-2°

Casa Farnese

Tra armi e ritratti

Nel Palazzo Reale di Caserta la mostra su due protagonisti del Ducato di Parma tra Cinque e Settecento

Ilario Spolverini, Il Vescovo di Parma rende omaggio a Elisabetta

Ilario Spolverini, Il Vescovo di Parma rende omaggio a Elisabetta

Ricevi gratis le news
0
Dalle imprese e  gesta del condottiero  Alessandro all'epopea di Elisabetta, futura regina di Spagna Tra nozze e corazze, la straordinaria galleria nei dipinti di  De Saive, Spolverini e altri pittori di corte 

Pier Paolo Mendogni

Splendidi dipinti raccontano la storia del duca Alessandro Farnese (1545 – 1592), valoroso condottiero agli ordini dello zio Filippo II re di Spagna, e di Elisabetta Farnese (1692 – 1766), che diventerà regina di Spagna al fianco di Filippo V, madre di Carlo di Borbone che dall’ottobre del 1732 ha retto per brevissimo tempo il ducato di Parma e quando si è trasferito all’inizio del 1734 sul più ambito trono del Regno di Napoli si è portato dietro l’immenso patrimonio artistico dei Farnese, comprendente numerosissime opere che ora si trovano nei musei napoletani e nel Palazzo Reale di Caserta. Ed è qui che vengono esposti insieme a quelli  provenienti dalla Galleria Nazionale di Parma, dai Musei Civici di Piacenza, dai musei Nazionale del Bargello e Stibbert di Firenze nella mostra allestita negli appartamenti storici (fino al 6 gennaio)  intitolata «Il mestiere delle armi e della diplomazia: Alessandro ed Elisabetta Farnese nelle Collezioni del Reale Palazzo di Caserta», organizzata dalla Soprintendenza Bapse in collaborazione con Civita, curata da Vega de Martini. Le «gesta» di Alessandro e i «fasti» per le nozze di Elisabetta sono i punti focali intorno ai quali si sviluppa il percorso. 
Figlio di Ottavio e di Margherita d’Austria (figlia naturale di Carlo V), Alessandro trascorse l’infanzia a Parma, dove il padre aveva preso il possesso del ducato nel 1547, e a undici anni ha accompagnato la madre a Madrid, rimanendo fino a vent’anni alla Corte di Filippo II e perfezionandosi nell’arte militare. Alonso Sanchez Coello l’ha ritratto adolescente a Madrid, di trequarti con l’armatura da parata decorata con girali dorati e le braghe di seta bianca a palloncino con guarnizioni dorate. I tre ritratti di Jean Baptiste De Saive lo mostrano più avanti negli anni, quando era governatore delle Fiandre – ruolo in cui si è distinto per coraggio e per abilità strategica militare e politica – ed era succeduto (1586) quale duca di Parma al padre Ottavio pur rimanendo ad Anversa, come mostra il dipinto della Galleria parmense dove Alessandro è in piedi, ha il volto ornato da baffi e barba e incorniciato dalla gorgiera. Indossa la corazza sopra gli abiti da parata, impreziositi da ricami con perline e tiene nella mano destra il bastone del comando: sul braccio è annodata la fascia rossa del capitano. Ilario Spolverini ne celebra le gesta dipingendolo a cavallo davanti a una città e al comando delle truppe durante uno sbarco mentre i gesuiti Famiano Strada e Guglielmo Dondini lo ricordano nel «De Bello Belgico» e nella «Historia de rebus in Gallia gestis ab Alexandro Farnesio...»: imprese scolpite nel marmo da Simone Moschino che ha raffigurato il grande condottiero vestito come un antico romano incoronato dalla Vittoria con le allegorie delle Fiandre e del fiume Schelda, simbolo della città di Anversa, sotto i suoi piedi. 
Dopo questi successi Alessandro ha ricevuto l’onorificenza del Toson d’oro, esplicitamente richiamato nelle brillanti «guarnitura del Giglio» e «guarnitura Volat» riccamente decorate con incisioni all’acquaforte.Gli episodi bellici sono raggruppati nella Sala delle battaglie dove assistiamo ad assalti alle fortezze, battaglie tra cristiani e turchi, zuffe di cavalieri relativi ai fatti di Casa Farnese e battaglie generiche dovute a Francesco Monti, Giovanni Canti e Ilario Spolverini. Francesco Monti (1646 – 1712) è noto come il Brescianino delle Battaglie per la sua abilità in questi soggetti. E’ stato al servizio dei Farnese e maestro del Canti e dello