-4°

Arte-Cultura

Legge e imparzialità: iconografia e storia di un nobile ideale

Legge e imparzialità: iconografia e storia di un nobile ideale
0

Carlo Baja Guarienti

Una donna bellissima, dagli occhi bendati, sta ferma sulle scale di un tempio; stringe in una mano una spada - con cui trafigge a caso torme di innocenti - e nell’altra una bilancia carica dell’oro di chi schiva i suoi colpi. All’improvviso un giovane dal berretto rosso le strappa la benda: gli occhi della donna, corrosi e imputriditi, rispecchiano «la follia di un’anima morente».
Così, all’inizio del XX secolo, Edgar Lee Masters rappresentava la giustizia nella sua «Antologia di Spoon River». Qualche anno prima Masters, avvocato, aveva tentato invano di difendere un giovane simpatizzante anarchico: nell’aula di un tribunale la legge aveva mostrato apertamente il proprio vero volto colpendo senza ragione, solo per ossequio al potere, un innocente.
La benda, la bilancia, la spada: a questi attributi, la cui associazione i tribunali del mondo anglosassone conoscono molto meglio di quelli italiani, è dedicato l’ultimo libro di Adriano Prosperi, «Giustizia bendata.  Percorsi di un’immagine» (Einaudi, pp 260, euro 34). Prosperi, docente alla Scuola Normale Superiore di Pisa, in questo volume studia la storia attraverso le immagini e le immagini attraverso la storia in quanto, come lo stesso autore sottolinea, il gioco dei simboli è storicamente determinato e dietro a ogni particolare di un’iconografia si nasconde un significato.
Osserviamo, così, la bilancia passare dalle mani della dea egizia Màat a quelle della giustizia dei pittori umanisti: in mezzo, a congiungere con una linea questi punti lontanissimi, la Bibbia e le rappresentazioni medievali del Giudizio Universale.
Qui la bilancia è attributo dell’arcangelo Michele, pesatore di anime, che punisce i peccatori con la spada; spada che ritorna, in alcune raffigurazioni del Giudizio, come forma visibile della sentenza pronunciata da Cristo.
Molto più problematico il ruolo della benda, che copre gli occhi di Cristo nella Passione e che ancora oggi ancora oggi è imposta ai condannati a morte. Nell’iconografia della sinagoga ebraica essa rappresenta la cecità di chi non seppe riconoscere il figlio di Dio e, analogamente, al suo primo apparire come attributo della giustizia ha un significato negativo: nella «Nave dei folli» di Sebastian Brant, opera pubblicata a Basilea nel 1494, è proprio un folle a nascondere la verità agli occhi della giustizia.
Nel giro di pochi anni, tuttavia, la cecità della giustizia diviene garanzia di equità: il giudice, bendato, applica la legge senza che le apparenze del mondo possano indirizzare la sua sentenza.
Ma quale volto ha oggi la giustizia? Quello impassibile attribuitole dal Giambologna e da Battista Dossi o quello folle e corrotto intravisto da Lee Masters?
Lo spettacolo offerto dai tribunali, quello spettacolo che le telecamere mostrano al pubblico e che spesso divide gli spettatori in ultras della condanna o dell’assoluzione, è una rappresentazione di equità o di parzialità? Difficile rispondere.
Ma forse non è un caso che anche in Italia gli storici (fra gli autori di importanti studi recenti troviamo anche Ottavia Niccoli, Cesarina Casanova e Giancarlo Angelozzi) si interroghino sulla nascita, sulla natura, sui limiti d’azione di quella misteriosa e terribile donna bendata.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

White Lion: i latini a Pilastro

Pgn Feste

White Lion: i latini a Pilastro Foto

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

Parlano gli studenti

«La Maturità 2018? Premia chi non studia»

Intervista

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

DATI

Collecchio, boom di nascite

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

PROTESTA

Le medicine? Prendetele all'ospedale

Il caso

Anziana disabile derubata in viale Fratti

tg parma

Trentenne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

6commenti

Il fatto del giorno

Legionella: la rabbia del quartiere Montebello

3commenti

Polizia

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

Sequestrato tronchese gigante

8commenti

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: a Langhirano il funerale 

Parma

Metano e gpl per auto: arrivano gli ecoincentivi

3commenti

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

2commenti

Parma

L'odissea di un giardiniere: «Con il mio Euro2 non posso lavorare»

25commenti

Parma

Fa "filotto" di auto parcheggiate in via della Salute Foto

Nei guai un extracomunitario che guidava in stato di alterazione

15commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

6commenti

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

Rigopiano

Cinque estratti vivi, cinque ancora da salvare: i soccorsi continuano nella notte

Mondo

Trump: ''Da oggi l'America viene prima'' Video

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato

1commento

SPORT

Sport

MotoGP: tutti i piloti Foto

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery