Arte-Cultura

Labirinto dell'anima

Labirinto dell'anima
Ricevi gratis le news
0

Giuseppe Marchetti

Non v'è dubbio che «Canti del caos» di Antonio Moresco rappresenti oggi il maggior esperimento narrativo degli ultimi trent'anni, paragonabile solo all'«Horcynus Orca» di D'Arrigo e al precedente affaticato e incompleto «Cognizione del dolore» di Gadda. Antonio Moresco pubblica finalmente da Mondadori questo romanzo  che per sua natura non sarà mai completo e perfettamente racchiuso  in un perimetro preciso, un romanzo che si dilata e si restringe  per merito (o per colpa!) del proprio naturale espressionismo  violento, dissacrante e intimamente fauve. Ma anche intimamente  grottesco e dolente. Moresco è un narratore che non aspetta il proprio lettore standosene rannicchiato dentro le pagine: lo stana, lo compromette, lo trascina e poi lo abbandona all'istinto perché possa aggirarsi stupefatto e incredulo dentro un romanzo scoppiato  che tuttavia cerca di ricomporsi (senza riuscirsi mai) aldilà del fatto narrativo vero e proprio. «Canti del caos» è, appunto, la narrazione del Caos che è in  noi, come  diceva Pirandello: Caos e Caso serpeggianti senza regole  dentro l'umanità, ed è anche, per insistentissima testimonianza dell'autore, la storia del suo dissennato inseguire l'editore, metafora suprema  del non sapersi rivelare ponendosi sul sentimento normale dell'esistenza.

Fatti che Moresco in parte aveva già raccontato in «Gli esordi» (Feltrinelli '98) il romanzo che lo rivelò, e che poi è stato ripreso , arricchito  e in gran parte riscritto in «Lettere a nessuno» (Bollati Boringhieri '97 e Einaudi '08), un testo di condanna del mondo editoriale  nostrano, ma anche di palese confessione d'impotenza e di non appartenenza a tale perverso meccanismo. Non un romanzo, dunque, bensì  un saggio di scandalosa confessione autobiografica. «Canti del caos» riassume e ripropone l'immenso tutto di Moresco in tre parti che sono le stazioni di un cammino  lunghissimo e mai finito: quel cammino che, pur con altre intenzioni, aveva intrapreso Pasolini in «Petrolio»: narrare tutti i possibili anfratti del carattere umano senza fermarsi davanti alle difficoltà dei sessi, delle opinioni sociali e religiose, dell'onorabilità ipocrita e di tutto quanto si può oppure ignobilmente tacere. Moresco compone dunque una macchina rivelatrice che scava da ogni parte impossessandosi di rifiuti, scorie, lacrime, sorrisi, sangue, sperma, parole, violenze, pagliacciate e contraddizioni le più diverse. Non arretra mai,  non si pente, e usa tutti gli stratagemmi che conosce per penetrare la realtà umana sino alla più vergognosa degradazione. Ecco il suo espressionismo: che è, poi, l'esito alto del suo romanzo, ma anche la sua rovina e la spia della debolezza strutturale dell'impianto narrativo complessivamente osservato.

Forse, però, Moresco non vuole giungere a un tal punto: gli basta  aver buttato nel vortice del vulcano, che erutta continuamente, se  stesso e i suoi personaggi-simboli che vengono chiamati a collaborare al romanzo, non scriverlo, perché per scriverlo si esibisce solo Antonio Moresco, quell'uomo che è in grado di gridare Io all'infinito gestendo così il mondo della propria e dell'altrui  sorte tra fughe, inseguimenti, eiaculazioni, corpi in disfacimento,  scheletri e perversioni che feriscono le mille pagine del libro  e della sua carne risentita e purulenta. Di questo passo, dove  si arriva? Si arriva alla concezione di una palingenesi finale  dalla quale spunta il nome di Dio mentre lo scrittore sta morendo «all'incontrario, all'indietro, senza essere nato e neppure concepito»: dunque un sostanziale Nulla che si ripercuote nella non-creazione del tempo che sarà. A questo punto la concezione del romanzo non ha più scopo alcuno e abbandona se stessa diventando un pensiero lontano, astratto, indifferente. Il caos precipita nel silenzio che è il suo aldilà senza storia e senza voce. Quante parole di scherno e di crudeltà per giungere a questo estremo!
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Orietta Berti "assolta" dall'AgCom

Orietta Berti in una foto d'archivio

Par condicio

Orietta Berti "assolta" dall'AgCom

La dj Jessie Diamond: «Vi presento CR 10, il mio nuovo singolo»

Intervista

La dj Jessie Diamond: «Vi presento CR 10, il mio nuovo singolo»

Festa al "Caseificio della musica": ecco chi c'era

PGN

Festa al "Caseificio della musica": ecco chi c'era Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani lo speciale "Amico dentista"

INSERTO

In edicola lo speciale "Amico dentista"

Lealtrenotizie

Sarcone, il nuovo re della cosca che tentava di intimidire i testimoni dell'affare Sorbolo

'NDRANGHETA

Sarcone, il nuovo re della cosca che tentava di intimidire i testimoni dell'affare Sorbolo

POSTALLUVIONE

Ponte della Navetta, appalto all'impresa Buia

Lutto

L'ultimo viaggio di Cavatorta

Appello

Il sindaco di Collecchio: «Cerchiamo padroni per 15 cani»

NOCETO

Addio a Mario Reverberi, colonna del volontariato

Colorno

Rubata l'auto a servizio di un malato di Sla

Avis

Izzi: «Troppo pochi disposti a donare»

ODONTOIATRI

Falsi dentisti, c'è l'app per stanarli

san leonardo

Commerciante straniero permette di fermare il ladro d’auto italiano

2commenti

OSPEDALE

Day hospital oncologico al Cattani: lavori verso la conclusione. Ecco come sarà: foto

Intervento da 1,3 milioni di euro. Parcheggi riservati ai pazienti in cura

FATTO DEL GIORNO

Giovanni Reverberi, parmigiano prigioniero a Dachau: la sua storia in un libro toccante Video

La nipote di Reverberi, Natalia Conti, è fra coloro che tengono viva la memoria di quanto accadde in quegli anni

VOLANTI

Si arrampicano lungo tubi e grondaie e svaligiano le case: 6 furti in un giorno a Parma

14commenti

Palacassa

Concorso per un posto da infermiere: 3mila al Palacassa, candidati anche da Agrigento Foto

L'obiettivo di molti partecipanti è entrare in graduatoria, sperando in una chiamata entro i prossimi tre anni

7commenti

TG PARMA

Le elezioni 2018 costeranno 584mila euro al Comune di Parma Video

Allarme

Ore 7: attimi di paura in via Emilia Est

6commenti

PARMA

Momenti di paura e tensione in via Duca Alessandro Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

L'indispensabile ruolo di Silvio l'ineleggibile

di Vittorio Testa

1commento

L'ESPERTO

Un immobile in successione? Si può vendere. Ecco come

ITALIA/MONDO

Salute

Le sigarette elettroniche pericolose per gli adolescenti

ALTO ADIGE

Slavine in Vallelunga: travolta una casa, evacuato anche un albergo Foto

SPORT

Tuffi

Tania Cagnotto è diventata mamma

Tg Parma

Di Cesare: "Con il Novara sarà dura, vengono da una vittoria" Video

2commenti

SOCIETA'

GUSTO

Carbonara: ecco la vera ricetta romana  Video

hi tech

L'iPhone X vende poco, Apple potrebbe "pensionarlo"

2commenti

MOTORI

novita'

Honda Civic, finalmente il diesel. Il 1.6 spiegato in tre mosse

RESTYLING

La Mini rifà il trucco a 3porte, 5porte e cabrio Video