-3°

Collettiva

Sei autori a Mixedmedia

Prosegue la rassegna dedicata all’arte parmigiana

Sei autori a Mixedmedia
0

 

Manuela Bartolotti
Mixedmedia. Il titolo della nuova mostra all’Associazione Gaibazzi (fino al 23 novembre) dovrebbe spiegare la varietà e la mescolanza di mezzi artistici, dei tramiti espressivi. Sono sei gli autori, apparentemente distanti: Francesco Barilli, Enrico Bignetti, Alessandro Giordani, Lufer (Luca Ferraglia), Antonella Mazzoni, Simone Racheli. Cos’hanno a che vedere le scenografie viaggianti, le stanze del sogno e della memoria di Barilli con le sconcertanti metamorfosi anatomiche di Racheli? E le rielaborazioni tra pop e concettuale delle foto di Ghirri attuate da Antonella Mazzoni con i riciclaggi di Lufer? Le inquietanti favole sotto plexiglass di Giordani hanno un qualche contatto con le provocazioni mentali e le meditazioni zen di Bignetti? 
Questi media mescolati hanno forse il comune denominatore di un sogno, di un’evoluzione fantastica che muove da oggetti recuperati, ricollocati, rigenerati nel loro significato e nel loro valore espressivo. E’ un’operazione concettuale partita da un certo Surrealismo e poi spinta al massimo dal Ready Made: la creazione è fatta di ricombinazione, rimescolanza di cose, immagini comuni ma che assumono nuovo senso se ricontestualizzati, divengono forme simboliche di forte evocazione oppure creano uno scarto, un corto circuito nella nostra mente, inducendo il dubbio dopo un turbamento iniziale. E se per Barilli è ben ravvisabile l’impostazione scenografica, registica dei suoi quadri, per gli altri l’introduzione a questo viaggio nelle più remote anse del pensiero, è magari meno accattivante, ma giocato quasi sempre con ironia. Così sono infatti opere come «Anatomica colf», interiora in forma d’aspirapolvere di Racheli, le figure poetiche, fiabesche, oniriche imprigionate nel plexiglass di Giordani, le creature grottesche e ancestrali fatte di materiali di recupero di Lufer, le combinazioni fuori tempo e spazio di Bignetti, le carte e i cappelli, metafore fantastiche di Barilli. Mazzoni con i suoi magneti sul frigorifero ammonisce che «l’arte non dice mai la verità». Forse. Non dice, ma indica la strada, anzi le innumerevoli strade per raggiungerla, per avvicinarla. Anche i mixedmedia dunque.
Manuela Bartolotti

 

Mixedmedia. Il titolo della nuova mostra all’Associazione Gaibazzi (fino al 23 novembre) dovrebbe spiegare la varietà e la mescolanza di mezzi artistici, dei tramiti espressivi. Sono sei gli autori, apparentemente distanti: Francesco Barilli, Enrico Bignetti, Alessandro Giordani, Lufer (Luca Ferraglia), Antonella Mazzoni, Simone Racheli. Cos’hanno a che vedere le scenografie viaggianti, le stanze del sogno e della memoria di Barilli con le sconcertanti metamorfosi anatomiche di Racheli? E le rielaborazioni tra pop e concettuale delle foto di Ghirri attuate da Antonella Mazzoni con i riciclaggi di Lufer? Le inquietanti favole sotto plexiglass di Giordani hanno un qualche contatto con le provocazioni mentali e le meditazioni zen di Bignetti? Questi media mescolati hanno forse il comune denominatore di un sogno, di un’evoluzione fantastica che muove da oggetti recuperati, ricollocati, rigenerati nel loro significato e nel loro valore espressivo. E’ un’operazione concettuale partita da un certo Surrealismo e poi spinta al massimo dal Ready Made: la creazione è fatta di ricombinazione, rimescolanza di cose, immagini comuni ma che assumono nuovo senso se ricontestualizzati, divengono forme simboliche di forte evocazione oppure creano uno scarto, un corto circuito nella nostra mente, inducendo il dubbio dopo un turbamento iniziale. E se per Barilli è ben ravvisabile l’impostazione scenografica, registica dei suoi quadri, per gli altri l’introduzione a questo viaggio nelle più remote anse del pensiero, è magari meno accattivante, ma giocato quasi sempre con ironia. Così sono infatti opere come «Anatomica colf», interiora in forma d’aspirapolvere di Racheli, le figure poetiche, fiabesche, oniriche imprigionate nel plexiglass di Giordani, le creature grottesche e ancestrali fatte di materiali di recupero di Lufer, le combinazioni fuori tempo e spazio di Bignetti, le carte e i cappelli, metafore fantastiche di Barilli. Mazzoni con i suoi magneti sul frigorifero ammonisce che «l’arte non dice mai la verità». Forse. Non dice, ma indica la strada, anzi le innumerevoli strade per raggiungerla, per avvicinarla. Anche i mixedmedia dunque.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

La viadanese Gaia in finale a X Factor

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

Miriam Leone valletta a Sanremo

verso il festival

Miriam Leone valletta a Sanremo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Libri e dischi, non si sbaglia mai: la cultura è sotto l’albero

REGALI DI NATALE 2016

Scopri il regalo giusto per il tuo lui

Lealtrenotizie

Ladri scatenati in città: un ponte di furti

allarme

Ladri scatenati in città: un ponte di furti

1commento

Torrile

Abusava della cuginetta di 9 anni e della nipote di 13: condannato

5commenti

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

5commenti

terremoto

Trema l'Appennino reggiano: scossa 4.0 Video

roccabianca

Tamponamento e frontale sul ponte Verdi: due feriti, uno è grave Video

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

vigili del fuoco

Garage in fiamme a Sissa

lega pro

Il Parma non si ferma: è già al lavoro per il Teramo Video

In piazza garibaldi

Continua "Come una volta", il gran mercato della biodiversità

Paura

Spray al peperoncino in discoteca

3commenti

Comune

Bilancio: tutti gli interventi previsti nel 2017 assessorato per assessorato

1commento

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

Langhirano

Trovato il ladro con il machete

2commenti

San Secondo

Addio a Gardelli, giocò nella Juve e nella Lazio

la storia

Don Stefano, un prete con l'armatura da football americano Video

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

EDITORIALE

Draghi, nessun favore ma due messaggi

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

studentessa cinese

Investita e uccisa mentre inseguiva i ladri Video: gli ultimi istanti

1commento

Gran Bretagna

I gioielli di famiglia (reale): e Kate indossa la tiara di Diana

WEEKEND

WEEKEND

Presepi, street food, spongate:
gli appuntamenti

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

SERIE A

Roma, accolto il ricorso: tolta la qualifica a Strootman

TG PARMA

I Corrado acquistano il Pisa. Giuseppe: "Sogno sfida col Parma in A" Video

MOTORI

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti

in pillole

Ford Kuga:
il facelift