20°

36°

Arte-Cultura

Tempo come coscienza

Tempo come coscienza
Ricevi gratis le news
0

di Giuseppe Marchetti
Saranno tra poco trascorsi quattro anni dalla morte di Mario Luzi. Nel 2007, Paolo A. Mettel e Stefano Verdino avevano curato per Garzanti la pubblicazione di «Autoritratto» scritti e versi scelti dall'autore per lasciare ai propri lettori quell'immagine di sé che riteneva più appropriata e sincera. E ora Verdino ci offre «Lasciami, non trattenermi», le poesie ultime che, sempre edite dal fedele Garzanti, ci consegnano la finale testimonianza di un lavoro cui Luzi attese sino agli ultimi momenti della vita con quella consapevolezza critica e umana che aveva così amorosamente e implacabilmente dimostrata nelle pagine di «Dottrina dell'estremo  principiante» ('04). «Lasciami, non trattenermi» è un invito e un comando. A questi due termini  risponde la raccolta nuova che, pur  forzatamente frammentaria com'è, ci induce ad una lettura di confronto  e di riflessione estesa a tutta la produzione del poeta,  cioè a quel suo essere «principiante» che per tutta la sua lunga carriera gli diede la consapevolezza di non esser mai giunto al  traguardo, ma semmai di viaggiare di stazione in stazione verso «le ceneri» e «gli ardori» dell'esistenza. Veniamo a conoscenza - può sembrare soltanto una curiosità - che  Mario Luzi scriveva le proprie poesie su diverse agende, trasportandole poi sia su copie dattiloscritte, sia su dischetti; e notiamo anche che molto accurata era la trascrizione e ancora più minuziosa la correzione, la sostituzione di sostantivi e  verbi, e la versatilità della punteggiatura, secondo le informazioni che Verdino pone in fondo alla raccolta.

Ma «Lasciami, non trattenermi»  ha un'altra caratteristica che subito si evidenzia: una inconsueta capacità narrativa straordinaria sino dalle pagine iniziali «Infra-Parlata affabulatoria di un fedele all'infelicità» composta nel 2002. Siamo di fronte a uno dei testi più alti, scarni e religiosamente umani di Luzi. Similmente tragica e serena la poesia che sigilla il volume: «Lasciami, non trattenermi / nella tua memoria / era scritto nel testamento / ed era un golfo /di beatitudine nel nulla / o un paradiso /  di luce e vita aperta / senza croce di esistenza / che sorgeva dalle  carte / ammuffite nello scrigno». Fra i due testi, ancora una volta l'atto percettivo e rivelativo della poesia  luziana compie il prodigio (ma senza alcun carattere d'eccezionalità) di porsi a contrasto e a riparazione della vita. E ha dunque ragione Verdino quando scrive che «Per quanto  frammentario il libro - ordinato in modo cronologico - conferma la ricchezza  problematica dell'ultima fase «ontologica della poesia luziana». D'altra parte, quando la poesia di Luzi non è stata problematica? Egli ha sempre cercato e spesso trovato un linguaggio denso di simboli e di riferimenti teologici senza abbandonare mai la «vita fedele alla vita», secondo un compimento che in questi ultimi versi s'immedesima in una ascesa che «non s'arresta. / Altitudine /della mente / e al presagio dell'uomo irraggiungibile». E qui, inoltre, ecco anche Luzi che compone il suo «Infinito» senza  il baluardo della siepe: «Dorme e sente nel suo sangue notturno / transitare il tempo, le ere, / facimento e sfacimento  / del mondo, creato ed increato, / sente un dolore insensato / per sé non esistente / ma ecco, d'improvviso / lei è, le è fatta grazia e croce / di un attimo, / di sé». In sostanza, l'amorosa  spina del dettato luziano  pian piano si converte «verso il punto d'origine, di fine, di ricominciamento». Di una realtà che aspira ad una  superiore dimensione, ad un essere di più, il suo «discorso naturale» che era cominciato con «Primizie del deserto» nel '52 e con «Onore del vero» nel '57, le due raccolte attorno alle quali la svolta del discorso emotivo veniva abbinata alla cifra del pensiero più segreto e umile, esigente nella propria sincerità.

Né si deve tacere l'intensità delle domande che Luzi incessantemente pone a se stesso e a noi. Al di là della determinazione circa il sapere e il non sapere (con tanta maggior ricchezza di questo su quello!) l'aggancio di questa poesia si rivela sempre nel monologo intimo e dolente: «Perché, tempo mi strazi, / perché mi disunisci / e sbrani / la compagine della mia chiarezza / perché contro di me / usi l'uomo / come un dardo, la sua pena / come un nembo?». In un altro testo, Luzi descrive il «discendere nell'essere», che è immagine sovrana della sua poesia: l'immagine di quel «tempo che è prigioniero di sé» e che è «un'insidiosa malattia» senza speranza di salute futura. Eppure, «Ciò di cui ho bisogno / infine è di perdono. / Non so bene di che ma di / perdono comunque».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana

tg parma

Barcellona colpita dall'Isis, la testimonianza di una parmigiana Video

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

4commenti

METEO

Temporali, vento e caldo domani in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

PASIMAFI

Scandalo sanità, no alla libertà per Fanelli

1commento

fontevivo

Nuovo guasto e allagamenti, il sindaco Fiazza: "Chiederemo risarcimento" Video

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

tg parma

Ricordato il sacrificio di Charlie Alfa Video

BORGOTARO

Diawara forse ucciso da un malore?

MONCHIO

«Mi vuoi sposare»? Sorpresa alla sagra

Università

Preso lo scassinatore seriale dell'ateneo

tg parma

Parma, Germoni: "Ottimo ritiro, devo conquistarmi il posto" Video

Lavori in corso

Tutti i cantieri nelle strade della città

2commenti

Sissa

Moto, i centauri disabili tornano in sella grazie a Pattini

gazzareporter

"Via Liani, cartoline da un giorno normale (tra i rifiuti)"

EMERGENZA

Numerosi incendi lungo la ferrovia fra Sanguinaro e Parma: chieste squadre da Reggio e Modena Foto

La circolazione dei treni è ripresa alle 17,45

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Turku

Attacco in Finlandia, in tre accoltellano diverse persone

barcellona

Nuovo attacco con un'auto a Cambrils: uccisi cinque kamikaze. "Tre italiani feriti"

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

CANADA

Perde l’anello nell’orto: lo ritrova 13 anni dopo... intorno a una carota

1commento

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti