Arte-Cultura

Il Bauhaus compie 90 anni

Il Bauhaus compie 90 anni
0

Sergio Caroli


Quando Walter Gropius, assumendo agli inizi del 1919 a Weimar la direzione dell’istituto nato dalla fusione fra l’Accademia
d’Arte e la Scuola d’Artigianato artistico, lo battezzava «Bauhaus» (in omaggio alla «Bauhütte», la corporazione edile medievale), probabilmente non immaginava che stava per dare vita al più importante movimento nella storia dell’architettura e delle arti maggiori e applicate dell’era post-rinascimentale. Anche se, illustrandone gli scopi in un manifesto, scriveva: «L'arte non è una professione, non v'è alcuna differenza essenziale fra l’artista e l’artigiano (...). Insieme concepiamo e creiamo il nuovo edificio del futuro, che abbraccerà architettura, scultura e pittura in una sola unità e che sarà innalzato un giorno verso il cielo dalle mani di milioni di lavoratori». Tre anni e mezzo duravano i corsi dell’istituto. Nei sei mesi di corso preliminare gli allievi prendevano contatto con la forma attraverso esperienze sui materiali. Nei tre anni successivi alternavano lezioni teoriche ad attività lavorativa in laboratori specializzati (scultura, ceramica, lavorazione dei metalli, ebanisteria, vetri, pittura murale, tessitura, fotografia), apprendendo altresì elementi di contabilità, di computo dei prezzi e di contrattazione. Il vento innovatore investiva anche i metodi d’insegnamento: crollava ogni barriera tra arte e artigianato, le classi si trasformavano in officine, sotto la guida un artista («Formmeister») e di un maestro artigiano. L’esame dei materiali precedeva qualsiasi realizzazione, valutandosene le possibilità e il miglior uso: l’allievo sceglieva quello che riteneva a lui più idoneo. Per Gropius l’ideale «Einheitkunstwerk» (opera d’arte unitaria) poteva essere raggiunta solo grazie all’armonica fusione di arte e tecnica. Così mentre i laboratori iniziavano a realizzare veri prototipi per l’industria, egli s'impegnava con energia nella loro commercializzazione. Poiché scopo primario dell’istituto era affrancare l’uomo dalla schiavitù della macchina, salvando - disse Gropius - «sia il prodotto di massa sia il focolare umano dall’anarchia meccanicistica e loro restituendo scopo, senso e vita», si comprende perché ad avvertire forza magnetica della nuova scuola fossero i più grandi artisti del tempo. Vennero infatti ad insegnarvi Lyonel Feininger, Johannes Itten, l’architetto elvetico Hannes Meyer, Paul Klee, Oskar Schlemmer, Vassilij Kandinskij, Lálzló Moholy-Nagy. Sarà poi la volta di Marcel Breuer, Ludwig Mies Van der Rohe; nomi che indicano il mutamento intervenuto all’interno del movimento, passato dall’originaria impostazione espressionista al costruttivismo d’ascendenza russa. Il passaggio al funzionalismo era già avvenuto quando, nel '25, il governo della Turingia costrinse l’istituto a trasferirsi a Dessau. E l’arte vi era ormai considerata un elemento in subordine allorché - difficoltà economiche e politiche incombendo - Gropius cedette le armi. Invano Mies Van der Rohe, succedutogli nel '30, cercò di riaffermare il principio dell’unità di tutte le arti. Nel '32 l’istituto, a causa dell’opposizione governativa, dovette trasferirsi a Berlino. Nel '33 Göring lo chiuse come «covo di bolscevismo culturale»: finirà sotto l’anatema di «entartete Kunst» (arte degenerata) la scuola che aveva sedotto Le Corbusier e Marcel Duchamp, Arnold Schönberg e Albert Einstein. Ma la diaspora dei suoi artisti porterà ovunque le loro esperienze, che eserciteranno un’inestimabile influenza in ogni continente, in particolare negli Stati Uniti. Gropius aveva mirato a una grande unità architettonica che aderisse plasticamente a tutte le necessità pratiche, anche culturali, degli abitanti, inserendo in un complesso di case razionali, comode e igieniche un’arte dignitosa e alla portata di tutti: pannelli decorativi, spettacoli teatrali e musica da camera. L’abolizione di fronzoli e di fasto caratterizza lo stile Bauhaus che si contrappone ai canoni che avevano dominato l’architettura dal Rinascimento in poi. Essenzialità estetica, funzionalità e praticità ne sono i princìpi ispiratori nell’arte come nel design; princìpi imposti dalle necessità sociali create dall’industrialismo. Oggi, soprattutto nel mondo anglo-sassone, collegi, ospedali, campus, costruzioni adibite a uffici, appartamenti e «shopping malls» sorti negli ultimi 70 anni sono, quasi senza eccezione, edificati secondo i programmi del Bauhaus. Ai cui artisti si deve un’incredibile serie di opere che abbracciano il design teatrale, la tipografia, la pittura, il mobilio, gli oggetti di uso domestico, la fotografia, il cinema sperimentale, la musica e il balletto. L’uso del calcestruzzo nelle costruzioni, i muri a vetrata, il tetto-terrazza, la finestra a nastro sono innovazioni del Bauhaus, come pure l’approccio scientifico all’insegnamento dell’arte e del design. Due casi emblematici: Herbert Bayer ha disegnato il «fonetik alfabet», un alfabeto fonetico, per l’inglese, mentre a Marcel Breuer si deve la prima sedia in acciaio tubolare. La Germania si accinge a celebrare il «Bauhaus Jubiläum» con numerose esposizioni, talune grandiose, come la rassegna internazionale itinerante «Bauhaus twenty-21, An ongoing Legacy», che partirà dall’Architekturmuseum di Francoforte (6 marzo - 26 aprile), per poi trasferirsi a Lubiana, Bruxelles, Atene e in altre città europee e asiatiche e, più ancora, il «Modell Bauhaus», mostra allestita al Martin-Gropius-Bau di Berlino (22 luglio - 4 ottobre 2009), che vedrà gli sforzi congiunti dei maggiori collezionisti e dei maggiori istituti di ricerca tedeschi: ne sarà partner anche il Moma di New York, che la ospiterà dal 6 novembre 2009 al 25 gennaio 2010. 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Bertolucci, Maria sapeva tutto tranne uso del burro

giallo "Ultimo tango"

Bertolucci: "Maria sapeva tutto tranne del burro"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Ucciso da forma di parmigiano: condannato produttore "spazzolatrice"

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Incidente

Scontro auto-camion in tangenziale a Collecchio: ferita un'anziana

Analogie

Il Parma sulle orme del "miracolo" Fiorentina 2002?

Cambio d'allenatore, innesti di mercato: da metà classifica alla B. Era il 2002. E c'era Evacuo

Referendum

Il No vince con il 59,11% in Italia, nel Parmense ottiene il 52,63%

5commenti

Parma

Calci e pugni alla moglie per anni: condannato

paura

La bimba resta a terra, il treno parte con la mamma

La "bimba" è stata accudita da un'agente della Polfer

salso

L'ultimo, commovente, saluto al giovane Lorenzo

I funerali del 15enne prematuramente scomparso

giudice sportivo

Due giornate a Lucarelli, ci sarà per il derby

Tifosi, lancio di bottiglie: 2.500 euro di multa

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

Duri esami in inglese e tedesco e tecniche innovative in Svizzera: ecco l'esperienza di una 28enne di Roccabianca

feste

Prove di illuminazione dell'albero di Natale in piazza Gallery

tg parma

Pizzarotti: "Referendum, a Parma debole il movimento per il No" Video

2commenti

16 dicembre

Valter Mainetti professore ad honorem dell'Università di Parma

Il conferimento alle ore 11 nell’Aula Magna dell’Ateneo

Curiosità

Al seggio col colbacco del «no»

tg parma

Ventenne travolto a Lemignano: è in Rianimazione Video

QUESTURA

Bici rubate trovate al parco Falcone e Borsellino: qualcuno le riconosce? Foto

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Cambridge

Trovata morta ricercatrice italiana: cause naturali

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

pazzo mondo

Venezia: si lancia con il surf da Ponte degli Scalzi

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

SPORT

calcio e tragedia

L'omaggio agli "angeli-campioni": Coppa sudamericana alla Chapecoense

secondo allenamento

D'Aversa, subito alle prese con le assenze in difesa Video

MOTORI

GRUGLIASCO

Prodotta la Maserati numero centomila

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)