19°

convegno

La tradizione? E' moderna. Bodoni insegna

Lo stile dello stampatore e designer parmigiano ricordato da De Bortoli, Gubitosi, Montan e Molossi

0

 

 Il mondo dell’informazione, scosso dalla rivoluzione di internet e dei nuovi media, non può perdere l'insegnamento di Giambattista Bodoni, simbolo delle stile italiano come stampatore, editore, disegnatore, incisore e grande designer di font tipografici. È questo il messaggio della seconda giornata del convegno 'Il segno italiano: moderno per tradizionè organizzato dall’Osservatorio Permanente Giovani Editori e Fondazione Cariparma al Teatro Regio di Parma.
Dopo l’analisi di ieri di Marcus Brauchli, vicepresidente del Washington Post, oggi è toccato al direttore del Corriere della Sera Ferruccio De Bortoli, al direttore generale della Rai Luigi Gubitosi e ai 'padroni di casà della Gazzetta di Parma Matteo Montan, amministratore delegato del gruppo, e Giuliano Molossi, direttore di Gazzetta di Parma e Radio Tv Parma, tracciare il quadro futuro dell’informazione nel nostro paese, ma non solo.
«I quotidiani – ha detto De Bortoli – non sono mai stati così letti come in questo periodo storico perchè i contenuti vengono declinati sulla carta, sul web, sull'ipad e su tutte le altre piattaforme tecnologiche. Il quotidiano ha una lunga storia che viene da lontano ma non appartiene al passato». 
 Resta fondamentale però il ruolo del giornalista che «deve selezionare, interrogarsi, senza sommergere il pubblico sia dell’acqua sporca che di quella pulita come un hacker. Spero solo che i giornalisti si rendano conto dei cambiamenti che stiamo vivendo prima dei lettori».
E se ai tempi di Bodoni erano poi i caratteri ad affascinare, oggi quel ruolo è svolto dalle immagini e dai video che, ha concluso De Bortoli, «possono essere il segno più forte della nostra giornata».
Da Luigi Gubitosi, direttore generale della Rai (gruppo da oggi è membro dell’Osservatorio Permanente Giovani-Editori), è arrivato invece un forte richiamo alla «mission educativa» dei media e, sulla tv pubblica, l’ammissione che «in passato c'è stata troppa influenza dei partiti. Oggi c'è libertà di stampa, purchè con modi garbati a differenza di altri talk show. Il punto deve essere non guardare in faccia ma rispettare tutti».
Decisamente nel segno di Bodoni la Gazzetta di Parma primo quotidiano d’Italia «stampato proprio dal grande tipografo», ha spiegato Matteo Montan, ad del gruppo editoriale parmigiano composta da quotidiano, tv e radio oltre che da una sempre più ampia piattaforma internet e che «credo segni la qualità del giornalismo locale» perchè, ha concluso il direttore di Gazzetta di Parma-Tv Parma «la lezione di stile, di gusto e di eleganza di Bodoni resta determinante».
 Il mondo dell’informazione, scosso dalla rivoluzione di internet e dei nuovi media, non può perdere l'insegnamento di Giambattista Bodoni, simbolo delle stile italiano come stampatore, editore, disegnatore, incisore e grande designer di font tipografici. È questo il messaggio della seconda giornata del convegno 'Il segno italiano: moderno per tradizione" organizzato dall’Osservatorio Permanente Giovani Editori e Fondazione Cariparma al Teatro Regio di Parma.

 

Dopo l’analisi di ieri di Marcus Brauchli, vicepresidente del Washington Post, oggi è toccato al direttore del Corriere della Sera Ferruccio De Bortoli, al direttore generale della Rai Luigi Gubitosi e ai 'padroni di casa" della Gazzetta di Parma Matteo Montan, amministratore delegato del gruppo, e Giuliano Molossi, direttore di Gazzetta di Parma e Radio Tv Parma, tracciare il quadro futuro dell’informazione nel nostro paese, ma non solo.«I quotidiani – ha detto De Bortoli – non sono mai stati così letti come in questo periodo storico perchè i contenuti vengono declinati sulla carta, sul web, sull'ipad e su tutte le altre piattaforme tecnologiche. Il quotidiano ha una lunga storia che viene da lontano ma non appartiene al passato».  Resta fondamentale però il ruolo del giornalista che «deve selezionare, interrogarsi, senza sommergere il pubblico sia dell’acqua sporca che di quella pulita come un hacker. Spero solo che i giornalisti si rendano conto dei cambiamenti che stiamo vivendo prima dei lettori».E se ai tempi di Bodoni erano poi i caratteri ad affascinare, oggi quel ruolo è svolto dalle immagini e dai video che, ha concluso De Bortoli, «possono essere il segno più forte della nostra giornata»

.Da Luigi Gubitosi, direttore generale della Rai (gruppo da oggi è membro dell’Osservatorio Permanente Giovani-Editori), è arrivato invece un forte richiamo alla «mission educativa» dei media e, sulla tv pubblica, l’ammissione che «in passato c'è stata troppa influenza dei partiti. Oggi c'è libertà di stampa, purchè con modi garbati a differenza di altri talk show. Il punto deve essere non guardare in faccia ma rispettare tutti».Decisamente nel segno di Bodoni la Gazzetta di Parma primo quotidiano d’Italia «stampato proprio dal grande tipografo», ha spiegato Matteo Montan, ad del gruppo editoriale parmigiano composta da quotidiano, tv e radio oltre che da una sempre più ampia piattaforma internet e che «credo segni la qualità del giornalismo locale» perchè, ha concluso il direttore di Gazzetta di Parma-Tv Parma «la lezione di stile, di gusto e di eleganza di Bodoni resta determinante».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

4commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

MILTO 5

Fotografia

Un alieno a Parma: ecco chi è Milto5, "campione di selfie"  Video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - La centrale del latte di via Torelli Video

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

TV

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Incidente mortale a San Secondo: muore un automobilista

parmense

Incidente a San Secondo: muore un automobilista

Droga

San Leonardo, stavolta niente «rito»

5commenti

Tragedia

«Giovanni adesso è insieme a Dio»

Viabilità

Il Comune: corsie per bus, traffico ridotto fra Lungoparma e ponte di Mezzo

Annunciati controlli della Municipale in via Farnese

borgotaro

Oggi i funerali di Danilo Savani

Montechiarugolo

«Mio nipote sequestrato in Tunisia»

CALCIO

Buffon a quota 1000

Imprenditori

Morto Primo Ferrari, una vita per il latte

CONCERTO

Mario Biondi al Regio, voce e ricordi

Fidenza

Sottopasso, i residenti propongono un progetto alternativo

PROGETTO

Sala, c'è una badante per te: apre uno sportello

LEGA PRO

Parma, Ferrari: "Crediamo nei play-off, servono nuovi stimoli" Video

lettera aperta

Studentessa del Melloni ai coetanei: "Fate della vostra vita un capolavoro"

2commenti

EMERGENZA CRIMINALITA'

La 48 ore dei ladri: quattro case svaligiate, razzie sulle auto e spaccate Video

8commenti

Via Cavagnari

Ragazzino morsicato da un cane: scoppia una lite violenta

2commenti

foto dei lettori

"Scene di ordinaria... stazione: la sosta che blocca decine di bus" Foto

20commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il pianeta delle scimmie e quello dei robot

IL CASO

I vitalizi e le pensioni d'oro che fanno indignare

di Stefano Pileri

14commenti

ITALIA/MONDO

Regno Unito

Attacco al Parlamento di Londra: 7 arresti in tutto il Paese

Protesta

Oggi sciopero nazionale dei taxi. Uber: "Decreto deludente"

SOCIETA'

COLORNO

Con il Fai a scoprire l'appartamento del duca don Ferdinando Fotogallery

PGN

In campo con la Polisportiva gioco

SPORT

F1: SI PARTE

Il calendario 2017 e le dirette tv

LA POLEMICA

Cipollini disintegra il ciclismo italiano

MOTORI

anteprima

Nuova Ferrari GTC4Lusso, il test drive Fotogallery

LA PROVA

Fiat 500L Living a metano