16°

Arte-Cultura

Curiosità monastiche e profane

Curiosità monastiche e profane
0

Come facevano le suore a scaldarsi le mani nel 400-500? Gli inverni erano più rigidi di oggi. I monasteri avevano spesse mura ma con difetti di riscaldamento e camini non sempre perfettamente funzionanti. Alle sorelle «lombarde» di Ildegarda di Bingen era concesso porre qualche rimedio alle sofferenze corporali; ad esempio con una borsa dell’acqua calda ad uso domestico. Ecco pronta una lucida «carpa» in ceramica invetriata di produzione padana. L’acqua immessa dal foro della bocca, poteva intiepidire le mani per quasi una mezza giornata.C'era bisogno di vasellame per le confetture ed i soliti pasti conventuali? Ecco servito il desco con terre, scodelle, bicchieri, vasi, piatti da portata, e sul loro fondo le figure della gru, del cerbiatto, del cervo, dello scoiattolo, dell’aquila, del coniglio, della colomba: il bestiario domestico col quale si distinguevano portate, cibarie, confetture, tutto misurato se si trattava di un convento, con ampia varietà di lessico gastronomico se si trattava di mense profane.

I ritratti di belle donne dai balzi e dalle capigliature annodate con veli non avevano l’esclusiva del mondo secolare. Piacevano anche in convento. In quello di San Paolo oltre duecento piastrelle in ceramica invetriata decoravano un paio di luoghi del monastero con figurazioni a carattere mistico, laico e profano. Le stoviglie qui esposte potrebbero ornare una bella mensa composta dai colori del nostro Rinascimento, fatti di terre, di impasti vegetali, di ocre, di indaco e di azzurriti.
Anche questo tra le «Rarità monastiche e profane all’epoca del Correggio», un itineraio di curiosità umili, accattivanti, succose, allestita presso la Pinacoteca Stuard a Parma - Assessorato alla Cultura - Comune di Parma (aperta sino al 31 maggio 2009), in virtù della disponibilità di conoscitori e collezionisti quali Andrea ed Enrico Corradini.
Le cure per il corpo non erano ridotte al minimo indispensabile e la sofferenza fisica nei monasteri era l’espiazione che portava alla salvezza: si narra di monache che giunsero a infilarsi sottopelle decine di aghi senza che nessuno se ne potesse accorgere. Il crocifisso cilicio con un numero simbolico di punte acuminate era in metallo (ne è esposto un raro esemplare dell’epoca). Veniva indossato sul dorso per poter meglio segnare le carni.

Ma anche il lavoro aveva una parte importante nel convento. Alle suore si chiedeva la preparazione della mensa eucaristica. Le ostie in pani azimi e sottili erano preparate con forme che con una punta acuminata consentivano di «ritagliare» le particole. A proposito di crocifissi e di immagini della pietà ecco lo splendido busto del «Vir dolorum» in terracotta policroma (XVI sec- inizi), ritrovato all’interno del monastero di San Paolo, e vicino una Madonna prossima a Begarelli, con una serie di crocifissi in bronzo (sec XIV-XVI) e in legno ( XVI- XVII sec), che disegnano il periplo iconografico di un oggetto di culto diffusissimo nell’universo monastico. I dipinto coevi con la Madonna con Bambino di cultura leonardesca, quella riconosciuta a Leombruno o comunque ad un a mantovano come il Costa, il «Ragazzo ignudo che fugge dall’Orto», dalla chiara matrice correggesca, formano il misurato commento pittorico alla mostra. Avevano uso devoto anche le «paci», piccole tessere in argento o bronzo argentato grandi come un odierno «palmare», con immagini riprese dai repertori di artisti celebrati già ai loro tempi come Michelangelo. Veicolo di trasmissione della devozione, erano oggetto della più riservata devozione personale alla Immagine della Pietà che era parte dell’iconografia della Passione di Nostro Signore. Grandi bacili in ottone di area renana documentano le circolazioni delle merci e degli uomini; il loro uso liturgico è definito dalle allegorie bibliche che recano a sbalzo nelle immagini centrali o nelle decorazioni di contorno. La musica e le arti erano l’occupazione dei dotti negli studioli dedicati alla meditazione e alle letture.

Una serie di oggetti curiosi che provengono dagli studioli privati ricreano la raffinatezza di ambienti dove ad ognuno di essi era affidato il ruolo di riportare un ricordo, una emozione, una ripresa erudita, un concetto filosofico.
Le statuette di Venere e di Giove stabiliscono un Olimpo che non è sfiorato dalle vicende della "Fortuna" (dai lunghi capelli annodati sulla fronte), che invece ha influssi sugli uomini. Atlante regge l’universo anche se ha il formato di un bronzetto mignon. Mentre può giudicarsi un portafortuna il piccolo liocorno in bronzo che nel Rinascimento è simbolo insieme di verginità e di straordinarie virtù vitali. Tra l’utensileria dell’umanista e dell’uomo di pensiero un portaocchiali in radica, un raschiatoio in bronzo per pergamene e per realizzare palinsesti, una grammatica latina ad uso umanistico, autore ed editore Aldo Manuzio (1507), uno speciale calamaio in marmo dalla forma leonina, che sembra conciliare la fantasia con il mestiere dello scrivere. E poi un’elegantissma aquila in bronzo dorato, che veleggia verso la fine del secolo a fianco di lucerne e acciarini per tenere lume nell’ambiente, che per l’allegorico mondo dei nostri umanisti era sinonimo della fede e dell’intelligenza che brillavano nella mente degli uomini. Federico Alessio Ricci

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen tra bacio passionale e vestito d'oro: il web impazzisce

social

Belen tra bacio passionale e vestito (sexy) d'oro: il web impazzisce Gallery

Alessia sposa Michele, prima trans a dire 'sì'

CASERTA

Alessia sposa Michele, prima trans a dire sì

Giovanni Lindo Ferretti

Giovanni Lindo Ferretti

Parma

Rimandato il concerto di Giovanni Lindo Ferretti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

SALUTE

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

di Patrizia Celi

Lealtrenotizie

La vittima di una bulla: «Non voglio più andare a scuola»

Bullismo

La vittima di una bulla: «Non voglio più andare a scuola»

2commenti

Raggiri

L'ombra della truffa dietro quei rilevatori di gas

1commento

meteo

Tra pioggia e arcobaleno in città, neve al Lago Santo Video

ordinanza

Niente alcol in lattine o bottiglie durante lo Street Food Festival

gazzareporter

Rottura a un tombino: cortile della Pilotta allagato Video

3commenti

IL CASO

Ponte Verdi, i sindaci pronti alla disobbedienza civile

gazzareporter

Quando il buongiorno è uno spettacolo: l'arcobaleno "in posa" Foto

Inviate anche le vostre foto

LEGA PRO

Parma, adesso si cambia

Noceto

L'appello: «Salviamo l'oratorio di San Lazzaro»

Alimentare

Parmacotto, previsti 60 milioni di ricavi

PARMA

Bocconi avvelenati: caccia ai killer dei cani

tg parma

Laminam: il caso arriva alla commissione ambiente della Regione Video

INTERVISTA

L'8 maggio Nucci al Regio per l'Hospice

foto dei lettori

Spettacolo (della natura) nei cieli di Parma Gallery

3commenti

36a giornata

I play-off se il campionato finisse oggi: rientra l'Albinoleffe (partite e date)

Parma

Maltempo: vento forte in Appennino

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Alitalia, perché sono tutti colpevoli

di Aldo Tagliaferro

1commento

ITALIA/MONDO

IL CASO

Venezia, conta-persone per frenare l'accesso di turisti

BRINDISI

Operazione antiterrorismo, un arresto e un espulso Video

SOCIETA'

trump-macri

Melania e Juliana: le first lady (bellissime) rubano la scena ai presidenti Foto

Bologna

Pranza al ristorante e si sente male: donna muore dopo 5 giorni

SPORT

Ciclismo

Michele Scarponi, murales sulle strade del Giro

calcio

Ecco la nuova maglia della Juve: ce la svela (con gaffe) Cuadrado

MOTORI

MOTO

500 Miles: da Parma la 24 ore delle Harley

GOLF E UP!

Volkswagen, niente Iva sulle elettriche