18°

Arte-Cultura

Sms, lingua assediata?

Sms, lingua assediata?
0

Maria Pia Forte

Gli italiani, si sa, sono grandi parlatori. Persino un luogo anonimo come il supermercato diventa, in Italia, spunto di animate conversazioni con la cassiera, per non parlare del bar, o del ristorante, o del treno. Questo gusto della parola spiega, secondo Marco Biffi, docente di Linguistica italiana all’Università di Firenze, l’amore degli italiani per il telefono cellulare: «Non per nulla -  dice - siamo non solo il Paese del mondo dove questo apparecchio è più diffuso, ma l’unico popolo che lo chiami ''telefonino'', così come ''sms'', acronimo per ''short message service'', viene tradotto con ''messaggino'': diminutivi che indicano bene l’affetto che l’italiano nutre per queste novità. Il cellulare offre agli italiani la possibilità di fare in modo nuovo ciò che hanno sempre fatto: comunicare».
 Su questo modo nuovo di comunicare il professor Biffi e la sua collega Vera Gheno (entrambi membri del Clieo, Centro di Linguistica storica e teorica dell’Università di Firenze - Accademia della Crusca) hanno svolto uno studio che ha messo a fuoco l’influenza del telefono in generale e del cellulare in particolare nell’evoluzione della lingua e della società».
Professor Biffi, il telefono tradizionale ha influito molto sulla lingua italiana?
«Non in maniera determinante, ma in parte sì, perché parlando al telefono si rinuncia a tutte le informazioni extralinguistiche come mimica facciale, gesti, riferimenti a oggetti visibili a entrambi gli interlocutori. Per questo motivo le conversazioni telefoniche sono un utile laboratorio per studiare l’oralità nella sua essenzialità, a prescindere da tutti gli aspetti suddetti. Al telefono, poi, è davvero particolare il momento di apertura della comunicazione: si comincia con un ''pronto'', si prosegue con una fase sociolinguistica di approccio e soltanto dopo si arriva al nocciolo del discorso. La procedura di congedo, invece, non è molto diversa da quella di una conversazione normale. Il telefono mette in luce anche le differenze tra culture. I giapponesi, per esempio, sono molto cerimoniosi con le persone che conoscono, mentre sono bruschi con gli sconosciuti: tutto l’opposto degli italiani».
Veniamo al telefono cellulare...
«Il cellulare ha portato diverse novità. La prima è che mentre col telefono tradizionale non sappiamo chi sia colui che ci risponde ma sappiamo dov'è, col cellulare accade il contrario: sappiamo chi è ma non dov'è, e dunque siamo incerti sulla sua disponibilità a parlare. Alla chiamata del cellulare, inoltre, si risponde sempre, magari con un messaggio per far capire che in quel momento si è occupati, mentre al telefono tradizionale si può non rispondere. Tutto questo influisce sul modo di parlare al cellulare. Ma la vera grande novità è costituita dai ''messaggini''».
    Di questa inedita forma di comunicazione la professoressa Gheno e lei avete messo in luce molti dettagli, come l’apertura senza forme di saluto o con formule poco formali, la chiusura veloce e spesso priva di firma, l’uso frequente di soprannomi, la sintassi elementare e l’abbondanza di errori, la punteggiatura «emotiva» con largo impiego di punti esclamativi e interrogativi, punti di sospensione e «faccine» per dare alla comunicazione un’intonazione scherzosa o seria, l’omissione delle vocali e il troncamento delle parole per motivi di brevità, la commistione di dialetti, gerghi giovanili e altre lingue e così via. Il linguaggio piuttosto primitivo degli ''sms'' rischia di contagiare la lingua di Dante?
«E' presto per saperlo. Certamente ha contagiato alcune forme di comunicazione giovanile, come scritte murali e perfino romanzi, come quello di Luana Modini, del 2007, tutto scritto in ''SMSese'', ossia col linguaggio degli ''sms''. Finché esso rimane limitato a questi ambiti, non ci sono problemi; ma se lo si trasferisce anche nel tema di italiano o in una lettera di lavoro, non va più bene. Spetta alla scuola far capire ai ragazzi che questo non deve accadere, che l’adeguamento dev'essere non verso il basso ma verso l’alto, in modo che il linguaggio degli ''sms'' sia un arricchimento della lingua, un registro in più, non causa d’imbarbarimento. Secondo una ricerca dell’Università di Cambridge, gli ''sms'' fanno bene alla lingua, perché costringono a una sintesi di ciò che si vuole dire e richiedono una notevole creatività linguistica.  Un risultato positivo, intanto, il cellulare l’ha avuto: il ricorso intensivo ai ''messaggini'', molto più praticati delle e-mail, ha spinto molte persone a scrivere. Non solo i giovani si servono di questo mezzo di comunicazione, ma anche signore ultrasessantenni con la terza elementare».
Dunque il «messaggino» è uno strumento democratico?
«No, lo è molto meno di una telefonata, perché richiede la conoscenza di una lingua e di regole specifiche. Tutti possono comunicare per telefono, non tutti hanno la competenza necessaria per inviare un ''messaggino''».

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Antonio Banderas, ho avuto un infarto ma sto bene

Cinema

Antonio Banderas: "Ho avuto un infarto. Ora sto bene"

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

MUSICA

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Gubbio-Parma 0-2, segna Calaiò

lega pro

Gubbio-Parma 0-2, segna Calaiò Diretta

Dopo 10 minuti infortunio per Giorgino: entra Corapi

curiosità

Coppa Cobram: quando Parma prende la "bomba" e pedala Fantozzi-style Le foto

Falcone-Borsellino

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

6commenti

l'appello

La figlia del partigiano Ras: "Vorrei trovare la famiglia di Parma che lo ospitò" Video

1commento

l'agenda

Domenica tra mercatini golosi, castelli e... la Coppa di Fantozzi

Viale Barilla

Lite tra giovani, ma chi ha la peggio è un vigile

6commenti

commemorazione

Un anno senza Mario il clochard: il quartiere lo ricorda pensando agli "ultimi" Foto

esclusiva

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

16commenti

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno

1commento

Il commosso addio di Collecchio a Graziella

ospedale

Radioterapia, arrivano nuove tecnologie

Le testimonianze dei pazienti: "Così sconfiggiamo la paura"

collecchio

Razziava gli armadietti di una piscina, arrestato un 33enne Video

podisti

Tutti i protagonisti della Manarace di Fontevivo Foto

Collecchio

Suona l'allarme, ladri messi in fuga dai vicini

1commento

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

gazzareporter

"Via Nenni e il divieto di sosta...."

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

L'esempio di Londra contro il terrorismo

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

rimini

Cadavere di donna in trolley al porto. E' la cinese sparita durante crociera?

Economia

Corsa alla rottamazione cartelle, domande prorogate al 21 aprile Video

WEEKEND

la peppa

La ricetta della domenica - Tartine fiorite

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

formula 1

Trionfo rosso: Vettel domina il Gp d'Australia. Hamilton secondo

motomondiale

Speciale Vecchi “leoni” e giovanotti rampanti iniziata la caccia al titolo di Marquez

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso di può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017