19°

30°

edicola

Borgo San Donnino in camicia nera

"La Fidenza del Ventennio" in vendita con la Gazzetta a 8,80 euro più il prezzo del quotidiano. Presentazione al Teatro Magnani

Fidenza del Ventennio

Fidenza del Ventennio

0

 

Gabriele Grasselli
Fidenza e il Ventennio fascista: si è scritto pochissimo su questa stagione cupa ma intensa e dunque poco se ne sa. Eppure è il periodo in cui la città inizia ad assumere le sembianze che conosciamo, cambia il suo nome, Borgo San Donnino, riprendendo quello romano e il tessuto urbanistico si sviluppa velocemente e con raziocinio moderno. Ora arriva a colmare la lacuna un volume documentatissimo, prezioso e divertente firmato da Graziano Tonelli (edizioni Mup, la presentazione avverrà sabato alle 16 al Ridotto del Magnani: il libro sarà in vendita con la Gazzetta  a 8,80 euro più il prezzo del quotidiano).  Con passione ed evidente affetto Tonelli, attuale direttore dell’Archivio di Stato di Parma, ha compiuto un puntiglioso lavoro di biblioteca attingendo a riviste e «Gazzette di Parma» d’epoca, ma soprattutto a deliberazioni comunali e rari e dimenticati documenti originali. La ricostruzione politica è puntuale (Borgo San Donnino non sarà risparmiata da tensioni, scioperi, tafferugli, roghi, irruzioni, un clima turbolento che spianerà la strada all’affermazione fascista), ma il racconto prende vita nelle pieghe, nei dettagli della rievocazione storico-sociale dedicandola alle opere pubbliche via via progettate e realizzate e soffermandosi soprattutto sulla quotidianità del popolo borghigiano (e, dopo il 1927, fidentino) fotografato in un momento storico brulicante e sanguigno ancora ignaro dell’approdo nella tragedia della seconda guerra mondiale.
 «La Fidenza del Ventennio» è quindi una scoppiettante miniera di vicende, personaggi, notizie, curiosità, corredata da un’iconografia precisa e abbondante, con molte immagini pressoché inedite concesse dai discendenti delle famiglie che vissero quei decenni infervorati. Sarà una festa, dunque, per chi c’era allora e per chi è più giovane ma curioso dei «come eravamo» gustarsi il trenino per Salsomaggiore di passaggio nel quadrivio di Santa Maria, la bella corriera di Dino Pietralunga che collegava Borgo a Pieve Cusignano, il Casermone appena eretto in mezzo ai prati, le foto di classe quando si andava a scuola nella Rocca, i primi distributori di benzina per le primissime automobili, un «trasporto eccezionale» in partenza dall’officina Mariani e Massenza, il centralissimo punto vendita di chincaglierie e giocattoli Danelli, la fondazione del Moto Club, il bar di servizio della Casa Littoria, decine e decine di volti, figure, case, insegne, manifestazioni, eventi sportivi. 
Certo, non manca la documentazione di comizi, adunate, militi inquadrati, camicie nere in battaglione, manipoli di camerati in partenza alla stazione, «squadristi di ritorno da un’azione punitiva». In mezzo, ovviamente, i grandi appuntamenti, come le visite di Benito Mussolini o di Vittorio Emanuele III che inaugura il monumento ai Caduti il 28 aprile 1925.  Il diario fidentino degli anni Venti e Trenta però è molto altro e registra la decisa accelerazione dell’espansione edilizia, gli approcci industriali, la risoluzione di urgenze pressanti come l’approvvigionamento idrico o la facilitazione degli spostamenti in un'epoca in cui era già molto possedere un calesse, l’attenzione alle priorità in ambito sanitario, assistenziale, scolastico che caratterizzeranno i primi anni dell’amministrazione fascista. Il settore produttivo fa i primi passi: alle già insediate Cledca e Folembray si aggiungono uno stabilimento per la lavorazione della lana (30 operaie assunte) e una fabbrica di bottoni in madreperla (società Trocas, 70 borghigiane impiegate subito).  Il pozzo di notizie, riferimenti, nomi, cognomi, attività, aziende, esercizi, locali, caffè, trattorie, alberghi, negozi (anche «di lusso»), stazioni di servizio è senza fondo: il paesone è diventato città.
 La parte conclusiva è dedicata a una testimonianza pervenuta all’autore dagli eredi dell’onorevole Remo Ranieri, figura cardine del periodo, testimonianza in cui sono citati alcuni personaggi politici fra i più rappresentativi del tempo ma anche Indro Montanelli, fuggiasco a Fidenza - e questa per tanti sarà probabilmente una assoluta novità - nei giorni che precedono il Natale 1943. Nonostante raffiguri anni difficili, foschi e infine drammatici, l’affresco di Tonelli restituisce un’atmosfera di alacre giovialità, di pragmaticità ed efficienza, quella che passando per l’epilogo sanguinoso del fascismo porterà a un dopoguerra fidentino prospero e pasciuto, il benessere sorridente di un posto tranquillo che oggi si stenta un po’ a riconoscere in un’Italia che proprio non si riconosce più. 
Gabriele Grasselli
Fidenza e il Ventennio fascista: si è scritto pochissimo su questa stagione cupa ma intensa e dunque poco se ne sa. Eppure è il periodo in cui la città inizia ad assumere le sembianze che conosciamo, cambia il suo nome, Borgo San Donnino, riprendendo quello romano e il tessuto urbanistico si sviluppa velocemente e con raziocinio moderno. Ora arriva a colmare la lacuna un volume documentatissimo, prezioso e divertente firmato da Graziano Tonelli (edizioni Mup, la presentazione avverrà sabato alle 16 al Ridotto del Magnani: il libro sarà in vendita con la Gazzetta  a 8,80 euro più il prezzo del quotidiano).  Con passione ed evidente affetto Tonelli, attuale direttore dell’Archivio di Stato di Parma, ha compiuto un puntiglioso lavoro di biblioteca attingendo a riviste e «Gazzette di Parma» d’epoca, ma soprattutto a deliberazioni comunali e rari e dimenticati documenti originali. La ricostruzione politica è puntuale (Borgo San Donnino non sarà risparmiata da tensioni, scioperi, tafferugli, roghi, irruzioni, un clima turbolento che spianerà la strada all’affermazione fascista), ma il racconto prende vita nelle pieghe, nei dettagli della rievocazione storico-sociale dedicandola alle opere pubbliche via via progettate e realizzate e soffermandosi soprattutto sulla quotidianità del popolo borghigiano (e, dopo il 1927, fidentino) fotografato in un momento storico brulicante e sanguigno ancora ignaro dell’approdo nella tragedia della seconda guerra mondiale. «La Fidenza del Ventennio» è quindi una scoppiettante miniera di vicende, personaggi, notizie, curiosità, corredata da un’iconografia precisa e abbondante, con molte immagini pressoché inedite concesse dai discendenti delle famiglie che vissero quei decenni infervorati. Sarà una festa, dunque, per chi c’era allora e per chi è più giovane ma curioso dei «come eravamo» gustarsi il trenino per Salsomaggiore di passaggio nel quadrivio di Santa Maria, la bella corriera di Dino Pietralunga che collegava Borgo a Pieve Cusignano, il Casermone appena eretto in mezzo ai prati, le foto di classe quando si andava a scuola nella Rocca, i primi distributori di benzina per le primissime automobili, un «trasporto eccezionale» in partenza dall’officina Mariani e Massenza, il centralissimo punto vendita di chincaglierie e giocattoli Danelli, la fondazione del Moto Club, il bar di servizio della Casa Littoria, decine e decine di volti, figure, case, insegne, manifestazioni, eventi sportivi. Certo, non manca la documentazione di comizi, adunate, militi inquadrati, camicie nere in battaglione, manipoli di camerati in partenza alla stazione, «squadristi di ritorno da un’azione punitiva». In mezzo, ovviamente, i grandi appuntamenti, come le visite di Benito Mussolini o di Vittorio Emanuele III che inaugura il monumento ai Caduti il 28 aprile 1925.  Il diario fidentino degli anni Venti e Trenta però è molto altro e registra la decisa accelerazione dell’espansione edilizia, gli approcci industriali, la risoluzione di urgenze pressanti come l’approvvigionamento idrico o la facilitazione degli spostamenti in un'epoca in cui era già molto possedere un calesse, l’attenzione alle priorità in ambito sanitario, assistenziale, scolastico che caratterizzeranno i primi anni dell’amministrazione fascista. Il settore produttivo fa i primi passi: alle già insediate Cledca e Folembray si aggiungono uno stabilimento per la lavorazione della lana (30 operaie assunte) e una fabbrica di bottoni in madreperla (società Trocas, 70 borghigiane impiegate subito).  Il pozzo di notizie, riferimenti, nomi, cognomi, attività, aziende, esercizi, locali, caffè, trattorie, alberghi, negozi (anche «di lusso»), stazioni di servizio è senza fondo: il paesone è diventato città. La parte conclusiva è dedicata a una testimonianza pervenuta all’autore dagli eredi dell’onorevole Remo Ranieri, figura cardine del periodo, testimonianza in cui sono citati alcuni personaggi politici fra i più rappresentativi del tempo ma anche Indro Montanelli, fuggiasco a Fidenza - e questa per tanti sarà probabilmente una assoluta novità - nei giorni che precedono il Natale 1943. Nonostante raffiguri anni difficili, foschi e infine drammatici, l’affresco di Tonelli restituisce un’atmosfera di alacre giovialità, di pragmaticità ed efficienza, quella che passando per l’epilogo sanguinoso del fascismo porterà a un dopoguerra fidentino prospero e pasciuto, il benessere sorridente di un posto tranquillo che oggi si stenta un po’ a riconoscere in un’Italia che proprio non si riconosce più. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

