delle nostre passioni e indifferenze.
 Il progresso c'è, dunque, ma si manifesta come un nodo scorsoio che ci serra la gola. Marzio Breda è partito giustamente da qui e con felice intuito e abile scelta delle domande ha portato in superficie l'universo Zanzotto in tutte le proprie componenti facendolo e lasciandolo parlare. Divisa in sei momenti o argomenti, questa lunga intervista procede naturalmente per tappe cronologiche, è un avveramento che non si compie mai, ma che tuttavia espone e chiarisce il senso della presenza del poeta, il suo essere creatura, scrittore, testimone e uomo.
Nato nel 1921 a Pieve di Soligo, Andrea Zanzotto «non ha mai cessato di sondare e dissodare il paesaggio della propria terra» - scrive Breda - e davvero questa intervista nasce e si apre alla terra e nella terra dell'umanesimo zanzottiano e in questo caso «terra» significa vita, contemplazione, scrittura, parola (afasia compresa, e balbettamento) riflessione e filosofia del tempo: dunque - come dice Zanzotto stesso - un viaggio immobile e mentale «il periplo dentro se stessi, che può portarti dall'abisso dell'inferno al più alto dei paradisi». Il viaggio fra questi due estremi si compie durante l'intervista in tre modi principali: per confessione autobiografica del poeta, per allusione, e per confessione di relazioni con altri personaggi del mondo culturale novecentesco.
Da Pieve di Soligo, infatti, si spazia sino alla consapevolezza che «l'esperienza poetica è una cosa diversa, che sta per proprio conto.
 Nasce da un atto d'amore verso la realtà, anche se è una realtà brutta, altrimenti non emergerebbe mai» - dice Zanzotto, che sull'ottimismo ha idee molto chiare e  tremendamente vere quando afferma che «Leopardi aveva in qualche modo messo uno stop all'ottimismo, non soltanto a quello religioso, ma a qualsiasi forma di ottimismo. Aveva addirittura precorso Darwin, per certi aspetti» - conclude. Dunque, uno sguardo che va lontano e che oltre a Leopardi comprende una rete molto ricca di riferimenti che possiamo ricordare solo per singoli nomi, Montale, Ungaretti, l'abate Zanella del famoso poemetto «Sopra una conchiglia fossile», Pascoli, Turoldo, Guarnieri, Giacomo Matteotti, Maria Fresu, Calvino, don Milani, Comisso, Parise, Piovene: un segno che il nodo scorsoio del progresso a ogni costo può (deve) essere allentato per mezzo dei «richiami» della poesia. Zanzotto confronta Dante, Eliot, Pound, e addirittura il «petél» veneto con le teorie di Jakobson, ma comunque è sempre il suo Montello la terra promessa, il territorio di ogni scoperta che sia degna di una tale definizione.
E il turbamento si ripercuote da stagione a stagione, lungo il corso degli anni e tramite scarti continui, veloci e imprevedibili. La memoria è accesa come una torcia che manda bagliori sul deserto, che per fortuna deserto non sarà mai fino a quando vi si depositeranno pagine come queste nate nella Marca Gioiosa.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Piazzale S. Lorenzo:  festa al «Piano A»

Pgn

Piazzale S. Lorenzo: festa al «Piano A» Foto

maria chiara cavalli 1

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

Lady Gaga: soffrodi disturbi psichici

RIVELAZIONE

Lady Gaga: soffro di disturbi psichici

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Il ds Faggiano si presenta: "Discuto su tutto ma niente rancore. Voglio un rapporto vero con la squadra"

Parma Calcio

Il ds Faggiano si presenta: "Voglio un rapporto vero con la squadra" Video

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

2commenti

Parma

Attentato incendiario nella sede dei sindacati di base Video

Rilievi della Scientifica in via Mattei

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie

3commenti

Parma

Nuovo percorso ciclabile fra la stazione, via Trento, via San Leonardo e via Paradigna Mappe

Ecco dove passerà la pista ciclabile

3commenti

Polizia

Grazie al gps trova in un campo le macchinette cambiasoldi rubate in via Toscana

1commento

Appennino

Schia: al via la stagione con una «valanga» di novità

Viale Mentana

Un'altra rapina in farmacia: è sempre lo stesso bandito

1commento

tg parma

Travolto a Lemignano: Mihai Ciju resta gravissimo Video

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

Salso

Dotti, una vita sulle navi da crociera

IL CASO

Tangenziale di Collecchio: ora la gente chiede la rotatoria

1commento

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

COLLECCHIO

Scoppia il caso delle cartelle del Consorzio di bonifica

1commento

Funerale

Sorbolo: rose bianche e musica per l'addio a Ilaria Bandini

Funerale

"Ciao Lorenzo, ora vivi nella serenità": commosso addio al 15enne di Salso

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

11commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

Reggio Emilia

Giovane bastonato e preso a frustate: in manette un 55enne e due figli

MILANO

Berlusconi al San Raffaele per una serie di controlli

SOCIETA'

SOCIAL NETWORK

Fb e YouTube creano database antiterrorismo Video

Campus

Sfera Ebbasta, dal rap al trap

SPORT

Calcio

LegaPro in campo oggi, aspettando il Parma e la Reggiana Tempo reale: Bassano sotto 2-0 in casa con l'ultima in classifica

Parma Calcio

Trasferta, Saporetti ci sarà. D'Aversa: "Nessun alibi anche nelle difficoltà"

FOTOGRAFIA

Parma

Acqua, luce, metamorfosi: le foto di Nencini in San Rocco

Fotofestival

Fra metafisica e Storia: un mese di mostre fotografiche a Montecchio