Arte-Cultura

Il pittore ritrovato

Il pittore ritrovato
0

di Pier Paolo Mendogni
 

Italia delle sorprese. Serra San Quirico è un antico paesino adagiato su una delle tante morbide colline che danno alle Marche un aspetto di quieta dolcezza, che qui però si trasforma improvvisamente in uno spettacolare, romantico scenario di gole dalle profonde pareti rocciose e di grotte incantate di forme suggestive nelle loro millenarie mutazioni.
Ebbene, come a voler fare concorrenza alla bellezza spontanea della natura, qui  sorge una delle chiese barocche più singolari, straripante di stucchi bianchi e dorati, di tele, di affreschi: uno stravolgente e coinvolgente delirio decorativo dettato dalla fede e dall’horror vacui. Dedicata a Santa Lucia, è stata fatta ricostruire dai monaci silvestrini, dopo un violento terremoto, nella seconda metà del Seicento, portandovi l’arte e la cultura di Roma, sede della casa generalizia dell’ordine fondato nel XIII secolo da San Silvestro da Osimo e fiorito sul tronco della grande famiglia benedettina. Tra decine di putti, adolescenti angeli musicanti e femminee virtù, si trovano incastonate, vicino a precedenti pale del Cavalier d’Arpino e Giovan Francesco Romanelli, ben sette imponenti tele di Pasqualino Rossi, cinque delle quali dedicate, nell’abside, alla storia di Santa Lucia con martirio e trionfo nella sfolgorante gloria divina.
Pasqualino Rossi è l’altra stupefacente scoperta di questo luogo e a lui viene dedicata la prima mostra monografica nel Polo museale attiguo alla chiesa (fino al 13 settembre): è intitolata «Pasqualino Rossi. La scoperta di un protagonista del Barocco» e l’hanno curata Angelo Mazza e Anna Maria Ambrosini (catalogo Silvana editoriale).
Pasqualino Rossi (1641-1722) è uno di quegli artisti che hanno goduto un notevole successo in vita ma che dopo la morte sono scivolati nell’oblio avendo lasciato poche opere pubbliche in quanto la loro committenza è stata prevalentemente privata. Anche le notizie su di lui scarseggiano in quanto gli archivi sono ancora da esplorare e il catalogo è da ricostruire. La sua attività non era però sfuggita a Luigi Lanza, uno dei più importanti storici dell’arte della fine del Settecento, che di lui ha scritto: «Nelle quadrerie si veggono giuochi, musiche, conversazioni, e simili capricci da lui lavorati in piccolo che, ove però con più studio, per poco cedono à fiamminghi».

Nato a Vicenza, sulla sua formazione non si sa nulla pur intravedendo nella sua pittura alcune note venete e nei dipinti religiosi echi correggeschi, dovuti forse a qualche soggiorno a Parma, dove viveva suo fratello. La sua carriera artistica però si è svolta a Roma e qui nel 1668 è stato ammesso tra i virtuosi del Pantheon e nel 1670 nella prestigiosa Accademia di San Luca; infatti i suoi quadri si trovano in diverse importanti chiese romane e nelle collezioni di famiglie gentilizie come i Colonna, i Pallavicino e i Doria Pamphilj. Due sono le tematiche prevalenti: quella religiosa e quella legata alla descrizione di scene di vita quotidiana. I dipinti religiosi hanno la loro più alta manifestazione nelle Storie di Santa Lucia in cui il barocco romano si esprime con sciolta classicità vivacizzata da alcune realistiche annotazioni lottesche e da una cromatica brillantezza veneta. Nella «Deposizione», presente in mostra, si notano echi di un’affettività correggesca che ritroviamo pure nella «Sacra Famiglia» di Cortona e nell’Ascensione di Santa Lucia è palese il richiamo ai pennacchi del Duomo di Parma. Nella rassegna prevalgono temi di «genere» sui quali viene posto a confronto con pittori che si sono occupati della piccola realtà quotidiana quali Pietro della Vecchia, Monsù Bernardo, Antonio Amorosi, Francesco Todeschini, Giuseppe Maria Crespi. A differenza di molti di costoro, che hanno accentuato l’aspetto caricaturale o inquieto nella descrizione dei personaggi e delle loro azioni, Pasqualino Rossi ha rappresentato la quotidianità con un realismo garbato, con argute sottolineature di costume e talvolta con l’aggiunta di particolari allusivi a metafore letterarie o a motti popolari che conferiscono al racconto un significato più brillante e colto. La «Lezione di cucito», in passato assegnata al bolognese Crespi, è il racconto esemplare di un brano di vita borghese animato dall’intensità della partecipazione colloquiale di tutti i presenti le cui espressioni sono state rese più incisive da rapidi colpi di luce che squarciano la penombra brunita dell’ambiente. Lo stesso ritmo serrato si ritrova nella «Lezione di musica» in un clima di spumeggiante effervescenza. Questa freschezza discorsiva, riscontrabile anche nei «Giocatori di dadi», si tramuta in spontaneità affettiva nei piccoli dipinti di carattere religioso come «Il matrimonio mistico di Santa Caterina d’Alessandria» vibrante di una squisita sensibilità. Ma anche in un episodio tragico come la «Decollazione di San Giovanni Battista» la crudeltà è attenuata dalla grazia leggera delle due donne.

 

 

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

5commenti

20enne si schianta a folle velocità mentre fa diretta Fb

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nidi di rondine di nonna Ida

GUSTO

La ricetta della Peppa- Nidi di rondine di nonna Ida

Lealtrenotizie

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

seggi

Referendum, alle 12 al voto il 24,46% dei parmigiani. Istruzioni per l'uso

referendum

File infinite al Duc per la tessera. Un lettore: "Racagni, ascensore guasto: e i disabili?"

Carabinieri

Vendono iPhone: ma è una truffa

2commenti

l'agenda

Atmosfere natalizie e sapori della tradizione: cosa fare oggi

RICERCA

Prevedere i terremoti: a che punto siamo

Salsomaggiore

«Lorenzo, un ragazzo speciale»

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

7commenti

Calcio

Brodino per il Parma. E intanto parte l'era D'Aversa

MISSIONARI

Saveriani, da sempre tra gli ultimi

PERSONAGGI

Gandini, il pistard d'oro eroe di Melbourne

elezione

Beltrami nuovo vicepresidente nazionale della Federazione medici sportivi

Intervista

Virginia Raffaele: «Ecco perché i miei personaggi fanno ridere»

1commento

Fidenza

La giunta: «L'aggregazione aiuterà il Solari»

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

9commenti

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

11commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

alessandria

Ruba fidanzatino a figlia, condannata per violenza sessuale

1commento

CALIFORNIA

Incendio al concerto: si temono 40 vittime

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

formula uno

Mercedes, Rossi: "Io al posto di Rosberg? Bello, non potrei dire no"

SERIE A

La Juve domina: battuta l'Atalanta (3-1)

SOCIETA'

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti