-3°

Arte-Cultura

Carver minimalista? Una bufala

Carver minimalista? Una bufala
0

Elissa Piccinini


Storie brevi, brevissime. Storie assurde, di follia, alcolismo, disamore. Storie di vita e di vite lacerate. Sono disperatamente così le storie di Raymond Carver, quelle raccolte in «Principianti». Da poco uscito con Einaudi, il volume rappresenta la versione originale del libro «Di cosa parliamo quando parliamo d’amore», raccolta carveriana del 1981, oggi restituita a quell'integrità originaria perduta dai tempi delle «amputazioni» subite in occasione della prima pubblicazione americana. Fu infatti l’allora editor di Carver, Gordon Lish, a sottoporre «Beginners» (questo il titolo originale) a una spietata opera di taglio e revisione, che scosse profondamente il già fragile e sempre precario equilibrio psicologico dello scrittore statunitense. Il manoscritto fu infatti tagliato («mutilato») di oltre il 50%, probabilmente (scrive Riccardo Duranti in una nota conclusiva) perché Lish aveva «intravisto nei racconti di Carver le qualità necessarie per lanciare l’operazione Minimalismo sul mercato letterario, usandolo a mò di ariete dopo averlo manipolato e reso più simile all’idea di fiction che aveva in mente». Fu solo la compagna di Carver, Tess Gallagher, a consigliare al partner (che minacciava la rescissione del contratto editoriale) di attendere tempi migliori per una nuova pubblicazione dei racconti «violati» da Lish nella forma originale. Ma la morte, sopraggiunta dopo un solo anno da una spietata diagnosi di cancro, impedì a Carver di vedere realizzato il progetto cui tanto teneva. Così oggi, a distanza di vent'anni dalla morte dello scrittore, anche grazie all’impegno della Gallagher, William Stull e Maureen Carroll dell’Università di Hartford hanno riconsegnato il testo alla «verginità» originaria. Carver, si diceva, fu forse davvero «sfruttato» da Lish per una «operazione Minimalismo». Da fine e lungimirante editore qual era, Lish si rendeva infatti conto di non possedere le adeguate qualità narrative che animavano invece la prosa di Carver (è questa la tesi sostenuta da Duranti). Ma così, mentre Lish da una lato faceva di Carver un’icona letteraria del Novecento, dall’altro lato lo legava a un’etichetta che lo scrittore non ritenne mai sua: «è un’etichetta usata per designare un sacco di scrittori straordinari, ma è solo questo, un’etichetta» ebbe a dire una volta lo stesso Carver.
E così, eccoci ancora, a distanza di vent'anni, a parlare della prosa di Carver e della forza dei suoi racconti, ma sgombrando il campo una volta per tutte da qualsiasi preconcetto minimalista o postmoderno alla luce del quale si pretenda di leggere il suo lavoro. I racconti di Carver sono quanto di meno schematico e strutturato possa trovarsi in letteratura. Sono narrazioni libere, sciolte dai vincoli di un esordio, di una Spannung e di uno scioglimento conclusivo. In essi non c'è, in fondo, né trama né fine. La diegesi, il narrato tout-court, ha il passo ozioso della vita, di una quotidianità che non conosce l’eccezionalità di eventi perturbanti, quanto piuttosto il ritmo digressivo di un logorante male di vivere. Per loro si è parlato di «fotografie narrative». Ma non si potrebbe, a rigore, neppure utilizzare questa metafora se si pensa a scatti a «soggetto forte» o «a posa». I racconti di Carver potrebbero essere, più verosimilmente, scatti rubati, immagini colte da un treno in movimento, frammenti di stanca, dolorosa umanità. L’unico passaggio «ad effetto» si rivela, talvolta, un incipit straniante: un uomo dalle mani-uncino, una camera da letto allestita nel giardino dirimpetto a una casa, un rumore sospetto nel cuore della notte, una torta rovesciata sul vialetto di una casa... Sono questi gli eventi minimi che aprono il sipario su scene di assurdo quotidiano, su affondi nell’animo disperato di uomini grigi, senza speranza di redenzione. Uno dei temi cardine dell’intera raccolta è poi quello della vita di coppia, una coppia molto stesso divisa da barriere invisibili o lacerata da odi, da incomprensioni, da fratture insanabili sorte dall’incepparsi del meccanismo della comunicazione, dai suoi corto circuiti. Ma altri motivi minori, che percorrono a ragnatela le diciassette storie di «Principianti», sono altrettanti dati autobiografici che hanno, in qualche misura, segnato la vita dello stesso Carver: l’alcolismo, la malattia mentale, la morte, l’innocenza violata, la follia, l’assurdo. Non per nulla, proprio «assurdo» e «follia» sono alcune fra le parole chiave che ricorrono con frequenza nelle pagine della prosa carveriana. Una prosa che corre asciutta ed essenziale, eppure altrettanto gratuita e innecessaria quanto può esserlo il susseguirsi dei giorni nella vita di un uomo.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Ex tronista

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

1commento

Il Taro Taro  story al Marisol

Pgn

Il Taro Taro story al Marisol Foto

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Una scena della "Madama Butterfly" andata in scena ieri alla Scala

La Scala

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Integrazione con gli stranieri: per i ragazzi è facile

PGN

Integrazione con gli stranieri: per i ragazzi è facile

3commenti

Lealtrenotizie

Investita al Barilla Center donne di 70 anni. E' grave

Parma

Barilla Center: investita una 70enne Video

parma

Luminarie: il Comune ha speso 125mila euro

7commenti

LEGA PRO

Il Parma di D'Aversa debutta a Bolzano con il Sudtirol Diretta dalle 14,30

Autostrade

Incidente: code in A1 e in uscita a Fidenza  Tempo reale

Ospedale

Borghi: «Giusto razionalizzare i reparti»

5commenti

Polizia municipale

Dalla Puglia a Collecchio in tre ore? No, tachigrafo truccato: maxi-multa

Inchiesta

E' emergenza truffe, anziani nel mirino: ecco le "trappole" più utilizzate

1commento

Parma

Atti vandalici al gattile

Polizia municipale

Controlli a San Leonardo: 22 multe ad automobilisti, 2 a ciclisti non in regola

Controlli anche sui veicoli: fermate 2 auto senza assicurazione e 5 senza revisione

11commenti

Lutto

Tina Varani, una vita per la famiglia

Politica

Pellacini: "Via D'Azeglio, sala giochi al posto del market?"

1commento

Sala Baganza

Festeggiano 50 anni di matrimonio aiutando la Casa della salute

Carabinieri

Con Rey il labrador «a caccia» di droga

1commento

allarme

Sterpaglie in fiamme, rogo a Ponte Italia

Attorno alle 22 di ieri 

1commento

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

3commenti

Sicurezza

Diciassette nuovi «occhi» a Noceto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

Istat

Cinque famiglie su 100 non riescono a rispettare le scadenze di mutuo e affitto

TRAGEDIA

Scivolano in un dirupo: un morto e due feriti

SOCIETA'

GIORNALISMO

Gramellini passa dalla Stampa al Corriere

REGALI DI NATALE 2016

Scopri il regalo giusto per il tuo lui

SPORT

Basket

Melli show a Tel Aviv con 4 record

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

CURIOSITA'  

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

dialetto

"Io parlo parmigiano" lancia un Lunäri... da Ufo Video