CULTURA

Code volanti nel cielo

Dallo scrigno della biblioteca Palatina, la storia degli affascinanti corpi celesti Tra leggende e scienza, da evento luciferino a presagio di accadimenti divini

Libro MUP - Cometographia Palatina

Libro MUP - Cometographia Palatina

Ricevi gratis le news
0

Mariagrazia Villa

 

Ah, le comete. Cosa c’è di più poetico di questi luminosi punti esclamativi? Illuminavano l’occhio spirituale dei saggi d’Oriente che, secondo l’interpretazione data alla «stella» nei Vangeli, la seguirono fino a Betlemme. Sognano nella mente dei bambini, con le loro capigliature fluenti d’energia, e li guidano nel buio. Dormono nelle carte degli astronomi, che le inseguono come fossero antichi laboratori con la coda, dove poter osservare da vicino le origini del nostro sistema solare, e un po’ sfrecciano anche nei loro sogni. Ripercorre la storia di questi affascinanti corpi celesti, il cui nome deriva dal greco «kometes», ossia «dotato di chioma», il volume «Cometographia Palatina. Stelle erranti nei libri della Biblioteca Palatina di Parma», di Emanuela Colombi e Sabina Magrini e curato da Anna Maria Anversa. Appena pubblicato da Mup Editore, in collaborazione con Biblioteca Palatina di Parma e Fondazione Monte di Parma e con il contributo di Chiesi e CePIM spa, è l’ottava uscita della collana «Mirabilia Palatina» e sarà presentata mercoledì prossimo, alle ore 17, al Museo Glauco Lombardi di Parma (Strada Garibaldi, 15). Dopo i saluti di Sabina Magrini, direttore della Biblioteca Palatina, Roberto Delsignore, presidente di Fondazione Monte di Parma, Luigi Capitani, amministratore delegato di CePIM spa, e Vittorio Rizzoli e Maurizio Dodi di Mup Editore, il volume sarà illustrato da Nadia Robotti, ordinario di Storia della Fisica all’Università di Genova e membro fondatore della Società Italiana di Storia della Fisica e dell’Astronomia, con la curatrice del libro, storica dell’arte, ed Emanuela Colombi del dipartimento di Fisica e Scienze della Terra del nostro Ateneo. Il libro, che ci consola almeno in parte del mancato passaggio della cometa Ison, che, transitando accanto al Sole, si è disintegrata e a Natale non la potremo purtroppo ammirare, continua il disvelamento di quanto conservato nel prezioso scrigno della Palatina. Quest’anno è la volta delle testimonianze del sapere astronomico locale e internazionale, che va dal IV secolo a. C. al XIX d. C., legato al fenomeno delle comete in Occidente - al desiderio di capirne la natura, se celeste o terrestre, e la composizione fisico-chimica, di studiarne i moti, le orbite e calcolarne il ritorno - che nel tempo ha suscitato interrogativi, supposizioni e scoperte. Da Aristotele ad Albumasar, da Galileo Galilei a Isaac Newton, da Edmond Halley ad Angelo Secchi, tutti gli autori che hanno scritto delle comete sono ben rappresentati, confermando, come afferma Magrini, «l’ampiezza e la grandiosità del programma culturale che ha ispirato la politica delle acquisizioni perseguita dai primi bibliotecari dell’antica Parmense, odierna Palatina». Frutto di una ricerca che ha unito competenze diverse, scientifiche e storico-artistiche, codicologiche e bibliologiche, scorrono davanti ai nostri occhi manoscritti miniati e non, edizioni di pregio, opere rarissime e contese nel mondo dell’antiquariato e opuscoletti apparentemente di poco conto, che trovano ciascuno il proprio ruolo nell’appassionante vicenda. Questo cielo in un libro è esplorato secondo due diversi ambiti, storico e locale, distinti ma intrecciati. Quello storico illustra l’evoluzione del concetto di cometa, tra stupore e sgomento (sono eventi spettacolari rispetto ai quali vale il «guardare e non toccare»). Il percorso locale, invece, si snoda attraverso l’analisi dei testi conservati presso la Palatina, come il rivoluzionario «De revolutionibus orbium celestium» di Copernico, pubblicato nel 1543. E dà conto anche degli strumenti per l’inseguimento di queste stelle chiomate, come la Specola astronomica, approntata dal padre gesuita Jacopo da Belgrado e inaugurata nel 1757, che conobbe il massimo splendore un secolo dopo come Osservatorio delle Scuole Superiori, diretto da Antonio Colla, cacciatore di comete conosciuto in tutta Europa e creatore nel 1836 del popolare calendario astro-meteorologico «Il Solitario Parmigiano». Oggi, dopo duemila anni di osservazione delle comete, siamo in grado di dire che sono come «palle di neve sporca», secondo il modello proposto nel 1950 dall’astronomo americano Fred Lawrence Whipple. In effetti, spiegano Anversa e Colombi, «sono delle palle formate da neve, gas congelati, roccia e polvere. Hanno le dimensioni di una piccola città (con un diametro di alcuni chilometri) e risplendono quando si avvicinano al Sole poiché, riscaldandosi, polveri e gas fuoriescono formando una coda luminosa che si estende per milioni di chilometri». Eppure, la risposta definitiva a «cosa sono le comete?» non è ancora arrivata. Da evento luciferino, presagio di disgrazie, ad apparizione benevola, foriera di accadimenti divini, queste stelle dalla corsa scintillante continueranno a turbare i cieli e la Terra. Anche perché, come disse Keplero, in cielo ce ne sono più che pesci nell’oceano.

Cometographia Palatina. Stelle
erranti nei libri della Biblioteca
Palatina di Parma

Mup Editore, pag. 124, 35,00

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Gossip Sportivo

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Poliziotti americani presi in un "fuoco incrociato"

usa

I bambini fanno a palle di neve coi poliziotti Video

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Arrestato insegnante di musica: i due anni da incubo di un'allieva

violenza sessuale

Arrestato insegnante di musica parmigiano: i due anni da incubo di un'allieva

1commento

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

colorno

Tra fango e conta dei danni. Visita di Bonaccini: "Chiederò stato d'emergenza" Foto

1commento

colorno

Approfittano del caos dovuto alla piena per svaligiare due case Video

solidarietà

"Chi vuole ospitare sfollati di Lentigione?": Sorbolo e Mezzani aprono uno sportello

dopo l'alluvione

Lentigione, 100 carabinieri per evitare sciacallaggi. Risveglio nel fango: il video

ALLUVIONE

Piene record, perché e come è successo

5commenti

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

MORI' 31 ANNI FA

Mora: perché Parma non capì il suo talento?

118

Altro incidente sulla Massese: schianto a Torrechiara, un ferito

4commenti

Corcagnano

Veglia di preghiera per la 15enne in Rianimazione

CAPODANNO

Fedez verso la Piazza

3commenti

CONCERTO

Fiorella Mannoia grandiosa al Teatro Regio

SERIE B

Parma in crescita: lo dicono i numeri

NOCETO

Addio a nonna «Centina»

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

usa

Il democratico Jones sconfigge Moore, schiaffo per Trump

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

SPORT

Ciclismo

Choc nel ciclismo, Chris Froome positivo

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

SOCIETA'

gusto light

La ricetta a tema - I biscottini di Santa Lucia

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS