-4°

Arte-Cultura

Sms, lingua assediata?

Sms, lingua assediata?
Ricevi gratis le news
0

Maria Pia Forte

Gli italiani, si sa, sono grandi parlatori. Persino un luogo anonimo come il supermercato diventa, in Italia, spunto di animate conversazioni con la cassiera, per non parlare del bar, o del ristorante, o del treno. Questo gusto della parola spiega, secondo Marco Biffi, docente di Linguistica italiana all’Università di Firenze, l’amore degli italiani per il telefono cellulare: «Non per nulla -  dice - siamo non solo il Paese del mondo dove questo apparecchio è più diffuso, ma l’unico popolo che lo chiami ''telefonino'', così come ''sms'', acronimo per ''short message service'', viene tradotto con ''messaggino'': diminutivi che indicano bene l’affetto che l’italiano nutre per queste novità. Il cellulare offre agli italiani la possibilità di fare in modo nuovo ciò che hanno sempre fatto: comunicare».
 Su questo modo nuovo di comunicare il professor Biffi e la sua collega Vera Gheno (entrambi membri del Clieo, Centro di Linguistica storica e teorica dell’Università di Firenze - Accademia della Crusca) hanno svolto uno studio che ha messo a fuoco l’influenza del telefono in generale e del cellulare in particolare nell’evoluzione della lingua e della società».
Professor Biffi, il telefono tradizionale ha influito molto sulla lingua italiana?
«Non in maniera determinante, ma in parte sì, perché parlando al telefono si rinuncia a tutte le informazioni extralinguistiche come mimica facciale, gesti, riferimenti a oggetti visibili a entrambi gli interlocutori. Per questo motivo le conversazioni telefoniche sono un utile laboratorio per studiare l’oralità nella sua essenzialità, a prescindere da tutti gli aspetti suddetti. Al telefono, poi, è davvero particolare il momento di apertura della comunicazione: si comincia con un ''pronto'', si prosegue con una fase sociolinguistica di approccio e soltanto dopo si arriva al nocciolo del discorso. La procedura di congedo, invece, non è molto diversa da quella di una conversazione normale. Il telefono mette in luce anche le differenze tra culture. I giapponesi, per esempio, sono molto cerimoniosi con le persone che conoscono, mentre sono bruschi con gli sconosciuti: tutto l’opposto degli italiani».
Veniamo al telefono cellulare...
«Il cellulare ha portato diverse novità. La prima è che mentre col telefono tradizionale non sappiamo chi sia colui che ci risponde ma sappiamo dov'è, col cellulare accade il contrario: sappiamo chi è ma non dov'è, e dunque siamo incerti sulla sua disponibilità a parlare. Alla chiamata del cellulare, inoltre, si risponde sempre, magari con un messaggio per far capire che in quel momento si è occupati, mentre al telefono tradizionale si può non rispondere. Tutto questo influisce sul modo di parlare al cellulare. Ma la vera grande novità è costituita dai ''messaggini''».
    Di questa inedita forma di comunicazione la professoressa Gheno e lei avete messo in luce molti dettagli, come l’apertura senza forme di saluto o con formule poco formali, la chiusura veloce e spesso priva di firma, l’uso frequente di soprannomi, la sintassi elementare e l’abbondanza di errori, la punteggiatura «emotiva» con largo impiego di punti esclamativi e interrogativi, punti di sospensione e «faccine» per dare alla comunicazione un’intonazione scherzosa o seria, l’omissione delle vocali e il troncamento delle parole per motivi di brevità, la commistione di dialetti, gerghi giovanili e altre lingue e così via. Il linguaggio piuttosto primitivo degli ''sms'' rischia di contagiare la lingua di Dante?
«E' presto per saperlo. Certamente ha contagiato alcune forme di comunicazione giovanile, come scritte murali e perfino romanzi, come quello di Luana Modini, del 2007, tutto scritto in ''SMSese'', ossia col linguaggio degli ''sms''. Finché esso rimane limitato a questi ambiti, non ci sono problemi; ma se lo si trasferisce anche nel tema di italiano o in una lettera di lavoro, non va più bene. Spetta alla scuola far capire ai ragazzi che questo non deve accadere, che l’adeguamento dev'essere non verso il basso ma verso l’alto, in modo che il linguaggio degli ''sms'' sia un arricchimento della lingua, un registro in più, non causa d’imbarbarimento. Secondo una ricerca dell’Università di Cambridge, gli ''sms'' fanno bene alla lingua, perché costringono a una sintesi di ciò che si vuole dire e richiedono una notevole creatività linguistica.  Un risultato positivo, intanto, il cellulare l’ha avuto: il ricorso intensivo ai ''messaggini'', molto più praticati delle e-mail, ha spinto molte persone a scrivere. Non solo i giovani si servono di questo mezzo di comunicazione, ma anche signore ultrasessantenni con la terza elementare».
Dunque il «messaggino» è uno strumento democratico?
«No, lo è molto meno di una telefonata, perché richiede la conoscenza di una lingua e di regole specifiche. Tutti possono comunicare per telefono, non tutti hanno la competenza necessaria per inviare un ''messaggino''».

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ignazio Moser

Ignazio Moser

DADAUMPA

Moser, dal GF a Parma: «Qui sto bene, ho tanti amici»

Tom Petty

Tom Petty

MUSICA

Tom Petty è morto per overdose accidentale

Biondo e Filippo riammessi nella scuola di Amici

televisione

Biondo e Filippo riammessi nella scuola di Amici, espulso Nicolas

Notiziepiùlette

Ultime notizie

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito secondo Dylan

IL DISCO

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito western secondo Dylan

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Cremonese-Parma 1-0: crociati sconfitti a pochi minuti dalla fine sotto gli occhi di Lizhang

DIRETTA

Cremonese-Parma 1-0: crociati sconfitti a pochi minuti dalla fine sotto gli occhi di Lizhang Foto Video

Nel primo tempo squadre equilibrate, poi i crociati calano. La Cremonese aumenta il pressing e fa gol con Cavion

1commento

DIARIO DELLA TRASFERTA

"Tutti a Cremona!": quasi 2mila tifosi da Parma Foto Video

Uno dei pullman ha qualche problema al motore in autostrada ma riesce a raggiungere lo stadio di Cremona. Molti tifosi in auto

APPENNINO

Escursionisti in difficoltà per il ghiaccio: due interventi del Soccorso Alpino sul Marmagna

In salvo due 29enni toscane e due uomini del Parmense. Appello del Saer: "Usate l'attrezzatura adatta"

FURTI

Ladro in fuga si lancia da una finestra al quarto piano: ferito e... arrestato Foto

Di chi sono tutti questi oggetti rubati?

WEEKEND

Teatro, escursioni e lo spettacolo dei fuoristrada: l'agenda 

Testimonianza

«Un truffatore mi ha rubato l'identità: insultato e minacciato da mezza Italia»

incidente

Frontale nella notte al Botteghino: due feriti

via d'azeglio

Prima minaccia i clienti, poi lancia bottiglie contro le vetrine: inseguito e bloccato

5commenti

mobilità

Maxi zone a velocità limitata nel Cittadella e nel Montanara Video

2commenti

droga

Arrestato mentre spaccia in viale dei Mille. Con 17 dosi pronte nelle siepi

Turandot a Torino

La danzatrice Cabassi: «Strage sfiorata, io c'ero»

politica

Pizzarotti: "Nel M5s restano solo gli yes man. Con me usata la linea sovietica"

7commenti

CARIGNANO

Raccolte 500 firme per non chiudere l'asilo

1commento

Poste Italiane

Quella raccomandata in viaggio da oltre 40 giorni e mai recapitata

Chiesa

Enrico, il chimico che ha scelto la tonaca

GAZZAREPORTER

"Il Cortile del Guazzatoio è ancora un parcheggio"

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La strana democrazia delle parlamentarie

di Francesco Bandini

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

SESTRIERE

Va a sbattere contro la barriera della pista: muore sciatore

BERGAMO

Lei vuole troncare la relazione, lui le spara nella stanza di un albergo

SPORT

RUGBY

Le Zebre battono Agen 38-30

tennis

Griglia di partenza rovente: al via i regionali a squadre indoor

SOCIETA'

società

Droga, prostituzione, sigarette: gli italiani spendono 19 miliardi annui in attività illegali

musica

Ed Sheeran annuncia il fidanzamento con Cherry Seaborn

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

NOVITA'

Gamma Fiat 500 Mirror, infotainment "allo specchio"