15°

29°

Arte-Cultura

Inquietudini mediatiche e altre visioni

Inquietudini mediatiche e altre visioni
Ricevi gratis le news
0

Gianni Cavazzini
«Mario Schifano nel cuore e nell'anima». Sotto questo titolo Roberto Bertorelli ha riunito nella sua galleria «Il Sipario» (strada Cairoli 11, aperta sino al 9 maggio) una quindicina di opere del grande artista romano di cui è stato amico in vita. Vi sono riuniti i temi elettivi di Schifano, qauelli fondati, come diceva, sulla «costante attività del guardare». Si comincia, in senso cronologico, con «Futurismo rivisitato», 1966, che fissa in immagine i protagonisti del movimento artistico lanciato giusto un secolo fa da Marinetti con il suo rivoluzionario «Manifesto». Tratti da una storica fotografia appaiono in primo piano i quattro pittori che poi diedero forma poetica alla violenta polemica del Futurismo contro il «passatismo» benpensante: Boccioni, Carrà, Russolo, Severini. Un messaggio che l'artista recepiva nella sua totalità sino ad assumerlo come segno del suo mobile e inquieto percorso creativo.

Alla svolta degli anni Settanta Schifano scopre nel televisore un mezzo primario di mediazione della realtà: dall'«ora esatta», al «comizio», ai miti della musica «pop». Una rilettura dei tre quadri qui esposti sul tema consente di capire che la scelta dei soggetti non è dell'artista ma viene scandita sui ritmi della comunicazione televisiva. Se prima, in «Futurismo rivisitato», non era la pittura ad essere tradotta ma piuttosto l'immagine di chi l'ha realizzata, qui ogni responsabilità viene lasciata alla televisione e ai suoi anonimi manipolatori quotidiani.
Il rapporto mediato con la realtà di natura è stato uno dei fili conduttori del viaggio di Schifano: si ricordno immagini di campagne e foreste solitarie nel primo periodo dell'artista, il quale poi, nel '70, approda ai «Paesaggi anemici», di cui appare in mostra un esempio di alta qualità pittorica.

 Si procede, poi, con gli altri temi: «Campo per il pane», 1988, «Isola di Capri», 1990, una sorte di manifesto in cui si ritrova quella tensione costante che conduce Schifano a rivivere le esperienze delle avanguardie in un confronto sottile e originale con i linguaggi emersi nel dopoguerra. In «Mangia il fuoco», 1991, richiama l'incendio visionario del futurismo di Balla per narrare gli episodi di una violenza distruttiva che tocca le fondamenta della nostra stessa civiltà.
Così, valutato ora a, poco più di dieci anni dalla scomparsa, Mario Schifano, si conferma l'artista più potente uscito dalla generazione entrata in scena, in Italia, negli anni del dopoguerra.

Dalla prima stagione dei «monocromi» (testimoniata in mostra da uno smalto su carta degli anni 1960-62 di vivida brillantezza cromatica) si impone nel mondo artistico romano  con le sue inconfondibili pitture fatte di stesure non tonali, tanto che, alle prime apparizioni (ricordo una sua mostra vista a Roma alla galleria «La Tartaruga»), i quadri esposti venivano giudicati, dai più, come degli indici segnaletici.
Ma chi sapeva «guardare» si accorgeva presto che quelle stesure avevano il potere di inserirlo nelle coordinate spaziali del colore. Ed è quel che il pittore è riuscito a fare anche negli anni a seguire per l'intero corso della sua breve vita.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

gossip

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

Tutti al Begio day a Berceto

Era qui la festa

Tutti al Begio day a Berceto Foto

Ultimi giorni per votare la bella Anna Maria

MISS ITALIA

Ultimi giorni per votare la bella Anna Maria

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

Fidenza

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

ONESTA'

Perde la borsa da fotografo nel parcheggio: immigrato la porta ai carabinieri

1commento

incendio

Doppio focolaio a Panocchia: notte di fiamme e lavoro

IN CORSIVO

Ghirardi, il crac Parma e il "negazionista" Cellino

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

varano

Così i vigili del fuoco hanno recuperato l'uomo scivolato nel calanco Video

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

7commenti

Protesta

«Cittadella abbandonata»

weekend

In barca e sui sentieri, tra amor e trota: l'agenda della domenica

LA STORIA

Angelo e Simba, quei due cani che hanno commosso tutti

SERIE B

Nuovi crociati crescono

Salsomaggiore

Pubblica in lutto: è morto Spalti

Personaggio

Ettore, cinquant'anni a tu per tu con la pietra

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

VIABILITA'

Domenica di controesodo. Code a tratti tra Parma e Fiorenzuola Tempo reale

appennino

Cade lungo un sentiero sul Ventasso, soccorsa 59enne

SPORT

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

Moto

Paolo Simoncelli: "Marco sarebbe campione del mondo"

SOCIETA'

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

Marina di pietrasanta

Rapina all'alba al Twiga di Briatore, banditi armati

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti