12°

22°

Arte-Cultura

Tempo come coscienza

Tempo come coscienza
Ricevi gratis le news
0

di Giuseppe Marchetti
Saranno tra poco trascorsi quattro anni dalla morte di Mario Luzi. Nel 2007, Paolo A. Mettel e Stefano Verdino avevano curato per Garzanti la pubblicazione di «Autoritratto» scritti e versi scelti dall'autore per lasciare ai propri lettori quell'immagine di sé che riteneva più appropriata e sincera. E ora Verdino ci offre «Lasciami, non trattenermi», le poesie ultime che, sempre edite dal fedele Garzanti, ci consegnano la finale testimonianza di un lavoro cui Luzi attese sino agli ultimi momenti della vita con quella consapevolezza critica e umana che aveva così amorosamente e implacabilmente dimostrata nelle pagine di «Dottrina dell'estremo  principiante» ('04). «Lasciami, non trattenermi» è un invito e un comando. A questi due termini  risponde la raccolta nuova che, pur  forzatamente frammentaria com'è, ci induce ad una lettura di confronto  e di riflessione estesa a tutta la produzione del poeta,  cioè a quel suo essere «principiante» che per tutta la sua lunga carriera gli diede la consapevolezza di non esser mai giunto al  traguardo, ma semmai di viaggiare di stazione in stazione verso «le ceneri» e «gli ardori» dell'esistenza. Veniamo a conoscenza - può sembrare soltanto una curiosità - che  Mario Luzi scriveva le proprie poesie su diverse agende, trasportandole poi sia su copie dattiloscritte, sia su dischetti; e notiamo anche che molto accurata era la trascrizione e ancora più minuziosa la correzione, la sostituzione di sostantivi e  verbi, e la versatilità della punteggiatura, secondo le informazioni che Verdino pone in fondo alla raccolta.

Ma «Lasciami, non trattenermi»  ha un'altra caratteristica che subito si evidenzia: una inconsueta capacità narrativa straordinaria sino dalle pagine iniziali «Infra-Parlata affabulatoria di un fedele all'infelicità» composta nel 2002. Siamo di fronte a uno dei testi più alti, scarni e religiosamente umani di Luzi. Similmente tragica e serena la poesia che sigilla il volume: «Lasciami, non trattenermi / nella tua memoria / era scritto nel testamento / ed era un golfo /di beatitudine nel nulla / o un paradiso /  di luce e vita aperta / senza croce di esistenza / che sorgeva dalle  carte / ammuffite nello scrigno». Fra i due testi, ancora una volta l'atto percettivo e rivelativo della poesia  luziana compie il prodigio (ma senza alcun carattere d'eccezionalità) di porsi a contrasto e a riparazione della vita. E ha dunque ragione Verdino quando scrive che «Per quanto  frammentario il libro - ordinato in modo cronologico - conferma la ricchezza  problematica dell'ultima fase «ontologica della poesia luziana». D'altra parte, quando la poesia di Luzi non è stata problematica? Egli ha sempre cercato e spesso trovato un linguaggio denso di simboli e di riferimenti teologici senza abbandonare mai la «vita fedele alla vita», secondo un compimento che in questi ultimi versi s'immedesima in una ascesa che «non s'arresta. / Altitudine /della mente / e al presagio dell'uomo irraggiungibile». E qui, inoltre, ecco anche Luzi che compone il suo «Infinito» senza  il baluardo della siepe: «Dorme e sente nel suo sangue notturno / transitare il tempo, le ere, / facimento e sfacimento  / del mondo, creato ed increato, / sente un dolore insensato / per sé non esistente / ma ecco, d'improvviso / lei è, le è fatta grazia e croce / di un attimo, / di sé». In sostanza, l'amorosa  spina del dettato luziano  pian piano si converte «verso il punto d'origine, di fine, di ricominciamento». Di una realtà che aspira ad una  superiore dimensione, ad un essere di più, il suo «discorso naturale» che era cominciato con «Primizie del deserto» nel '52 e con «Onore del vero» nel '57, le due raccolte attorno alle quali la svolta del discorso emotivo veniva abbinata alla cifra del pensiero più segreto e umile, esigente nella propria sincerità.

Né si deve tacere l'intensità delle domande che Luzi incessantemente pone a se stesso e a noi. Al di là della determinazione circa il sapere e il non sapere (con tanta maggior ricchezza di questo su quello!) l'aggancio di questa poesia si rivela sempre nel monologo intimo e dolente: «Perché, tempo mi strazi, / perché mi disunisci / e sbrani / la compagine della mia chiarezza / perché contro di me / usi l'uomo / come un dardo, la sua pena / come un nembo?». In un altro testo, Luzi descrive il «discendere nell'essere», che è immagine sovrana della sua poesia: l'immagine di quel «tempo che è prigioniero di sé» e che è «un'insidiosa malattia» senza speranza di salute futura. Eppure, «Ciò di cui ho bisogno / infine è di perdono. / Non so bene di che ma di / perdono comunque».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: in passerella anche "lui", il bello di Parma (1996)

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Ari Berlin volo radente

Düsseldorf

Ultimo volo: il pilota sfiora la torre di controllo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

via repubblica

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

Parma calcio

Sorpresa! Trezeguet va a salutare Crespo

2commenti

Guastalla

Sequestrati 3 quintali di dolci mal conservati: erano destinati anche al Parmense

La Municipale ha sequestrato un autocarro di un cittadino indiano che lavora per una ditta mantovana

Anteprima Gazzetta

Anziani scippati, danni devastanti

Le anticipazioni della Gazzetta del direttore Michele Brambilla

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

3commenti

Borgotaro

Auto ribaltata sulla fondovalle a Ostia Parmense: un ferito

E' intervenuto anche l'elicottero del 118

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

2commenti

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

Nello stabilimento di Torrile

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

22commenti

Regione

Punti nascita, bagarre in Aula: salta il numero legale

Le opposizioni: "Ripensare la decisione su Borgotaro"

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

tg parma

Nessuna squalifica per d'Aversa. Closing societario il 3 novembre? Video

2commenti

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le scuse scomparse in un mondo incivile

di Roberto Longoni

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

chiesa

Smentite le voci sulla salute di Papa Ratzinger

2commenti

MILANO

Arrestato il geometra "re dei trans"

SPORT

CHAMPIONS

La Juve soffre e vince, la Roma strappa il pari in casa del Chelsea

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

SOCIETA'

SPAZIO

AstroPaolo fotografa nube marrone sulla Pianura Padana

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»