CULTURA

Code volanti nel cielo

Dallo scrigno della biblioteca Palatina, la storia degli affascinanti corpi celesti Tra leggende e scienza, da evento luciferino a presagio di accadimenti divini

Libro MUP - Cometographia Palatina

Libro MUP - Cometographia Palatina

0

Mariagrazia Villa

 

Ah, le comete. Cosa c’è di più poetico di questi luminosi punti esclamativi? Illuminavano l’occhio spirituale dei saggi d’Oriente che, secondo l’interpretazione data alla «stella» nei Vangeli, la seguirono fino a Betlemme. Sognano nella mente dei bambini, con le loro capigliature fluenti d’energia, e li guidano nel buio. Dormono nelle carte degli astronomi, che le inseguono come fossero antichi laboratori con la coda, dove poter osservare da vicino le origini del nostro sistema solare, e un po’ sfrecciano anche nei loro sogni. Ripercorre la storia di questi affascinanti corpi celesti, il cui nome deriva dal greco «kometes», ossia «dotato di chioma», il volume «Cometographia Palatina. Stelle erranti nei libri della Biblioteca Palatina di Parma», di Emanuela Colombi e Sabina Magrini e curato da Anna Maria Anversa. Appena pubblicato da Mup Editore, in collaborazione con Biblioteca Palatina di Parma e Fondazione Monte di Parma e con il contributo di Chiesi e CePIM spa, è l’ottava uscita della collana «Mirabilia Palatina» e sarà presentata mercoledì prossimo, alle ore 17, al Museo Glauco Lombardi di Parma (Strada Garibaldi, 15). Dopo i saluti di Sabina Magrini, direttore della Biblioteca Palatina, Roberto Delsignore, presidente di Fondazione Monte di Parma, Luigi Capitani, amministratore delegato di CePIM spa, e Vittorio Rizzoli e Maurizio Dodi di Mup Editore, il volume sarà illustrato da Nadia Robotti, ordinario di Storia della Fisica all’Università di Genova e membro fondatore della Società Italiana di Storia della Fisica e dell’Astronomia, con la curatrice del libro, storica dell’arte, ed Emanuela Colombi del dipartimento di Fisica e Scienze della Terra del nostro Ateneo. Il libro, che ci consola almeno in parte del mancato passaggio della cometa Ison, che, transitando accanto al Sole, si è disintegrata e a Natale non la potremo purtroppo ammirare, continua il disvelamento di quanto conservato nel prezioso scrigno della Palatina. Quest’anno è la volta delle testimonianze del sapere astronomico locale e internazionale, che va dal IV secolo a. C. al XIX d. C., legato al fenomeno delle comete in Occidente - al desiderio di capirne la natura, se celeste o terrestre, e la composizione fisico-chimica, di studiarne i moti, le orbite e calcolarne il ritorno - che nel tempo ha suscitato interrogativi, supposizioni e scoperte. Da Aristotele ad Albumasar, da Galileo Galilei a Isaac Newton, da Edmond Halley ad Angelo Secchi, tutti gli autori che hanno scritto delle comete sono ben rappresentati, confermando, come afferma Magrini, «l’ampiezza e la grandiosità del programma culturale che ha ispirato la politica delle acquisizioni perseguita dai primi bibliotecari dell’antica Parmense, odierna Palatina». Frutto di una ricerca che ha unito competenze diverse, scientifiche e storico-artistiche, codicologiche e bibliologiche, scorrono davanti ai nostri occhi manoscritti miniati e non, edizioni di pregio, opere rarissime e contese nel mondo dell’antiquariato e opuscoletti apparentemente di poco conto, che trovano ciascuno il proprio ruolo nell’appassionante vicenda. Questo cielo in un libro è esplorato secondo due diversi ambiti, storico e locale, distinti ma intrecciati. Quello storico illustra l’evoluzione del concetto di cometa, tra stupore e sgomento (sono eventi spettacolari rispetto ai quali vale il «guardare e non toccare»). Il percorso locale, invece, si snoda attraverso l’analisi dei testi conservati presso la Palatina, come il rivoluzionario «De revolutionibus orbium celestium» di Copernico, pubblicato nel 1543. E dà conto anche degli strumenti per l’inseguimento di queste stelle chiomate, come la Specola astronomica, approntata dal padre gesuita Jacopo da Belgrado e inaugurata nel 1757, che conobbe il massimo splendore un secolo dopo come Osservatorio delle Scuole Superiori, diretto da Antonio Colla, cacciatore di comete conosciuto in tutta Europa e creatore nel 1836 del popolare calendario astro-meteorologico «Il Solitario Parmigiano». Oggi, dopo duemila anni di osservazione delle comete, siamo in grado di dire che sono come «palle di neve sporca», secondo il modello proposto nel 1950 dall’astronomo americano Fred Lawrence Whipple. In effetti, spiegano Anversa e Colombi, «sono delle palle formate da neve, gas congelati, roccia e polvere. Hanno le dimensioni di una piccola città (con un diametro di alcuni chilometri) e risplendono quando si avvicinano al Sole poiché, riscaldandosi, polveri e gas fuoriescono formando una coda luminosa che si estende per milioni di chilometri». Eppure, la risposta definitiva a «cosa sono le comete?» non è ancora arrivata. Da evento luciferino, presagio di disgrazie, ad apparizione benevola, foriera di accadimenti divini, queste stelle dalla corsa scintillante continueranno a turbare i cieli e la Terra. Anche perché, come disse Keplero, in cielo ce ne sono più che pesci nell’oceano.

Cometographia Palatina. Stelle
erranti nei libri della Biblioteca
Palatina di Parma

Mup Editore, pag. 124, 35,00

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Ex tronista

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Una scena della "Madama Butterfly" andata in scena ieri alla Scala

La Scala

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Il Taro Taro  story al Marisol

Pgn

Il Taro Taro story al Marisol Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Crescono le truffe agli anziani

Emergenza

Crescono le truffe agli anziani

Ospedale

Borghi: «Giusto razionalizzare i reparti»

LEGA PRO

Oggi Sudtirol-Parma

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Sala Baganza

Un cinquantesimo nel segno dell'altruismo

Sicurezza

Diciassette nuovi «occhi» a Noceto

Carabinieri

Con Rey il labrador «a caccia» di droga

Lutto

Tina Varani, una vita per la famiglia

Luminarie

Casa: spesi 125 mila euro

allarme

Sterpaglie in fiamme, rogo a Ponte Italia

Attorno alle 22

SQUADRA MOBILE

Presi due spacciatori con la pistola

4commenti

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie. E arriva la replica dell'Ospedale

4commenti

Polizia municipale

Controlli a San Leonardo: 22 multe ad automobilisti, 2 a ciclisti non in regola

Controlli anche sui veicoli: fermate 2 auto senza assicurazione e 5 senza revisione

8commenti

Anteprima Gazzetta

Truffe, ecco come difendersi Video

Un'inchiesta di due pagine sulle truffe più frequenti

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

3commenti

Parma Calcio

Il ds Faggiano si presenta: "Voglio un rapporto vero con la squadra" Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

13commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

Governo

Renzi si è dimesso

PIACENZA

Sequestrate ville e auto a due famiglie rom

SOCIETA'

GIORNALISMO

Gramellini passa dalla Stampa al Corriere

dialetto

"Io parlo parmigiano" lancia un Lunäri... da Ufo Video

SPORT

Colombia

Disastro Chapecoense: primi arresti

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

CURIOSITA'  

Gazzareporter

Lavori in corso sul marciapiedi di viale Mariotti

Tg Parma

A Fidenza la pista di pattinaggio su ghiaccio più grande della provincia Video