-1°

Arte-Cultura

«Kammerspiel», si ride con il divagar-narrando di Paolo Colagrande

0

Enrico Chierici


Con «Fideg» (Alet Edizioni) Paolo Colagrande vinse nel 2007 il Premio Campiello Opera Prima. Ora in «Kammerspiel» (p.257, euro 14,50, Alet Edizioni 2008) si completano e, forse momentaneamente concludono, le avventure vitali di Bisi, protagonista in entrambi e giornalista-collaboratore di un quotidiano di provincia. Come in un gomitolo, il filo della trama si avvolge su se stesso, gira intorno e scivola, mentre cresce il volume: difficile e sbagliato, riassumere le storie, perché il senso e il piacere è nella lettura della pagina, nel gioco della divagazione, nel citare, nella recita della parola. Se in «Fideg» il problema è quello di scrivere un libro, in «Kammerspiel» si tratta di come fare una rivista, mentre la moglie cade incinta, multe e tasse incombono, il lavoro al giornale è minacciato. Ci si fermi qui per la storia, perché il punto è mettere in scena tutti i tic, i luoghi comuni, i problemi veri e spesso presunti, i vezzi, i nomi degli scrittori - e il gioco è metalinguistico, sul modo di scrivere, sul linguaggio. Si cita in continuazione: Borges, Coleridge, Eco, Calvino, lo si fa a ragione e con una risata spiazzante che mette a lato, sposta il pensiero, lo fa scendere al grado zero, o appena sopra, dove stanno i discorsi comuni e le cose di tutti i giorni. Il volar basso, il realismo rasoterra, passano attraverso una lingua italiana alta, d’area padana occidentale emilian-piacentin-fidentina, con poche espressioni in dialetto ogni volta spiegate, con i giri sintattici, le costruzioni, il tono del parlato. E’ un gioco assai colto e ben dissimulato, una lieve presa in giro ai quaderni francesi, le penne morbide, i manoscritti perduti senza pathos, lo scrivere sempre lo stesso libro. Si citano Humboldt, Morris, Wittgenstein, Kundera; la «volontaria sospensione dell’incredulità» di Coleridge è perfetta per accettare «la verità» della letteratura. La proiezione dinamica del tempo (Enzesberger da Daniel Bernoulli) è spiegata con un colpo di mattarello su un cubo di pasta; il paradosso d’Achille e la tartaruga, le derive kantiane, la casualità di Monod servono per dire che «è il momento di disperarsi»: la moglie è incinta, mancano i soldi, Bisi perde il lavoro. Ora sembra che il libro giri a vuoto, ma il commercialista vanesio e inetto spiega a Bisi che il suo modo di affrontare le tematiche della vita sono «Kammerspiel con derive Biedermeir». Comincia un tormentone che, per come è detto, non significa nulla, ma svela il trucco: il libro racconta una storia intimista, borghese, novecentesca. Bisi corre a consultare il dizionario e la ricerca del significato è perfetta: subito, e ancora, si va a lato, sopra, sotto, si svicola, ci si perde. Il mondo è un garbuglio, un gomitolo barocco da cui non si esce - e lì dietro, come nelle spassose prese in giro agli editoriali di Mina sulla «Stampa» di Torino, c'è Carlo Emilio Gadda. La citazione di Sklovskij porta verso il Formalismo (in breve, conta «come» si dice, non «cosa» si dice) e, alla sua luce, diventano platealmente ridicole le uscite sul campo per schedare la realtà delle inutili scuole di scrittura creativa. Bisi è un filtro: tutto assorbe e tutto restituisce sotto forma di discorso da osteria, in un mondo di provincia dove ogni fatto di cultura può essere accolto e approvato (come la rappresentazione un po' folle del «Nabucco» di Verdi), ma dove, per essere vissuto, dovrà avere un autentico prezzo (cifra, stile, impronta) popolare. Nasce la bambina, torna il lavoro, si pubblicherà la rivista e sarà, per la voglia di collegarsi e di scrivere, e nonostante Baudelaire, «Corrispondenze». «Kammerspiel» è un esercizio di sapiente retorica che dissimula e esibisce il repertorio della grande cultura novecentesca: Piergiorgio Bellocchio, ritratto con affetto mentre discute chinato sulla ricetta di una pietanza, ne è il simbolo prestigioso. Paolo Colagrande sente sua quella cultura non sorpassata, ma accantonata sì e un po' dimenticata: la ama e per questo la mostra prendendola in giro. Il suo è un punto di vista privilegiato su un mondo che non si può rinvigorire, ma solo condividere, riconoscere nel tempo del tramonto.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Le evoluzioni al palo di Maria Aguiar

Pole dance

Evoluzioni al palo: Maria Aguiar è campionessa sudamericana Video

Patti Smith - A Hard Rain's Gonna Fall - Bob Dylan Nobelprize in literature 10 dec 2016

emozione

La Smith al Nobel (per Dylan) si ferma e riprende a cantare Video

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

GASTRONOMIA

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

lega pro

Parma-Teramo 0-1 Diretta

Calcio

Reggiana-Parma: c'è chi non si è fatto sfuggire il biglietto...

OMICIDIO

Elisa accoltellata alle spalle

WEEKEND

Una domenica già immersa nel... Natale

CRIMINALITA'

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

3commenti

Via D'Azeglio

Il nuovo supermercato? No del Comune a causa dei camion

6commenti

Fidenza

Incendio nel negozio: proprietari salvati dai carabinieri

Gazzareporter

Nebbia, le foto di un lettore: "Benvenuti a Eia"

inserto

L'Oroscopo 2017 domani con la Gazzetta di Parma

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

2commenti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Fuori Orario

Serata "I love Rock": ecco chi c'era Foto

Traversetolo

Falso incaricato del Comune cerca di carpire dati ai residenti

A SALSO

Quella «Bisbetica» di Nancy Brilli

Parma

“La Bassa di Zavattini” e la sfida degli anolini: le foto di "Mangia come scrivi"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quel che manca per fare un governo

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

A volte fa più male la gentilezza

ITALIA/MONDO

governo

Gentiloni ha accettato l'incarico: è lui il presidente del Consiglio designato

fisco

Imu e Tasi: entro venerdì il saldo Come si calcola

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Sport USA

Anche Gallinari nella notte magica dei big

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

5commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti