23°

convegno

Bodoni, grande designer ante litteram

Omaggio al grande tipografo a 200 anni dalla morte

Busto di Bodoni

Mostra del Bodoni in Palatina

0

 

Tra storia e modernità. Una sorta di passeggiata a cavallo di due secoli, per trovare le origini dell’eccellenza italiana e capire quanto - su arte, ingegno, idee e scoperte - si possa ancora costruire il futuro.
L'Osservatorio permanente giovani-editori e Fondazione Cariparma  presentano i protagonisti del convegno «Il Segno italiano: moderno per tradizione» che si terrà a Parma, nella splendida cornice del Teatro Regio, venerdì 29 e sabato 30 novembre.
Una due giorni di incontri promossa in occasione della celebrazione del 200° anniversario dalla morte del grande stampatore, editore, disegnatore, incisore e designer di font tipografici Giambattista Bodoni (nato a Saluzzo il 26 febbraio 1740 e morto a Parma il 30 novembre 1813). 
Un programma di altissimo livello con ospiti nazionali ed internazionali del mondo dell’impresa, dell’informazione e del design.
Tra tutti spicca Marcus Brauchli,  vicepresidente ed ex direttore del «The Washington Post», quotidiano da sempre simbolo della democrazia nel mondo la cui testata è rappresentata da un carattere Bodoni che ha preso il nome nel campo tipografico di «Postoni». 
Brauchli parlerà della storica svolta grafica, digitale e organizzativa sotto la sua direzione.
Sarà una video intervista, da parte del corrispondente de «La Stampa» dagli Stati Uniti Maurizio Molinari, invece, ad aprire i lavori del primo giorno di convegno. Protagonista, il famoso architetto e designer mondiale Massimo Vignelli, che parlerà della figura di Bodoni tracciando un ponte immaginario tra la figura di Bodoni ed il suo segno ai giorni nostri. Segno che ha rappresentato una delle prime forme di eccellenze: una sorta di antesignano del made in Italy attuale. A parlare di questo tema interverrà Paolo Barilla, vicepresidente dell’omonimo gruppo emblema di uno dei più importanti aspetti dell’italian-style nel mondo: il cibo. Al suo fianco una giovane designer, Marta Bernstein. Chiuderà i lavori della prima giornata appunto Marcus Brauchli intervistato dal vicedirettore de «La Stampa», Massimo Gramellini.
Il secondo giorno a parlare del legame tra Bodoni, Parma e i giornali saranno prima l’amministratore delegato della Gazzetta di Parma, Matteo Montan, e poi il suo direttore, Giuliano Molossi. A seguire, l’intervista a Ferruccio de Bortoli, direttore del «Corriere della Sera», uno dei più autorevoli quotidiani italiani, che parlerà dell’importanza dell’informazione di qualità. 
Sarà infine il direttore generale della Rai, Luigi Gubitosi, a chiudere il convegno parlando di come il servizio pubblico, grazie al suo ruolo e attraverso le sue reti televisive,  possa aiutare a far conoscere sia in Italia che all’estero il segno e le eccellenze del nostro Paese. Giambattista Bodoni, nel duecentesimo anniversario dalla scomparsa, sarà il filo conduttore del convegno. Una figura, quella dello stampatore per eccellenza, che continua ancora oggi a lasciare la sua impronta nel segno della modernità. Un esempio di come l’Italia sia stata, in passato, culla della cultura e del saper fare. 
Ma, anche, di come questi elementi possano rappresentare - oggi più che mai, in un periodo di crisi e sfiducia - solide fondamenta dalle quali ripartire.
Il convegno, che si inserisce nel contesto delle celebrazioni bodoniane, è stato fortemente voluto dallo scomparso presidente della Fondazione Cariparma, Carlo Gabbi e portato avanti con la stessa volontà e orgoglio dal suo successore, Paolo Andrei. 
Una manifestazione che rappresenta per Parma un vero e proprio evento di altissimo livello, che farà assumere alla città emiliana, per due giorni, il ruolo di capitale internazionale della cultura. 
Come sempre i protagonisti della manifestazione saranno soprattutto gli studenti, oltre 450 provenienti da tutta Italia, che partecipano al progetto «Il quotidiano in classe» promosso dall’Osservatorio permanente giovani-editori.
Per gli studenti sarà un’opportunità unica, un’occasione   di dialogare a tu per tu con i diretti protagonisti del convegno. Per loro una vera e propria iniezione di fiducia per ripartire di slancio nella costruzione di un Paese che, oggi più che mai, conta sulle nuove generazioni. 
A condurre la due giorni di lavori sarà l’editorialista del «Corriere della Sera», Dario Di Vico. r.c.
Tra storia e modernità. Una sorta di passeggiata a cavallo di due secoli, per trovare le origini dell’eccellenza italiana e capire quanto - su arte, ingegno, idee e scoperte - si possa ancora costruire il futuro.L'Osservatorio permanente giovani-editori e Fondazione Cariparma  presentano i protagonisti del convegno «Il Segno italiano: moderno per tradizione» che si terrà a Parma, nella splendida cornice del Teatro Regio, venerdì 29 e sabato 30 novembre.Una due giorni di incontri promossa in occasione della celebrazione del 200° anniversario dalla morte del grande stampatore, editore, disegnatore, incisore e designer di font tipografici Giambattista Bodoni (nato a Saluzzo il 26 febbraio 1740 e morto a Parma il 30 novembre 1813). Un programma di altissimo livello con ospiti nazionali ed internazionali del mondo dell’impresa, dell’informazione e del design.Tra tutti spicca Marcus Brauchli,  vicepresidente ed ex direttore del «The Washington Post», quotidiano da sempre simbolo della democrazia nel mondo la cui testata è rappresentata da un carattere Bodoni che ha preso il nome nel campo tipografico di «Postoni». 

 

Brauchli parlerà della storica svolta grafica, digitale e organizzativa sotto la sua direzione.Sarà una video intervista, da parte del corrispondente de «La Stampa» dagli Stati Uniti Maurizio Molinari, invece, ad aprire i lavori del primo giorno di convegno. Protagonista, il famoso architetto e designer mondiale Massimo Vignelli, che parlerà della figura di Bodoni tracciando un ponte immaginario tra la figura di Bodoni ed il suo segno ai giorni nostri. Segno che ha rappresentato una delle prime forme di eccellenze: una sorta di antesignano del made in Italy attuale. A parlare di questo tema interverrà Paolo Barilla, vicepresidente dell’omonimo gruppo emblema di uno dei più importanti aspetti dell’italian-style nel mondo: il cibo. Al suo fianco una giovane designer, Marta Bernstein. Chiuderà i lavori della prima giornata appunto Marcus Brauchli intervistato dal vicedirettore de «La Stampa», Massimo Gramellini.Il secondo giorno a parlare del legame tra Bodoni, Parma e i giornali saranno prima l’amministratore delegato della Gazzetta di Parma, Matteo Montan, e poi il suo direttore, Giuliano Molossi. A seguire, l’intervista a Ferruccio de Bortoli, direttore del «Corriere della Sera», uno dei più autorevoli quotidiani italiani, che parlerà dell’importanza dell’informazione di qualità. Sarà infine il direttore generale della Rai, Luigi Gubitosi, a chiudere il convegno parlando di come il servizio pubblico, grazie al suo ruolo e attraverso le sue reti televisive,  possa aiutare a far conoscere sia in Italia che all’estero il segno e le eccellenze del nostro Paese. Giambattista Bodoni, nel duecentesimo anniversario dalla scomparsa, sarà il filo conduttore del convegno. Una figura, quella dello stampatore per eccellenza, che continua ancora oggi a lasciare la sua impronta nel segno della modernità. Un esempio di come l’Italia sia stata, in passato, culla della cultura e del saper fare. Ma, anche, di come questi elementi possano rappresentare - oggi più che mai, in un periodo di crisi e sfiducia - solide fondamenta dalle quali ripartire.Il convegno, che si inserisce nel contesto delle celebrazioni bodoniane, è stato fortemente voluto dallo scomparso presidente della Fondazione Cariparma, Carlo Gabbi e portato avanti con la stessa volontà e orgoglio dal suo successore, Paolo Andrei. 

Una manifestazione che rappresenta per Parma un vero e proprio evento di altissimo livello, che farà assumere alla città emiliana, per due giorni, il ruolo di capitale internazionale della cultura. Come sempre i protagonisti della manifestazione saranno soprattutto gli studenti, oltre 450 provenienti da tutta Italia, che partecipano al progetto «Il quotidiano in classe» promosso dall’Osservatorio permanente giovani-editori.Per gli studenti sarà un’opportunità unica, un’occasione   di dialogare a tu per tu con i diretti protagonisti del convegno. Per loro una vera e propria iniezione di fiducia per ripartire di slancio nella costruzione di un Paese che, oggi più che mai, conta sulle nuove generazioni. A condurre la due giorni di lavori sarà l’editorialista del «Corriere della Sera», Dario Di Vico. r.c.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Samsumg volta pagina, affida il rilancio al Galaxy S8

hi-tech

Samsung, esce il Galaxy S8: lo smartphone del rilancio

Polemiche per il «ritocco» alla Cardinale

CANNES

Polemiche per il «ritocco» alla Cardinale

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Settimana di grandi classici. Con grandi sorprese Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria degli Argini

Osteria degli Argini

CHICHIBIO

«Osteria degli Argini», tutto fatto in casa con cura

Lealtrenotizie

Marito e moglie trovati morti in casa a Felegara: omicidio-suicidio?

dramma

Felegara, con un coltello uccide la moglie malata e si suicida Foto Video

I corpi di Wilma Paletti e Gianfranco Carpana ritrovati dai figli

Molinetto

Supermercato: mette in vendita salumi inserendo nel prezzo la tara. Denunciato

3commenti

violenza sulle donne

Sviene al lavoro: era stata massacrata di botte dall'ex. Arrestato il 32enne

La donna ora versa in gravissime condizioni e si teme per la sua vita

4commenti

lutto

E' morta Alice Borbone-Parma, la nipote dell'ultimo duca di Parma Foto

1commento

anteprima gazzetta

Omicidio-suicidio: Felegara sotto choc

intervento

Pellacini: "Comune e Provincia svendono quote delle Fiere di Parma"

convegno

Barilla, Chiesi e Dallara: la lezione in Università di tre "big"

"Quarta Categoria"

Oggi un derby "Special": Reggiana-Parma

politica

Elezioni amministrative, si vota l'11 giugno. Ballottaggi il 25

5commenti

tragedia

39enne muore in moto a Pescara, un rene "donato" a Parma

giovedi'

«Parma 360»: uno speciale sul festival

carcere

La denuncia di Antigone: "A Parma 603 detenuti per 350 posti"

omicidio

Delitto Habassi, chiuse le indagini: "C'è stata premeditazione"

gazzareporter

Auto ad incastro: scene da via Palermo Foto

3commenti

elezioni 2017

Salvini giovedì 30 a Parma: "Per sostenere la candidatura della Cavandoli"

2commenti

tribunale

Zebre Rugby, concordato in bianco: scongiurato il fallimento

Cambio alla presidenza, nominata la Falavigna, Pagliarini resta socio

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

5commenti

EDITORIALE

Dal cinema italiano segnali di primavera

di Francesco Monaco

ITALIA/MONDO

Stati Uniti

Trump assume la figlia come dipendente federale

La testimonianza

Carminati: "Sono un fascista degli anni '70"

SOCIETA'

Chat

Dal velo islamico allo yoga: arrivano 69 nuove emoji

Musica

Stoccolma: finalmente Dylan ritirerà il Nobel

SPORT

Sport

Tuffi: Tania Cagnotto verso l'addio

tg parma

D'Aversa: "Serie B ancora raggiungibile". Calaiò: "Serve miracolo"

MOTORI

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa

innovazione

La Fiat 500 adesso si può noleggiare su Amazon