-2°

Arte-Cultura

Coraggio e chiarezza

Coraggio e chiarezza
0

di Christian Stocchi
Il 22 aprile ricorre il centenario della nascita, in un momento in cui la sua lezione - di uomo e di giornalista - è più che mai attuale. Indro Montanelli percorse da protagonista le tappe più significative della recente storia italiana. E la sua biografia aiuta a capire meglio anche noi italiani. Come eravamo e come siamo diventati. Dopo un fortunato volume («Lo stregone», 2006), che ha raccontato la prima parte della sua vita (fino al 1957), ora, con «Montanelli l’anarchico borghese» (Einaudi, 18,50 euro), Sandro Gerbi e Raffaele Liucci approfondiscono gli anni dal 1958 al 2001, offrendo una ricostruzione sempre rigorosa, arricchita da un’ampia serie di documenti.
Un pezzo di storia italiana
  Nel dopoguerra Montanelli si trovò ad affrontare in prima linea i passaggi più caldi della politica italiana. Era liberal-conservatore e anticomunista. Ma non amava la Democrazia Cristiana. Invitava a votarla, certo, ma «turandosi il naso», e la riteneva di fatto «il male minore». In un ambiente, quello del giornalismo italiano, spesso condizionato dalla politica, Montanelli non aveva paura del potere e non aveva paura di sfidarlo. Lo diceva e lo dimostrava. E disprezzava chi era asservito, perché «la servitù, in molti casi, non è una violenza dei padroni, ma una tentazione dei servi». Un episodio memorabile: Ciriaco De Mita, nel periodo di massimo potere (era, insieme, capo dc e capo del governo), lo querelò per un editoriale dal titolo «Messaggio di padrino». A una domanda del giudice, Indro rispose di avere usato la parola «padrino» perché «questo è il linguaggio corrente mutuato dalla malavita, con la quale le clientele politiche hanno molti punti di contatto. Ma ora non vorrei che fosse la malavita a querelarmi». Un capolavoro. Ovazione dei presenti. Montanelli perse la causa, ma, come osservò Biagi, «era ovvio che avrebbe vinto anche perdendo». La caduta del Muro di Berlino lo stupì per il modo e per i tempi così rapidi; e Indro, che a quel punto aveva vinto la sua scommessa, non riuscì a infierire. Anzi, fu colto da una vena quasi malinconica. Il resto è storia recente: Tangentopoli e l’ascesa di Berlusconi, contro cui Montanelli si schierò in modo netto, tanto da arrivare (lui, uomo «di destra, ma non di questa destra») alla dichiarazione di voto per il centrosinistra.
Dal Corriere al Giornale
Per raccontare fino in fondo il Montanelli giornalista servirebbero cataste di volumi. In breve: il giornalismo era il suo sacerdozio. Dopo il doloroso divorzio dal «Corriere della sera», nel 1974 plasmò «Il Giornale». Era un quotidiano decisamente controcorrente, in un periodo segnato da un certo conformismo. Puntava sulla qualità delle firme e sulla forza delle idee, senza cedere a rivoluzioni grafiche o a mode effimere. Qualcuno poi imputò a Montanelli di non riuscire a stare al passo con i tempi: i giornali si stavano trasformando, con inserti di ogni genere e supplementi su carta patinata. Ma Indro non aveva dubbi: «noi cerchiamo lettori, non acquirenti». D’altra parte, le difficoltà erano chiare, se è vero che «il Giornale chiuse i conti dell’89 con una perdita superiore ai 4 miliardi». Altre ragioni stavano per rendere sempre più difficile il rapporto con colui che era stato a lungo definito «il più liberale degli editori»: Silvio Berlusconi.
La Voce: l’ultimo sogno
 Lo scontro con il Cavaliere, impegnato nel percorso verso la creazione di Forza Italia, segnò uno dei momenti più drammatici della carriera di Montanelli. In realtà, come giustamente sottolineano gli autori, il rapporto tra i due fu sempre abbastanza complesso. Ma tra il 1993 e il 1994 precipita. Il 12 gennaio del '94, nell’ultimo editoriale «Al lettore. Vent'anni dopo», Indro spiega con la sua consueta chiarezza: nessuno mi ha cacciato, me ne vado per incompatibilità con l’editore, che vorrebbe ridurre il «Giornale» a un organo di partito. Di qui l’ultimo sogno: quello della «Voce», pensata come «una corvetta agile, spedita, con una rotta ben precisa», che non vuole seguire partiti o schieramenti, ma «dice di no a tutti». Sono tanti i giornalisti che lo seguono: ma il progetto editoriale avrà vita breve. Poi ecco il ritorno al Corriere e al colloquio con i suoi lettori.
L'eredità
 La sua scrivania è stata una cattedra per tanti giornalisti. Una cattedra che non aveva nulla di solenne, anzi. Di lì Montanelli insegnava la chiarezza della scrittura e la coerenza delle idee, perché - lo ripeteva spesso - il lettore era per lui l’unico autentico padrone. E così dell’uomo che venne gambizzato e poi strinse la mano ai suoi cecchini, del giornalista che lottò contro il comunismo ma non infierì dopo il suo crollo, del borghese anarchico con il gusto del paradosso, ci rimane, come estrema epigrafe, una frase (una tra le tante e significative) che vale più di mille interpretazioni: «Gli uomini non si misurano dalle idee che professano, ma da quello che ci mettono dentro». Alla fine, anche i nemici più ostili gli hanno reso omaggio, al di là di ogni aspettativa. Ma Indro, accorto com'era, aveva previsto anche questo: «Gli uomini sono buoni con i morti quasi quanto sono cattivi con i vivi». Mai intuizione fu più profetica.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Picchiata e scaraventata giù da un'auto

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

3commenti

Intervista

Pizzarotti: «Noi liberi di pensare solo al bene di Parma»

6commenti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

Parma

Incendio di canna fumaria a Porporano

Sono intervenuti i vigili del fuoco

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

FIDENZA

Memorial Concari: trionfano i padroni di casa La classifica

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

Parma-Santarcangelo

Evacuo spera di rimanere al Parma Video

Anche Mazzocchi in sala stampa

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

13commenti

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

"E' stato come una bomba. Ci siamo salvati mangiando la neve"

Gran Sasso

Rigopiano, individuata la sesta vittima: è un uomo

SOCIETA'

Samsung

Incendi al Galaxy Note 7: erano il design e la manifattura delle batterie

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

10commenti

SPORT

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017