15°

Arte-Cultura

Metamorfosi interiore

Metamorfosi interiore
0

di Stefania Provinciali

"Il grande Pan è morto": il grido di terrore dell’oracolo, secondo il mito narrato da Plutarco, aveva annunciato ai marinai egei la fine dell’Olimpo. La morte di Pan, dio potente e selvaggio, con gambe e corna caprine, zampe irsute e zoccoli, con il busto umano, il volto barbuto e l’espressione terribile, era destinata a segnare la scomparsa di un’intera civiltà ed insieme la dissociazione insanabile tra Uomo e Natura. Ma quanto il mito del dio è rimasto nel cuore dell’uomo? Su questo ceppo di antica cultura classica e su quello della moderna cultura psicanalitica, le cui indagini chiedono talvolta aiuto agli antichi miti, si innesta la ricerca grafica e pittorica di Marina Burani che nella complessità della sua opera racconta di un uomo il quale accede consapevolmente al Male contravvenendo alle leggi fondamentali di una Natura sconsacrata. Un percorso, ricco di varianti, che Marina Burani delinea con sottile indagine visiva e narrativa nella mostra aperta fino al 25 aprile a Reggio Emilia, divisa fra tre spazi espositivi. Ai Musei Civici sono in mostra disegni, alcuni tratti dalla serie «Anatomia degli angeli» del 1986, altri dall’opera «Coleotterofobia» del 2008 e piccole anatomie, inserite, così come gli insetti, all’interno delle teche. Nelle stanze del Mauriziano, antica dimora dell’Ariosto, hanno invece trovato ideale collocazione ritratti ed autoritratti, alcune tavole anatomiche ed un’installazione con volti e specchi, pensata appositamente per le sale cinquecentesche dell’ala di Levante. Infine all’Officina delle Arti si possono ammirare grandi figure sdoppiate ed una wunderkammer centrale con la collezione dell’artista. La mostra si presenta complessa dal punto di vista dei contenuti poiché indaga negli angoli più nascosti della mente umana, o meglio, in quelle trame che si muovono fra silenzi e paura di un essere che con il suo oscuro rimosso, con la sua carne, con i suoi demoni, con le sue metamorfosi e regressioni verso il mondo animale mostra le proprie ambiguità. Complessa dal punto di vista della composizione creativa che racchiude il lungo percorso dell’autrice; evidenzia, infatti, il compimento ideale della ricerca sviluppata nel tempo attraverso le tematiche e le forme, qui raccolte nell’allusivo titolo. Il «grido» del dio sgorga violento ma induce a leggere tra le pieghe della mente, là dove si fa strada l’idea di bellezza. In un teatro anatomico, l’artista disegna con raffinata capacità e lenticolare esattezza il corpo umano, che poi ibrida e innesta con protomi animali «attraverso un segno di perfetta, capziosa incisività che la rende inquieta ed inquietante parente di Andreas Vesalius, il grande anatomista e sezionatore del Cinquecento» come cita Giuseppe Berti. Si ergono così le grandi tavole dipinte ad olio, dominate dal bianco e dal nero, combinato in alcuni casi ad interventi di colore con inchiostri e pastelli, tavole dove gli effetti chiaroscurali delle luci paiono scavare nell’intimo dell’immagine fino a scovarne i segreti più nascosti, passando dall’ebbrezza di Narciso agli infausti presagi di un futuro tangibile, territorio dell’«altro». Ma la mano e la mente vanno oltre e la ricerca prosegue indefessa nel cuore della natura ferita, così da delineare volti scavati dai pensieri ed orditi in una trama di inimmaginabili forme che «escono» dalla realtà concreta per mettere in atto la loro metamorfosi. Ecco allora apparire sulla scena uomini ed insetti , uniti in un connubio a tratti osceno, per l’intreccio cercato di organi vitali, di esseri diversi, ma anche e soprattutto per le depravazioni dell’umanità che traspaiono in quei volti abbruttiti in una sorta di rappresentazione dei mali. Dentro il desiderio e la volontà di celebrare la bellezza dell’essere per giungere ad una sorta di liberazione. La metamorfosi in senso ideale e formale è evidente là dove la parte oscura e segreta della psiche giunge ad offrire ambigui squarci di «verità», tra inquietudini e finzioni. Dietro, si fa strada l'uomo moderno, la sua trasformazione anche genetica, l’uomo che «annulla» la natura di fronte al proprio volere nella ricerca di una eternità del corpo. Altri miti ed altre leggende potrebbero essere citati poiché la natura umana ha infiniti risvolti da indagare: il dio Pan è morto, rimane nel cuore dell’opera un bisogno eterno: il mito di una bellezza che può salvare l’uomo.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

LANGHIRANO

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

CULTURA

Porte aperte all'Ospedale vecchio: tutti in coda con il FAI Fotogallery

Giornate di primavera: domenica si visita l'Università

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

14commenti

Tg Parma

Tariffa rifiuti in aumento? Federconsumatori: "Una beffa" Video

1commento

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

4commenti

polizia

Emergenza furti: razzia di vestiti nella notte allo Spip Video

1commento

PARMA CALCIO

Intitolato a Tito Mistrali il campo da calcio di via Taro

Esordì nel 1925. Era il bomber con la "retina"

1commento

LEGA PRO

Sotto di 2 gol, il Pordenone ne segna 7 e aggancia il Parma! Domani crociati a Gubbio

AGENDA

Un weekend alla scoperta dei castelli

Sentenza

Multa ingiusta. E stavolta è Equitalia che deve pagare

3commenti

Formaggio

La grana del grana

Profughi

«Lasciati senza cibo per 7 giorni»

10commenti

Autosole

L'ambulanza tampona, il paziente a bordo trasferito sull'elicottero

Medicina

L'osteopatia nella cura della endometriosi

Da uno studio fatto a Parma nuove speranze per combattere una malattia che colpisce il 10% delle donne in età fertile

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

1commento

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

TREVISO

Si rovescia il pedalò: annega 18enne. Salva la fidanzata

WEEKEND

FOODBLOGGER

Video-ricetta: la tartare di tonno e stracciatella secondo Eleonora Rubaltelli

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

Motogp

Qualifiche annullate, griglia basata sulle libere: Vinales in pole, Rossi lontano

Rugby

Il Munster passa al "Lanfranchi", Zebre battute

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa