13°

29°

Verso il 2019

Capitale della Cultura: sfida a 6

In corsa Ravenna, Siena, Cagliari, Lecce, Matera e L'Aquila.

Uno scorcio di Ravenna

Uno scorcio di Ravenna

0

 

(di Silvia Lambertucci)
 ROMA, 15 NOV – Alla fine per l’Italia sarà sfida a sei per la città Capitale della Cultura 2019. Selezionate dalla Giuria Europea presieduta da Steve Green, riunita in questi giorni a Roma, sono rimaste in corsa Cagliari, Lecce, Matera, Perugia-Assisi, Ravenna e Siena. E se tra le escluse c'è chi reagisce con fair play come Urbino che tanti davano per favorita e chi non nasconde un pò di amarezza come l’Aquila, in attesa del verdetto finale le sei prescelte gongolano e si godono un risultato che è già una piccola vittoria. Mentre già monta un pò di polemica con l’assessore alle culture della Lombardia Cristina Cappellini, che si indigna per l’esclusione di Bergamo e Mantova e coglie l’occasione per sparare sul governo Letta: «Si dimostra ancora una volta nemico del Nord’'.
Del resto lo riconosce anche la commissaria Ue all’istruzione e alla cultura Androulla Vassiliou, la sola nomination «può portare alle città interessate importanti benefici a livello culturale, economico e sociale, a condizione che la loro offerta sia inserita in una strategia di sviluppo a lungo termine basata sulla cultura».
E quindi si riparte. Smaltita la tensione di questi ultimi giorni, quando le audizioni davanti alla giuria europea composta da membri italiani e stranieri scelti e concordati con la Commissione Ue si sono succedute nei locali messi a disposizione a Roma dal ministero dei Beni culturali, i sindaci delle città selezionate esultano, dall’entusiasta primo cittadino di Cagliari, Massimo Zedda ("Solo per il fatto di essere tra le prime sei, per Cagliari ci sarà un indotto inimmaginabile") al più prudente senese Bruno Valentini («Le sfide che abbiamo davanti non sono finite"). E se da Matera il sindaco Salvatore Adduce sottolinea che il risultato "non era scontato" e invita
la città, i cittadini, la Basilicata e i territori vicini a "crederci", a Lecce Paolo Perrone addirittura si commuove per la felicità, ma avverte: «è solo il primo step di un percorso che d’ora in poi si farà davvero duro, davvero difficile". Anche a Ravenna il sindaco Fabrizio Matteucci fa festa e nello stesso tempo già pensa a rimboccarsi le maniche ("Da lunedì riprenderemo a lavorare pancia a terra"), mentre a Perugia gemellata con Assisi insieme con il sindaco Wladimiro Boccali festeggia il sottosegretario ai beni culturali Ilaria Borletti Buitoni, che si dichiara perugina 'd’adozionè.
E gli esclusi? Tra le 21 candidature che erano state presentate in questi mesi alla giuria europea (oltre alle sei promosse c'erano Venezia, Duania e Cilento, Taranto, Mantova, Caserta, Palermo, Aosta, Erice, Reggio Calabria, Urbino, L'aquila, Bergamo, Grosseto, Siracusa, Pisa) ci sono bocciature che bruciano forse anche più di altre, come quella di Urbino, che aveva tra i suoi testimonial l’archistar Odile Decq e l’ex ministro della cultura francese Jack Lang nonchè un sostenitore di peso come Umberto Eco. O quella di Mantova, che aveva a guida del suo Comitato Promotore l’ex presidente di Confindustria Emma Marcegaglia. Per tutte la delusione è forte, in prima fila l'Aquila che nelle parole della presidente del Comitato Stefania Pezzopane rivela una punta di amarezza («Partivamo da uno svantaggio iniziale forte, che ha pesato moltissimo: la nostra situazione di città devastata, a cui si è aggiunta la mancanza di sostegno economico di alcuni enti, tra cui la Regione»). Deluso, ma non rassegnato, Giorgio Orsoni, sindaco di Venezia: «la città aveva messo a disposizione la sua immagine e competenza per un progetto condiviso che riteniamo ancora valido, a prescindere dalla candidatura».
Al verdetto finale comunque manca un anno. Per selezionare la città italiana che sarà capitale europea della cultura nel 2019
(l'altra capitale europea della cultura per quell'anno sarà bulgara) la giuria europea tornerà a riunirsi nell’ultimo quadrimestre del 2014.
(di Silvia Lambertucci - agenzia Ansa)

 


Alla fine per l’Italia sarà sfida a sei per la città Capitale della Cultura 2019. Selezionate dalla Giuria Europea presieduta da Steve Green, riunita in questi giorni a Roma, sono rimaste in corsa Cagliari, Lecce, Matera, Perugia-Assisi, Ravenna e Siena. E se tra le escluse c'è chi reagisce con fair play come Urbino che tanti davano per favorita e chi non nasconde un pò di amarezza come l’Aquila, in attesa del verdetto finale le sei prescelte gongolano e si godono un risultato che è già una piccola vittoria. Mentre già monta un pò di polemica con l’assessore alle culture della Lombardia Cristina Cappellini, che si indigna per l’esclusione di Bergamo e Mantova e coglie l’occasione per sparare sul governo Letta: «Si dimostra ancora una volta nemico del Nord’'.
Del resto lo riconosce anche la commissaria Ue all’istruzione e alla cultura Androulla Vassiliou, la sola nomination «può portare alle città interessate importanti benefici a livello culturale, economico e sociale, a condizione che la loro offerta sia inserita in una strategia di sviluppo a lungo termine basata sulla cultura».
E quindi si riparte. Smaltita la tensione di questi ultimi giorni, quando le audizioni davanti alla giuria europea composta da membri italiani e stranieri scelti e concordati con la Commissione Ue si sono succedute nei locali messi a disposizione a Roma dal ministero dei Beni culturali, i sindaci delle città selezionate esultano, dall’entusiasta primo cittadino di Cagliari, Massimo Zedda ("Solo per il fatto di essere tra le prime sei, per Cagliari ci sarà un indotto inimmaginabile") al più prudente senese Bruno Valentini («Le sfide che abbiamo davanti non sono finite"). E se da Matera il sindaco Salvatore Adduce sottolinea che il risultato "non era scontato" e invitala città, i cittadini, la Basilicata e i territori vicini a "crederci", a Lecce Paolo Perrone addirittura si commuove per la felicità, ma avverte: «è solo il primo step di un percorso che d’ora in poi si farà davvero duro, davvero difficile". Anche a Ravenna il sindaco Fabrizio Matteucci fa festa e nello stesso tempo già pensa a rimboccarsi le maniche ("Da lunedì riprenderemo a lavorare pancia a terra"), mentre a Perugia gemellata con Assisi insieme con il sindaco Wladimiro Boccali festeggia il sottosegretario ai beni culturali Ilaria Borletti Buitoni, che si dichiara perugina 'd’adozionè.
E gli esclusi? Tra le 21 candidature che erano state presentate in questi mesi alla giuria europea (oltre alle sei promosse c'erano Venezia, Duania e Cilento, Taranto, Mantova, Caserta, Palermo, Aosta, Erice, Reggio Calabria, Urbino, L'aquila, Bergamo, Grosseto, Siracusa, Pisa) ci sono bocciature che bruciano forse anche più di altre, come quella di Urbino, che aveva tra i suoi testimonial l’archistar Odile Decq e l’ex ministro della cultura francese Jack Lang nonchè un sostenitore di peso come Umberto Eco. O quella di Mantova, che aveva a guida del suo Comitato Promotore l’ex presidente di Confindustria Emma Marcegaglia. Per tutte la delusione è forte, in prima fila l'Aquila che nelle parole della presidente del Comitato Stefania Pezzopane rivela una punta di amarezza («Partivamo da uno svantaggio iniziale forte, che ha pesato moltissimo: la nostra situazione di città devastata, a cui si è aggiunta la mancanza di sostegno economico di alcuni enti, tra cui la Regione»). Deluso, ma non rassegnato, Giorgio Orsoni, sindaco di Venezia: «la città aveva messo a disposizione la sua immagine e competenza per un progetto condiviso che riteniamo ancora valido, a prescindere dalla candidatura».
Al verdetto finale comunque manca un anno. Per selezionare la città italiana che sarà capitale europea della cultura nel 2019 (l'altra capitale europea della cultura per quell'anno sarà bulgara) la giuria europea tornerà a riunirsi nell’ultimo quadrimestre del 2014.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Il Mastiff cambia timoniere: bentornato Luca

festa

Il Mastiff cambia timoniere: bentornato Luca Gallery

A Cannes un trionfo italiano: la Trinca miglior attrice

cinema

A Cannes un trionfo italiano: la Trinca miglior attrice

ARRABBIATO

Risate

Si infuria con l'autista...poi succede l'istant karma Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cantine Garrone, ultimo baluardo

IL VINO

Le cantine Garrone, ultimo baluardo

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Incidenti

PARMA

Scontro auto-bici in via Zarotto: ferito un 32enne. San Lazzaro: motociclista ferito Video

Un altro ciclista ferito a Lesignano. Incidente anche a Tizzano: un motociclista all'ospedale

2commenti

VIA GRENOBLE

Chiesa gremita per l'addio a "Camelot"

1commento

FESTE

La serata di Bob Sinclar alla Villa degli Angeli Foto

risate e solidarietà

Balli di gruppo in piazza Garibaldi - Video - Foto

È in corso la Giornata del Naso Rosso di Vip Parma

PARMA

E' morto Afro Carboni, storico gioielliere e volto della pesca su TvParma Video

aziende

Casappa, grande festa per i 65 anni: da Lemignano leader nel mondo Gallery

traffico

Gli autovelox della prossima settimana

PARMA CALCIO

Intenso allenamento senza Lucarelli e Munari: video-commento di Piovani

1commento

DOPO SEI ANNI

Miss Italia torna a Salso

3commenti

WEEKEND

Maschere in piazza, clown e... Cantine aperte: l'agenda

tg parma

Pasimafi, il tribunale del riesame revoca i domiciliari: Grondelli è libero

Autostrada

Il casello di Parma sarà chiuso per 3 notti

Busseto

Il vescovo a don Gregorio: «Lasci Roncole»

tg parma

Scarpa: dalla sicurezza al welfare, ecco 10 punti per il rilancio della città Video

4commenti

Polemica

«Climatizzatori nei bagni Tep ma bus roventi»

evento

Gay Pride a Reggio, Anche Parma ci sarà "con entusiasmo"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

CINEMA

Eva e Emmanuelle: a Cannes le muse di Polanski Video

ITALIA/MONDO

URBINO

E' morto il bambino malato di otite e curato con l'omeopatia

3commenti

POLITICA

Berlusconi torna ufficialmente in pista. Al suo fianco gli "amici a 4 zampe" Foto

WEEKEND

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

Meteo

Weekend con il sole: è in arrivo il gran caldo Video

1commento

SPORT

Inghilterra

All'Arsenal l'FA Cup. Conte, sfuma la doppietta

F1 - MONACO

Pazza griglia di partenza, Ferrari imprendibili per rompere il digiuno di vittorie

MOTORI

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover