10°

22°

Verso il 2019

Capitale della Cultura: sfida a 6

In corsa Ravenna, Siena, Cagliari, Lecce, Matera e L'Aquila.

Uno scorcio di Ravenna

Uno scorcio di Ravenna

Ricevi gratis le news
0

 

(di Silvia Lambertucci)
 ROMA, 15 NOV – Alla fine per l’Italia sarà sfida a sei per la città Capitale della Cultura 2019. Selezionate dalla Giuria Europea presieduta da Steve Green, riunita in questi giorni a Roma, sono rimaste in corsa Cagliari, Lecce, Matera, Perugia-Assisi, Ravenna e Siena. E se tra le escluse c'è chi reagisce con fair play come Urbino che tanti davano per favorita e chi non nasconde un pò di amarezza come l’Aquila, in attesa del verdetto finale le sei prescelte gongolano e si godono un risultato che è già una piccola vittoria. Mentre già monta un pò di polemica con l’assessore alle culture della Lombardia Cristina Cappellini, che si indigna per l’esclusione di Bergamo e Mantova e coglie l’occasione per sparare sul governo Letta: «Si dimostra ancora una volta nemico del Nord’'.
Del resto lo riconosce anche la commissaria Ue all’istruzione e alla cultura Androulla Vassiliou, la sola nomination «può portare alle città interessate importanti benefici a livello culturale, economico e sociale, a condizione che la loro offerta sia inserita in una strategia di sviluppo a lungo termine basata sulla cultura».
E quindi si riparte. Smaltita la tensione di questi ultimi giorni, quando le audizioni davanti alla giuria europea composta da membri italiani e stranieri scelti e concordati con la Commissione Ue si sono succedute nei locali messi a disposizione a Roma dal ministero dei Beni culturali, i sindaci delle città selezionate esultano, dall’entusiasta primo cittadino di Cagliari, Massimo Zedda ("Solo per il fatto di essere tra le prime sei, per Cagliari ci sarà un indotto inimmaginabile") al più prudente senese Bruno Valentini («Le sfide che abbiamo davanti non sono finite"). E se da Matera il sindaco Salvatore Adduce sottolinea che il risultato "non era scontato" e invita
la città, i cittadini, la Basilicata e i territori vicini a "crederci", a Lecce Paolo Perrone addirittura si commuove per la felicità, ma avverte: «è solo il primo step di un percorso che d’ora in poi si farà davvero duro, davvero difficile". Anche a Ravenna il sindaco Fabrizio Matteucci fa festa e nello stesso tempo già pensa a rimboccarsi le maniche ("Da lunedì riprenderemo a lavorare pancia a terra"), mentre a Perugia gemellata con Assisi insieme con il sindaco Wladimiro Boccali festeggia il sottosegretario ai beni culturali Ilaria Borletti Buitoni, che si dichiara perugina 'd’adozionè.
E gli esclusi? Tra le 21 candidature che erano state presentate in questi mesi alla giuria europea (oltre alle sei promosse c'erano Venezia, Duania e Cilento, Taranto, Mantova, Caserta, Palermo, Aosta, Erice, Reggio Calabria, Urbino, L'aquila, Bergamo, Grosseto, Siracusa, Pisa) ci sono bocciature che bruciano forse anche più di altre, come quella di Urbino, che aveva tra i suoi testimonial l’archistar Odile Decq e l’ex ministro della cultura francese Jack Lang nonchè un sostenitore di peso come Umberto Eco. O quella di Mantova, che aveva a guida del suo Comitato Promotore l’ex presidente di Confindustria Emma Marcegaglia. Per tutte la delusione è forte, in prima fila l'Aquila che nelle parole della presidente del Comitato Stefania Pezzopane rivela una punta di amarezza («Partivamo da uno svantaggio iniziale forte, che ha pesato moltissimo: la nostra situazione di città devastata, a cui si è aggiunta la mancanza di sostegno economico di alcuni enti, tra cui la Regione»). Deluso, ma non rassegnato, Giorgio Orsoni, sindaco di Venezia: «la città aveva messo a disposizione la sua immagine e competenza per un progetto condiviso che riteniamo ancora valido, a prescindere dalla candidatura».
Al verdetto finale comunque manca un anno. Per selezionare la città italiana che sarà capitale europea della cultura nel 2019
(l'altra capitale europea della cultura per quell'anno sarà bulgara) la giuria europea tornerà a riunirsi nell’ultimo quadrimestre del 2014.
(di Silvia Lambertucci - agenzia Ansa)

 


Alla fine per l’Italia sarà sfida a sei per la città Capitale della Cultura 2019. Selezionate dalla Giuria Europea presieduta da Steve Green, riunita in questi giorni a Roma, sono rimaste in corsa Cagliari, Lecce, Matera, Perugia-Assisi, Ravenna e Siena. E se tra le escluse c'è chi reagisce con fair play come Urbino che tanti davano per favorita e chi non nasconde un pò di amarezza come l’Aquila, in attesa del verdetto finale le sei prescelte gongolano e si godono un risultato che è già una piccola vittoria. Mentre già monta un pò di polemica con l’assessore alle culture della Lombardia Cristina Cappellini, che si indigna per l’esclusione di Bergamo e Mantova e coglie l’occasione per sparare sul governo Letta: «Si dimostra ancora una volta nemico del Nord’'.
Del resto lo riconosce anche la commissaria Ue all’istruzione e alla cultura Androulla Vassiliou, la sola nomination «può portare alle città interessate importanti benefici a livello culturale, economico e sociale, a condizione che la loro offerta sia inserita in una strategia di sviluppo a lungo termine basata sulla cultura».
E quindi si riparte. Smaltita la tensione di questi ultimi giorni, quando le audizioni davanti alla giuria europea composta da membri italiani e stranieri scelti e concordati con la Commissione Ue si sono succedute nei locali messi a disposizione a Roma dal ministero dei Beni culturali, i sindaci delle città selezionate esultano, dall’entusiasta primo cittadino di Cagliari, Massimo Zedda ("Solo per il fatto di essere tra le prime sei, per Cagliari ci sarà un indotto inimmaginabile") al più prudente senese Bruno Valentini («Le sfide che abbiamo davanti non sono finite"). E se da Matera il sindaco Salvatore Adduce sottolinea che il risultato "non era scontato" e invitala città, i cittadini, la Basilicata e i territori vicini a "crederci", a Lecce Paolo Perrone addirittura si commuove per la felicità, ma avverte: «è solo il primo step di un percorso che d’ora in poi si farà davvero duro, davvero difficile". Anche a Ravenna il sindaco Fabrizio Matteucci fa festa e nello stesso tempo già pensa a rimboccarsi le maniche ("Da lunedì riprenderemo a lavorare pancia a terra"), mentre a Perugia gemellata con Assisi insieme con il sindaco Wladimiro Boccali festeggia il sottosegretario ai beni culturali Ilaria Borletti Buitoni, che si dichiara perugina 'd’adozionè.
E gli esclusi? Tra le 21 candidature che erano state presentate in questi mesi alla giuria europea (oltre alle sei promosse c'erano Venezia, Duania e Cilento, Taranto, Mantova, Caserta, Palermo, Aosta, Erice, Reggio Calabria, Urbino, L'aquila, Bergamo, Grosseto, Siracusa, Pisa) ci sono bocciature che bruciano forse anche più di altre, come quella di Urbino, che aveva tra i suoi testimonial l’archistar Odile Decq e l’ex ministro della cultura francese Jack Lang nonchè un sostenitore di peso come Umberto Eco. O quella di Mantova, che aveva a guida del suo Comitato Promotore l’ex presidente di Confindustria Emma Marcegaglia. Per tutte la delusione è forte, in prima fila l'Aquila che nelle parole della presidente del Comitato Stefania Pezzopane rivela una punta di amarezza («Partivamo da uno svantaggio iniziale forte, che ha pesato moltissimo: la nostra situazione di città devastata, a cui si è aggiunta la mancanza di sostegno economico di alcuni enti, tra cui la Regione»). Deluso, ma non rassegnato, Giorgio Orsoni, sindaco di Venezia: «la città aveva messo a disposizione la sua immagine e competenza per un progetto condiviso che riteniamo ancora valido, a prescindere dalla candidatura».
Al verdetto finale comunque manca un anno. Per selezionare la città italiana che sarà capitale europea della cultura nel 2019 (l'altra capitale europea della cultura per quell'anno sarà bulgara) la giuria europea tornerà a riunirsi nell’ultimo quadrimestre del 2014.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Crozza torna in Rai. Per Fazio

Fazio e Crozza sul palco di Sanremo 2013

televisione

Crozza torna in Rai. Per Fazio

1commento

Rolling Stones: gli highlander del rock

Il concerto

Stones: immortali! (Jagger canta in italiano)(Le polemiche)

Platinette, rovinosa caduta giù dalle scale

tv

Platinette, rovinosa caduta dalle scale al "Tale quale Show" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La parola all'esperto

ECONOMIA

Torna "La parola all'esperto". Inviate i vostri quesiti

Lealtrenotizie

Casa: «Ecco la mia ricetta per la sicurezza»

MUNICIPIO

Casa: «Ecco la mia ricetta per la sicurezza»

10commenti

COLLECCHIO

Una discarica nel guado del Baganza, scatta la protesta

Municipale

Incidente stradale, ieri sera, in Località "Il Moro"

Tordenaso

Addio a Bortolameotti, uomo dal cuore grande

1commento

Tuttaparma

Portinerie e portinai di un tempo

1commento

TABLEAUX VIVANTS

Se bimbi e fotografi (over 60») fanno robe da circo

MOTOCROSS

Kiara Fontanesi si mette «in piega»

Scuole

Studenti a rischio a Corcagnano

1commento

"Robe da Circo"

Bimbi e fotografi ne combinano di "tutti i colori" Video

gazzareporter

In piazza Garibaldi è arrivato Capitan Acciaio Gallery

L'INTERVISTA

Pizzarotti: «Parma insicura? Non è colpa degli immigrati ma dei criminali»

«L'emergenza sicurezza è frutto della mancata certezza delle pene e delle espulsioni difficili» dice Pizzarotti a pochi giorni dall'udienza con papa Francesco.

50commenti

Attacco dell'opposizione

«La sindaca di Felino si dimetta»

3commenti

Laguna gialloblù

L'«Imperatore» di Venezia

1commento

BASKET

Fulgor, si presenta l'orgoglio di Fidenza

SALSO

Ladri cercano di entrare in una villetta

CERIMONIA

Due nuovi diaconi, vite nel nome del Signore

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

L'omaggio a Verdi: un dovere e un piacere

di Francesco Monaco

CONTROLLI

Autovelox, autodetector, speedcheck: la mappa della settimana

ITALIA/MONDO

Germania

Elezioni: vince la Merkel, estrema destra in Parlamento

FURTI

Colpi in tutta Italia, presi "maghi" chiave bulgara. Il deposito a Reggio Emilia

3commenti

SPORT

RUGBY

Zebre nella storia: prima squadra italiana a vincere in Sudafrica Le foto

Sport USA

NFL, altro successo per i Falcons

SOCIETA'

liceo Marconi

I «ragazzi della 5ª C» (parmigiani) si ritrovano 30 anni dopo Gallery

siracusa

Tenuta come schiava in casa, arrestato marito marocchino

MOTORI

LA NOVITA'

Al volante della nuova Volvo XC60. Ecco come va

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery