-3°

libri

Il tunnel, le acciunge e il marmo. "Da qui l'arte del re dei tipografi"

Presentazione in Pilotta "Bodoni, 1740-1813", di Franco Maria Ricci per Cariparma Crédit Agricole. Strenna: Daverio "Unì tempi nuovi e classicità". De Masi "Era interessato solo al magnifico".

De Masi, Ricci, Daverio, e Basso Ricci

De Masi, Ricci, Daverio, e Basso Ricci

Ricevi gratis le news
0

 

Roberto Longoni
Altro che carta, piombo e inchiostro. Il sale delle acciughe e il marmo dei Romani: queste le materie prime con cui Bodoni è diventato Bodoni. Parola di Philippe Daverio. «Il primo tunnel sotto le Alpi - racconta il critico d'arte - fu scavato per agevolare l'importazione delle acciughe del Tirreno in Francia. E sbucava a Saluzzo, dove nacque Giambattista Bodoni». Attraverso quel varco nella roccia, il re dei tipografi respirò l'aria dei Lumi. Una corrente che liberò dai fronzoli arcadiani i caratteri della bellezza classica: quelli studiati dai Romani per incidere meglio dei Greci frasi che sfidassero i secoli. Passato e presente intrecciati in labirinti d'alfabeti: parlando del grande tipografo, ci si ritrova a bordo di una macchina del tempo. 1740-1813 compare ben in chiaro sotto il «Bodoni» del titolo, ma i due secoli non si sentono. La strenna di Cariparma Crédit Agricole sta dritta sullo spessore delle sue 320 pagine: più che un libro, un monolite, un monumento realizzato da Franco Maria Ricci e stampato dalle Grafiche Step. «Ho cominciato con Bodoni - ricorda l'editore -, con il suo Manuale, e finisco con Bodoni, dopo essere passato per un altro volume a lui dedicato sempre per Cariparma». La sala della Pilotta è gremita. «Nell'anno dei due bicentenari, Cariparma Crédit Agricole ha realizzato due strenne: per Bodoni e per Verdi - dice lo storico-collezionista Corrado Mingardi -. Mi sarebbe piaciuto fossero presentate insieme. I due avevano più cose in comune». Oltre a essere buongustai che amavano donare spallette di maiale, un'ipotetica definizione comune, come scrive il presidente del Gruppo bancario Ariberto Fassati nell'introduzione: «Se fossero esistite, a quei tempi, le carte d'identità, forse avrebbero riportato per entrambi la stessa qualifica: compositore». Ma il giorno è dedicato solo di Bodoni, tra le mura dell'edificio che gli fece da casa e da bottega, pochi metri sotto la grande mostra inaugurata ai primi di ottobre. «Il volume - spiega Massimo Basso Ricci - affianca il percorso dell'esposizione con un contenuto iconografico e antologico di assoluto prestigio e ne costituisce una sorta di “catalogo approfondito”». Un tributo dai molteplici valori. «Investire in arte e cultura - spiega il vice direttore generale di Crédit Agricole - significa investire nello sviluppo: alla base della crescita del capitale economico c'è sempre la tutela del capitale sociale». E' una vecchia questione. Così come dimostrano i viaggiatori che nei loro grand tour venivano a Parma proprio per acquistare i volumi di Bodoni. O come racconta la storia delle acciughe sotto sale ricordata da Daverio («un prestigiatore - lo presenta Mingardi - in grado di passare da un oggetto all'altro con competenza, ironia, assenza di conformismo e con understatement o, per dirla alla rinascimentale, con sprezzatura»). Si dice Amico di Franco Maria Ricci «da un secolo e mezzo», Daverio, prima di cominciare un vero viaggio nei secoli, attorno alla figura del grande tipografo. «La prima Bibbia “classica” è di Matilde di Canossa. C'è una similitudine formidabile tra le sue lettere e quelle di Bodoni, nonostante i 600 anni di distanza. Nel frattempo, francesi e tedeschi s'erano persi tra le cesellature gotiche: capirono tardi che la stampa imponeva che si cambiassero le lettere». Fine dell'età della penna d'oca, ritorno a quella della pietra (dei Romani). Anche se Bodoni era guidato dall'Illuminismo. «Situazione ideale, rispetto alla nostra, di società disorientata, senza mappe» spiega Domenico De Masi. Il sociologo (ma Mingardi, presentandolo, sottolinea come la definizione non basti) ricorda come Bodoni fosse interessato «solo al magnifico. Era disinteressato al volgare. E Franco Maria Ricci non è l'ennesima versione di tutto questo?» Con la precisazione di Mingardi, che definisce l'editore «un esteta democratico: non pubblica né riviste né libri a tiratura limitata. Anche se i volumi per Cariparma sono i migliori che una banca possa vantare». Opere destinate a restare, mentre il futuro dell'oggetto libro De Masi lo vede grigio. «Bodoni ne ha vissuto l'apice, noi assistiamo alla sua dissolvenza». Eppure, un giorno, «quando si troverà un ipad del Mar Morto, non si sarà in grado di capire che cosa contenga. Mentre i papiri li abbiamo letti. Un oggetto è evoluto quando è in grado di sopravvivere a se stesso». Daverio incassa l'applauso. «Vedo un pubblico progressista - ribatte De Masi -. Non è l'ipad, ma la nuvola a contare. Siamo fortunati: questo non sarà il migliore dei mondi possibile, ma è di certo il migliore di quelli esistiti. Due secoli fa, la Divina Commedia la leggevano in pochi. Ora, tutti possono farlo, su un tablet». Con caratteri Bodoni.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

GAZZAFUN

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

La top 7 delle bellezze da cinepanettone: Belen Rodriguez

L'INDISCRETO

La top 7 delle bellezze da cinepanettone

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La grande sfida degli anolini

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

di Chichibìo

9commenti

Lealtrenotizie

“A Parma 18 milioni di euro per i progetti del Bando Periferie”

COMUNE

A Parma 18 milioni di euro per riqualificare le periferie. Ecco i sei progetti

La firma a Roma con Gentiloni. Soddisfatti il sindaco Pizzarotti e l'assessore Alinovi

PARMENSE

Un caso di meningite a Fidenza: si tratta di un professore dell'Itis Berenini

Il 60enne ha contratto una forma non contagiosa della malattia: non è prevista quindi una profilassi a scuola

ANTEPRIMA GAZZETTA

I punti critici della Massese. La situazione una settimana dopo la morte di Giulia

REGIONE

Cassa di espansione del Baganza e Colorno: 55 milioni di euro per il Parmense

Intesa fra Regione e ministero dell'Ambiente

FIDENZA

Incendio in una casa a Siccomonte Foto

Diverse squadre dei vigili del fuoco sono intervenute nella frazione di Fidenza

PARMA

I ladri fuggono a mani vuote: l'appartamento è già stato svaligiato 40 giorni fa

In via Orzi, una coppia sorprende un ladro in camera e lo fa fuggire

1commento

PARMA

Sorpreso su un'auto rubata, fa cadere un carabiniere e tenta la fuga: arrestato 41enne

A casa del pregiudicato albanese c'erano arnesi da scasso, profumi e cosmetici, probabilmente rubati

MEZZANI

Magazziniere rubava cosmetici in ditta: arrestato 28enne

Il giovane è stato condannato a un anno e sei mesi, con pena sospesa

BRESCELLO

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 50enne parmense

L'uomo aveva un tasso alcolico di 5 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

VOLANTI

Chiede a un'anziana di custodire i suoi gioielli e la deruba

Una giovane, di corporatura robusta e con un trucco vistoso, è riuscita a entrare nell'appartamento di un'anziana in via Emilia est

parmacotto

Bimbi, tutti a "scuola di cotto" Fotogallery

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

1commento

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

TG PARMA

Urta un ciclista e se ne va: caccia all'auto pirata Video

1commento

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

STATI UNITI

Treno deraglia e finisce sulla superstrada: almeno sei morti

BOLOGNA

Imola: 15enne muore dopo l'allenamento di calcio

SPORT

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

CALCIO

Milan in ritiro fino a data da definirsi

SOCIETA'

Libano

L'assassino della diplomatica inglese è un autista di Uber

RICERCA

Matrimonio: per calabresi e siciliani è per sempre

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento