11°

Collettiva

Sei autori a Mixedmedia

Prosegue la rassegna dedicata all’arte parmigiana

Sei autori a Mixedmedia
Ricevi gratis le news
0

 

Manuela Bartolotti
Mixedmedia. Il titolo della nuova mostra all’Associazione Gaibazzi (fino al 23 novembre) dovrebbe spiegare la varietà e la mescolanza di mezzi artistici, dei tramiti espressivi. Sono sei gli autori, apparentemente distanti: Francesco Barilli, Enrico Bignetti, Alessandro Giordani, Lufer (Luca Ferraglia), Antonella Mazzoni, Simone Racheli. Cos’hanno a che vedere le scenografie viaggianti, le stanze del sogno e della memoria di Barilli con le sconcertanti metamorfosi anatomiche di Racheli? E le rielaborazioni tra pop e concettuale delle foto di Ghirri attuate da Antonella Mazzoni con i riciclaggi di Lufer? Le inquietanti favole sotto plexiglass di Giordani hanno un qualche contatto con le provocazioni mentali e le meditazioni zen di Bignetti? 
Questi media mescolati hanno forse il comune denominatore di un sogno, di un’evoluzione fantastica che muove da oggetti recuperati, ricollocati, rigenerati nel loro significato e nel loro valore espressivo. E’ un’operazione concettuale partita da un certo Surrealismo e poi spinta al massimo dal Ready Made: la creazione è fatta di ricombinazione, rimescolanza di cose, immagini comuni ma che assumono nuovo senso se ricontestualizzati, divengono forme simboliche di forte evocazione oppure creano uno scarto, un corto circuito nella nostra mente, inducendo il dubbio dopo un turbamento iniziale. E se per Barilli è ben ravvisabile l’impostazione scenografica, registica dei suoi quadri, per gli altri l’introduzione a questo viaggio nelle più remote anse del pensiero, è magari meno accattivante, ma giocato quasi sempre con ironia. Così sono infatti opere come «Anatomica colf», interiora in forma d’aspirapolvere di Racheli, le figure poetiche, fiabesche, oniriche imprigionate nel plexiglass di Giordani, le creature grottesche e ancestrali fatte di materiali di recupero di Lufer, le combinazioni fuori tempo e spazio di Bignetti, le carte e i cappelli, metafore fantastiche di Barilli. Mazzoni con i suoi magneti sul frigorifero ammonisce che «l’arte non dice mai la verità». Forse. Non dice, ma indica la strada, anzi le innumerevoli strade per raggiungerla, per avvicinarla. Anche i mixedmedia dunque.
Manuela Bartolotti

 

Mixedmedia. Il titolo della nuova mostra all’Associazione Gaibazzi (fino al 23 novembre) dovrebbe spiegare la varietà e la mescolanza di mezzi artistici, dei tramiti espressivi. Sono sei gli autori, apparentemente distanti: Francesco Barilli, Enrico Bignetti, Alessandro Giordani, Lufer (Luca Ferraglia), Antonella Mazzoni, Simone Racheli. Cos’hanno a che vedere le scenografie viaggianti, le stanze del sogno e della memoria di Barilli con le sconcertanti metamorfosi anatomiche di Racheli? E le rielaborazioni tra pop e concettuale delle foto di Ghirri attuate da Antonella Mazzoni con i riciclaggi di Lufer? Le inquietanti favole sotto plexiglass di Giordani hanno un qualche contatto con le provocazioni mentali e le meditazioni zen di Bignetti? Questi media mescolati hanno forse il comune denominatore di un sogno, di un’evoluzione fantastica che muove da oggetti recuperati, ricollocati, rigenerati nel loro significato e nel loro valore espressivo. E’ un’operazione concettuale partita da un certo Surrealismo e poi spinta al massimo dal Ready Made: la creazione è fatta di ricombinazione, rimescolanza di cose, immagini comuni ma che assumono nuovo senso se ricontestualizzati, divengono forme simboliche di forte evocazione oppure creano uno scarto, un corto circuito nella nostra mente, inducendo il dubbio dopo un turbamento iniziale. E se per Barilli è ben ravvisabile l’impostazione scenografica, registica dei suoi quadri, per gli altri l’introduzione a questo viaggio nelle più remote anse del pensiero, è magari meno accattivante, ma giocato quasi sempre con ironia. Così sono infatti opere come «Anatomica colf», interiora in forma d’aspirapolvere di Racheli, le figure poetiche, fiabesche, oniriche imprigionate nel plexiglass di Giordani, le creature grottesche e ancestrali fatte di materiali di recupero di Lufer, le combinazioni fuori tempo e spazio di Bignetti, le carte e i cappelli, metafore fantastiche di Barilli. Mazzoni con i suoi magneti sul frigorifero ammonisce che «l’arte non dice mai la verità». Forse. Non dice, ma indica la strada, anzi le innumerevoli strade per raggiungerla, per avvicinarla. Anche i mixedmedia dunque.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Balli, brindisi e bellezza al Primo Piano: una serata con Francesca Brambilla

FESTE

Balli, brindisi e bellezza al Primo Piano: una serata con Francesca Brambilla Foto

Quiz, ma voi lo sapete come si affronta una rotonda?

GAZZAFUN

Quiz, ma voi lo sapete come si affronta una rotonda?

22commenti

Gianni Morandi "D'amore d'autore" il nuovo album di inediti  in uscita venerdì 17 novembre

MUSICA

Gianni Morandi, nuovo album e nuovo tour Videointervista

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La casa in classe energetica A o B? Va acquistata subito

L'ESPERTO

La casa in classe energetica A o B? Meglio acquistarla subito

di Arturo Dalla Tana*

1commento

Lealtrenotizie

Funerali

FONTEVIVO

Folla al funerale di Mattia Carra. Lo striscione: "Non ti diremo mai addio"

Il 15enne ha perso la vita in uno scontro fra un'auto e la sua Vespa

PARMA

Riina, la figlia Maria Concetta al Maggiore. Il legale ai cronisti: "Andatevene, è scandalismo"

Stamattina l'autopsia di Riina, poi la salma sarà portata in Sicilia

1commento

WEEKEND

Sabato: appuntamento con lupi, fantasmi e ghiottonerie

PARMA

Raffica di furti in tutta la città: porte e finestre forzate, svaligiati diversi appartamenti

In strada Parasacchi è stata recuperata, abbandonata a bordo strada, una scatola portagioie a forma di valigetta

TRIBUNALE

Tre anni e sei mesi a Jacobazzi

Scuola

Il Romagnosi sarà anche linguistico

1commento

PARMA

Ruba una borsetta da un'auto parcheggiata: arrestato 45enne

L'uomo è stato arrestato dai carabinieri nel parco di via Leporati

serie b

Parma non ti distrarre e batti anche l'Ascoli Diretta dalle 15

I crociati hanno fatto 12 punti nelle ultime 5 gare e hanno ritrovato la verve offensiva. Gli ospiti sono ultimi. Ci sarà festa per Lucarelli

SALSO

Si fingono i vicini di casa: anziana derubata

FESTIVITA'

Accese le luminarie di Natale a Parma Foto

Stazione

Cibi mal conservati in due negozi: multe e disinfestazione dei locali

Controlli della polizia municipale

ECONOMIA

Lanzi, via al collegamento tra l'interporto e la Norvegia

tg parma

Renzi alla Galloni di Langhirano: "Esempio per l'Italia" Video

1commento

Lutto

E' morta Liliana, la maestra di Lagrimone

1commento

FECCI A ROMA

Delrio: «La tangenziale di Noceto si farà»

Ponte chiuso

Casalmaggiore chiede lo stato d'emergenza

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Imprenditrici e donne. Il valore aggiunto

di Patrizia Ginepri

TRAFFICO

La mappa degli autovelox dal 20 al 24 novembre

ITALIA/MONDO

STATI UNITI

In fiamme un palazzo a New York: 5 feriti Video

Tribunale

Allarme bomba a Milano, trovata granata

SPORT

Intervista

Il «Re Leone»: nello sport non contiamo più nulla

GAZZAFUN

Cittadella-Parma: finalmente gli attaccanti...

SOCIETA'

IL DISCO

Sound e riti tribali: Peter Gabriel fa IV

A macchia d'olio

Violenze, accuse (anche) a Stallone. Lui: "Falso e ridicolo"

MOTORI

NOVITA'

Nuova Bmw X3. Sa fare tutto (da sola)

LA PROVA

Hyundai Kona, il nuovo B-Suv in 5 mosse Le foto