-2°

Il racconto della domenica

Lungo il fiume, con Jimmy il "biondo"

Abitava al primo piano sopra la bottega e andava a mangiare alla locanda di Oreste Agnetti

0

 

Gianni Croci
Jimmy Pizzuto era venuto a Moscavia da Caserta. Comprò la bottega di meccanico dal vecchio Baraldi. Jimmy era biondo, viso magro, bocca e labbra sottili, mani robuste, corpo longilineo, atletico. Era un buon meccanico senza averne l'aspetto. Nemmeno quando indossava la tuta blu che non lordava mai di grasso e pure le mani che nettava spesso con morbide pezze di cotone. Abitava al primo piano sopra la bottega e andava a mangiare alla locanda di Oreste Agnetti. Ada Presti lavorava da Agnetti. La signora Elda, una donnona addetta alla cucina e moglie di Oreste, diceva che Ada era la ragazza più pulita e in ordine che lei avesse mai conosciuto. Ada aveva gambe tornite foderate di calze di seta, portava golfini spumeggianti e grembiuli con disegni colorati. Ada serviva in tavola Jimmy e i clienti della locanda tutti i giorni. Jimmy l'aveva notata quella ragazza con i capelli sempre in ordine, allegra, gentile e premurosa nel servizio. Gli piaceva Ada a volte lo faceva sorridere, ma non pensava spesso a lei. Ad Ada piaceva Jimmy. Le piaceva per come camminava e si comportava a tavola nella locanda «Del Cacciatore», dove Ada lavorava con la signora Elda in cucina a preparare i piatti e le strizzava gli occhi furba e il signor Oreste al banco che faceva di conto e segnava a matita sul quaderno a quadretti i pasti di ogni giorno di Jimmy. Le piaceva Jimmy perché era alto e aveva capelli biondi e occhi celesti e quando gli guardava le mani, mentre mangiava, erano sempre pulite come quelle di un impiegato o di un commesso. Jimmy sul lavoro aveva il vizio di zufolare delle canzonette e le stonature facevano sorridere Ada. Quando, la sera, terminato il lavoro, Ada si ritirava nella sua stanzetta, si coricava a letto e pensava a Jimmy; poi si addormentava. Non c'era molto da capire e Jimmy aveva capito. Jimmy non aveva nessuno, viveva solo, e la compagnia di Ada gli avrebbe fatto soltanto piacere. Era domenica pomeriggio. Jimmy messa la testa dentro la locanda e chiamò la ragazza: «Ada, vieni, andiamo a fare il bagno al fiume; ti riporto per l'ora in cui devi riprendere servizio». Ada era curiosa. Sentiva premere dentro di sé qualcosa cui non riusciva a dare un nome, forse neppure un significato, ma conosceva il percorso per imparare il camminare senza perdere l'equilibrio a ogni svolta, al turbamento dei sensi, dei gesti, e le parole che fluttuano intorno alle persone, agli uomini e alle donne. E spesso, al termine di questo viaggio, si erano trasformati in dannati senza speranza. Ada era cresciuta con quel tuffo al cuore ... come quando si gettava in acqua dalla sponda del fiume: inspirava e si buttava col cuore gonfio come se si fosse fermato per un attimo. Respirava, muoveva le braccia e cominciava a nuotare. Ada aveva sempre creduto che fare l'amore fosse come gettarsi nel fiume: un tuffo nell'incoscienza e nella speranza, nel mistero che acceca, e risalire con la testa fuori dall'acqua con la conoscenza svelata. Erano usciti dall'acqua dopo una buona nuotata. Ada si era asciugata e, tolto il costume bagnato, ne aveva indossato uno asciutto. Jimmy le si era coricato accanto; sveltamente si era girato e mentre una mano cercava il seno di Ada, l'altra, seguendo il sinuoso percorso dei fianchi, era arrivata al ventre e alla traccia dell'inguine, alla forcina dell'intenso fuoco, a un'incertezza, a una solitudine.
Ecco di nuovo il tuffo al cuore provocato da Jimmy, che si dava da fare per farle perdere quel qualcosa che Ada, forse, non voleva perdere, ma che alla fine la sua innata curiosità spingeva verso la conoscenza di cui un giorno o l'altro non avrebbe più potuto o dovuto respingre.
Ada non fece in tempo a dire no, respingerlo; Jimmy l'aveva presa e, nella foga, nello sforzo, subito dopo si era stupidamente addormentato. Russava. Ada non riusciva nemmeno a chiedersi se le era piaciuto; solo che, da quel momento, la perdita di qualcosa era legata a quell'ultima immagine di Jimmy.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

2commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Incidente in Autocisa. Nebbia: visibilità 110 metri in A1 Traffico in tempo reale

Nebbia in A1 (foto d'archivio)

Traffico

Pericolo nebbia: visibilità 80 metri fino a Bologna in A1 Tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

ospedale

Day hospital oncologico: nuova organizzazione

WEEKEND

Bancarelle, spongate, cioccolato: gli appuntamenti a Parma e provincia

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

derby

Reggiana-Parma: in vendita i biglietti (4.200)

Polemica

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

12commenti

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

Rugby

Zebre sconfitte dal Tolosa e... dalla nebbia. Partita sospesa dopo 63 minuti

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Gazzareporter

I "magnifici 13"

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

15commenti

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

Tg Parma

Polveri sottili, bilancio positivo: metà sforamenti rispetto al 2015 Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

Brescia

Neonata abbandonata in strada

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

3commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti