-3°

MOSTRA

Silenzio dei volti, colore dell'anima

«Sguardo d'artista», opere di Mario Daolio a Guastalla

Silenzio dei volti, colore dell'anima
0

Manuela Bartolotti
Pochi segni essenziali e macchie di colore, rapidi colpi di spatola dai quali emerge non solo un volto, un corpo, ma la sostanza stessa della persona e la sua vibrazione interiore. 
Potrebbe sembrare scontato restituire nel ritratto non solo l’aspetto fisico, ma l’imponderabile e l’invisibile interiorità. In realtà è solo di chi sa impugnare il pennello come una sonda per scandagliare il mondo e soprattutto l’uomo. 
Mario Daolio, sempre della dinastia di noti poeti, musicisti, pittori, mostra questa sua qualità in un’antologica dal titolo «Sguardo d’artista» a Palazzo Fracassi a Guastalla (fino a domenica), luogo espositivo che per ora va a sostituire il terremotato Palazzo Ducale. 
La matrice della sua pittura, il suo più immediato referente pittorico è Cézanne e si nota infatti nelle pennellate staccate e poi sovrapposte quella ricerca inquieta entro la vita e le cose, la volontà di andare sempre più in profondità, d’afferrare per poi restituire eloquenti silenzi in volti, paesaggi e nature morte. 
Nelle opere su carta, la sua forza espressiva è più accentuata, più immediata. Più efficaci delle nature morte sono i paesaggi, più dei paesaggi le figure umane. Escono dalla tela quasi con prepotenza, fatte di colori, costruite d’emozioni e di prepotente voracità di vita. 
Sono giovani, fanciulli e osservano fuori dal quadro come se oltre quello sguardo speranzoso vi fosse il futuro, oppure sono vecchi di profilo, schizzati rapidamente con un segno a volte espressionista. 
Nonostante certi apparentamenti internazionali, l’opera di Daolio s’inserisce in quella corrente emiliana che da noi ha l’esempio più alto in Amedeo Bocchi. Queste opere, pur parlando un linguaggio universale, presentano caratteristiche di tratto, d’ambientazione che rimandano a tanta pittura novecentesca ancora nostalgica dell’Impressionismo, fino ad alcuni artisti contemporanei nostrani, quali – specialmente nei paesaggi - il fidentino Rino Sgavetta. 
Di peculiare c’è però la costante nostalgia che emana dai suoi quadri e l’assenza di persone, quasi Daolio voglia ritrarre anche i luoghi, le loro atmosfere, riuscendo a evocare il mondo della Bassa, ammantandolo di una solitudine che è riflessione, contemplazione, memoria ancora vibrante. Infine vita, nelle morbide evoluzioni del colore, nelle apparizioni solitarie e sincere di cose e natura. Di piante, di terre, di uomini. Soprattutto e oltre tutto, di uomini. 
Manuela Bartolotti


Pochi segni essenziali e macchie di colore, rapidi colpi di spatola dai quali emerge non solo un volto, un corpo, ma la sostanza stessa della persona e la sua vibrazione interiore. Potrebbe sembrare scontato restituire nel ritratto non solo l’aspetto fisico, ma l’imponderabile e l’invisibile interiorità. In realtà è solo di chi sa impugnare il pennello come una sonda per scandagliare il mondo e soprattutto l’uomo. Mario Daolio, sempre della dinastia di noti poeti, musicisti, pittori, mostra questa sua qualità in un’antologica dal titolo «Sguardo d’artista» a Palazzo Fracassi a Guastalla (fino a domenica), luogo espositivo che per ora va a sostituire il terremotato Palazzo Ducale. La matrice della sua pittura, il suo più immediato referente pittorico è Cézanne e si nota infatti nelle pennellate staccate e poi sovrapposte quella ricerca inquieta entro la vita e le cose, la volontà di andare sempre più in profondità, d’afferrare per poi restituire eloquenti silenzi in volti, paesaggi e nature morte. Nelle opere su carta, la sua forza espressiva è più accentuata, più immediata. Più efficaci delle nature morte sono i paesaggi, più dei paesaggi le figure umane. Escono dalla tela quasi con prepotenza, fatte di colori, costruite d’emozioni e di prepotente voracità di vita. Sono giovani, fanciulli e osservano fuori dal quadro come se oltre quello sguardo speranzoso vi fosse il futuro, oppure sono vecchi di profilo, schizzati rapidamente con un segno a volte espressionista. Nonostante certi apparentamenti internazionali, l’opera di Daolio s’inserisce in quella corrente emiliana che da noi ha l’esempio più alto in Amedeo Bocchi. Queste opere, pur parlando un linguaggio universale, presentano caratteristiche di tratto, d’ambientazione che rimandano a tanta pittura novecentesca ancora nostalgica dell’Impressionismo, fino ad alcuni artisti contemporanei nostrani, quali – specialmente nei paesaggi - il fidentino Rino Sgavetta. Di peculiare c’è però la costante nostalgia che emana dai suoi quadri e l’assenza di persone, quasi Daolio voglia ritrarre anche i luoghi, le loro atmosfere, riuscendo a evocare il mondo della Bassa, ammantandolo di una solitudine che è riflessione, contemplazione, memoria ancora vibrante. Infine vita, nelle morbide evoluzioni del colore, nelle apparizioni solitarie e sincere di cose e natura. Di piante, di terre, di uomini. Soprattutto e oltre tutto, di uomini. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

concerti

musica

Caos biglietti U2: ira dei fan, seconda data e esposto Codacons

Isola dei Famosi: esclusa Wanna Marchi (e la figlia). C'è la pornostar

televisione

Isola dei Famosi: esclusa Wanna Marchi (e la figlia). C'è la pornostar

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Conchiglioni crescenza e mostarda

GUSTO

La ricetta della Peppa: Conchiglioni crescenza e mostarda

Lealtrenotizie

Parrocchie in campo contro le povertà

Il caso

Parrocchie in campo contro le povertà

1commento

Epidemia

Legionella: domani la svolta

Istituto Sanvitale Fra Salimbene

Chi ha rotto la porta dei bagni dei maschi?

Basilicagoiano

Allarme droga tra i minorenni

via emilia

Scontro auto-camion a Parola: muore il 60enne Giancarlo Morini Video

BORGOTARO

Addio al partigiano Ollio, commerciante pluridecorato

Lutto

Addio ad Angelo Ferri, il «fontaner»

Raid

Boschi di Carrega, auto forzate nel parcheggio

GIOVEDI' AL REGIO

Brunori Sas: «A casa tutto bene»

i nuovi acquisti

Munari e Edera: "Parma, un buon progetto" Video

ladri in azione

Secondo furto in pochi giorni alla fattoria di Vigheffio Video

1commento

Parma

Due milioni di euro per ristrutturare il ponte sul Taro

3commenti

CLASSIFICA 

I sindaci più amati in Italia: Pizzarotti al terzo posto, consenso in aumento

Forte discesa del gradimento fra i cittadini per Virginia Raggi a Roma

42commenti

anteprima

Polemica clochard, contro la Chiesa un attacco "strano" Video

Ausl

Meningite e vaccini: attivata un'e-mail per chiedere informazioni ai medici

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Politicamente corretto: l'ipocrisia al potere

di Michele Brambilla

11commenti

EDITORIALE

L'orrore in diretta? E' la tv del Medioevo

di Francesco Monaco

ITALIA/MONDO

terrorirismo

Istanbul, preso il terrorista della strage di Capodanno: "Ha confessato"

salute

Influenza: oltre 3 milioni a letto, il picco la prossima settimana

SOCIETA'

roma

Colosseo nel mirino dei vandali: scritte con lo spray su un pilastro

Tendenza

Anche a Parma è vinilmania

SPORT

auto

L'auto protagonista alla Dakar? La Panda 4x4

ARBITRI

Fischietto, che passione. Un'epopea lunga un secolo

ANIMALI

sant'antonio

Benedizione degli animali a Bannone  Gallery Video

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video