Spolverini. Giovanni Canti (1653 – 1716) – figlio di Ferrante pretore nel territorio di Sala Baganza e abitante a Parma nella parrocchia di S. Alessandro – non ha lasciato tracce note nel Parmense mentre è documentato a Guastalla e soprattutto a Mantova con molte opere di carattere religioso. Anche Ilario Giacinto Mercanti detto Spolverini (1657 – 1734) è parmigiano e ha fatto tutta la sua carriera nel ducato al servizio dei Farnese, che l’hanno apprezzato per la sua abilità nel dipingere battaglie ma soprattutto le cerimonie. Così è lui che ci ha lasciato il preziosissimo e scenografico ricordo dello straordinario evento delle nozze di Elisabetta Farnese col re di Spagna Filippo V per la parte svoltasi nel Parmense. 
Figlia di Odoardo Farnese (primogenito di Ranuccio II premorto al padre) e di Dorotea Sofia di Neuburg a ventidue anni, grazie all’abilità diplomatica dell’abate Giulio Alberoni, ha sposato il trentunenne re di Spagna, vedovo, e in breve tempo si è dimostrata abile nella gestione del potere e del marito. Le nozze per procura venivano solennemente celebrate il 16 settembre 1714 nel Duomo di Parma, riccamente addobbato, dal legato pontificio cardinale Ulisse Gozzadini e lo sposo era rappresentato dal cardiale Acquaviva, ambasciatore di Spagna a Roma. Il duca Francesco Farnese incaricava Spolverini di prendere appunti durante le varie fasi dell’avvenimento per poi trasferirle sulla tela tra il 1715 e il 1722; e le ha dovute ripetere in diverse dimensioni, piccole, medie e grandi. Qui sono esposte una decina di tele: dagli incontri del cardinale Gozzadini con Elisabetta e col duca all’omaggio reso alla neoregina dal vescovo e dal clero di Parma, dalle Comunità di Parma e di Piacenza, dalle dame e dai gentiluomini di Corte; i commiati. In un ovale Elisabetta è con la madre Dorotea Sofia nel giardino di Colorno. Nei ritratti singoli, ripresi dal Molinaretto e da Jean Ranc, la regina appare elegantissima, come il suo ruolo imponeva, con abiti di velluto ricchi di applicazioni di pietre preziose in armonia con la vezzosa acconciatura e con il mantello foderato d’ermellino: Elisabetta «la buona principessa di Parma impastata di butirro e formaggio» era diventata Isabel, regina di Spagna e una delle più potenti donne d’Europa. 
Splendidi dipinti raccontano la storia del duca Alessandro Farnese (1545 – 1592), valoroso condottiero agli ordini dello zio Filippo II re di Spagna, e di Elisabetta Farnese (1692 – 1766), che diventerà regina di Spagna al fianco di Filippo V, madre di Carlo di Borbone che dall’ottobre del 1732 ha retto per brevissimo tempo il ducato di Parma e quando si è trasferito all’inizio del 1734 sul più ambito trono del Regno di Napoli si è portato dietro l’immenso patrimonio artistico dei Farnese, comprendente numerosissime opere che ora si trovano nei musei napoletani e nel Palazzo Reale di Caserta. Ed è qui che vengono esposti insieme a quelli  provenienti dalla Galleria Nazionale di Parma, dai Musei Civici di Piacenza, dai musei Nazionale del Bargello e Stibbert di Firenze nella mostra allestita negli appartamenti storici (fino al 6 gennaio)  intitolata «Il mestiere delle armi e della diplomazia: Alessandro ed Elisabetta Farnese nelle Collezioni del Reale Palazzo di Caserta», organizzata dalla Soprintendenza Bapse in collaborazione con Civita, curata da Vega de Martini. Le «gesta» di Alessandro e i «fasti» per le nozze di Elisabetta sono i punti focali intorno ai quali si sviluppa il percorso. Figlio di Ottavio e di Margherita d’Austria (figlia naturale di Carlo V), Alessandro trascorse l’infanzia a Parma, dove il padre aveva preso il possesso del ducato nel 1547, e a undici anni ha accompagnato la madre a Madrid, rimanendo fino a vent’anni alla Corte di Filippo II e perfezionandosi nell’arte militare. Alonso Sanchez Coello l’ha ritratto adolescente a Madrid, di trequarti con l’armatura da parata decorata con girali dorati e le braghe di seta bianca a palloncino con guarnizioni dorate. I tre ritratti di Jean Baptiste De Saive lo mostrano più avanti negli anni, quando era governatore delle Fiandre – ruolo in cui si è distinto per coraggio e per abilità strategica militare e politica – ed era succeduto (1586) quale duca di Parma al padre Ottavio pur rimanendo ad Anversa, come mostra il dipinto della Galleria parmense dove Alessandro è in piedi, ha il volto ornato da baffi e barba e incorniciato dalla gorgiera. Indossa la corazza sopra gli abiti da parata, impreziositi da ricami con perline e tiene nella mano destra il bastone del comando: sul braccio è annodata la fascia rossa del capitano. Ilario Spolverini ne celebra le gesta dipingendolo a cavallo davanti a una città e al comando delle truppe durante uno sbarco mentre i gesuiti Famiano Strada e Guglielmo Dondini lo ricordano nel «De Bello Belgico» e nella «Historia de rebus in Gallia gestis ab Alexandro Farnesio...»: imprese scolpite nel marmo da Simone Moschino che ha raffigurato il grande condottiero vestito come un antico romano incoronato dalla Vittoria con le allegorie delle Fiandre e del fiume Schelda, simbolo della città di Anversa, sotto i suoi piedi. Dopo questi successi Alessandro ha ricevuto l’onorificenza del Toson d’oro, esplicitamente richiamato nelle brillanti «guarnitura del Giglio» e «guarnitura Volat» riccamente decorate con incisioni all’acquaforte.Gli episodi bellici sono raggruppati nella Sala delle battaglie dove assistiamo ad assalti alle fortezze, battaglie tra cristiani e turchi, zuffe di cavalieri relativi ai fatti di Casa Farnese e battaglie generiche dovute a Francesco Monti, Giovanni Canti e Ilario Spolverini. Francesco Monti (1646 – 1712) è noto come il Brescianino delle Battaglie per la sua abilità in questi soggetti. E’ stato al servizio dei Farnese e maestro del Canti e dello Spolverini. Giovanni Canti (1653 – 1716) – figlio di Ferrante pretore nel territorio di Sala Baganza e abitante a Parma nella parrocchia di S. Alessandro – non ha lasciato tracce note nel Parmense mentre è documentato a Guastalla e soprattutto a Mantova con molte opere di carattere religioso. Anche Ilario Giacinto Mercanti detto Spolverini (1657 – 1734) è parmigiano e ha fatto tutta la sua carriera nel ducato al servizio dei Farnese, che l’hanno apprezzato per la sua abilità nel dipingere battaglie ma soprattutto le cerimonie. Così è lui che ci ha lasciato il preziosissimo e scenografico ricordo dello straordinario evento delle nozze di Elisabetta Farnese col re di Spagna Filippo V per la parte svoltasi nel Parmense. Figlia di Odoardo Farnese (primogenito di Ranuccio II premorto al padre) e di Dorotea Sofia di Neuburg a ventidue anni, grazie all’abilità diplomatica dell’abate Giulio Alberoni, ha sposato il trentunenne re di Spagna, vedovo, e in breve tempo si è dimostrata abile nella gestione del potere e del marito. Le nozze per procura venivano solennemente celebrate il 16 settembre 1714 nel Duomo di Parma, riccamente addobbato, dal legato pontificio cardinale Ulisse Gozzadini e lo sposo era rappresentato dal cardiale Acquaviva, ambasciatore di Spagna a Roma. Il duca Francesco Farnese incaricava Spolverini di prendere appunti durante le varie fasi dell’avvenimento per poi trasferirle sulla tela tra il 1715 e il 1722; e le ha dovute ripetere in diverse dimensioni, piccole, medie e grandi. Qui sono esposte una decina di tele: dagli incontri del cardinale Gozzadini con Elisabetta e col duca all’omaggio reso alla neoregina dal vescovo e dal clero di Parma, dalle Comunità di Parma e di Piacenza, dalle dame e dai gentiluomini di Corte; i commiati. In un ovale Elisabetta è con la madre Dorotea Sofia nel giardino di Colorno. Nei ritratti singoli, ripresi dal Molinaretto e da Jean Ranc, la regina appare elegantissima, come il suo ruolo imponeva, con abiti di velluto ricchi di applicazioni di pietre preziose in armonia con la vezzosa acconciatura e con il mantello foderato d’ermellino: Elisabetta «la buona principessa di Parma impastata di butirro e formaggio» era diventata Isabel, regina di Spagna e una delle più potenti donne d’Europa. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Filippo Nardi

TELEVISIONE

Isola dei famosi: Filippo Nardi si spoglia davanti a Bianca Atzei Video

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

"incidente"

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"La Buca dei diavoli"

CHICHIBIO

"La Buca dei diavoli": non solo pizza secondo tradizione

Lealtrenotizie

Notturni in Musica. I successi del jazz e del musical

CULTURA

Restauri di monumenti: 3,8 milioni per interventi a Parma e nella Bassa

Ecco gli interventi nel Parmense: Parma, Colorno, Busseto, Soragna, Coltaro, Fontanelle e Zibello

tg parma

Presunta tratta di calciatori africani: concessi i domiciliari a Drago Video

elezioni

Salvini a Parma e Traversetolo: "Meno tasse, meno burocrazia e meno clandestini" Video

3commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Addio a Dalmazio Besagni: era la memoria storica di Busseto

noceto

Provano con due "copioni" a truffare una 76enne: lei li fa arrestare

1commento

FIDENZA

Non arrivava alla sua festa di compleanno: era morto d'infarto

tg parma

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori. Come sarà Video

3commenti

Montanara

Spettatore diplomato in primo soccorso salva calciatore durante la partita

1commento

COMITATO

Manifesto per San Leonardo chiede più sicurezza: "Non installate le telecamere promesse"

Lettera aperta alla giunta comunale: "Bene essere capitale della cultura ma vorremmo che Parma fosse città sicura 2018"

2commenti

Parma

Carabiniere blocca un ladro: «In divisa o no, prima viene il dovere»

1commento

San Polo d’Enza

Il “Grande fratello” incastra la banda dei salumi: denunciati in sei

1commento

parma calcio

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

Malmesi a Bar Sport: "Abbiamo fatto la nostra offerta per il Centro sportivo di Collecchio".

3commenti

60 anni di legge Merlin

Le ragazze salvate dalla tratta

PARMENSE

L'Inail acquista la nuova sede dell'istituto Solari di Fidenza

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

1commento

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

LAVORO

64 nuove offerte

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Badante sposa l'invalido che accudisce e lo riduce sul lastrico: denunciata 

VIOLENZA

Legato mani e piedi e picchiato a sangue il responsabile di Forza Nuova a Palermo

SPORT

FORMULA 1

Il ritorno del "Biscione": ecco l'Alfa Romeo C37

Calciomercato

Pirlo lascia il calcio e annuncia il suo match di addio

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Balli e divertimento al Newyork di Sissa Foto

libri

Mago Gigo racconta Capitan Braghetta, "il supereroe che è dentro di noi" Video

MOTORI

NOVITA'

Mercedes Classe B Tech, quando la tecnologia è alla portata

IL CASO

Il pubblico ha scelto: si chiamerà Tarraco il terzo Suv di Seat