fori imperiali

degrado

Sesso ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

Scarpa italiana inguaia Ivanka,dal giudice per plagio

GOSSIP

Scarpa italiana inguaia Ivanka, dal giudice per plagio

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cani da adottare

ANIMALI

Cani da adottare

Lealtrenotizie

Ballottaggio:

Elezioni 2017

Federico Pizzarotti rieletto sindaco con il 57,87% dei voti La festa (foto)

Ecco come sarà il nuovo Consiglio

19commenti

Il caso

Casaltone, un paese diviso in due

1commento

Asessuali

Vivere in astinenza: il documentario della parmigiana Soresini

1commento

Serie B

Le avversarie del Parma ai raggi X

PARMA

Upi, oggi l'assemblea annuale al Regio con il ministro Delrio

Poggio di Sant'Ilario

Dà fuoco alla stanza e ustiona moglie e figlia

Lutto

Laurano dice addio a «Ester» la centenaria

Fidenza

Piazza Grandi, operazione recupero archeologico

Integrazione

Fine del Ramadan, una festa condivisa

Promozione

Apolloni: «Felice per questa B»

BALLOTTAGGIO

"Effetto Parma" festeggia. Pizzarotti: "Altri cinque anni entusiasmanti" Video

L'intervista di TvParma: "Penso che per questa vittoria abbiano pesato la nostra concretezza e i nostri contenuti"

9commenti

elezioni 2017

Lavagetto (Pd): "Ora riflessione ma possiamo imparare dalle cose fatte bene" Video

1commento

elezioni 2017

Ballottaggio, affluenza al 45,17%

Calo in tutti i Comuni dell'Emilia-Romagna 

8commenti

sanità

Caso di chikungunya: disinfestazione in due vie Video - I consigli

LE ALTRE CITTA'

Piacenza, Patrizia Barbieri (centrodestra) sindaco

Dem sconfitti praticamente ovunque. Spezia, vittoria di Peracchini. Genova, vince Bucci

Felino

Tenta una strage in famiglia: la figlia è gravemente ustionata. Arrestato

Nella notte a Poggio di Sant'Ilario Baganza

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Il partito dell'astensione e del disinteresse

di Filiberto Molossi

2commenti

ITALIA/MONDO

Boretto

La villetta va a fuoco, famiglia salvata dal gatto

MALTEMPO

Frane, smottamenti e vento forte: danni al Nord-Est Foto

SOCIETA'

elezioni 2017

Genova: elettore al seggio con cane al seguito Foto

Elezioni 2017

Votare turandosi il naso? A Piacenza qualcuno lo ha fatto davvero... Video

SPORT

formula 1

Gara pazza. Hamilton e Vettel fanno a botte. E Ricciardo brinda...

SERIE A

Donnarumma inneggia a Raiola, poi si scusa con i tifosi. Dopo l'Europeo incontro con il Milan

MOTORI

MINI SUV

Citroën: la C3 Aircross in tre mosse

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande