MOSTRA

Silenzio dei volti, colore dell'anima

«Sguardo d'artista», opere di Mario Daolio a Guastalla

Silenzio dei volti, colore dell'anima
0

Manuela Bartolotti
Pochi segni essenziali e macchie di colore, rapidi colpi di spatola dai quali emerge non solo un volto, un corpo, ma la sostanza stessa della persona e la sua vibrazione interiore. 
Potrebbe sembrare scontato restituire nel ritratto non solo l’aspetto fisico, ma l’imponderabile e l’invisibile interiorità. In realtà è solo di chi sa impugnare il pennello come una sonda per scandagliare il mondo e soprattutto l’uomo. 
Mario Daolio, sempre della dinastia di noti poeti, musicisti, pittori, mostra questa sua qualità in un’antologica dal titolo «Sguardo d’artista» a Palazzo Fracassi a Guastalla (fino a domenica), luogo espositivo che per ora va a sostituire il terremotato Palazzo Ducale. 
La matrice della sua pittura, il suo più immediato referente pittorico è Cézanne e si nota infatti nelle pennellate staccate e poi sovrapposte quella ricerca inquieta entro la vita e le cose, la volontà di andare sempre più in profondità, d’afferrare per poi restituire eloquenti silenzi in volti, paesaggi e nature morte. 
Nelle opere su carta, la sua forza espressiva è più accentuata, più immediata. Più efficaci delle nature morte sono i paesaggi, più dei paesaggi le figure umane. Escono dalla tela quasi con prepotenza, fatte di colori, costruite d’emozioni e di prepotente voracità di vita. 
Sono giovani, fanciulli e osservano fuori dal quadro come se oltre quello sguardo speranzoso vi fosse il futuro, oppure sono vecchi di profilo, schizzati rapidamente con un segno a volte espressionista. 
Nonostante certi apparentamenti internazionali, l’opera di Daolio s’inserisce in quella corrente emiliana che da noi ha l’esempio più alto in Amedeo Bocchi. Queste opere, pur parlando un linguaggio universale, presentano caratteristiche di tratto, d’ambientazione che rimandano a tanta pittura novecentesca ancora nostalgica dell’Impressionismo, fino ad alcuni artisti contemporanei nostrani, quali – specialmente nei paesaggi - il fidentino Rino Sgavetta. 
Di peculiare c’è però la costante nostalgia che emana dai suoi quadri e l’assenza di persone, quasi Daolio voglia ritrarre anche i luoghi, le loro atmosfere, riuscendo a evocare il mondo della Bassa, ammantandolo di una solitudine che è riflessione, contemplazione, memoria ancora vibrante. Infine vita, nelle morbide evoluzioni del colore, nelle apparizioni solitarie e sincere di cose e natura. Di piante, di terre, di uomini. Soprattutto e oltre tutto, di uomini. 
Manuela Bartolotti


Pochi segni essenziali e macchie di colore, rapidi colpi di spatola dai quali emerge non solo un volto, un corpo, ma la sostanza stessa della persona e la sua vibrazione interiore. Potrebbe sembrare scontato restituire nel ritratto non solo l’aspetto fisico, ma l’imponderabile e l’invisibile interiorità. In realtà è solo di chi sa impugnare il pennello come una sonda per scandagliare il mondo e soprattutto l’uomo. Mario Daolio, sempre della dinastia di noti poeti, musicisti, pittori, mostra questa sua qualità in un’antologica dal titolo «Sguardo d’artista» a Palazzo Fracassi a Guastalla (fino a domenica), luogo espositivo che per ora va a sostituire il terremotato Palazzo Ducale. La matrice della sua pittura, il suo più immediato referente pittorico è Cézanne e si nota infatti nelle pennellate staccate e poi sovrapposte quella ricerca inquieta entro la vita e le cose, la volontà di andare sempre più in profondità, d’afferrare per poi restituire eloquenti silenzi in volti, paesaggi e nature morte. Nelle opere su carta, la sua forza espressiva è più accentuata, più immediata. Più efficaci delle nature morte sono i paesaggi, più dei paesaggi le figure umane. Escono dalla tela quasi con prepotenza, fatte di colori, costruite d’emozioni e di prepotente voracità di vita. Sono giovani, fanciulli e osservano fuori dal quadro come se oltre quello sguardo speranzoso vi fosse il futuro, oppure sono vecchi di profilo, schizzati rapidamente con un segno a volte espressionista. Nonostante certi apparentamenti internazionali, l’opera di Daolio s’inserisce in quella corrente emiliana che da noi ha l’esempio più alto in Amedeo Bocchi. Queste opere, pur parlando un linguaggio universale, presentano caratteristiche di tratto, d’ambientazione che rimandano a tanta pittura novecentesca ancora nostalgica dell’Impressionismo, fino ad alcuni artisti contemporanei nostrani, quali – specialmente nei paesaggi - il fidentino Rino Sgavetta. Di peculiare c’è però la costante nostalgia che emana dai suoi quadri e l’assenza di persone, quasi Daolio voglia ritrarre anche i luoghi, le loro atmosfere, riuscendo a evocare il mondo della Bassa, ammantandolo di una solitudine che è riflessione, contemplazione, memoria ancora vibrante. Infine vita, nelle morbide evoluzioni del colore, nelle apparizioni solitarie e sincere di cose e natura. Di piante, di terre, di uomini. Soprattutto e oltre tutto, di uomini. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Kim Kardashian divorzia?

Gossip

Kim Kardashian divorzia?

ManìnBlù: "Questa canzone"

singolo prenatalizio

ManìnBlù, il nuovo singolo: "Questa canzone" Video

E' nato l'ottavo figlio di Mick Jagger

Mick Jagger

New York

E' nato l'ottavo figlio di Mick Jagger Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Parmigiano Reggiano, ecco perché è il “Re dei formaggi”

GUSTO

Parmigiano Reggiano, ecco perché è il “Re dei formaggi”

Lealtrenotizie

La vittoria che ci voleva

Il Parma

La vittoria che ci voleva

LIBRO

Sopra Le Aspettative, la vita oltre la Sla

Langhirano

Trovato il ladro con il machete

Colorno

Battuto il record alla disfida degli anolini

PEDEMONTANA

Allarme povertà, sussidi per 150 famiglie

Paura

Spray al peperoncino in discoteca

17a giornata

D'Aversa, buona la prima: 1-0 e 3 punti d'oro a Bolzano Guarda il gol - Fotogallery

Nocciolini: "Stesso Parma, ma con più grinta", Scavone: "Bene, ma la strada è lunga" (Video)Pacciani: "Vittoria sofferta ma meritata" (Videocommento) - D'Aversa: "Primo tempo sofferto, poi la squadra ha tenuto" (Video)Lega Pro, risultati e classifica (guarda)

3commenti

sudtirol-parma 0-1

D'Aversa: "Primo tempo sofferto, poi abbiamo tenuto bene" Video

incidente

Auto contro un palo a Soragna: 21enne ferito

WEEKEND

Natale nell'aria: dagli acrobati ai mercatini i 5 eventi imperdibili

feste

Si accende l'albero in piazza: suggestioni natalizie nella nebbia Video

Polizia municipale

Dalla Puglia a Collecchio in tre ore? No, tachigrafo truccato: maxi-multa

3commenti

Inchiesta

Emergenza truffe: come difendersi

2commenti

tg parma

Incidente a Brescello: quattro feriti, due bambini al Maggiore

musica parma

"Malaccetto", Cattabiani presenta il nuovo album

Venerdì sera all'App@Colombofili - "Così si sente il cantautore" (leggi l'intervista)

MONTICELLI

Addio a Tina Varani, una vita per la famiglia

Originaria di Fidenza, per più di 30 anni aveva gestito "Il Cantuccio" con il marito

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

CONTI PUBBLICI

La manovra è legge: ecco cosa cambia

2commenti

Reggio Emilia

Si travestiva e pagava ragazzini per fare sesso: arrestato 40enne, più di 30 vittime

1commento

SOCIETA'

Londra

E' morto Greg Lake, la voce di Emerson, Lake and Palmer

GIORNALISMO

Gramellini passa dalla Stampa al Corriere

SPORT

Storie di ex

Fiorentina avanti in Europa grazie a Chiesa jr.

TG PARMA

I Corrado acquistano il Pisa. Giuseppe: "Sogno sfida col Parma in A" Video

MOTORI

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti

MOTORI

Suzuki, il grande ritorno di Ignis