12°

Verso il 2019

Capitale della Cultura: sfida a 6

In corsa Ravenna, Siena, Cagliari, Lecce, Matera e L'Aquila.

Uno scorcio di Ravenna

Uno scorcio di Ravenna

0

 

(di Silvia Lambertucci)
 ROMA, 15 NOV – Alla fine per l’Italia sarà sfida a sei per la città Capitale della Cultura 2019. Selezionate dalla Giuria Europea presieduta da Steve Green, riunita in questi giorni a Roma, sono rimaste in corsa Cagliari, Lecce, Matera, Perugia-Assisi, Ravenna e Siena. E se tra le escluse c'è chi reagisce con fair play come Urbino che tanti davano per favorita e chi non nasconde un pò di amarezza come l’Aquila, in attesa del verdetto finale le sei prescelte gongolano e si godono un risultato che è già una piccola vittoria. Mentre già monta un pò di polemica con l’assessore alle culture della Lombardia Cristina Cappellini, che si indigna per l’esclusione di Bergamo e Mantova e coglie l’occasione per sparare sul governo Letta: «Si dimostra ancora una volta nemico del Nord’'.
Del resto lo riconosce anche la commissaria Ue all’istruzione e alla cultura Androulla Vassiliou, la sola nomination «può portare alle città interessate importanti benefici a livello culturale, economico e sociale, a condizione che la loro offerta sia inserita in una strategia di sviluppo a lungo termine basata sulla cultura».
E quindi si riparte. Smaltita la tensione di questi ultimi giorni, quando le audizioni davanti alla giuria europea composta da membri italiani e stranieri scelti e concordati con la Commissione Ue si sono succedute nei locali messi a disposizione a Roma dal ministero dei Beni culturali, i sindaci delle città selezionate esultano, dall’entusiasta primo cittadino di Cagliari, Massimo Zedda ("Solo per il fatto di essere tra le prime sei, per Cagliari ci sarà un indotto inimmaginabile") al più prudente senese Bruno Valentini («Le sfide che abbiamo davanti non sono finite"). E se da Matera il sindaco Salvatore Adduce sottolinea che il risultato "non era scontato" e invita
la città, i cittadini, la Basilicata e i territori vicini a "crederci", a Lecce Paolo Perrone addirittura si commuove per la felicità, ma avverte: «è solo il primo step di un percorso che d’ora in poi si farà davvero duro, davvero difficile". Anche a Ravenna il sindaco Fabrizio Matteucci fa festa e nello stesso tempo già pensa a rimboccarsi le maniche ("Da lunedì riprenderemo a lavorare pancia a terra"), mentre a Perugia gemellata con Assisi insieme con il sindaco Wladimiro Boccali festeggia il sottosegretario ai beni culturali Ilaria Borletti Buitoni, che si dichiara perugina 'd’adozionè.
E gli esclusi? Tra le 21 candidature che erano state presentate in questi mesi alla giuria europea (oltre alle sei promosse c'erano Venezia, Duania e Cilento, Taranto, Mantova, Caserta, Palermo, Aosta, Erice, Reggio Calabria, Urbino, L'aquila, Bergamo, Grosseto, Siracusa, Pisa) ci sono bocciature che bruciano forse anche più di altre, come quella di Urbino, che aveva tra i suoi testimonial l’archistar Odile Decq e l’ex ministro della cultura francese Jack Lang nonchè un sostenitore di peso come Umberto Eco. O quella di Mantova, che aveva a guida del suo Comitato Promotore l’ex presidente di Confindustria Emma Marcegaglia. Per tutte la delusione è forte, in prima fila l'Aquila che nelle parole della presidente del Comitato Stefania Pezzopane rivela una punta di amarezza («Partivamo da uno svantaggio iniziale forte, che ha pesato moltissimo: la nostra situazione di città devastata, a cui si è aggiunta la mancanza di sostegno economico di alcuni enti, tra cui la Regione»). Deluso, ma non rassegnato, Giorgio Orsoni, sindaco di Venezia: «la città aveva messo a disposizione la sua immagine e competenza per un progetto condiviso che riteniamo ancora valido, a prescindere dalla candidatura».
Al verdetto finale comunque manca un anno. Per selezionare la città italiana che sarà capitale europea della cultura nel 2019
(l'altra capitale europea della cultura per quell'anno sarà bulgara) la giuria europea tornerà a riunirsi nell’ultimo quadrimestre del 2014.
(di Silvia Lambertucci - agenzia Ansa)

 


Alla fine per l’Italia sarà sfida a sei per la città Capitale della Cultura 2019. Selezionate dalla Giuria Europea presieduta da Steve Green, riunita in questi giorni a Roma, sono rimaste in corsa Cagliari, Lecce, Matera, Perugia-Assisi, Ravenna e Siena. E se tra le escluse c'è chi reagisce con fair play come Urbino che tanti davano per favorita e chi non nasconde un pò di amarezza come l’Aquila, in attesa del verdetto finale le sei prescelte gongolano e si godono un risultato che è già una piccola vittoria. Mentre già monta un pò di polemica con l’assessore alle culture della Lombardia Cristina Cappellini, che si indigna per l’esclusione di Bergamo e Mantova e coglie l’occasione per sparare sul governo Letta: «Si dimostra ancora una volta nemico del Nord’'.
Del resto lo riconosce anche la commissaria Ue all’istruzione e alla cultura Androulla Vassiliou, la sola nomination «può portare alle città interessate importanti benefici a livello culturale, economico e sociale, a condizione che la loro offerta sia inserita in una strategia di sviluppo a lungo termine basata sulla cultura».
E quindi si riparte. Smaltita la tensione di questi ultimi giorni, quando le audizioni davanti alla giuria europea composta da membri italiani e stranieri scelti e concordati con la Commissione Ue si sono succedute nei locali messi a disposizione a Roma dal ministero dei Beni culturali, i sindaci delle città selezionate esultano, dall’entusiasta primo cittadino di Cagliari, Massimo Zedda ("Solo per il fatto di essere tra le prime sei, per Cagliari ci sarà un indotto inimmaginabile") al più prudente senese Bruno Valentini («Le sfide che abbiamo davanti non sono finite"). E se da Matera il sindaco Salvatore Adduce sottolinea che il risultato "non era scontato" e invitala città, i cittadini, la Basilicata e i territori vicini a "crederci", a Lecce Paolo Perrone addirittura si commuove per la felicità, ma avverte: «è solo il primo step di un percorso che d’ora in poi si farà davvero duro, davvero difficile". Anche a Ravenna il sindaco Fabrizio Matteucci fa festa e nello stesso tempo già pensa a rimboccarsi le maniche ("Da lunedì riprenderemo a lavorare pancia a terra"), mentre a Perugia gemellata con Assisi insieme con il sindaco Wladimiro Boccali festeggia il sottosegretario ai beni culturali Ilaria Borletti Buitoni, che si dichiara perugina 'd’adozionè.
E gli esclusi? Tra le 21 candidature che erano state presentate in questi mesi alla giuria europea (oltre alle sei promosse c'erano Venezia, Duania e Cilento, Taranto, Mantova, Caserta, Palermo, Aosta, Erice, Reggio Calabria, Urbino, L'aquila, Bergamo, Grosseto, Siracusa, Pisa) ci sono bocciature che bruciano forse anche più di altre, come quella di Urbino, che aveva tra i suoi testimonial l’archistar Odile Decq e l’ex ministro della cultura francese Jack Lang nonchè un sostenitore di peso come Umberto Eco. O quella di Mantova, che aveva a guida del suo Comitato Promotore l’ex presidente di Confindustria Emma Marcegaglia. Per tutte la delusione è forte, in prima fila l'Aquila che nelle parole della presidente del Comitato Stefania Pezzopane rivela una punta di amarezza («Partivamo da uno svantaggio iniziale forte, che ha pesato moltissimo: la nostra situazione di città devastata, a cui si è aggiunta la mancanza di sostegno economico di alcuni enti, tra cui la Regione»). Deluso, ma non rassegnato, Giorgio Orsoni, sindaco di Venezia: «la città aveva messo a disposizione la sua immagine e competenza per un progetto condiviso che riteniamo ancora valido, a prescindere dalla candidatura».
Al verdetto finale comunque manca un anno. Per selezionare la città italiana che sarà capitale europea della cultura nel 2019 (l'altra capitale europea della cultura per quell'anno sarà bulgara) la giuria europea tornerà a riunirsi nell’ultimo quadrimestre del 2014.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

CONCORSO

GAZZAREPORTER

Racconta l'inverno e vinci: le foto dei lettori Video

Canale 5, Ceccherini abbandona l'Isola dei Famosi

Foto Ansa

isola dei famosi

Ceccherini litiga con Raz Degan e se ne va. Televoto: sms risarciti

1commento

«Leone di Lernia, non mollare»

E' grave

«Leone di Lernia, non mollare»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il Carnevale della Pappa

LA PEPPA

Ricette in video: Nodini dell'amore per carnevale Video

di Paola Guatelli

Lealtrenotizie

Via Venezia, pensionata scippata

CRIMINALITA'

Via Venezia, pensionata scippata

Finto tecnico

Ancora un'anziana truffata

Ospedale Maggiore

La nuova vita di Denis inizia a Parma

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Salsomaggiore

Gli ambulanti protestano: «Troppo sacrificati»

CARABINIERI

Sid, il cane antidroga a caccia di dosi nel greto della Parma

Vandalismi

Si sveglia e trova l'auto devastata

Traversetolo

Cazzola, i ladri tornano per la terza volta

Associazioni

Arci Golese, la casa comune di Baganzola

Inchiesta

Multe, Parma fra le città che incassano di più: è terza in Italia Dati 

Quattroruote pubblica la top ten 2016 delle città dove gli automobilisti sono più "tartassati"

5commenti

Estorsione

Chiede soldi all'ex amante per non pubblicare foto "compromettenti": 28enne parmigiana patteggia

Il fatto del giorno

L'ultima verità sulla legionella

2commenti

Allarme

Quei 40 bambini «scomparsi» dalle classi

6commenti

Parma

La Corte dei Conti contesta a Pizzarotti la nomina del Dg del Comune

Lo ha annunciato il sindaco su Facebook: "Esposto di un esponente dei Pd. Sono tranquillo"

4commenti

Giustizia

Tar in via di estinzione? I ricorsi calano del 20% all'anno Video

Intervista: Sergio Conti, presidente del Tar di Parma, fa il punto nel giorno dell'apertura dell'anno giudiziario

3commenti

Marche

Due parmigiane fra le macerie per salvare le opere d'arte: "Situazione inimmaginabile"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

11commenti

EDITORIALE

L'avventura di un giorno senza telefonino

di Patrizia Ginepri

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Discoteca offre 100 euro alle donne senza slip, è polemica

tv

Rai: anche per gli artisti arriva il tetto degli stipendi

SOCIETA'

CHICHIBIO

«Trattoria al Teatro», tutto il buono della tradizione

Fotografia

Scatti al bar per impersonare... la quotidianità

SPORT

Europa League

Harakiri Fiorentina: il Borussia vince 4-2 e passa il turno

Calcio

I play-off di Lega Pro: ecco come funzionano

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

SALONE

A Ginevra 126 novità La guida