10°

20°

MOSTRA

Silenzio dei volti, colore dell'anima

«Sguardo d'artista», opere di Mario Daolio a Guastalla

Silenzio dei volti, colore dell'anima
0

Manuela Bartolotti
Pochi segni essenziali e macchie di colore, rapidi colpi di spatola dai quali emerge non solo un volto, un corpo, ma la sostanza stessa della persona e la sua vibrazione interiore. 
Potrebbe sembrare scontato restituire nel ritratto non solo l’aspetto fisico, ma l’imponderabile e l’invisibile interiorità. In realtà è solo di chi sa impugnare il pennello come una sonda per scandagliare il mondo e soprattutto l’uomo. 
Mario Daolio, sempre della dinastia di noti poeti, musicisti, pittori, mostra questa sua qualità in un’antologica dal titolo «Sguardo d’artista» a Palazzo Fracassi a Guastalla (fino a domenica), luogo espositivo che per ora va a sostituire il terremotato Palazzo Ducale. 
La matrice della sua pittura, il suo più immediato referente pittorico è Cézanne e si nota infatti nelle pennellate staccate e poi sovrapposte quella ricerca inquieta entro la vita e le cose, la volontà di andare sempre più in profondità, d’afferrare per poi restituire eloquenti silenzi in volti, paesaggi e nature morte. 
Nelle opere su carta, la sua forza espressiva è più accentuata, più immediata. Più efficaci delle nature morte sono i paesaggi, più dei paesaggi le figure umane. Escono dalla tela quasi con prepotenza, fatte di colori, costruite d’emozioni e di prepotente voracità di vita. 
Sono giovani, fanciulli e osservano fuori dal quadro come se oltre quello sguardo speranzoso vi fosse il futuro, oppure sono vecchi di profilo, schizzati rapidamente con un segno a volte espressionista. 
Nonostante certi apparentamenti internazionali, l’opera di Daolio s’inserisce in quella corrente emiliana che da noi ha l’esempio più alto in Amedeo Bocchi. Queste opere, pur parlando un linguaggio universale, presentano caratteristiche di tratto, d’ambientazione che rimandano a tanta pittura novecentesca ancora nostalgica dell’Impressionismo, fino ad alcuni artisti contemporanei nostrani, quali – specialmente nei paesaggi - il fidentino Rino Sgavetta. 
Di peculiare c’è però la costante nostalgia che emana dai suoi quadri e l’assenza di persone, quasi Daolio voglia ritrarre anche i luoghi, le loro atmosfere, riuscendo a evocare il mondo della Bassa, ammantandolo di una solitudine che è riflessione, contemplazione, memoria ancora vibrante. Infine vita, nelle morbide evoluzioni del colore, nelle apparizioni solitarie e sincere di cose e natura. Di piante, di terre, di uomini. Soprattutto e oltre tutto, di uomini. 
Manuela Bartolotti


Pochi segni essenziali e macchie di colore, rapidi colpi di spatola dai quali emerge non solo un volto, un corpo, ma la sostanza stessa della persona e la sua vibrazione interiore. Potrebbe sembrare scontato restituire nel ritratto non solo l’aspetto fisico, ma l’imponderabile e l’invisibile interiorità. In realtà è solo di chi sa impugnare il pennello come una sonda per scandagliare il mondo e soprattutto l’uomo. Mario Daolio, sempre della dinastia di noti poeti, musicisti, pittori, mostra questa sua qualità in un’antologica dal titolo «Sguardo d’artista» a Palazzo Fracassi a Guastalla (fino a domenica), luogo espositivo che per ora va a sostituire il terremotato Palazzo Ducale. La matrice della sua pittura, il suo più immediato referente pittorico è Cézanne e si nota infatti nelle pennellate staccate e poi sovrapposte quella ricerca inquieta entro la vita e le cose, la volontà di andare sempre più in profondità, d’afferrare per poi restituire eloquenti silenzi in volti, paesaggi e nature morte. Nelle opere su carta, la sua forza espressiva è più accentuata, più immediata. Più efficaci delle nature morte sono i paesaggi, più dei paesaggi le figure umane. Escono dalla tela quasi con prepotenza, fatte di colori, costruite d’emozioni e di prepotente voracità di vita. Sono giovani, fanciulli e osservano fuori dal quadro come se oltre quello sguardo speranzoso vi fosse il futuro, oppure sono vecchi di profilo, schizzati rapidamente con un segno a volte espressionista. Nonostante certi apparentamenti internazionali, l’opera di Daolio s’inserisce in quella corrente emiliana che da noi ha l’esempio più alto in Amedeo Bocchi. Queste opere, pur parlando un linguaggio universale, presentano caratteristiche di tratto, d’ambientazione che rimandano a tanta pittura novecentesca ancora nostalgica dell’Impressionismo, fino ad alcuni artisti contemporanei nostrani, quali – specialmente nei paesaggi - il fidentino Rino Sgavetta. Di peculiare c’è però la costante nostalgia che emana dai suoi quadri e l’assenza di persone, quasi Daolio voglia ritrarre anche i luoghi, le loro atmosfere, riuscendo a evocare il mondo della Bassa, ammantandolo di una solitudine che è riflessione, contemplazione, memoria ancora vibrante. Infine vita, nelle morbide evoluzioni del colore, nelle apparizioni solitarie e sincere di cose e natura. Di piante, di terre, di uomini. Soprattutto e oltre tutto, di uomini. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Blu Trieste

Gazzareporter

Blu Trieste: le foto di Ruggero Maggi

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo con Emmanuel

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fare, vedere, mangiare: ecco l'App Pgn

GIOVANI

L'App Pgn è più ricca: scaricala e scopri le novità

Lealtrenotizie

Bocconi killer, un nuovo caso

ALLARME

Bocconi killer, un nuovo caso

lutto

Fidenza piange il pittore Mario Alfieri

Stazione

Quei tombini instabili che tolgono il sonno

AL REGIO

De Andrè, Cristiano canta Fabrizio

SACERDOTE

Don Ubaldo, da Tabiano alla Siberia

LUTTO

Addio a Valenti, lo sportivo

Parma

«La Marina? Un'opportunità per i giovani»

Calcio

Parma, la parola ai tifosi

Parma

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Comune

Ultimo Consiglio: scintille sulla questione Fiera. Bilancio comunale: avanzo di 54 milioni

Dall'Olio: "Multe per 13 milioni, il massimo di sempre". Scontro Bosi-Nuzzo. Parcheggi sotterranei mai costruiti: il Comune pagherà 661mila euro anziché 192mila

6commenti

Anteprima Gazzetta

Bocconi killer: avvelenato un cane al Parco Ducale

droga

Spacciava cocaina a Colorno: arrestato

3commenti

CREMONA

Grande commozione all'addio a Alberto Quaini

INCHIESTA

Nessun soccorso per gli animali selvatici. I cittadini: "Telefonate a vuoto mentre muoiono"

L'assessore regionale Caselli spiega che nessuna associazione del Parmense ha risposto al bando 

6commenti

lettere al direttore

"Quei ragazzini che lanciano sassi a Traversetolo"

6commenti

Parma

Coppini, sì del Consiglio all'iter per l'ampliamento della sede di strada Vallazza

La minoranza si divide fra astenuti e favorevoli

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

REPORTAGE

La guerra delle cipolle nella sfida per l'Eliseo

di Luca Pelagatti

ITALIA/MONDO

Primarie Pd

Renzi, Emiliano e Orlando: divisi su tutto nel dibattito tv

BOLOGNA

Killer ricercato: rubato nella zona un kit di pronto soccorso

SOCIETA'

medicina

Tre tazzine di caffè al giorno diminuiscono il rischio di cancro alla prostata

IL VINO

La Freisa compie cinquecento anni. Festa con Kyè di Vajra

SPORT

BASEBALL

Gilberto Gerali general manager della Nazionale

Moto

Tragedia nel motociclismo, morto Dario Cecconi

MOTORI

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling

OPEL

La Insignia tutta nuova è Grand Sport