11°

29°

Arte-Cultura

Fede dalla terra d'Africa

Fede dalla terra d'Africa
0

di Pier Paolo Mendogni

Fascino e mistero hanno sempre circondato il mitico regno della Regina di Saba, l’Etiopia nella sua accezione più vasta comprendente anche l’Eritrea come era vista in Occidente nei secoli tra il XII e il XVI quando sono iniziati i contatti relazionali con Venezia in primo piano. Ed è lei, la bellissima «Makeda», recatasi in visita al re Salomone, che dà il titolo alla mostra su «Sacro e bellezza nell’Etiopia cristiana», allestita a Venezia a Ca' Foscari (fino al 10 maggio) con la frase «Nigra sum sed formosa» (Sono bruna ma bella), come lei si è definita nel Cantico dei cantici scritto da Salomone. La rassegna - curata da Giuseppe Barbieri, Mario Di Salvo e dal parmigiano Gianfranco Fiaccadori, docente all’Università Statale di Milano e presidente del Comitato scientifico (catalogo Terra Ferma) - ha un forte impatto suggestivo in quanto i rari reperti originali esposti (numerosi dipinti dai colori accesi, croci, rotoli magici, codici miniati, tabot) sono inseriti in un percorso animato da interventi multimediali con filmati, sequenze fotografiche, musiche e una sorprendente guida multimediale interattiva. E la proiezione iniziale di un «rotolo magico» carico di singolari immagini e di formule di preghiera contro demoni e malattie contribuisce a coinvolgere subito il visitatore in un clima altamente emotivo.

In Etiopia è diffuso un cristianesimo che conserva anche molte pratiche legate all’ebraismo come le forme delle chiese, la circoncisione, le prescrizioni sul cibo e le impurità. Infatti gli etiopi hanno la certezza - come scrive Osvaldo Raineri - «d’appartenere al popolo eletto, non solo per la fede in Cristo, ma anche per i comuni vincoli di sangue con la casa di Davide, e dunque anche con il Messia, attraverso Menelik, figlio di Salomone e della Regina di Saba». Questa storia si trova illustrata in quarantaquattro scene dipinte con tecnica naive su una tela rettangolare: dopo la morte del crudele «re serpente» saliva al trono Makeda che, colpita dalla saggezza di Salomone, si recava a Gerusalemme per incontrarlo. Il re con un astuto stratagemma riusciva a congiungersi con lei e dal rapporto nasceva Menelik. Il ragazzo veniva inviato dalla regina a conoscere il padre, che l’accoglieva bene, e quando tornava in Etiopia portava via agli ebrei l’Arca dell’Alleanza, che si dice sia ancor oggi custodita nella cattedrale di Maryam Seyon ad Aksum. Il cristianesimo veniva introdotto nel paese nel IV secolo da due giovani monaci siriani, Frumenzio ed Edesio, e il primo era nominato vescovo di Aksum dal patriarca di Alessandria Atanasio. Nei secoli successivi giungevano diversi monaci bizantini che diffondevano la religione cristiana e il culto della Madonna, rappresentata in diverse immagini su tavola, su pergamena, su tela; tra queste è esposta la «Madonna del Tembien», custodita nella Chiesa della Natività della Vergine di Mezzano Inferiore e proveniente da Boera Ogazen: l’ha ritrovata lì il tenente Gino Mori durante la guerra del 1936, «salvandola dalla profanazione». Tornato in patria, l’ha donata alla chiesa del suo paese: rappresenta la Madonna in trono col Bambino e due angeli e, sotto, la Crocifissione con alcuni santi monaci collegabili - come suggerisce Fiaccadori - al monastero di Enda Maryam in Fekel. Da Parma (Biblioteca Palatina) giunge anche l’«Album del pittore», una pergamena dipinta da un artista abissino verso il 1700, rinvenuta nel «sancta sanctorum» dell’antichissimo cenobio di Dabra Dammo. In una scena Cristo con gli occhi bassi e tristi ha il capo trafitto da spine conficcategli da due aguzzini vestiti alla musulmana col turbante; in un’altra San Giorgio di Lydda libera la figlia del re di Beirut dal drago; vi sono pure i fondatori dei due grandi ordini monastici etiopi, nonché il principe Abbo con accanto due leoni e due leopardi e su un leone siede Samuel di Waldebba rinnovatore della vita monastica.

La prima rappresentazione cartografica dell’Etiopia e dell’Africa orientale con molte annotazioni e toponimi si ritrova nel Mappamondo che il camaldolese Fra Mauro ha disegnato verso il 1450 a Venezia avvalendosi dei racconti di persone provenienti dall’Africa. La città lagunare era al centro dei traffici con l’Oriente e non è un caso che nel 1480 il doge Pietro Mocenigo abbia inviato in Etiopia, su richiesta dell’imperatore, il pittore Niccolò Brancaleon, che veniva chiamato Marcorio e otteneva un grande successo dipingendo quadri ma anche interni ed esterni delle chiese. In alcune pagine miniate ha lasciato la sua firma «Opus meus Nicolaus Brancaleo venetus». Oltre ai dipinti è esposta una ricca raccolta di croci, a partire dal XII secolo, in bronzo, ferro, ottone, legno, eseguite nelle forme più svariate e fantasiose con ricamati intrecci leggeri come pizzi. Eppoi i lunghi e sottili rotoli magici coi loro antichi formulari tra misteriosi segni grafici e i «tabot», tavole sacre di legno o marmo con incisi croci e nomi di santi da porre sull'altare per le celebrazioni eucaristiche: un mondo di incanti sottili, tutto da scoprire.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra sorrisi e prosciutti

televisione

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra enigmi e prosciutti!

Flavio  Insinna

Flavio Insinna

tv e polemiche

Insinna (e gli insulti): "Chiedo scusa a tutti, anche a chi mi ha tradito"

2commenti

Prometteva la vittoria a Miss Mondo in cambio di sesso: smascherato da "Striscia la notizia"

MISS MONDO

Chiedeva sesso in cambio della vittoria: smascherato da "Striscia la notizia" Foto

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nasi rossi

PARMA

"Nasi Rossi" sabato in piazza Garibaldi fra gag e solidarietà Video

di Andrea Violi

Lealtrenotizie

Furti all'Esselunga

polizia

Esselunga di via Traversetolo nel mirino, ladri in azione pomeriggio e sera

3commenti

Anteprima Gazzetta

Inchiesta Pasimafi: spariti due computer, giallo all'ospedale Video

PARMA

Due incidenti in un'ora: due donne in gravi condizioni Foto

Anziana investita in via Pellico. Scontro bici-scooter in via Abbeveratoia: ferita una 60enne

2commenti

GAZZAREPORTER

Parcheggio 2.0 in via Bergamo. Continua la serie di "creativi"

Lutto

«Camelot» se n'è andato a 59 anni

Giancarlo Ghiretti fu protagonista nel rugby e nel football

8commenti

PARMA

Veicolo in fiamme: traffico in tilt in tangenziale nord alla Crocetta

calcio

Gian Marco Ferrari, dalle giovanili del Parma alla Nazionale

sorbolo

A caccia di Igor? No, l'elicottero misterioso sulla Bassa è di Enel

7commenti

Roncole Verdi

Uno scandalo sessuale nel passato del nuovo prete

5commenti

gazzareporter

Boccone avvelenato? Allarme in Cittadella Le foto

L'INIZIATIVA

Parma città creativa dell'Unesco: nasce la Fondazione

L'organismo è aperto. Per ora ne fanno parte Comune, Fiere, Upi, Cciaa e Università

tardini

Al via la prevendita per Parma-Lucchese

sondaggio

Dall'anno prossimo torna la Serie C (addio Lega Pro): siete d'accordo?

4commenti

Elezioni 2017

Cattabiani denuncia un attacco hacker al suo sito e parla di atti intimidatori

polizia

Danneggia un'auto nel cuore della notte in via Emilio Casa: denunciato 48enne

1commento

WEEKEND

Cantine aperte, moto, maschere: 5 eventi da non perdere

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

3commenti

CINEFILO

Cannes: le lacrime di Lynch e la bellezza di Marine e Diane Video

ITALIA/MONDO

TAORMINA

G7, bozza finale: sì alla difesa dei confini Video

torino

Con la fionda riforniva di droga il figlio in carcere: condannata

WEEKEND

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

SPORT

GIRO D'ITALIA

Dumoulin in ritardo a Piancavallo: maglia rosa a Quintana

BOXE

Parma riscopre il pugilato Video

MOTORI

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover

IL TEST

Tiguan, come prima più di prima