14°

28°

poesia

Pier Luigi Bacchini, i suoi versi echi cosmici di un infinito al microscopio

Pier Luigi Bacchini

Pier Luigi Bacchini

Ricevi gratis le news
0

 


[…] Ascoltaci come echi. / […] / Il segno che ci ha distinto / sulle nobili famiglie degli animali / non è più / e il silenzio trasuda anche
dai marmi / cavati dalle montagne lungo il mare».
Così Pier Luigi Bacchini, già proiettato oltre la morte, scrive nell’ultimo suo testo, come sempre di una forza capace di travalicare come nulla il “particulare” con un respiro che investe le cose, e le allarga in imprevedibili risonanze universali. Qui la sua stessa morte prefigurata si manifesta nella perdita dell’umana prerogativa della parola, che vuol dire silenzio, silenzio del sepolcro, e marmo, marmo di cave lungo il mare… Un infinito tutto, un infinito tutto amico, che si tiene in una catena metonimica, in collegamenti ed echi cosmici.
Bacchini ha fatto in tempo a vedere, nell’anno appena trascorso, l’uscita delle sue “Poesie” nell’Oscar Mondadori a lui dedicato. E noi – critici, lettori, amici – abbiamo fatto appena in tempo a festeggiarlo, presentando quelle sue “Poesie” a settembre, qui a Parma, alla Feltrinelli, al cospetto di una bella folla di astanti, tra cui parecchi nostri poeti che a lui guardavano un po’ come al capofila, come a un sicuro punto di riferimento per il rinnovamento della poesia, non dico di Parma, ma proprio della poesia italiana; insomma come a un faro la cui luce-guida si proiettava e si proietta penetrante nel nuovo millennio.
Non so se queste due considerazioni sull’“aver fatto in tempo” (lui, noi…) siano davvero una consolazione. Ma son pure qualcosa. Soprattutto se si considera che il cammino di Bacchini entro la poesia non è stato, a lungo, proprio sul velluto. Fuori dal “giro giusto”, ed “homo novus” rispetto ai consolidati quartieri della nostra letteratura anni Cinquanta, aveva tentato la propria strada fin dal ’54, con “Dal silenzio d’un nulla”, debutto prefato nientemeno che da Francesco Flora (comunque “altro” rispetto allo “scudo” etimologico della nostra Parma); ma poi nei fatti destinato – involontaria ironia d’un titolo – quasi al silenzio. Bacchini, ch’era del ’27, aveva allora ventisette anni. Ci aveva riprovato dopo altri quattordici anni, con una seconda raccolta, “Canti familiari”: ma quel 1968 non poteva essere davvero in ascolto per lui (e forse neppure, più in genere, per la poesia: altre erano, o parevano, le urgenze).
No: doveva aspettare altri anni ancora, ed esplodere nell’81 con “Distanze fioriture”, cui il nostro più fine e sapiente critico, Giorgio Cusatelli, e il nostro più alto poeta, Attilio Bertolucci, avevano prestato infine attenzione e sostegno (rispettivamente con una postfazione e una nota prefativa decisive). Pier Luigi era, in quell’81, cinquantaquattrenne, e il suo vero cammino poetico cominciava allora, cioè dopo una vigilia d’armi lunga almeno ventisette anni. Che vogliono dire tutti questi numeri? Voglion dire la tenacia, la pazienza, le tensioni d’una vocazione, la vocazione vera d’un vero poeta.
Bacchini poi, nei ventotto anni successivi, sempre più ascoltato e degnamente accolto dalla critica e dall’editoria, ebbe la possibilità di donarci con lena e frequenza crescenti altre cinque raccolte, stupendoci ogni volta, meravigliosamente: “Visi e foglie” (1993), “Scritture vegetali” (1999), “Cerchi d’acqua” (2003), “Contemplazioni meccaniche e pneumatiche” (2005), “Canti territoriali” (2009). Furono ogni volta, e restano, le concrezioni viventi d’uno straordinario plasma poetico, a partire da due fondamentali nuclei di rinnovamento, formale e sostanziale: spregiudicatezza metrica, e rifondazione del “sentimento poetico” (come avrebbe detto Macrì) nella consapevolezza d’una sostanziale fraternità cosmica dell’uomo col sasso, con la pianta, con l’animale. Microcosmo e macrocosmo collegati: dalla curvatura di un masso alla curvatura dell’universo. Una poesia tanto minuziosa, da microscopio persino, quanto universale, da catalogo delle galassie.
Dopo l’accoglienza, a cominciar da “Visi e foglie”, presso editori di respiro nazionale (Garzanti e Mondadori), Bacchini aveva avuto nel 2004 un nuovo notevolissimo riconoscimento, essendo stato incluso nell’antologia mondadoriana (di Cucchi e Giovanardi) dei “Poeti italiani del secondo Novecento”. Infine, quest’anno, come si diceva sopra, un “Oscar” interamente suo (curato da Bertoni), con il “plasma” di tutta la sua vita di poeta: un oscar alla vita-carriera di poeta. Dove, tra gli ultimi componimenti ancora inediti fino a quel momento, l’ultimo testo appunto (“Precetti 2”), indirizzato al figlio Camillo, chiudeva – con impressionante asciuttezza testamentaria – quel libro-vita: «Tu, C. porta gli abiti / e le corone / e i profumi e intona il coro. / Allontànati per sempre / e ascoltaci come echi. / […]».
Anche noi oggi, Pier Luigi, riascoltiamo gli echi amati della tua voce, e con voce incrinata – privi di te, ma con le mani colme dei tuoi canti – ripetiamo per te, compunti, “ave atque vale”, come dicevan gli antichi per l’ultimo viaggio.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

Protesta

«Cittadella abbandonata»

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

Personaggio

Ettore, cinquant'anni a tu per tu con la pietra

SERIE B

Nuovi crociati crescono

Salsomaggiore

Pubblica in lutto: è morto Spalti

LA STORIA

Angelo e Simba, quei due cani che hanno commosso tutti

Fidenza

Spargono olio davanti ai negozi

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

4commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

weekend

Tra sagre e... castelli di sabbia: l'agenda. Rimandata la festa degli amor

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

1commento

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

CRONACA NERA

Rapina alla farmacia di via Volturno, due banditi in fuga

I dipendenti minacciati con i cutter

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

barcellona

Ritrovato il piccolo Julian: è in ospedale tra i feriti

Terrorismo

L'Isis sui social: "Il prossimo obiettivo è l'Italia"

SPORT

SERIE A

La Juve travolge il Cagliari, Il Napoli passa a Verona

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

SOCIETA'

viabilità

Ritorni e partenze, traffico in intensificazione sulle autostrade Tempo reale

calestano

Mai dire Baganzai: la sfida (anche) dei video

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti